La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Comitato ha per scopo lo studio dei problemi generali e specifici inerenti alla prevenzione degli infortuni, alligiene del lavoro e in genere al miglioramento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Comitato ha per scopo lo studio dei problemi generali e specifici inerenti alla prevenzione degli infortuni, alligiene del lavoro e in genere al miglioramento."— Transcript della presentazione:

1 Il Comitato ha per scopo lo studio dei problemi generali e specifici inerenti alla prevenzione degli infortuni, alligiene del lavoro e in genere al miglioramento dellambiente di lavoro, formulando proposte e suggerimenti e promuovendo o partecipando ad idonee iniziative. Lobiettivo perseguito è lattuazione ed il miglioramento delle condizioni di sicurezza sul lavoro nel settore delle costruzioni edili. Per adempiere a tali scopi lEnte si avvale di una struttura tecnica o di altre strutture paritetiche o di soggetti pubblici, competenti in materia; organizza corsi di prevenzione, per insegnamento di discipline antinfortunistiche ed interventi informativi e formativi in materia di sicurezza. Promuove la diffusione di materiale sui temi della sicurezza sui luoghi di lavoro. Presentazione dellEnte C.P.T. Vercelli

2 Di concerto con lEnte Scuola, svolge funzioni di orientamento e promozione di iniziative formative nei confronti di lavoratori. Collabora attivamente con i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriali (RLST) fornendo assistenza logistica e strumentale per affrontare le soluzioni tecniche e procedurali più idonee alla eliminazione di condizioni di rischio particolarmente complesse emerse nello svolgimento delle proprie attività nei cantieri. LEnte esercita procedure di opportuno intervento nei luoghi di lavoro, al fine di favorire lattuazione delle norme di legge sugli apprestamenti e le misure di prevenzione sulligiene del lavoro. Nel corso delle visite in cantiere si forniscono chiarimenti e consigli al rappresentante dellimpresa ed ai lavoratori e/o loro rappresentanti; vengono analizzate le situazioni di rischio e impartite le istruzioni ritenute più opportune per la loro eliminazione, indicandone i tempi di attuazione. Si verifica la documentazione antinfortunistica che le imprese sono tenute a produrre secondo le normative vigenti in materia di sicurezza. Presentazione dellEnte C.P.T. Vercelli

3 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 1. Il committente o il responsabile dei lavori, nelle fasi di progettazione dellopera, si attiene ai principi e alle misure generali di tutela di cui allarticolo 15, in particolare: a) al momento delle scelte architettoniche, tecniche ed organizzative, onde pianificare i vari lavori o fasi di lavoro che si svolgeranno simultaneamente o successivamente; b) all'atto della previsione della durata di realizzazione di questi vari lavori o fasi di lavoro. 1-bis. Per i lavori pubblici lattuazione di quanto previsto al comma 1 avviene nel rispetto dei compiti attribuiti al responsabile del procedimento e al progettista. 2. Il committente o il responsabile dei lavori, nella fase della progettazione dellopera, prende in considerazione i documenti di cui allarticolo 91, comma 1, lettere a) e b).

4 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 15 – Misure generali di tutela 1. Le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro sono: a) la valutazione di tutti i rischi per la salute e sicurezza; b) la programmazione della prevenzione, mirata ad un complesso che integri in modo coerente nella prevenzione le condizioni tecniche produttive dellazienda nonché linfluenza dei fattori dellambiente e dellorganizzazione del lavoro; c) leliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, la loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico; d) il rispetto dei principi ergonomici nellorganizzazione del lavoro, nella concezione dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, in particolare al fine di ridurre gli effetti sulla salute del lavoro monotono e di quello ripetitivo; e) la riduzione dei rischi alla fonte; f) la sostituzione di ciò che é pericoloso con ciò che non lo é, o é meno pericoloso;

5 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 15 – Misure generali di tutela g) la limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio; h) lutilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici sui luoghi di lavoro; i) la priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale; l) il controllo sanitario dei lavoratori; m) lallontanamento del lavoratore dallesposizione al rischio per motivi sanitari inerenti la sua persona e ladibizione, ove possibile, ad altra mansione; n) linformazione e formazione adeguate per i lavoratori; o) linformazione e formazione adeguate per dirigenti e i preposti; p) linformazione e formazione adeguate per i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; q) listruzioni adeguate ai lavoratori; r) la partecipazione e consultazione dei lavoratori;

6 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 15 – Misure generali di tutela s) la partecipazione e consultazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; t) la programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, anche attraverso ladozione di codici di condotta e di buone prassi; u) le misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato; v) luso di segnali di avvertimento e di sicurezza; z) la regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti. 2. Le misure relative alla sicurezza, alligiene ed alla salute durante il lavoro non devono in nessun caso comportare oneri finanziari per i lavoratori.

7 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 3. Nei cantieri in cui é prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente, anche nei casi di coincidenza con limpresa esecutrice, o il responsabile dei lavori, contestualmente allaffidamento dellincarico di progettazione, designa il coordinatore per la progettazione. 4. Nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente o il responsabile dei lavori, prima dellaffidamento dei lavori, designa il coordinatore per lesecuzione dei lavori, in possesso dei requisiti di cui allarticolo La disposizione di cui al comma 4 si applica anche nel caso in cui, dopo laffidamento dei lavori a ununica impresa, lesecuzione dei lavori o di parte di essi sia affidata a una o più imprese.

8 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 6.Il committente o il responsabile dei lavori, qualora in possesso dei requisiti di cui allarticolo 98, ha facoltà di svolgere le funzioni sia di coordinatore per la progettazione sia di coordinatore per lesecuzione dei lavori. 7. Il committente o il responsabile dei lavori comunica alle imprese affidatarie, alle imprese esecutrici e ai lavoratori autonomi il nominativo del coordinatore per la progettazione e quello del coordinatore per lesecuzione dei lavori. Tali nominativi sono indicati nel cartello di cantiere. Sanzioni a carico di Committente e Responsabile dei lavori in caso di violazione di quanto sopra: Arresto mesi - Ammenda 2.500, ,00 Sanzioni a carico di Committente e Responsabile dei lavori in caso di violazione di quanto sopra: Sanzione amministrativa 500, ,00

9 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 9. Il committente o il responsabile dei lavori, anche nel caso di affidamento dei lavori ad ununica impresa o ad un lavoratore autonomo: a) verifica lidoneità tecnico-professionale delle imprese affidatarie, delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi in relazione alle funzioni o ai lavori da affidare, con le modalità di cui allallegato XVII. Nei cantieri la cui entità presunta è inferiore a 200 uomini-giorno e i cui lavori non comportano rischi particolari di cui allallegato XI, il requisito di cui al periodo che precede si considera soddisfatto mediante presentazione da parte delle imprese e dei lavoratori autonomi del certificato di iscrizione alla Camera di Commercio, industria e artigianato, corredato da autocertificazione in ordine al possesso degli altri requisiti previsti dallallegato XVII; 8. Il committente o il responsabile dei lavori ha facoltà di sostituire in qualsiasi momento, anche personalmente, se in possesso dei requisiti di cui allarticolo 98, i soggetti designati in attuazione dei commi 3 e 4.

10 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI IDONEITA TECNICO-PROFESSIONALE (ALLEGATO XVII) Nomina del RSPP, degli ASPP e del medico competente 5 Ai fini della verifica dellidoneità tecnico professionale le imprese dovranno esibire al committente o al direttore dei lavori: Nominativo del RLS 6 D.U.R.C.9 Dichiarazione di assenze di sospensione prevista dalla presente normativa 10 Iscrizione alla CCIA 1 DVR o autocertificazione, dove prevista 2 Documentazione attestante la conformità alla normativa sulla sicurezza 3 Elenco DPI forniti ai lavoratori 4 Attestati di formazione del RSPP, degli ASPP e del RLS 7 Elenco dei lavoratori sul libro matricola ed idoneità lavorativa 8

11 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI IDONEITA TECNICO-PROFESSIONALE (ALLEGATO XVII) Iscrizione alla CCIA 1 Ai fini della verifica dellidoneità tecnico professionale i lavoratori autonomi dovranno esibire al committente o al direttore dei lavori: Documentazione attestante la conformità alla normativa sulla sicurezza 2 Elenco DPI in dotazione 3 Attestati inerenti la propria formazione e la relativa idoneità sanitaria 4 D.U.R.C.5 Sanzioni a carico di Committente e Responsabile dei lavori in caso di violazione Arresto mesi - Ammenda 1.000, ,00

12 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori b) chiede alle imprese esecutrici una dichiarazione dellorganico medio annuo, distinto per qualifica, corredata dagli estremi delle denunce dei lavoratori effettuate allIstituto nazionale della previdenza sociale (INPS), allIstituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro (INAIL) e alle casse edili, nonché una dichiarazione relativa al contratto collettivo stipulato dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, applicato ai lavoratori dipendenti. Nei cantieri la cui entità presunta è inferiore a 200 uomini-giorno e i cui lavori non comportano rischi particolari di cui allallegato XI, il requisito di cui al periodo che precede si considera soddisfatto mediante presentazione da parte delle imprese del documento unico di regolarità contributiva, fatto salvo quanto previsto dallarticolo 16-bis, comma 10, del decreto-legge 29 novembre 2008, n.185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e dellautocertificazione relativa al contratto collettivo applicato;

13 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n Lavori che espongono i lavoratori a rischi di seppellimento o di sprofondamento a profondità superiore a m 1,5 o di caduta dall'alto da altezza superiore a m 2, se particolarmente aggravati dalla natura dell'attività o dei procedimenti attuati oppure dalle condizioni ambientali del posto di lavoro o dell'opera. 2. Lavori che espongono i lavoratori a sostanze chimiche o biologiche che presentano rischi particolari per la sicurezza e la salute dei lavoratori oppure comportano un'esigenza legale di sorveglianza sanitaria. ALLEGATO XI - ELENCO DEI LAVORI COMPORTANTI RISCHI PARTICOLARI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI

14 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n Lavori con radiazioni ionizzanti che esigono la designazione di zone controllate o sorvegliate, quali definite dalla vigente normativa in materia di protezione dei lavoratori dalle radiazioni ionizzanti. 4. Lavori in prossimità di linee elettriche aree a conduttori nudi in tensione. 5. Lavori che espongono ad un rischio di annegamento. 6. Lavori in pozzi, sterri sotterranei e gallerie. 7. Lavori subacquei con respiratori. 8. Lavori in cassoni ad aria compressa. 9. Lavori comportanti l'impiego di esplosivi. 10. Lavori di montaggio o smontaggio di elementi prefabbricati pesanti. ALLEGATO XI - ELENCO DEI LAVORI COMPORTANTI RISCHI PARTICOLARI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI

15 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori c) Trasmette allamministrazione concedente, prima dellinizio dei lavori oggetto del permesso di costruire o della denuncia di inizio attività, copia della notifica preliminare di cui allarticolo 99, il documento unico di regolarità contributiva delle imprese e dei lavoratori autonomi, fatto salvo quanto previsto dallarticolo 16-bis, comma 10, del decreto-legge 29 novembre 2008, n.185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e una dichiarazione attestante lavvenuta verifica della ulteriore documentazione di cui alle lettere a) e b). Sanzioni a carico di Committente e Responsabile dei lavori in caso di violazione di quanto sopra Sanzione amministrativa 500, ,00

16 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 99 - Notifica preliminare 1. Il committente o il responsabile dei lavori, prima dell'inizio dei lavori, trasmette all'azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti la notifica preliminare elaborata conformemente all' ALLEGATO XII, nonché gli eventuali aggiornamenti nei seguenti casi: a) cantieri di cui all'articolo 90, comma 3; b) cantieri che, inizialmente non soggetti all'obbligo di notifica, ricadono nelle categorie di cui alla lettera a) per effetto di varianti sopravvenute in corso d'opera; c) cantieri in cui opera un'unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini-giorno.ALLEGATO XII 2.Copia della notifica deve essere affissa in maniera visibile presso il cantiere e custodita a disposizione dell'organo di vigilanza territorialmente competente. DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81

17 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 99 - Notifica preliminare 3. Gli organismi paritetici istituiti nel settore delle costruzioni in attuazione dell'articolo 51 possono chiedere copia dei dati relativi alle notifiche preliminari presso gli organi di vigilanza. DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81

18 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza ALLEGATO XII – Contenuto della notifica preliminare di cui all'articolo Data della comunicazione. 2. Indirizzo del cantiere. 3. Committente (i) (nome (i), cognome (i), codice fiscale e indirizzo (i)). 4. Natura dell'opera. 5. Responsabile (i) dei lavori (nome (i), cognome (i), codice fiscale e indirizzo (i)). 6. Coordinatore (i) per quanto riguarda la sicurezza e la salute durante la progettazione dell'opera (nome (i), cognome (i), codice fiscale e indirizzo (i)). 7. Coordinatore (i) per quanto riguarda la sicurezza e la salute durante la realizzazione dell'opera (nome (i), cognome (i), codice fiscale e indirizzo (i)). 8. Data presunta d'inizio dei lavori in cantiere. 9. Durata presunta dei lavori in cantiere. 10. Numero massimo presunto dei lavoratori sul cantiere. 11. Numero previsto di imprese e di lavoratori autonomi sul cantiere. 12. Identificazione, codice fiscale o partita IVA, delle imprese già selezionate. 13. Ammontare complessivo presunto dei lavori (). DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81

19 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza Articolo 90 - Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 10.In assenza del piano di sicurezza e di coordinamento di cui allarticolo 100 o del fascicolo di cui allarticolo 91, comma 1, lettera b), quando previsti, oppure in assenza di notifica di cui allarticolo 99, quando prevista oppure in assenza del documento unico di regolarità contributiva delle imprese o dei lavoratori autonomi, é sospesa lefficacia del titolo abilitativo. Lorgano di vigilanza comunica linadempienza allamministrazione concedente. 11.La disposizione di cui al comma 3 non si applica ai lavori privati non soggetti a permesso di costruire in base alla normativa vigente e comunque di importo inferiore ad euro In tal caso, le funzioni del coordinatore per la progettazione sono svolte dal coordinatore per la esecuzione dei lavori. DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81

20 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Circ. N°.30 del 29/10/2009 A riscontro delle numerose richieste di chiarimento pervenute in ordine alla corretta interpretazione della norma di cui alloggetto, con particolare riferimento a quelle recentemente avanzate dalla Commissione dellUnione Europea, si ritiene opportuno precisare quanto segue. Oggetto: applicazione delle disposizioni dell art. 90, comma 11 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81, e successive modifiche e integrazioni. A seguito dellentrata in vigore del D. Lgs. n. 106 del 3 Agosto 2009, lart. 90, comma 11, dispone quanto segue: La disposizione di cui al comma 3 non si applica ai lavori privati non soggetti a permesso di costruire in base alla normativa vigente e comunque di importo inferiore ad euro ,00. In tal caso, le funzioni del Coordinatore per la progettazione sono svolte dal Coordinatore per la esecuzione dei lavori.

21 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Circ. N°.30 del 29/10/2009 Tale norma persegue la finalità di consentire al Committente la nomina del solo Coordinatore per lesecuzione in cantieri non particolarmente complessi nei quali gli obblighi del Coordinatore per la progettazione sono di entità tale da poter essere affidati allunica figura del Coordinatore per lesecuzione. Al riguardo, appare necessario chiarire che – come espressamente previsto dalla norma citata – in tali casi il Coordinatore per lesecuzione svolge, senza eccezioni o limitazioni, tutte le funzioni che lart. 91 attribuisce al Coordinatore per la progettazione. Si tratta di compiti che vanno svolti durante la progettazione dellopera e, pertanto, lart. 90, comma 3, prevede che il Committente o il Responsabile dei lavori designi il Coordinatore per la progettazione contestualmente allaffidamento dellincarico di progettazione. Analogamente, nellipotesi di cui allart. 90, comma 11, il Coordinatore per lesecuzione dei lavori deve essere nominato contestualmente allaffidamento dellincarico di progettazione, in modo da consentire la piena realizzazione di tutti i compiti connessi al ruolo di Coordinatore per la progettazione, anche nei casi in cui tale ruolo venga svolto da Coordinatore per lesecuzione.

22 Nuovo Testo Unico sulla Sicurezza RELAZIONE CON NORMATIVA URBANISTICA E IMPORTO LAVORI NEI CANTIERI PRIVATI NON SOGGETTI A PDC IN BASE ALLA NORMATIVA VIGENTE E COMUNQUE DI IMPORTO INFERIORE A EURO 11. La disposizione di cui al comma 3 non si applica….. Nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente, anche nei casi di coincidenza con l'impresa esecutrice, o il responsabile dei lavori, contestualmente all'affidamento dell'incarico di progettazione, designa il coordinatore per la progettazione. NOMINA DEI COORDINATORI IN FASE DI PROG. OBBLIGHI DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI Art. 90 COMMA 11 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n. 81

23 NOMINA DEI COORDINATORI PUBBLICOPRIVATO SONO PREVISTE PIU IMPRESE ESECUTRICI ? SI NO NO COORDINATORI I LAVORI SONO SOGGETTI A P.D.C. ? NOSI I LAVORI SONO DI IMPORTO INFERIORE A EURO ? SI NO NOMINA COORDINATORE IN FASE DI ESECUZIONE NOMINA COORDINATORE IN FASE DI PROGETTAZIONE SETTORE DEI LAVORI EDILI

24 Corte Cassazione Penale, sezione quarta Sentenza n /2009 Qualora l'appaltatore sia sfornito della capacità tecnica e professionale per assumersi la responsabilità dell'attuazione generale delle misure antinfortunistiche il committente dei lavori è responsabile in prima persona del rispetto degli obblighi in materia di sicurezza sul lavoro e di prevenzione degli infortuni. Ciò è quanto ha statuito la Corte di Cassazione Penale con la sentenza n del 21/09/2009. Nel caso di specie un privato è stato ritenuto colpevole del reato di omicidio colposo avendo commissionato la ristrutturazione della sua casa ed il rifacimento del tetto ad un operaio non titolare di una impresa edile, ma dipendente in mobilità di altra impresa, privo dei mezzi necessari per eseguire le opere. L'operaio cadendo, nel corso dei lavori, aveva perso la vita. Il proprietario dell'immobile avrebbe dovuto vigilare, a parere della Corte, trattandosi di lavoro pericoloso, affinché le opere da realizzare fossero poste in essere in condizioni di sicurezza, nel rispetto della normativa antinfortunistica.

25 Corte Cassazione Penale, sezione quarta Sentenza n del 19/04/2010 In tema di responsabilità del committente in relazione ad infortuni riferibili a lavori oggetto di un contratto di appalto è necessaria una attenta disamina delle circostanze fattuali concernenti i criteri seguiti dal committente per la scelta dellappaltatore, lingerenza del committente stesso nellesecuzione dei lavori oggetto dellappalto, la percepibilità agevole ed immediata da parte del committente di eventuali situazioni di pericolo. Di regola infatti, il contratto dappalto determina il trasferimento dal committente allappaltatore della responsabilità nellesecuzione dei lavori, salvo che lo stesso committente assuma una partecipazione attiva nella conduzione e realizzazione dellopera, nel qual caso anchegli rimane destinatario degli obblighi assunti dallappaltatore. Solo nel caso di omissione da parte dellappaltatore delle misure di sicurezza, quando tale omissione sia immediatamente percepibile (consistendo essa nella palese violazione delle norme antinfortunistiche), il committente, in grado di accorgersi senza particolari indagini dellinadeguatezza delle misure di sicurezza, risponde anchegli delle conseguenze dellinfortunio.

26 Legge 13 agosto 2010, n Piano straordinario contro le mafie Art. 5 - Identificazione degli addetti nei cantieri. L`art. 5 della Legge n. 136 del 13 agosto 2010 stabilisce che la tessera di riconoscimento di cui all`art. 18, comma 1, lettera u), del D.Lgs. 9 aprile n. 81 deve contenere, oltre agli elementi gia` presenti (fotografia, generalita` del lavoratore e indicazione del datore di lavoro), anche la data di assunzione e, in caso di subappalto, la relativa autorizzazione. Nel caso di lavoratori autonomi la tessera di riconoscimento di cui all`art. 21, comma 1, lettera c) del medesimo D. Lgs. 81/08 deve contenere anche l`indicazione del committente. Restando in attesa di ulteriori chiarimenti da parte delle amministrazioni competenti, con riferimento all`art. 5 della Legge n. 136/2010, l`obbligo sussiste per tutti quegli appalti stipulati a far data dall`entrata in vigore della legge ( 7 Settembre 2010 ).

27 Legge 13 agosto 2010, n Piano straordinario contro le mafie Art. 5 - Identificazione degli addetti nei cantieri. Relativamente al regime sanzionatorio, in attesa dei chiarimenti del dicastero, si deve precisare che il mancato adempimento della disposizione di cui all`art. 5 della Legge in oggetto parrebbe non comporti l`applicazione delle sanzioni di cui agli artt. 59, comma 1 lett. b) e 55, comma 5, lett. i) che fanno rispettivamente riferimento alla tessera di riconoscimento di cui agli artt. 20 e 26 dello stesso Testo Unico. Vista la finalita` della norma volta ad una maggiore identificazione degli addetti nei cantieri, si ritiene in ogni caso necessario aggiornare i cartellini di riconoscimento con i suddetti ulteriori dati.

28 RLS - RLST Secondo lart. 47 del Dl.Lgs. 81/08 ogni unità produttiva ha lobbligo di avere un proprio rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza. Tale figura, eletta dai lavoratori stessi può anche essere esterna: esiste infatti la possibilità, qualora allinterno dellimpresa nessun lavoratore si proponga per la figura del RLS di nominarne uno esterno chiamato RLST (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale art. 48 D.Lgs. 81/08). Secondo lart. 47 del Dl.Lgs. 81/08 ogni unità produttiva ha lobbligo di avere un proprio rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza. Tale figura, eletta dai lavoratori stessi può anche essere esterna: esiste infatti la possibilità, qualora allinterno dellimpresa nessun lavoratore si proponga per la figura del RLS di nominarne uno esterno chiamato RLST (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale art. 48 D.Lgs. 81/08). In Edilizia gli RLST lavorano con il CPT e nel particolare caso della Provincia di Vercelli sono 3 e sono divisi per zona geografica: basso vercellese, Vercelli e zone limitrofe, Valsesia. In Edilizia gli RLST lavorano con il CPT e nel particolare caso della Provincia di Vercelli sono 3 e sono divisi per zona geografica: basso vercellese, Vercelli e zone limitrofe, Valsesia. Gli RLST cambiano zona di competenza ogni anno (periodo 1 luglio – 30 giugno) e sono di nomina sindacale (Filca Cisl – Feneal Uil – Fillea Cgil). Gli RLST cambiano zona di competenza ogni anno (periodo 1 luglio – 30 giugno) e sono di nomina sindacale (Filca Cisl – Feneal Uil – Fillea Cgil).

29 RLS - RLST In caso di RLS interno, lImpresa, dopo che il lavoratore è stato eletto dai propri colleghi deve fargli fare un corso di formazione della durata non inferiore a 32 ore; come prevede il comma 12 dellart. 37 D.Lgs. 106/09 la formazione dei lavoratori In caso di RLS interno, lImpresa, dopo che il lavoratore è stato eletto dai propri colleghi deve fargli fare un corso di formazione della durata non inferiore a 32 ore; come prevede il comma 12 dellart. 37 D.Lgs. 106/09 la formazione dei lavoratori e quella dei loro rappresentanti deve avvenire, in collaborazione con gli organismi paritetici, ove presenti nel settore e nel territorio in cui si svolge lattività del datore di lavoro, durante lorario di lavoro e non può comportare oneri economici a carico dei lavoratori. Un RLS non formato non può firmare il POS. Solo dopo lavvenuta formazione il RLS sarà a tutti gli effetti operativo. Le imprese che non hanno un proprio RLS interno devono avvalersi del RLST. Nei giorni antecedenti (almeno 10 giorni prima) lapertura del cantiere lImpresa che si avvale del RLST ha lobbligo di mettere a disposizione il POS relativo a quel cantiere per la consultazione del RLST.

30 RLS - RLST Gli RLST non possono svolgere altre funzioni sindacali operative (comma 8 art. 48 del D.Lgs. 81/08). Gli RLST non possono svolgere altre funzioni sindacali operative (comma 8 art. 48 del D.Lgs. 81/08). Unimpresa può scegliere liberamente quale posizione avere: qualora nellimpresa abbia un dipendente disposto a rappresentare i propri colleghi si avvarrà del RLS interno; altrimenti dovrà dotarsi di uno esterno. Unimpresa può scegliere liberamente quale posizione avere: qualora nellimpresa abbia un dipendente disposto a rappresentare i propri colleghi si avvarrà del RLS interno; altrimenti dovrà dotarsi di uno esterno. Qualora il RLS interno allImpresa per un qualsiasi motivo interrompa il rapporto di lavoro lImpresa, se non ha un altro dipendente, eletto dai colleghi e disposto ad assumermi lincarico, dovrà avvalersi del RLST. Qualora il RLS interno allImpresa per un qualsiasi motivo interrompa il rapporto di lavoro lImpresa, se non ha un altro dipendente, eletto dai colleghi e disposto ad assumermi lincarico, dovrà avvalersi del RLST.


Scaricare ppt "Il Comitato ha per scopo lo studio dei problemi generali e specifici inerenti alla prevenzione degli infortuni, alligiene del lavoro e in genere al miglioramento."

Presentazioni simili


Annunci Google