La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA STATISTICA Prof. Manelli Roberto UDA n°1: SENTINELLE DEL PARCO – Scuola 21 A.F. 2012/2013 Operatore ai Sevizi di VENDITA – 72282 Secondo anno Operatore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA STATISTICA Prof. Manelli Roberto UDA n°1: SENTINELLE DEL PARCO – Scuola 21 A.F. 2012/2013 Operatore ai Sevizi di VENDITA – 72282 Secondo anno Operatore."— Transcript della presentazione:

1 LA STATISTICA Prof. Manelli Roberto UDA n°1: SENTINELLE DEL PARCO – Scuola 21 A.F. 2012/2013 Operatore ai Sevizi di VENDITA – Secondo anno Operatore al Benessere ACCONCIATURA Secondo Anno

2 La STATISTICA è la scienza che RACCOGLIE, ANALIZZA ed INTERPRETA, utilizzando metodi e strumenti matematici, le informazioni riguardanti un particolare fenomeno, ne misura e studia certe caratteristiche e permette di fare previsioni sul futuro andamento del fenomeno stesso.

3 STATISTICA DESCRITTIVA È il ramo della statistica che si occupa delle modalità con cui rappresentare e analizzare i dati statistici raccolti sullintera popolazione. Esempio: numero medio di insufficienze degli allievi della mia classe.

4 STATISTICA INDUTTIVA È il ramo della statistica che studia le peculiarità di un fenomeno facendo ricorso ad un campione della popolazione. Esempio: esito delle elezioni politiche attraverso lanalisi di un campione di elettori.

5 QUALI SONO LE DIFFICOLTÀ? Statistica descrittiva Raccogliere i dati; Analizzare i dati; Sintetizzare i dati in valori numerici che caratterizzano il fenomeno. Statistica induttiva Individuare il campione significativo della popolazione totale; Raccogliere i dati; Analizzare i dati; Sintetizzare i dati in valori numerici che caratterizzano il fenomeno; Valutare il grado di incertezza dei risultati.

6 QUALCHE TERMINE POPOLAZIONE È linsieme delle persone o delle cose sul quale viene effettuata lindagine. Esempio: Gli alunni della tua classe, le auto che circolano a Pavia, le maglie delle squadre di calcio.

7 INDIVIDUO È un elemento appartenente alla popolazione. Esempio: Un alunno, una macchina, la maglia di una squadra di calcio.

8 CARATTERE È la caratteristica di un individuo rispetto alla quale si svolge lindagine. Esempio: Letà di un alunno, la cilindrata di una macchina, il colore della maglia di una squadra.

9 Il CARATTERE può essere una variabile: QUANTITATIVA: se può essere espressa con dei numeri (età, cilindrata) QUALITATIVA: se non può essere espressa con dei numeri (colore della maglia) Ogni CARATTERE può assumere un VALORE (età=16, cilindrata=1400, colore della maglia=rosso)

10 FREQUENZA È quante volte un carattere assume lo stesso valore allinterno di una popolazione. Possiamo distinguere la frequenza assoluta, la frequenza relativa e la frequenza percentuale.

11 Esempio: Se ci sono nella tua classe 5 alunni che hanno 16 anni significa che 16 ha frequenza assoluta: f ass =5 La frequenza relativa si calcola dividendo la frequenza per la popolazione (25 ragazzi): f rel =f ass /popolazione=5/25=0,20 f rel è compresa tra 0 e 1 La frequenza percentuale si calcola moltiplicando per 100 la frequenza relativa: f % =f rel x 100=0,20 x 100=20 % f % è compresa tra 0 e 100

12 MEDIA La media aritmetica è il rapporto tra la somma dei valori e la popolazione totale. MODA È il valore che si presenta con maggiore frequenza. MEDIANA È il valore centrale di un insieme di dati ordinati.

13 Esempio: Media (140 x x x x x 3)/12= 164,2 cm Moda 170 cm (si presenta con frequenza assoluta pari a 4) Mediana 160 cm (è il valore di mezzo delle altezze considerate) Altezza in cmN° ragazzi = f ass

14 LE FASI DI UNA INDAGINE STATISTICA 1.DETERMINAZIONE DEL FENOMENO che si vuole studiare e delle modalità o caratteri con cui si manifesta; 2.INDIVIDUAZIONE DELLA POPOLAZIONE, cioè dellinsieme delle unità statistiche su cui osservare il fenomeno;

15 3.RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI, cioè delle modalità e delle frequenze con cui essi compaiono nellindagine; 4.SPOGLIO DEI DATI e loro rappresentazione mediante tabelle e grafici; 5.ELABORAZIONE E INTERPRETAZIONE DEI DATI con eventuale calcolo di valori significativi come media, moda e mediana.

16 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI DATI Le frequenze riportate in una tabella possono essere visivamente di più immediata valutazione se vengono rappresentate graficamente con uno di questi metodi. Altezza ragazzif ass f rel f%f% Moda 150 cm44/12=0,330,33x100=33% 160 cm66/12=0,500,50x100=50%x 170 cm22/12=0,170,17x100=17% Totale121,00100

17 ISTOGRAMMI Permette una intuitiva visualizzazione delle frequenze assolute.

18 AEROGRAMMI Permette una intuitiva visualizzazione delle frequenze relative e/o percentuali.

19 IDEOGRAMMI Permette una intuitiva visualizzazione delle frequenze assolute. 150 cm 160 cm = 1 ragazzo 170 cm

20 COSA DOVRAI FARE DA SOLO 1.Preparare una breve presentazione dellindagine statistica che descriva il progetto SENTINELLE DEL PARCO – Scuola 21, il fenomeno esaminato, le modalità di scelta del campione di popolazione, la raccolta dei dati; 2.Procedere con attenzione allo spoglio dei dati; 3.Raccogliere tutti i dati in apposite tabelle, calcolare le frequenze assolute, le frequenze relative e le frequenze percentuali (i totali devono sempre tornare!);

21 4.Valutare se il calcolo di media, moda e mediana di alcuni valori possa essere significativo ed eventualmente procedere alla loro determinazione; 5.Rappresentare graficamente i valori raccolti scegliendo i grafici più adatti; 6.Preparare una conclusione che contenga lanalisi dei dati raccolti e la valutazione del grado di incertezza dei risultati.

22 GRAZIE DELLATTENZIONE E BUON LAVORO


Scaricare ppt "LA STATISTICA Prof. Manelli Roberto UDA n°1: SENTINELLE DEL PARCO – Scuola 21 A.F. 2012/2013 Operatore ai Sevizi di VENDITA – 72282 Secondo anno Operatore."

Presentazioni simili


Annunci Google