La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Associazione Italiana Editori Più simile del facsimile. Editoria darte tra libreria collezionismo e iPad. 23 settembre 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Associazione Italiana Editori Più simile del facsimile. Editoria darte tra libreria collezionismo e iPad. 23 settembre 2011."— Transcript della presentazione:

1 Associazione Italiana Editori Più simile del facsimile. Editoria darte tra libreria collezionismo e iPad. 23 settembre 2011

2 Il progetto di ricerca. Alfieri Lorenzon

3 Nelledizione 2008 di Artelibro avevamo avviato un progetto di ricerca pluriennale volto a indagare dimensioni, caratteristiche tendenze del mercato delleditoria darte e di pregio del nostro Paese, vista come un possibile asset di sviluppo internazionale. Avevamo in quelloccasione messo in risalto, attraverso alcune prime evidenze condotte su un limitato numero di player di settore: a) La difficoltà a isolare il «libro» / «catalogo» darte da un insieme di altri prodotti editoriali che si articolano attorno al libro dimmagine e di pregio. b)La complessità del modello di business che si andava ad indagare e su cui si regge leconomia del settore: intrecci tra fonti di ricavo molto diverse (libri, organizzazione di mostre, sponsor, gestione di servizi museali, ecc.), canali di vendita, forme di gestione dei contenuti, «domanda» del pubblico intercettata… c)Un modello di business per di più diverso da azienda ad azienda. Con una complessità di modello economico che si declina anche a livello territoriale: piccola e medio-piccola editoria locale. d)La contiguità tra mercato delleditoria e altri mercati editoriali e dei servizi (turismo, musei, ecc.). e)Il ruolo che stanno avendo i processi di internazionalizzazione: vendita di diritti, coedizioni, partnership, creazione di società allestero (da parte dei player maggiori). Nel 2009 e poi nel 2010 avevamo iniziato a presentare i dati del settore, aggiornandoli e allargandolo ai collaterali (2009), alle App (per il turismo culturale, 2010) all editoria facsimilare (2011). Tutte le presentazioni su: Il progetto di ricerca: un osservatorio nel tempo.

4 Riviste Merchan- dising Collaterali Banche dati iconografiche Librerie canali trade Bookshop museali Export volumi Asse dei prodotti Asse dei canali Libri& Monografie Coedizioni Organiz- zazione mostre; gestione bookshop Vendita diritti allestero Asse dei «servizi» Fonte: Ufficio studi Aie Edizioni facsimilari La matrice della filiera delleditoria darte. Cataloghi eBookApp

5 Il mercato trade. Alfieri Lorenzon

6 Rispetto al 2000 si è allargato il mercato potenziale della domanda di libri darte (+23,0%) e/o di fotografia (+34%). Benché vi siano delle sovrapposizioni possiamo stimare i potenziali lettori nel mercato italiano in 3- 3,5 milioni di persone. Se consideriamo gli «acquirenti di libri darte» (nei 12 mesi) il valore scende a 0,9-1,0 milioni di persone (>14 anni, 2010; Fonte: Nielsen per CPL) È un mercato non in grado garantire sufficiente redditività così che limpresa ha dovuto in questi anni sviluppare altri elementi di economicità: coedizioni, titoli già in lingua inglese per i mercati internazionali, vendita di diritti, spinta allinternazionalizzazione, servizi per musei, ecc. 8,2% dei lettori 4,2% dei lettori 5,0 % dei lettori 5,3% dei lettori 8,7% dei lettori 9,0% dei lettori +9,7% +28,1% +12,1% +5,1% Cresce la domanda. Fonte: Elaborazione Ufficio studi Aie su dati Istat, Nielsen Valori in % sui lettori.

7 Distribuzione della domanda di libri darte per fascia di età. Libri darte La domanda maggiore di lettura di libri darte si concentra nelle fasce più adulte della popolazione (reddito). Cresce però rispetto al 2001 in tutte le fasce di età (anche in quelle infantili); in particolare in quelle che escono dal lavoro (>60-64) dove al maggior tempo libero si unisce una maggiore predisposizione al turismo culturale. Accentuazioni: Maschio: 10,1% Dirigente, libero professionista: 14,2% Studenti: 11,1% NE, NW e Centro 9-11% Fonte: Elaborazione Ufficio studi Aie su dati Istat Valori in % sulla popolazione della stesa classe di età

8 Lofferta di titoli è cresciuta (+36,9% dal 90; +24,4% dal 2000) e articolata progressivamente coprendo i diversi e nuovi segmenti di domanda. Diminuiscono le copie stampate e immesse nei canali di vendita (ricerca di una migliore economia di gestione e di appesantimento del magazzino), ma anche minor potere di spesa da parte del pubblico Contrazione della tiratura media (-54% 2007/00); effetti sui margini e quindi sulle politiche di prezzo Tiratura media Titoli Copie stampate e eimmesse sul mercato Andamento della produzione di libri darte e fotografia. Fonte: Elaborazione Ufficio studi Aie su dati Istat

9 eBook darte, fotografia e design. Architettura Arte Design539*** (+55%) 128 (+29%) 99 Si sta creando unofferta di eBooks in italiano: in sette mesi è raddoppiata. Le potenzialità di questo segmento in formato eBook (saggistica darte, ecc.) sono indicate dai titoli disponibili su Amazon.com soprattutto nella possibilità di gestire la «coda lunga». Fonte: Elaborazione Ufficio studi Aie su Ibs.it e Amazon.com

10 Il ciclo di vita si è progressivamente accorciato concentrandosi sulla novità (effetto «mostre» ed «eventi» per i cataloghi darte e fotografici; gestione degli stock in libreria): - dal 76,4% dei titoli (2000) si passa all83,2% di sette anni dopo e all86% di oggi; - tra 2000 e 2007 il 78-79% delle copie immesse nei canali di vendita sono di novità: oggi sono l83% La tiratura media delle novità (tutte, comprese quindi anche le «grandi mostre» è di poco superiore alle copie Tiratura media Titoli Copie stampate e eimmesse sul mercato Tirature di questo valore non sono compatibili con i costi (diretti / indiretti) di acquisizione dei diritti di immagini di fonte pubblica. Andamento della produzione di novità libri darte e fotografia. Fonte: Elaborazione Ufficio studi Aie su dati Istat

11 Cataloghi darte e illustrati: produzione per marchio editoriale. Silvana156Silvana148 Electa64Skira71 Skira56Electa69 Allemandi29Polistampa24 Vanilla26Allemandi22 Marsilio22Marsilio20 Giunti22Sillabe20 Polistampa22Gangemi18 Gli Ori22Gli Ori18 De Luca16Cambi17 Primi ,7% Primi ,4% Secondi 1011,5%Secondi 1013,5% Terzi 108,0%Terzi 108,5% Altri38,8%Altri28,6% Electa102Electa90 White Star83Clode-up69 Taschen74Taschen69 TeNeues49Logos63 Logos44White Star61 Skira39Skira61 Phaidon37TeNeues33 Silvana34Silvana26 Marsilio26ContrastoDue24 Gangemi25Rizzoli24 Primi ,7% Primi ,4% Secondi 1010,3%Secondi 1012,7% Terzi 106,0%Terzi 108,9% Altri57,0%Altri42,0% Con leccezione del «cataloghi» dove i primi 10 editori coprono da soli il 49% dellofferta, tra illustrati (fotografia, design, lifestyle, ecc.), i primi 10 player coprono il 36% dellofferta. La maggiore concentrazione nel segmento cataloghi è dovuta ai processi organizzativi e di gestione che la casa editrice è chiamata a svolgere e di cui la realizzazione del catalogo è spesso parte della più ampia ideazione e gestione della mostra. Cataloghi darteAltri illustrati Fonte: Elaborazione Ufficio studi Aie su dati IE Informazioni Editoriali

12 Cè una crescita della concentrazione dellofferta tra i primi 10 marchi editoriali. Ma esiste una polverizzazione dellofferta – spesso di alta qualità - rappresentata da operatori locali: piccole case editrici, ma anche tipografie, service editoriali, ecc. Realtà che non riescono ad accedere ai canali di vendita nazionali limitandosi (nelle circostanze migliori) a coprire quelli a «breve raggio» o legati alla mostra / evento locale. In quasi tutti questi i casi, nonostante il prodotto editoriale presenti contenuti editoriali e apparati iconografici importanti prevale una iperspecializzazione del contenuto (su artisti / monumenti / restauri / ecc. locali). A loro volta raramente riescono a fare massa critica per valorizzare i contenuti al di fuori dellarea di attrazione dellevento museale. Cataloghi darte e illustrati: piccola e media editoria «locale».

13 Titoli Titoli export / novità Andamento della vendita dei diritti sui mercati esteri. Cresce il numero di titoli di cui gli editori italiani vendono i diritti di edizione a editori stranieri: +80,1% (2007/00). Negli anni successivi le indicazioni degli operatori confermano il trend positivo: si esporta più di quanto di compra. Sempre più opere vengono pensate e progettate editorialmente (al netto delle coedizioni) già per mercati stranieri: erano il 16,7% nel 2000, sono il 20,6% nel 2007 (ma 1 su 4 nel 2006). * Dato sullexport dei diritti relativo al Fonte: Elaborazione Ufficio studi Aie su dati Istat, e Ice/Doxa per dati relativi alla vendita di diritti.

14 Andamento della vendita di diritti tra libri darte, lifestyle, design. Fonte: Elaborazione Ufficio studi Aie su dati Ice/Doxa ,4% 28,4% 63,1% 33,8% 11,3% 54,9% 18,3% 38,9% 42,7% 16,7% 64,0% 40,0% +1,9% +8,3% +45,6% -19,2% Lexport continua a essere declinato sulla capacità delle case editrici di coprire un ampio ventaglio di microsegmenti editoriali. Allinterno di essi resta ancora il segmento arte e architettura (magari più «contemporaneo» e meno «antico») quello che copre circa la metà delle proposte delle case editrici italiane: dal 40,0% (2004) al 63,1% (2007). Andamenti meno continui nel tempo per lifestyle, design e fotografia, che hanno talvolta un peso importante (circa 30%) sulle vendite annuali di diritti.

15 ,9 59,1 (+2,1%) 59,6 (+0,8%) 32,3 (-4,3%) 30,7 (-5,0%) 33,8 24,2 26,8 (+10,7) 28,9 (+7,8%) Totale Cataloghi e monografie Saggistica con ampi apparati iconografici Lillustrato darte, architettura, fotografia, cataloghi, monografie, ecc. nei canali trade (librerie, librerie on line) vede ridursi le vendite a valore del 9% negli ultimi tre anni (prezzo medio 2010: 25,0 euro). Perdita di vendite parzialmente recuperate dalla saggistica darte o darchitettura, ecc. illustrata: +19,0% (prezzo medio 2010: 20,0 euro). Il mercato rimane stabile Andamento della vendita nei canali trade. Fonte: Nielsen Bookscan per Aie 2011

16 ,9 33,8 Totale Cataloghi e monografie Bookshop e mostre darte Nei bookshop dei musei e delle mostre temporanee si stima si siano venduti libri darte, architettura, per 25 milioni di euro (+8,4% sul 2009, ma -12% sul 2007: Fonte: Ufficio studi Aie su dati Mibac). Le vendite pur in un canale specializzato, si confermano al di sotto delle aspettative anche per la complessa (e caotica) gestione delle concessioni. Complessivamente il mercato canali trade + bookshop vale (in base a come lo si misura) nel 2010: - 84,6 milioni: libri darte, cataloghi, ecc. + saggistica illustrata darte, fotografia, architettura, design, ecc. - 55,7 milioni di euro di libri darte e cataloghi. Andamento della vendita nei bookshop e canali trade. 59,1 59,6 26,2 32,3 23,5 30,7 25,0 Fonte: Nielsen Bookscan per Aie (2011) e Mibac

17 Bookshop: la rete delle concessioni. Fonte: «Il Giornale dellArte», n.307, marzo 2011

18 1 LouvreParigi British MuseumLondra Metropolitan Museum of ArtNew York Tate ModernLondra National galleryLondra National gallery of ArtWashington Musei VaticaniCittà del Vaticano Natural History MuseumLondra MoMa Museum of modern ArtNew York Centre PompidouParigi – Galleria Uffizi ( ); 30 Palazzo Ducale ( ); 37 – Galleria dellaccademia di Firenze ( ); 57 Museo nazionale di Castel SantAngelo ( ); 80 – Museo nazionale del Risorgimento ( ); 84 Pitti ( ); 91 Circuito Vanvitelliano Regia di Caserta ( ); 94 – Museo Egizio ( ); 95 Museo nazionale del cinema ( ) 1. Hasegawa TohakuTokyo Postimpressionismo dal M. dOrsayTokyo Francis BaconWashingston Hasegawa TohakuKyoto Van GoghTokyo Fotografia di scultura dal 1830New York Imperatore YoungzhengTaipei Picasso al Metropolitan MuseumNew York Marina AbramovicNew York FalnamaWashingston7.011 Visitatori gg Bookshop: nessun museo / mostra italiana tra i Top Ten Caravaggio (Roma) 5.110;L Alexander Calder (Roma), 3.492; Salvador Dalì (Milano) 2.456; Biennale di architettura (Venezia), 2.009; Edward Hopper (Roma) Tra la decima mostra e la prima italiana ci sono visitatori giornalieri in meno; tra il decimo museo e il primo italiano per visitatori / anno visitatori in meno. Fonte: «Il Giornale dellArte», «The Art Newspaper», 308, aprile 2011

19 Vendite nei canali trade per segmenti: 2010 Valori in milioni di euro a prezzo di copertina. 29,0 Ml euro (2008) 27,5 Ml euro (2010): - 5,7% Allinterno dei canali trade (+5,1% la libreria; +7,8% nel complesso) leditoria darte, architettura, ecc. composta da cataloghi e monografie (nuove) registra un -5,1%. Minor potere di spesa da parte del pubblico, costo degli stock e bassi indici di rotazione (quindi richiesta di crescenti immobilizzi finanziari su titoli a bassa rotazione per le librerie) spiegano il fenomeno. Crescita del segmento «arte / immagine» nel canale remainder. Fonte: Nielsen Bookscan per Aie (2011).

20 Le App darte e archeologia. Cristina Mussinelli * * La raccolta e lanalisi dei dati è stata condotta da Jacopo Milesi.

21 App museali App legate a un museo o a una mostra temporanea. Spesso con una galleria di immagini per le principali opere, un tour virtuale del museo / esposizione, informazioni di servizio (biglietteria, orari) Possono essere utilizzate in preparazione della visita o come (audio)guide nel museo / esposizione. App turistiche App pensate per chi sta visitando una città: tramite geolocalizzazione permettono allutente di saperwe vicino a quali musei edifici darte si trova. Spesso sono arricchiti da commenti e dai ratings lasciati da altri utenti. Hanno le stesse funzioni di Google maps, ma focalizzano i loro contenuti / servizi su musei, spazi espositivi, fiere o eventi. Solo secondariamente su ristoranti, alberghi, servizi urbani. App darte Relative a un artista, a un periodo, sono rivolte soprattutto a studenti e appassionati. Permettono di avere sul proprio smartphone una galleria di opere darte (fornite di schede illustrative, contestualizzazioni storiche). Altre sono in forma di videogioco, di quiz a tema o ancora di ricostruzione in 3D. Si usano per lo più in modalità off-line App darcheologia App pensate per quando ci si trova sul sitp archeologico che si vuole visitare. Ce ne possono essere di «tradizionali» permettendo di consultare la guida associata al luogo di interesse, o più «innovative», fornite di interattività, ricostruzioni in 3D, geolocalizzate, proponendo vari mix tra realtà aumentata e ricostruzione storica La segmentazione delle App

22 Tutte le informazioni presenti in questo report sono state ricavate da iTunes e dal Market Android. I paesi sui quali ci si è concentrati sono Italia, Francia, Inghilterra, Spagna, Germania e Stati Uniti, per un totale di 88 applicazioni. La ricerca è stata eseguita nei mesi di giugno e luglio Fonte: Ufficio studi Aie L'App Store di Apple non consente di ricercare in modo sicuro e univoco le App per categorie: In questa prima ricerca ne abbiamo individuate 88 di cui 27 in Italia (31%). Le App: quante sono?

23 Lofferta di App «italiane» propone una maggior percentuale di titoli di arte classica / antica (41% vs 29%) e (leggermente) di archeologia. Sono assenti (non ne abbiamo individuate) di argomento scientifico o sviluppate da musei della scienza e della tecnica, in coerenza con la tradizione museografica nazionale. Tutte le informazioni presenti in questo report sono state ricavate da iTunes e dal Market Android. I paesi sui quali ci si è concentrati sono Italia, Francia, Inghilterra, Spagna, Germania e Stati Uniti, per un totale di 88 applicazioni. La ricerca è stata eseguita nei mesi di giugno e luglio Fonte: Ufficio studi Aie Le App: lofferta per «genere».

24 Molte sono da usare all'interno degli spazi espositivi (oltre il 50%, ma l80% in Francia) per cui sono state create, altre possono essere utilizzate ovunque, come nel caso dei giochi o delle gallerie virtuali, altre ancora, come nel caso dei tour guidati, prevedono che ci si trovi in determinati punti di un percorso prestabilito. Molte delle applicazioni dei poli museali possono essere utilizzate anche in modalità off- line e consultabili ovunque come preparazione alla mostra (sono state inserite nella categoria Museo, in quanto è nello polo museale che offrono le maggiori opzioni di cui sono fornite. Le App: lofferta per «luogo di utilizzo». Tutte le informazioni presenti in questo report sono state ricavate da iTunes e dal Market Android. I paesi sui quali ci si è concentrati sono Italia, Francia, Inghilterra, Spagna, Germania e Stati Uniti, per un totale di 88 applicazioni. La ricerca è stata eseguita nei mesi di giugno e luglio Fonte: Ufficio studi Aie

25 Le App: prezzo medio. Tutte le informazioni presenti in questo report sono state ricavate da iTunes e dal Market Android. I paesi sui quali ci si è concentrati sono Italia, Francia, Inghilterra, Spagna, Germania e Stati Uniti, per un totale di 88 applicazioni. La ricerca è stata eseguita nei mesi di giugno e luglio Fonte: Ufficio studi Aie 64% 63% 73% 47% 75% 100% % gratuite 49% Molte App sono gratuite (64%). Quelle a pagamento, generalmente fornite di più opzioni e possibilità, solo in rari i casi che superano i 5 euro. Nel caso di UK l'alto valore di unApp di fotografia The V&A Figures and Fiction, 13,99 euro contribuisce ad alzare la media; altrimenti sarebbe di 1,5 euro.

26 Le App: sviluppatori o editori? O museo? Tutte le informazioni presenti in questo report sono state ricavate da iTunes e dal Market Android. I paesi sui quali ci si è concentrati sono Italia, Francia, Inghilterra, Spagna, Germania e Stati Uniti, per un totale di 88 applicazioni. La ricerca è stata eseguita nei mesi di giugno e luglio Fonte: Ufficio studi Aie Il 66% delle applicazioni sono realizzate da sviluppatori. Anche se talvolta sono create in collaborazione fra editori, sviluppatori e poli museali. Capita che una casa editrice si affidi a uno sviluppatore per creare l'applicazione di un museo (Unesco World Heritage, ideata da Harper Collins e sviluppata da AimerMedia), o che invece si valga dell'aiuto di un ente (Giunti e Polo Museale Fiorentino nella creazione della guida alla Galleria degli Uffizi). In tutti i Paesi le App sono ideate, create e messe sul mercato da nuovi soggetti, che si occupano esclusivamente di applicazioni, e che nulla hanno a che fare con la tradizionale filiera editoriale: Parallelo, Toura, Macsoftex, ecc.

27 Le App: da quali dispositivi. Tutte le informazioni presenti in questo report sono state ricavate da iTunes e dal Market Android. I paesi sui quali ci si è concentrati sono Italia, Francia, Inghilterra, Spagna, Germania e Stati Uniti, per un totale di 88 applicazioni. La ricerca è stata eseguita nei mesi di giugno e luglio Fonte: Ufficio studi Aie

28 Il mercato dei facsimili. Giovanni Peresson * * La raccolta e lanalisi dei dati è stata condotta da Lorenzo Ferrario.

29 Facsimili: identificazione del segmento. Anastatica Una riproduzione attraverso scansione o fotografia digitale, di un originale antico. Si differenzia dal facsimile in quanto non ripropone la veste materiale dellopera e dunque si presenta con formato, carta, legatura che possono essere indipendenti da quelli originali. Distribuzione: reti agenti, librerie concessionarie, e-Commerce Facsimili Riproduzione fedele, solitamente di un manoscritto riccamente miniato e decorato, che non ha però la pretesa di sostituirlo ma solo di rendere lo stato in cui si trova nei colori, finezza delle miniature, imperfezioni e lacune. Oltre alla resa del testo, anche formato, tipo di carta e ogni aspetto materiale del volume originale sono rispettai cercando di replicarli nel modo più fedele. Distribuzione: reti agenti; distributori stranieri; Volumi di pregio Si intendono edizioni caratterizzate a vario titolo da un certo grado di preziosità: nel grande formato, in una vocazione enciclopedica, legature, piatti di copertina, nelluso di particolari tipi di carta, nella ricchezza (e qualità) delle riproduzioni fotografiche. Non si tratta però di copie di un modello che funge da originale Distribuzione: reti agenti, e-Commerce Libri dartista Pezzi unici, o numerati in serie limitate a pochissimi esemplari, realizzati con tecniche miste (carta e/o altri materiali) che si alterna a parti stampate con caratteri tipografici tradizionali e non. Distribuzione: gallerie darte

30 % Editori italiani Editori italiani (ma «non disponibili») Editori stranieri 156 I titoli di edizioni facsimilari in commercio sono almeno 145. In assenza di una «catalogo dei titoli in commercio» è probabile – non riuscendo a monitorare piccole realtà editoriali e tipografiche - che il loro numero sia leggermente superiore. Tra 2004 e 2011 la crescita dellofferta è stata comunque significativa: +68% Fonte: Dati 2004, Catalogo Libreria Pecorini (Milano); 2011 Rilevazione sulle edizioni facsimilari in Italia. Facsimili: evoluzione della produzione.

31 Fonte: 2011 Rilevazione sulle edizioni facsimilari in Italia Il numero di titoli annualmente pubblicati è evidentemente circoscritto (<10), anche per i tempi e gli investimenti produttivi. Si nota: - Andamento discontinuo negli anni, legato alle particolarità produttive che governano il segmento. - Ma con una tendenziale crescita nellofferta da parte degli editori italiani: da 22 del periodo 2001/05 a 34 del 2006/10 (+55%). - Le coedizioni sembrano rappresentare una quota trascurabile nellofferta pur trattandosi di prodotti con forte vocazione internazionale. Moleiro, Millenium Liber, Eikon Editores (Spagna), Müller & Schindler (Germania), Faksimile Verlag (Svizzera) Facsimili: evoluzione della produzione annua.

32 Cinque marchi editoriali coprono oltre il 50% dellofferta in commercio. Lassenza di un catalogo impedisce di disporre di un reale monitoraggio di tutti gli attori presenti sul mercato. 56% Aboca, Artcodex, LIM Editrice, M. DAuria, Olschki, Priuli&Verlucca, Spes. Facsimili: marchi editoriali. Fonte: 2011 Rilevazione sulle edizioni facsimilari in Italia.

33 Titoli in catalogoPrezzo medio (sui titoli di cui viene indicato il prezzo) Tiratura mediaTiratura Min e Max euro (min) (max) euro (min) (980) euro (min) 998 (max) euro69910 (min) 999 (max) euro (min) 999 (max) Media euro723 Facsimili: marchi editoriali, prezzi medi e tirature medie. Fonte: 2011 Rilevazione sulle edizioni facsimilari in Italia.

34 Facsimili: filiera produttiva. Fonte: 2011 Rilevazione sulle edizioni facsimilari in Italia.

35 Facsimili: filiera didtributiva. Fonte: 2011 Rilevazione sulle edizioni facsimilari in Italia.

36 TitoliCoedizioni Distribuzione di terzi Rete di vendita propriaTipografiaSito web 11No Informazioni, e- commerce 14sì Informazioni, slideshow facsimile 16Sì Sito generale e siti specifici dedicati a un singolo facsimile 12Sì Progetto Leonardo più una sezione per gli altri facsimili 12No - Informazioni e e- Commerce 12No - Informazioni, e- commerce 8-SìInformazioni 9No Informazioni 7 No Sì-Informazioni Facsimili: integrazione della filiera.

37 Edizioni facsimilari Distribuzione: reti agenti ~ 156 titoli euro di prezzo medio Tiratura media: 723 copie Edizioni di pregio Distribuzione: reti agenti, eCommerce euro di prezzo medio Anastatiche Distribuzione: reti agenti, eCommerce, librerie commissionarie euro di prezzo medio

38 Il mercato delle edizioni facsimilari può essere stimato per il 2010 in non meno di 14,5 milioni di euro (+ 7% sul 2009 anche se molto dipende dallofferta messa sul mercato). Rappresenta una componente importante del settore arte (con tutte le sue implicazioni nella particolare filiera produttiva: carte speciali, legatura artigianale, stampa, ecc.) e di studio delle edizioni: - È il 24% del mercato «arte e immagine» - O, calacolato solo sul mercato dei cataloghi, monografie illustrate, ecc. il 53%. Rappresenta una parte importante e significativa dellexport delleditoria darte anche in termini di presentazione del made in Italy. Soffre, oltre che di situazioni congiunturali nazionali e internazionali (tagli dei fondi alle biblioteche, minor capacità di spesa da parte dei collezionisti, ecc.) di una frammentazione e scarsa visibilità rispetto alle problematiche più generali del mercato delleditoria darte. Facsimili: conclusione.


Scaricare ppt "Associazione Italiana Editori Più simile del facsimile. Editoria darte tra libreria collezionismo e iPad. 23 settembre 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google