La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rappresentazioni tecniche 3 SEMIOGRAFIE 1: sistemi notazionali nel progetto Corso di Disegno del corso di Laurea Specialistica in Architettura dellUniversità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rappresentazioni tecniche 3 SEMIOGRAFIE 1: sistemi notazionali nel progetto Corso di Disegno del corso di Laurea Specialistica in Architettura dellUniversità"— Transcript della presentazione:

1 Rappresentazioni tecniche 3 SEMIOGRAFIE 1: sistemi notazionali nel progetto Corso di Disegno del corso di Laurea Specialistica in Architettura dellUniversità IUAV di Venezia Fabrizio Gay

2 Parte prima: introduzione alle semiografie alcuni metodi classici del Desing [processo progettuale]

3

4 alcuni metodi classici di impostazione cognitiva Analisi dei bisogni, formulazione dei problemi, problem solving

5 La formalizzazione dei bisogni Sul modello dei bisogni cfr. Maslow A., Motivation and personality, Harper & Row, New York 1970): Bisogno come conflitto tra uno stato desiderato e uno stato attuale; due bisogni a loro volta possono configgere tra loro (benessere/sicurezza)

6 Un esempio: il metodo di Jones John C. Jones, A Systematic Design Method in Design n. 124, Jones, Un Metodo di Progettazione Sistematica in Jones-Thornley: La metodologia del proget­tare. Marsilio, Traduzione italiana di A Method of Systematic Design in Conference on Design Methods. Pergamon Press, Jones, Rassegna dei Metodi di Progettazione in Su­sani: Scienza e progetto (pag ). Marsi­lio, Traduzione italiana di Design Methods Reviewed in Gregory: The Design Method. Butterworths, Jones, Metodologia Comparata della Progettazione in Susani: Scienza e progetto (pag ). Marsilio, Traduzione italiana di Design Methods Compared: Strategies and Tactics in Design n , 1966.

7 1. Analisi –1.1. Liste casuali di fattori BRAINSTORING –1.2. Classificazione dei fattori –1.3. Fonti di informazione –1.4. Interazione fra i fattori –1.5. Specificazione di prestazioni 2. Sintesi –2.1. Idee creative (BRAINSTORING) –2.2. Soluzioni parziali (SOTTOPROBLEMI) –2.3. Limiti –2.4. Soluzioni combinate –2.5. Correlazione delle soluzioni 3. Verifica –3.1. Metodi di verifica –3.2. Verifica per operazioni, manifattu­ra, vendita

8 BRAINSTORING

9 DALLARCIPELAGO AL PORTOLANO il brainstoring come mappa

10 Esempio : una mappa di Walter Santagata del dibattito artistico a Torino negli anni 90

11 Prime categorizzazioni ANALISI RELAZIONE E POI GERARCHICA

12 Analisi per Escalation e/o per Regressione Alberi e Diagrammi di Wen Oggetto considerato Altri oggetti

13 LA TABELLA A DOPPIA ENTRATA il modello Test Operazione Test Exit; Un criterio pragmatico nella valutazione degli oggetti: Causa/Effetto – controllabile/non controllabile EFFETTI CONTROLLABILI EFFETTI NON CONTROLLABILI CAUSE CONTROLLA BILI funzionamento progettato di un oggetto c) ad es.: uso improprio di un oggetto progettato per altri scopi CAUSE NON CONTROLLA BILI effetti negativi solo attenuabili con scelte di progetto poiché le cause non sono controllabili: Reazione al fuoco, …. d) cause ed effetti trascurati nella progettazione per deficit del modello progettuale

14 LA TABELLA A DOPPIA ENTRATA

15 IL GRAFO

16 Tabella e grafo

17 DIAGRAMMA CARTESIANO

18 Un altro esempio di analisi fattoriale Il metodo di Archer : dallergonomia al proglem solving Archer, Metodo Sistematico per Progettisti, in Susani, Scienza e progetto (pp ). Marsilio, 1967.

19

20 TRADUZIONE DI PROBLEMI DI FATTO IN FATTORI DI DESIGN Attività (problemi di fatto)Fattori di Design 1. L'ambiente agisce sull'uomopercezione 2. L'uomo compie un lavoromotivazione 3. Il lavoro retroagisce sull'uomofisiologia 4. L'uomo opera uno strumentocibernetica 5. Lo strumento retroagisce sull'uomoergonomia 6. Lo strumento determina un lavoromeccanica 7. II lavoro retroagisce sullo strumentostruttura 8. Il lavoro modifica l'ambientefunzione 9. L'ambiente condiziona lo strumento 10. Lo strumento influenza l'ambiente 11. L'ambiente agisce sull'uomoestetica

21

22

23 Classi di fattori di DesignRiferimento 1. Estetici Consumo Commercio Marketing 2. Motivazionali Consumo Commercio marketing 3. Funzionali Consumo Commercio marketing 4. Ergonomici Consumo 5. Meccanici Consumo Tecnologia 6. Strutturali Consumo Tecnologia 7. Produttivi CommercioTecnologia 8. Economici CommercioTecnologia 9. Pubblicitari Tecnologia

24 Ordini di problemi: rappresentazioni con diagrammi di Wenn

25

26

27

28

29

30

31

32 il modello T est O perazione T est E xit PROBLEMI E MODELLI DI SIMULAZIONE

33 Il modo di vedere: VINCOLI e FISSITA

34 Due stazioni distano 50 miglia. Alle 14 di un sabato due treni partono dalle due stazioni l'uno in direzione dell'altro. Nell'istante in cui i due treni partono, un uccello spicca il volo dal primo treno verso il secondo. Quando l'uccello raggiunge il secondo treno, torna indietro. L'uccello continua così finché i treni non si incontrano. Se entrambi i treni viaggiano a 25 miglia e l'uccello a 100 miglia all'ora, quale è la distanza percorsa dall'uccello nel momento in cui i treni si incontrano?

35 Esempio: calcolare larea …

36 ?!!!

37 In sintesi: 2 FUNZIONI PRAGAMATICHE GENERALI DEI MODELLI SIMULATIVI MAPPA - Semplificare e visualizzare in modo da rendere intelligibile la struttura (insieme delle relazioni) ipotizzata nei fatti osservati ANALOGON - Fornire unanalogia con oggetti più familiari sui quali esercitiamo maggiori competenze che possono essere performate sulloggetto in questione

38

39

40 QUANTITA e RELAZIONI ISTROGRAMMI GRAFICI MATRICI ALBERI RIZOMI E IPERTESTI

41 IL PIANO COME MAPPA DI UNO SPAZIO METAFORA DI RELAZIONI CONCETTUALI

42 ANALOGIE

43 Un altro esempio; il metodo di Gregory e la focalizzazione sul modello S. A. Gregory, Progettazione Razionale. Marsilio, Tr. It di The Design Method. Butterworths, 1966.

44

45

46 Tipologia informazionale dei modelli (forma piramidale)

47

48

49 A. Moles e le scale di iconicità Moles, Teoria dell'Informazione. Lerici, Trad. it di Théorie de l'infor­mation et Perception Estetique. Flam­marion, Moles, Analisi delle Strutture del Messaggio Poetico ai Differenr`i Livelli della Sensibilità in AA.VV., Estetica e teoria dell'informazione (pag ). Bompiani, trad. It. di Lànalyse des struc­tures des message poetique aux differents niveaux de la sensibilité in Poetics, Mole, Complessità Funzionale e Strutturale in Susani, Scienza e Progetto (pag ). Marsilio, 1967.trad. it di La Notion de Quanti­té en Cybernetique in Les Etudes Philo­sophiques n. 2, Moles, Produkte: Ihre Funktionelle und Struk­turelle Komplexitat in Ulm n. 6, 1962 Moles, Teoria della Complessità e Civiltà Tecnolo­gica in Susani: Scienza e progetto (pag ). Marsilio, trad. it. di Theorie der Komplexitat und der Technischen Zivilization in Ulm n. 12/13, 1965.

50

51 iconicità Astrozione definizioneCriteriEsempi 120Loggetto stesso (massima iconicità) ® Messa entuale tra parentesi nel senso di Husserl Un oggetto osteso, esposto 111Maquette omotetica a R Colori e materiali arbitraiamente scelti Etalages factices 102Maquette Schematica ancora omotetica a R Colori e materiali scelti in base a criteri logici Carte 3D: mappamondo, carte geologiche 93Proiezione ottica su un piano (fotografia) Relazione proiettiva rigorous, rispetto delle mezze tinte e dei colori. Cataloghi illustrati, affiches 84Disegno o fotografia secondo Detourage – ridotti a profilo - Decisione e descrizione del contorno apparente Profili di massa resi secondo un metodo di rappresentazione prevalentemente al tratto o per campitaure piatte 75Schema anatomico costruttivo Rispetto della topografia. Scelta arbitraria dei valori, quantificazione degli elementi e semplificazione descrittiva. Sezione anatomica – sezione di un motore – piano di cablaggio di un recettore radio – carta geografica 66Rappresentazione in esploso Disposizione prospettica delle componenti secondo la relazione topologica di vicinanza Disegno esplicativo per il montaggio delle componenti di un meccanismo

52 5 7 Schéma de principe (électricité et électronique) Rappresentazione dei componenti tramite simboli codificati (normalizzati). Passaggio dalla topografia alla topologia. Ricorso a figure geometriche molto semplici – prevalenza degli angoli retti - Pianta schematica delle ferrovie metropolitane. Piano di cablaggio di un recettore TV o di una parte di radar. 4 8 Organigramma a blocchi Gli elemneti sono scatole nere funzionali collegate da connesisoni logiche: analisi delle sole funzioni logiche. Organigramma di unimpresa – Serie di operazioni chimiche. 3 9 Schema di formulazione Relazioni logiche e topologiche in uno spazio non geometrico tra elementi astratti. I collegamenti sono simbolici, tutti gli elementi sono visisibili Forumule chimiche Formules sviluppate, sociogrammi. Grafi diversi Schma in spazi complessi Combinazione in uno stesso spazio di rappresentazione di elementi schematici (flèche, droite, plan, objet) appartenenti a sistemi diversi Schemi di statica grafica 1 11 Schema in spazio puramente astratto e schma vettoriale Rappresentazione grafica, in uno spazio metrico astratto, di relazioni tra grandezze vettoriali Grafico vettoriale in elettronica. Diagramma degli oggetti sonori Descrizione in parole normalizzate o in formule algebriche (Iconicità nulla). Segni puramente astratti senza che il significante abbia alcuna connessione immaginabile con il referente o con il significato. Testi – formule – equazioni

53 schema esemplificativo della scala di Ralph E. WILEMAN nella quale si distinguono tre categorie principali: le immagini, i digrammi e le forme scritturali

54 schema esemplificativo della scala di Bernard DARRAS basata sullasse oppositivo Schemi - costruiti a partire da categorie cognitive distinti in tre livelli di astrazione - versus Simili - intesi come riproduzioni parziali di uno spettacolo ottico delloggetto noto

55 Gruppi di trasformazioni geometriche

56 DAL TOPOLOGICO AL TOPOGRAFICO

57 I METODI ICONICI Nozione di serie di interpretanti

58

59 lAtlante Mnemosyne di Aby Warburg I pannelli costituenti un costruendo Atlante della Memoria iconografica in uso presso la cerchia di studiosi della Kulturwissenschaftliche Bibliothek Warburg di Amburgo

60

61

62

63

64

65 Definizione finale - INTERPRETANTE INTERPRETANTE (in relazione allaccezione di Ch. S. Pierce) sarà qui inteso come ogni testo (di qualunque natura) connesso a un testo o oggetto dato e inteso come tappa di una serie di testi delineanti un processo interpretativo per selezione di sensi. Il significato del testo di partenza potrà essere inteso come lintegrale dei suoi interpretanti (serie [fuga] degli interpretanti]


Scaricare ppt "Rappresentazioni tecniche 3 SEMIOGRAFIE 1: sistemi notazionali nel progetto Corso di Disegno del corso di Laurea Specialistica in Architettura dellUniversità"

Presentazioni simili


Annunci Google