La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA A.A. 2008-2009 LABORATORIO DI RESTAURO 3A_MICHELE ZAMPILLI MODULO DI CONSERVAZIONE E RIQUALIFICAZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA A.A. 2008-2009 LABORATORIO DI RESTAURO 3A_MICHELE ZAMPILLI MODULO DI CONSERVAZIONE E RIQUALIFICAZIONE."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA A.A LABORATORIO DI RESTAURO 3A_MICHELE ZAMPILLI MODULO DI CONSERVAZIONE E RIQUALIFICAZIONE TECNOLOGICA DEGLI EDIFICI__FRANCESCA GEREMIA TUTORS_C.CAPUTI-A.CARUSO-C.CORTESI-S.LAMBIASE ORTHO 3.04 di M. Canciani

2 IL PROGRAMMA Il programma Ortho di M. Canciani (deposito S.I.A.E del titolo Ortho, release 1.04, n del ) Effettua restituzione da singolo fotogramma, di facciate uniplanari di edifici, o con aggetti trascurabili, secondo un processo di rilievo-restituzione di tipo digitale, non convenzionale e speditivo Immagine sorgenteImmagine raddrizzata

3 SCELTA E IMPORTAZIONE DELLIMMAGINE 1_SCELTA DELLIMMAGINE. al momento della presa fotografica. inclinazione dell'asse di presa, compresa tra i 30° ed i 90°, sia sul piano verticale che su quello orizzontale. da evitare eccessive inclinazioni e la presa perfettamente ortogonale. La rotazione intorno all'asse k dell'apparecchio fotografico deve essere impedita. Focale migliore per la presa fotografica è il 35 mm per evitare effetti di distorsione 2_IMPORTAZIONE DELLIMMAGINE. Comando file – open file Caratteristiche dellimmagine. formato esteso. bmp, non compresso, a 256 colori, definizione compresa tra 150 e 600 dpi (pixel per pollice) (per il salvataggio in un formato a 256 colori in Photoshop: Immagine -> Metodo -> Scala di colore)

4 DETERMINAZIONE DELLORIENTAMENTO INTERNO 3_INDIVIDUAZIONE DI UNA COPPIE DI RETTE ORIZZONTALI E VERTICALI, necessarie per determinare lorientamento interno.. I vertici si individuano direttamente a video sullimmagine con il tasto sinistro del mouse. Limmagine può essere visualizzata nella finestra di ZOOM, con una scala di ingrandimento o riduzione definita dallutente. 4_DETERMINAZIONE DELLORIENTAMENTO INTERNO IN AUTOMATICO Definite le coppie di rette si visualizzano in automatico: centro dellimmagine (che dovrebbe coincidere con centro Oo della costruzione geometrica) la retta verticale principale, passante per la fuga delle rette verticali l'orizzonte, passante per il punto di fuga delle rette orizzontali appartenenti alla facciata i punti misuratori

5 5_EVENTUALI AGGIUSTAMENTI DEL MODELLO DI RESTITUZIONE. Modifica del centro Oo: Se si ha una sola porzione dellimmagine è necessario riposizionare il centro (cliccare tasto CENTRO ), in modo che la costruzione geometrica risulti corretta.. Editazione delle coppie di rette: Cliccando il tasto CANC si possono annullare le ultime operazioni svolte DETERMINAZIONE DELLORIENTAMENTO INTERNO 6_VISUALIZZAZIONE DELLA GRIGLIA Cliccando il tasto GRIGLIA, si può visualizzare una griglia di passo costante, in modo da verificare la corrispondenza della costruzione geometrica con gli elementi architettonici visualizzati.

6 PROCEDIMENTO DI RADDRIZZAMENTO 7_DEFINIZIONE DEL CAMPO DA RADDRIZZARE Se si vuole effettuare il raddrizzamento solo di una porzione dellimmagine: cliccare il tasto AREA, individuando due punti opposti di unarea rettangolare. 8_RADDRIZZAMENTO DELLIMMAGINE. Cliccare il tasto RADDRIZZA. Nella tendina in alto a destra è evidenziata la percentuale di elaborazione, che può essere interrotta con il tasto canc (comunque viene visualizzata la porzione dellimmagine raddrizzata sino a quel momento).

7 PROCEDIMENTO DI RADDRIZZAMENTO 9_VISUALIZZAZIONE DELLIMMAGINE RADDRIZZATA. Visualizzazione o sulla finestra di zoom o muovendo le barre di scrolling.. Cliccando velocemente 2 volte sullimmagine raddrizzata, si visualizza una griglia di passo quadrato, utile per verificare la congruità dellimmagine.. Cliccando il tasto ALTRA si può procedere allelaborazione di unaltra porzione dellimmagine.

8 MISURAZIONI SULLIIMAGINE 10_MISURAZIONI LINEARI. Cliccare il tasto MISURA. Il comando richiede lindividuazione di un segmento sullimmagine raddrizzata, di cui si conosce la dimensione reale e poi linserimento di questultima in cm. Fatto questo è possibile sapere le altre misure in scala. per esempio misurando direttamente sullimmagine un elemento, la tendina dei comandi riporterà i valori numerici di questa in scala: la dy (distanza verticale), la dx (distanza orizzontale) e langolo di inclinazione.

9 SALVATAGGIO DELLIMAGGINE 11_SALVATAGGIO DELLIMMAGINE Il comando file – salva, permette di salvare limmagine, in formato bmp nella directory desiderata.


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA A.A. 2008-2009 LABORATORIO DI RESTAURO 3A_MICHELE ZAMPILLI MODULO DI CONSERVAZIONE E RIQUALIFICAZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google