La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Politiche 2013 ora inizia il difficile! A cura di: MoVimento 5 Stelle Arezzo Arezzo 6 Gennaio 2013 – Auditorium Montetini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Politiche 2013 ora inizia il difficile! A cura di: MoVimento 5 Stelle Arezzo Arezzo 6 Gennaio 2013 – Auditorium Montetini."— Transcript della presentazione:

1 Politiche 2013 ora inizia il difficile! A cura di: MoVimento 5 Stelle Arezzo Arezzo 6 Gennaio 2013 – Auditorium Montetini

2 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Road map della giornata: 9,30 -10,30 registrazione partecipanti 10,30 – 11,00 Relazione Daniele Farsetti 11, ,00 Gruppi di Lavoro 13,00 – 14,30 Pranzo 14,30 – 15,30 Relazione gruppi di lavoro 15,30 – 17,00 Dibattito

3 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Raccolta Firme UN SUCCESSO! Ameno firme raccolte in 2 fine settimana

4 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Grande esperienza umana Collaborazione tra gruppi Coordinamento Regionale, tutto sommato funzionante Esperienza ed intelligenza condivisa

5 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Prossimi obiettivi: Presentare la lista Raccolta Fondi / acquisto materiale campagna elettorale Coordinamento campagna elettorale Coordinamento rappresentanti di lista seggi

6 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Presentazione lista: 34/35 giorno prima delle elezioni (20, 21 gennaio) devono essere consegnate le liste presso Lufficio circoscrizionale regionale (Corte di Assise di Firenze) Individuazione 2 delegati supplenti (Marco Farratini, Gabriele Sani) - Legge 10 dicembre 1993, n Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica.

7 Politiche 2013 ora inizia il difficile! - 75% 875 firme (senato) – firme (camera)

8 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Raccolta Fondi campagna elettorale Dal giorno successivo all'indizione delle elezioni politiche coloro che intendono candidarsi possono raccogliere fondi per il finanziamento della propria campagna elettorale esclusivamente per il tramite di un mandatario elettorale, il cui nome deve essere comunicato al competente Collegio regionale di garanzia elettorale (Corte di Assise di Firenze) (L. 515/1993, art. 7, comma 3); il mandatario è tenuto a registrare tutte le operazioni di raccolta di fondi in un unico conto corrente bancario o postale, nell'intestazione del quale è specificato che il titolare agisce in veste di mandatario elettorale di un candidato nominativamente indicato (L. 515/1993, art. 7, comma 4); possono versare contributi ai candidati le persone fisiche, enti ed associazioni, le società. I finanziamenti da parte di società sono ammessi solo se deliberati dallorgano sociale competente e regolarmente iscritti in bilancio (L. 195/1974, art. 7); sono vietati i finanziamenti da parte di organi della pubblica amministrazione, di enti pubblici, di società con partecipazione di capitale pubblico superiore al 20 per cento o di società controllate da queste ultime (L. 195/1974, art. 7); i contributi ricevuti e le spese sostenute per la campagna elettorale devono essere dichiarati al Collegio regionale di garanzia elettorale e, in caso di elezione, allUfficio di presidenza della Camera di appartenenza (L. 515/1993, art. 7, commi 6 e 7). Devono essere allegate inoltre le dichiarazioni previste dalla legge n. 659 del 1981 Legge 10 dicembre 1993, n

9 Politiche 2013 ora inizia il difficile! [1. Dalla medesima data di cui all'articolo 1, comma 2, è vietata la propaganda elettorale a mezzo di inserzioni pubblicitarie su quotidiani o periodici, spot pubblicitari e ogni altra forma di trasmissione pubblicitaria radiotelevisiva. Non rientrano nel divieto: a) gli annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, discorsi; b) le pubblicazioni o le trasmissioni destinate alla presentazione dei programmi delle liste, dei gruppi di candidati e dei candidati; c) le pubblicazioni o le trasmissioni di confronto tra più candidati. 11. Tipologia delle spese elettorali. 1. Per spese relative alla campagna elettorale si intendono quelle relative: a) alla produzione, all'acquisto o all'affitto di materiali e di mezzi per la propaganda; b) alla distribuzione e diffusione dei materiali e dei mezzi di cui alla lettera a), compresa l'acquisizione di spazi sugli organi di informazione, sulle radio e televisioni private, nei cinema e nei teatri; c) all'organizzazione di manifestazioni di propaganda, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, anche di carattere sociale, culturale e sportivo; d) alla stampa, distribuzione e raccolta dei moduli, all'autenticazione delle firme e all'espletamento di ogni altra operazione richiesta dalla legge per la presentazione delle liste elettorali; e) al personale utilizzato e ad ogni prestazione o servizio inerente alla campagna elettorale. Legge 10 dicembre 1993, n

10 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Pubblicità e controllo delle spese elettorali di partiti, movimenti, liste e gruppi di candidati. I rappresentanti di partiti, movimenti, liste e gruppi di candidati presenti nell'elezione per la Camera dei deputati o per il Senato della Repubblica devono presentare ai Presidenti delle rispettive Camere, entro quarantacinque giorni dall'insediamento, per il successivo invio alla Corte dei conti, il consuntivo relativo alle spese per la campagna elettorale e alle relative fonti di finanziamento. I candidati non eletti sono tenuti soltanto alla dichiarazione al Collegio di garanzia elettorale (L. 515/1993, art. 7, comma 7). Legge 10 dicembre 1993, n art. 7, comma 12 Per quanto riguarda le spese dei singoli candidati, la legge n. 515 prevede che esse non superare possono l'importo massimo derivante dalla somma della cifra fissa di euro per ogni circoscrizione (o collegio) elettorale e della cifra ulteriore pari al prodotto di euro 0,01 per ogni cittadino residente nelle circoscrizioni (o collegi) elettorali nei quali il candidato si presenta Le spese per la propaganda elettorale direttamente riferibile al candidato, ancorché sostenute dai partiti di appartenenza, dalle liste o dai gruppi di candidati, sono computate, ai fini del limite di spesa di cui al comma 1, tra le spese del singolo candidato, eventualmente pro quota. Tali spese debbono essere quantificate nella dichiarazione di cui al comma 6.

11 Politiche 2013 ora inizia il difficile! In caso di mancato deposito presso il Collegio regionale di garanzia elettorale di cui all'articolo 13 della dichiarazione di cui all'articolo 7, comma 6, il Collegio regionale applica la sanzione amministrativa pecuniaria da lire cinquanta milioni a lire duecento milioni. Comma così modificato dall'art. 1, L. 31 dicembre 1996 Alla dichiarazione debbono essere allegate in copia le dichiarazioni inviate al Presidente della Camera dei deputati relative ai contributi ricevuti anche al di fuori della campagna elettorale - che superino da parte di una singola fonte in un anno la somma di euro (L. 659/1981, art. 4, terzo comma8; L. 441/1982, art. 2, comma 2). Lobbligo di dichiarazione sussiste a carico sia di chi riceve, sia di chi eroga il finanziamento Tutte le pubblicazioni di propaganda elettorale a stampa o con diffusione radiotelevisiva debbono indicare il nome del committente responsabile. I giornali, le stazioni radiotelevisive e chiunque altro produce materiale propagandistico debbono inoltre accertarsi che i relativi ordini siano effettuati dai segretari amministrativi dei partiti o da loro delegati o direttamente dai candidati o dai loro mandatari, cui sono tenuti ad emettere fattura.

12 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Oltre alle informazioni previste dalle leggi n. 659 e n. 441, alla dichiarazione deve essere allegato un rendiconto relativo ai contributi e servizi ricevuti ed alle spese sostenute, nel quale vanno riportati i contributi e servizi provenienti dalle persone fisiche, se di importo o valore superiore a euro, e tutti i contributi e servizi di qualsiasi importo o valore provenienti da soggetti diversi. Alla dichiarazione devono essere inoltre allegati gli estratti del conto corrente bancario e postale utilizzati (L. 515/1993, art. 7, comma 69). Entro 120 giorni dalle elezioni, qualsiasi elettore può presentare al Collegio esposti sulla regolarità delle dichiarazioni e dei rendiconti presentati. Se il Collegio non ne contesta la regolarità all'interessato entro 180 giorni dalla ricezione, i documenti presentati si considerano approvati.

13

14 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Accesso ai mezzi di informazione. [ Gli editori di quotidiani e periodici, i titolari di concessioni e di autorizzazioni radiotelevisive in ambito nazionale o locale […] i quali intendano diffondere o trasmettere a qualsiasi titolo propaganda elettorale nei trenta giorni precedenti la data delle votazioni per l'elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica, devono darne tempestiva comunicazione sulle testate edite o nell'ambito della programmazione radiotelevisiva, per consentire ai candidati, alle liste, ai gruppi di candidati a livello locale nonché ai partiti o ai movimenti politici a livello nazionale, l'accesso agli spazi dedicati alla propaganda in condizioni di parità fra loro. Larco temporale di regolamentazione della propaganda per i periodi elettorali ha inizio dalla data di convocazione dei comizi elettorali (L. 28/2000, art. 4). Informatevi nelle vostre televisioni locali

15 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Le emittenti locali devono garantire nella trasmissione sia di programmi di informazione, nel rispetto della libertà di informazione, sia di programmi di comunicazione politica, i princìpi fondamentali del pluralismo – che deve esplicarsi attraverso la parità di trattamento – dellobiettività, dellimparzialità e dellequità (L. 28/2000, art. 11-quater29). Pensate per ogni gruppo ad un addetto stampa che si relazioni con i media Sono programmi dinformazione: il telegiornale, il giornale radio e comunque il notiziario o altro programma di contenuto informativo […] Sono considerati programmi di comunicazione politica quelli in cui assuma carattere rilevante lesposizione di opinioni e valutazioni politiche manifestate attraverso tipologie di programmazione che comunque consentano un confronto dialettico tra più opinioni, anche se conseguito nel corso di più trasmissioni (L. 28/2000, art.11-ter). Per garantire la parità di trattamento e limparzialità a tutti i soggetti politici

16 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Dalla data di presentazione delle candidature fino alla chiusura della campagna elettorale, le emittenti locali possono trasmettere messaggi politici autogestiti sia a pagamento, sia a titolo gratuito (Codice di autoregolamentazione delle emittenti locali, artt. 5-6; Autorità garanzie comunicazioni, deliberazione 3 febbraio 2006, art ) Alle emittenti locali che accettano di trasmettere messaggi politici autogestiti a titolo gratuito si applica la disciplina di cui allart. 4, commi 3 e 5, della L. 28/2000 (si veda, in proposito, il paragrafo 3.3 e la deliberazione dellAutorità garanzie comunicazioni, 3 febbraio 2006, artt ). Le emittenti locali che trasmettono gratuitamente messaggi autogestiti hanno diritto ad un rimborso da parte dello Stato, nella misura annualmente definita con decreto del ministro delle comunicazioni (L. 28/2000, art. 4, comma 5). Informatevi nelle vostre televisioni locali

17 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Comunicazione politica su quotidiani e periodici in periodo elettorale Devono essere consentite ai candidati ed alle liste condizioni di parità di accesso, mediante comunicazione degli spazi disponibili, secondo modalità stabilite dallAutorità per le garanzie (L. 28/2000, art. 7; Autorità garanzie comunicazioni, deliberazione 3 febbraio 2006, artt ). Informatevi presso i quotidiani locali Comunicazione istituzionale Dalla data di convocazione dei comizi elettorali la legge vieta a tutte le pubbliche amministrazioni di svolgere attività di comunicazione, compresa quella relativa allattività istituzionale dellente. E previsto che le emittenti radiotelevisive anche private informino i cittadini sulle modalità di voto e sugli orari di apertura dei seggi (L. 28/2000, art. 9)

18 Politiche 2013 ora inizia il difficile! comizi e riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico: possono avere luogo a partire dal 30°giorno antecedente la data delle elezioni (L. 130/1975, art. 7, primo comma) e sono vietati nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per le elezioni (L. 212/1956, art. 9, comma 1). Sono qualificate come elettorali, agli effetti dellapplicazione dellultimo comma dell'art.18 del T.U. 18 giugno 1931, n. 773 delle leggi di pubblica sicurezza, solamente quelle riunioni che si svolgono dal 30° giorno antecedente la data fissata per le elezioni, fino alle ore 24 del venerdì precedente la data della votazione. Pertanto solo durante questo periodo, i promotori delle riunioni in luogo pubblico sono esentati dallobbligo di darne avviso al Questore almeno con tre giorni di anticipo.

19 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Agevolazioni postali e fiscali, erogazioni liberali I candidati alle elezioni politiche usufruiscono, nei trenta giorni precedenti la data delle elezioni, di una tariffa postale agevolata per linvio di materiale elettorale, in misura proporzionale al numero degli elettori iscritti nel collegio o nella circoscrizione elettorale del candidato (L. 515/1993,art. 17). Nei 90 giorni precedenti le elezioni, beneficiano dellaliquota IVA ridotta al 4% i seguenti beni e servizi, utilizzati per la campagna elettorale, commissionati dai partiti e dai movimenti, dalle liste di candidati e dai candidati (L. 515/1993, art. 18): il materiale tipografico, inclusi carta e inchiostri in esso impiegati; lacquisto di spazi daffissione, di comunicazione politica radiotelevisiva, di messaggi politici ed elettorali sui quotidiani e periodici; laffitto dei locali e gli allestimenti e i servizi connessi a manifestazioni. La propaganda elettorale, effettuata nelle forme previste dalla legge n. 212 del 1956 e in conformità con essa, è esente dallimposta comunale sulla pubblicità.

20 Politiche 2013 ora inizia il difficile! DalIa data di indizione dei comizi elettorali per il rinnovo delle Camere, i comuni sono tenuti a mettere a disposizione dei partiti e movimenti politici presenti nella competizione elettorale i locali di loro proprietà già predisposti per conferenze e dibattiti (L. 515/1993, art. 19, comma 1). Alcune disposizioni della legge n. 212 del 1956 disciplinano la predisposizione da parte dei comuni di speciali spazi da destinare ai mezzi di propaganda tradizionale (affissione di stampati, giornali murali e manifesti di propaganda), (L. 212/1956, art. 2) e la loro ripartizione fra coloro che partecipano alla competizione elettorale e i soggetti che ne facciano richiesta (L. 212/1956, artt. 3, 4 e 5).

21 Politiche 2013 ora inizia il difficile! Rappresentanti di lista ai seggi elettorali Reclutamento Formazione Coordinamento su base circoscrizionale (regione) Raccolta Fondi / Acquisto materiale Manifesti Volantini Ecc ecc Comunicazione esterna Addetti stampa Video promozionali www. TOSCANA 5 STELLE Gruppi di lavoro: Candidati Gruppo di Lavoro Meetup Gruppo di Lavoro Meetup

22 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Politiche 2013 ora inizia il difficile! A cura di: MoVimento 5 Stelle Arezzo Arezzo 6 Gennaio 2013 – Auditorium Montetini."

Presentazioni simili


Annunci Google