La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Paolo Ferri Professore Associato Università degli Studi Milano Bicocca L'apprendimento nell'era digitale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Paolo Ferri Professore Associato Università degli Studi Milano Bicocca L'apprendimento nell'era digitale."— Transcript della presentazione:

1 Paolo Ferri Professore Associato Università degli Studi Milano Bicocca L'apprendimento nell'era digitale

2 2. COME CAMBIA IL MODO DI APPRENDERE? 3. COSÈ IL WEB 2.0? 4. LA DIDATTICA DIGITALE DENTRO LAULA 1. COME CAMBIANO LEDUCAZIONE E LA FORMAZIONE NELLERA DIGITALE? …Alcune domande: 5. COME SI PUO INTEGRARE DIDATTICA ON-LINE E IN PRESENZA? IL MODELLO BLENDED

3 1. COME CAMBIANO LEDUCAZIONE E LA FORMAZIONE NELLERA DIGITALE? La didattica digitale oltre laula

4 Il cambiamento della formazione Le più grandi istituzioni universitarie internazionali (MIT, Open University, UOC - La Universitat Oberta de Catalunya, Stanford, Harvard) hanno già da tempo avviato progetti di integrazione nellofferta didattica attraverso gli strumenti messi a disposizione dalle tecnologie digitali di gestione della didattica e della formazione on-line (Nacamulli, 2003, Ferri 2005, Ferri, 2008, per una trattazione più specifica dei casi di eccellenza internazionale)

5 Linnovazione nel campo delle tecnologie didattiche e delle metodologie di erogazione on-line e in forma blended della didattica rappresenta anche secondo lOCSE uno dei punti cardine della competitività e la sostenibilità economica delle singole istituzioni universitarie, così come per i sistemi universitari dei paesi avanzati (OCDE 2005). Le direttive OCDE Innovazione, tecnologia e qualità al servizio della didattica

6 6Università Milano Bicocca7 Novembre 2008 Nativi digitali VS immigranati digitali: appropriazione digitale molto precoce (0-6 anni) Relazione tra utente e artefatto tecnologico – Modellamento (modelling) – Esplorazione spontanea – Esplorazione guidata – per loro è lambiente normale di appredimento

7 Spesa totale la scuola dei paesi OCSE sul totale della spesa pubblica (Education at a Glance, OCSE 2009)

8 Investimenti nella scuola (Education at a Glance, OCSE 2009)

9 In Italia la scolarizzazione superiore è ancora decisamente inferiore alla media europea: rilevanti margini di crescita e opportunità di business per gli editori Dati OCSE Education at Glance 2009OCSE Education at Glance 2009

10 I sistemi di acquisto e finanziamento nella scuola A) Decisore dacquisto è insegnante Acquirenti sono le famiglie ITALIA SPAGNA FRANCIA (Solo Superiori) USA (Solo College) B) Linsegnante decide ladozione, le istituzioni scolastiche acquistano i libri e li danno in uso agli studenti FRANCIA (Fino alle Superiori) UK GERMANIA NORD EUROPA USA (Fino al College) C) Linsegnante decide lacquisto, le famiglie acquistano e lo stato rimborsa ITALIA (Solo Primaria) In FRANCIA cè regolazione massima da parte del ministero, fino a definizione di pagina per unità didattica = mercato più piccolo Le dimensioni del mercato delladozionale si riducono più si passa da A a B In parallelo si sviluppa un afternoon market.

11 1/28/ Americans online by age Chart 1: Percentage of Americans online by age (Teens, 12-17, Nov Feb. 2008, margin of error = ±3%. Adults, December 2008, margins of error differ by subgroup. See methodology). Generations Online in 2009

12 1/28/ Activity diagram: Overall online pursuits Generations Online in 2009 Source: Qualitatively based on the combination of activities pursued by the majority (at least 50%) of each generation, based on type of activity. See next slide for more detail.

13 Oltre i libro misto: gli ambienti virtuali per lapprendimento

14 Il celluare come strumento di apprendimento

15

16 Naviga in internet in compagnia dei suoi figli/nipoti?

17 I suoi figli/nipoti navigano in internet?

18 6. Quali di questi gadget tecnologici sono usati dai tuoi bambini? 1 Nintendo DS: 26%790 2 Sony Playstation: 16%496 3 Nessuno di questi: 14%420 4 Nintendo Wii: 13%383 5 telefono cellulare: 10%302 6 iPod: 9%261 7 Sony PSP: 8%246 8 My Life: 2%74 9 Digiblast: 2%

19 Immigranti e nativi digitali: Capacità comunicative e stili di ammprendimento quote Veen, W. & Vrakking, B. (2006). Homo Zappiens, Growing up in a Digital Age. London, Network Continuum Ed Digital immigrants Codice alfabetico Apprendimento lineare Stile comunicativo uno a molti Apprendimento per assorbimento Internalizzazione riflessione Autorità del testo Primo leggere Digital native Codice digitale Apprendimento Multitasking Condividere e creare la conoscenza (Mp3 Wikipedia) Apprendere ricercando giocando esplorando Esternalizzazionie dellapprendimento Comunicazione versus riflessione No autorità del testo multicodicalità Connettersi navigare ed esplorare

20 LA NUOVA CULTURA PARTECIPATIVA DEI NATIVI Gioco Simulazione Performance Appropriazione Multitasking Negoziazione Conoscenza distribuita Intelligenza collettiva Giudizio critico Navigazione transmediale Networkig E807E1B0AE4E%7D/JENKINS_WHITE_PAPER.PDF

21 2. COME CAMBIA IL MODO DI APPRENDERE: I NATIVI DIGITALI La didattica digitale oltre laula

22 Dallapprendimenti alfabetico per accumulazione Possibilità escluse Sintesi memoriale 4 P Possilità aperte f s1 s2 s3

23 Dal book alleBook

24 Allapprendimento multitasking per navigazione/cooperazione 1 Testualità lineare infinito Lessìe

25 The machine is Us/ing Us

26 3. COSÈ IL WEB 2.0? La didattica digitale oltre laula

27 Web 1.0 Web 2.0

28 Web 2.0 = Web is You!

29

30 La banda larga

31

32

33 Cosa possiamo fare con la banda larga?

34 4. LA DIDATTICA DIGITALE DENTRO LAULA Spazi della didattica e strumenti digitali in aula

35 2. La didattica digitale digitale dentro laula Spazi della didattica e strumenti digitali in aula

36

37 And what about schools?

38

39

40

41 wireless

42

43 Il laboratorio portatile

44 Copertura wireless in aula

45 Copertura wireless del campus

46 Dalla lavagna tradizionale…

47 LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE La didattica digitale oltre laula

48 Evaluation of the Primary Schools Whiteboard Expansion Project Report to the Department for Children, Schools and Families, July 2007 Bridget Somekh, Maureen Haldane, Kelvyn Jones, Cathy Lewin, Stephen Steadman, Peter Scrimshaw, Sue Sing, Kate Bird, John Cummings, Brigid Downing, Tanya Harber Stuart, Janis Jarvis, Diane Mavers and Derek Woodrow Centre for ICT, Pedagogy and Learning Education & Social Research Institute, Manchester Metropolitan University partners.becta.org.uk/upload.../whiteboards_expansion_summary.doc

49 Vantaggi in test sperimentali sulle scienze

50 Vantaggi in test sperimentali sulla matematica

51 Vantaggi in test sperimentali inglese

52 Vantaggi in test sperimentali scrivere

53 I vantaggi della LIM

54

55

56

57 I NETBOOK La didattica digitale oltre laula

58 Netbook

59

60

61 Scuola di Galadima

62

63

64 5. COME SI PUO INTEGRARE DIDATTICA ON-LINE E IN PRESENZA? IL MODELLO BLENDED La didattica digitale oltre laula

65 Un modello risultante per le-learning

66 VLE e amineti vituali di apprendimento

67 Apprendere con i learning object 1.0 o 2.0 In generale, i modelli sono forme miste di: Didattiche espositive: costruite attraverso lerogazione di materiali didattici digitali, cioè Learning Object preconfigurati ad hoc che di fatto sostituiscono o integrano le parti di contenuto generalmente spiegate a lezione

68 Nel Usa e nel mercato internazionale è un realtò

69 Le-textbook è già tra noi: coursesmart i maggior corsi per il college in formato digitale a 50% del costo

70 CourseSmart Provides Digital Editions of the Most Popular College Textbooks

71 On content Web Based cooperare e costruire on-line

72 Shopping List for the Ultimate Digital Textbook Nonprofit group Project Tomorrow surveyed 281,000 students from K–12 in all 50 U.S. states; offered ideas from students in grades 6–12 about desired features and functionality of digital textbooks: Ability to personalize book with highlights and notes (63%) Self-assessment (62%) or self-paced tutorials (46%) Links to real-time data like NASA and Google Earth (52%) Tap into an online tutor whenever necessary (53%) Link to PowerPoints of lectures supporting content (55%) Explore concepts through games (57%) or animations and simulations (55%) Access videos (51%), videoconferences (30%), podcasts from subject experts (34%) Create own podcasts or videos to support learning (48%)

73 3. La didattica blended in Bicocca

74

75 Piattaforma Corso tecnologie didattiche tion&op=organization Esempi di LO me=organization&op=organization Alcuni esempi

76 Vincoli della didattica in presenza e in rete Dimensione del Vincolo Aula fisicaAula virtuale Accessibilità- Orario delle lezioni - possibilità di raggiungere la sede. -Disponibilità della rete -possibilità di fruizione in base alle caratteristiche tecniche della macchina utilizzata Azione- Definita dalla conduzione del docente - dalle risorse e strumenti disponibili. Definiti dagli strumenti disponibili e dalle opzioni presenti in essi. Comunicazione-Definita dallapertura al dialogo da parte del docente -dagli spazi seminariali dedicati agli scambi tra pari Definito dalla presenza o meno di spazi di comunicazione, dalle funzioni integrate in essi - nei sincroni, dalla predisposizione di appuntamenti

77 AdminDeliveringE-moderatingMonitoringAssessment Configurazione generale Amministrazione contenuti Moderazione degli ambienti di comunicazione asincroni Statistiche di accesso generali Creazione e gestione dei test Creazione corsiCreazione aggiornamento oggetti didattici (learning object) Creazione e moderazione di eventi sincroni Statistiche di utilizzo di ogni area Creazione e gestione di strumenti di assessment Creazione utentiPredisposizione dello scaffolding informativo Amministrazione degli strumenti di comunicazione in rapporto agli studenti Report automatici di utilizzo per aree Gestione del registro elettronico dei voti Gestione iscrizioni/associa zioni utenti-corsi Predisposizione delle parti informative Moderazione delle situazioni collaborative di gruppo Report automatici di profilatura dsuo degli utenti (clustering) Erogazione contenuti somministrazione di strumenti di monitoraggio (questionari)

78 delivery admin monitoring assessment e-moderating Ruolo di sistema Ruolo disciplinare Docente Progettista didattico Amministratore di piattaforma LMS Amministratore del server Progettista di contenuti E-tutor Ospite Osservatore Mentore Helpdesk Studente fruizione Helpdesk Progettista didattico

79 Il triangolo doro delle-Learning LMS LO TUTOR/ TEACHER $ $ $

80 SOCIETA DELLINFORMAZIONE SISTEMA FORMATIVO UNIVERSITARIO STUDENTI DOCENTI DIDATTICA AMBIENTE LMS Caratteristiche proprie: - Stile frequenza - Spazio/tempo - Stile apprendimento - relazione Caratteristiche proprie: - metodologia didattica - Spazio/tempo - Stile insegnamento - relazione Mutamenti: - Evoluzione NT - diffusione reti - rapporto spazio/tempo Istanze: - regolamenti - infrastrutture - cultura - HR SISTEMA ATTORI Fitting tra ambiente LMS, modello didattico e complessità del sistema

81 Dati sulla Bicocca dal Nucleo di valutazione IV parte – Indagine sugli iscritti Tabella 10: Se la Sua facoltà glielo proponesse, sarebbe interessato a seguire corsi on- line, per tipo di attività lavorativa ,864,2 Totale 82443,057,0 Nessuna 31144,155,9 Occasionale, saltuario, stagionale 49134,665,4 Continuità a tempo parziale 42317,083,0 Continuità a tempo pienoAttività lavorativa NoSì N Percentuale

82 Insegnamento/apprendimento è un processo emergente, sociale e culturalmente situato Le comunità di pratiche (docenti, studenti) devono poter gestire questo processo complesso e articolato Le comunità di pratiche devono trovare un equilibrio tra programmazione e processi emergenti, rimodellando progressivamente il setting didattico Wenger E., Communities of practice, Learning, meaning, and identity Cambridge University Press, 1998 Le Piattaforme di E-learning CSCL e LCMS permettono di gestire lapprendimento come un processo emergente di rappresentare e mettere in circolo la conoscenza emergente di gestire la conoscenza tacita dei docenti e degli studenti trasformandola in costruzione cooperativa del sapere Un approccio costruttivista alle-learning: flessibilità cognitiva e ipertestualità

83 I modelli didattici: le blended solution I modelli didattici variano a seconda di diversi fattori quali il numero di studenti, la possibilità di riproporre e riutilizzare nel tempo gli stessi contenuti, la disponibilità a seguire studenti o gruppi di studenti che praticano attività on line. In generale, i modelli sono forme miste di: Didattiche attive E-tievities Didattiche espositive LO

84 Apprendere dai Learning Object La creazione di LO come integrazione del testo e non come sostituzione permette di: – Aumentare lefficacia didattica delloggetto stesso, che sfrutta la multimedialità e aggiunge interattività al testo; – potenziare lefficacia del libro di testo per le parti che effettivamente vengono apprese meglio attraverso la lettura di un testo approfondito; – Abbassare i costi di produzione dei Learning Object relativi ad un insegnamento, diminuendo il numero di oggetti creati. Pochi Learning object di qualità che affiancano testi di qualità per una didattica efficace a costi ragionevoli.

85 Esempi di Learning Object – LEARNING OBJECT sperimentati: – brevi video, immagini e animazioni ad alta risoluzione – Tutorial sulluso di uno strumento o risoluzione di un problema – Registrazioni di audio/video di porzioni di lezioni o conferenze – Contenuti erogati in forma ipertestuale

86 Apprendere dalle e-tivities – La creazione di e-tivities permette di: – Aumentare le occasioni di apprendimento attivo, collaborativo e coooperativo, che permettono di migliorare lefficacia della didattica; – Abbassare il fenomeno del drop-out, permettendo anche ai non frequentanti di sentirsi protagonisti dellattività; – -Migliorare la dimensione relazionale tra gli studenti e il corpo docente e tra gli studenti stessi, riavvicinando alluniversità gli studenti non frequentanti e permettendo di stabilire una comunicazione positiva tra i soggetti coinvolti nel processo didattico;

87 Esempi di e-tivities – E-TIVITIES sperimentate: – Studio di caso (individuale o di gruppo) – Progetto (individuale o di gruppo) – Field trip (costruzione di un testo corredato di risorse esemplificative) – Test on line – Relazione scritta – Esercizi (specifici per disciplina) – Webquest (ricerca mirata sul web) – Gruppi di discussione


Scaricare ppt "Paolo Ferri Professore Associato Università degli Studi Milano Bicocca L'apprendimento nell'era digitale."

Presentazioni simili


Annunci Google