La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ipotermia i pazienti non sono morti fino a quando non sono caldi e morti (Donna 29 anni 40 min immersa con temperatura corporea scesa a 13,7 °C). Lipotermia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ipotermia i pazienti non sono morti fino a quando non sono caldi e morti (Donna 29 anni 40 min immersa con temperatura corporea scesa a 13,7 °C). Lipotermia."— Transcript della presentazione:

1 Ipotermia i pazienti non sono morti fino a quando non sono caldi e morti (Donna 29 anni 40 min immersa con temperatura corporea scesa a 13,7 °C). Lipotermia è la condizione definita da una temperatura centrale inferiore ai 35° C e si dice severa al di sotto dei 30°C. Nei Paesi a clima freddo lipotermia accidentale severa rappresenta un problema frequente e clinicamente impegnativo che richiede un trattamento medico rapido e lutilizzo di tecniche specialistiche. Può essere una condizione primitiva, conseguente ad immersione in acqua fredda o ad incidenti alpinistici (caduta in crepaccio, seppellimento da valanga, esposizione prolungata a basse temperature), o essere la complicanza di stati patologici quali disturbi metabolici, disturbi del sistema nervoso centrale, intossicazione da alcool e/o farmaci. Lorganismo umano è definito omeotermo perché mantiene costante la sua temperatura centrale al variare della temperatura ambiente, grazie allequilibrio tra termogenesi e termolisi. La termogenesi viene determinata dallattività metabolica dei tessuti sotto linfluenza di diverse variabili, aumento tono muscolare fino al brivido, regolazione del tono vasale (vasocostrizione) e della portata cardiaca, aumento del metabolismo basale. La termolisi consiste, invece, nella dispersione del calore, prevalentemente tramite la cute grazie ai meccanismi di evaporazione, radiazione, convenzione e conduzione Lequilibrio tra i due sistemi è sotto controllo del sistema nervoso centrale: lipotalamo. Vengono proposte diverse classificazioni per definire il grado di ipotermia, noi riportiamo quello dellICAR Medicom (commissione medica internazionale del soccorso alpino) una classificazione semplice di V stadi correlati alla temperatura (rilevata allesofsgo – timpano) ed ai sintomi.

2 Valutazione indice windchill

3 Classificazione Ipotermia ipotermiaTraumaNon Trauma Lieve - HT I34-36 C°35-32 C° Moderata - HT II34-32 C°32-28 C° Severa - HT III< C° Profonda - HT IV20-13,7 C° Estrema - HT V< 13,7 C°

4 Stadi Stadio I: paziente cosciente, tremore muscolare (temperatura centrale inferiore 35°-32°C) Stadio II: paziente sonnolento, senza tremore muscolare (temperatura centrale inferiore 32°-28°C) Stadio III: paziente inconsciente (temperatura centrale inferiore 28°-20°C) Stadio IV: arresto cardiorespiratorio (temperatura centrale inferiore 20°-13,7°C) Stadio V: Morte < 13,7 C°

5 Curva sopravvivenza

6 SISTEMA CARDIOVASCOLARE 1 Alterazioni dell ECG ipotermia moderata - ipotermia grave.Bradicardia (a 27 °C <40 b/min). F V 25 °C. Blocco sen atriale. Onde bizzarre. FA 30 °C. BAV. Ritmo nodale. Allargamento onda R. Allungamento tratto QT. Aumento tratto ST- T. Ritmo idioventricolare 10 b/min. Onda J Osborn

7 SISTEMA CARDIOVASCOLARE 2 Alterazioni Emodinamiche.CO.SVR.a-v DO2.HR (effetto inotropo negativo).VO2.PA.CVP –PAOP.Viscosità ematica. Vasoplegia cutanea N.B in un cuore ipotermico le manovre di recupero e la RCP possono innescare una FV!

8

9

10 . Frequenza respiratoria.Spazio morto.Volume corrente. PaO2.Compliance (modificazione surfactante).PaCO2.Diffusione alveolo capillare Apparato Respiratorio

11 S.N.C a)Iperventilazione b)Depressione del centro del respiro. Acidosi. Ipossia c) Apnea immediata Stimolazione recettori cutanei) T centrale < 35. Disartria. Alterazione capacità memorizzazione. Reazione ritardate. Riduzione – assenza dellattenzione. Amnesia. Confusione - delirio T centrale < 30. Incoscienza T centrale < 27. Perdita dei riflessi

12 Ipotermia I – II (reagisce) Evitare movimenti importanti. Riparazione dal vento. Involucro termico. Bevande calde senza alcool. Ipotermia III (non regisce) Evitare grandi movimenti. Riparazione dal vento. Involucro termico in stabile posizione di fianco (se non intubato). Osservazione rigorosa, controllo del polso e della respirazione. Misurazione della temperatura centrale (termometro timpano). Inalazione di ossigeno. Trasporto in elicottero in un ospedale dotato di personale medico e paramedico con esperienza nel campo del ipotermia. Ipotermia IV (arresto cardiocircolatorio) Rianimazione cardiopolmonare senza interruzioni. Trasporto in elicottero in un ospedale dotato di apparecchiature per circolazione extracorporea Misure di pronto soccorso per il trattamento dell'ipotermia

13 Algoritmo per il trattamento preclinico di pazienti travolti da una valanga.


Scaricare ppt "Ipotermia i pazienti non sono morti fino a quando non sono caldi e morti (Donna 29 anni 40 min immersa con temperatura corporea scesa a 13,7 °C). Lipotermia."

Presentazioni simili


Annunci Google