La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le Onde DUrto La Diagnostica per Immagini delle Patologie Ortopediche di applicazione delle Onde dUrto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le Onde DUrto La Diagnostica per Immagini delle Patologie Ortopediche di applicazione delle Onde dUrto."— Transcript della presentazione:

1 Le Onde DUrto La Diagnostica per Immagini delle Patologie Ortopediche di applicazione delle Onde dUrto.

2 Le Onde DUrto Da un punto di vista fisico sono definite come onde acustiche ad alta energia. Sono, impulsi pressori con tempi brevissimi di salita del fronte (10 miliardesimi di secondo) e di durata (dellordine di milionesimi di secondo) che generano una forza meccanica diretta con l'obiettivo principale di trasferire energia sui tessuti corporei, per stimolarne i processi riparativi. Da un punto di vista fisico sono definite come onde acustiche ad alta energia. Sono, impulsi pressori con tempi brevissimi di salita del fronte (10 miliardesimi di secondo) e di durata (dellordine di milionesimi di secondo) che generano una forza meccanica diretta con l'obiettivo principale di trasferire energia sui tessuti corporei, per stimolarne i processi riparativi.

3 ESWT La terapia con onde d'urto o ESWT (Extracorporeal ShockWave Therapy) sfrutta il fenomeno della cavitazione provocato da onde acustiche percettibili ad elevata intensità per curare patologie litiasiche delle vie urinarie, patologie ortopediche e neurologiche. La terapia con onde d'urto o ESWT (Extracorporeal ShockWave Therapy) sfrutta il fenomeno della cavitazione provocato da onde acustiche percettibili ad elevata intensità per curare patologie litiasiche delle vie urinarie, patologie ortopediche e neurologiche. Le onde d'urto rappresentano una terapia non invasiva pressoché priva di effetti collaterali e ripetibile. Le onde d'urto rappresentano una terapia non invasiva pressoché priva di effetti collaterali e ripetibile. Negli ultimi dieci anni si stanno impiegando con successo in ambito ortopedico per il trattamento di patologie muscolo-scheletriche. Le onde d'urto producono microtraumi in grado di accelerare i processi biologici di riparazione dei tessuti: si attivano le forze di auto-guarigione, il metabolismo migliora, l'irrorazione sanguigna aumenta e il tessuto danneggiato si rigenera e guarisce. Negli ultimi dieci anni si stanno impiegando con successo in ambito ortopedico per il trattamento di patologie muscolo-scheletriche. Le onde d'urto producono microtraumi in grado di accelerare i processi biologici di riparazione dei tessuti: si attivano le forze di auto-guarigione, il metabolismo migliora, l'irrorazione sanguigna aumenta e il tessuto danneggiato si rigenera e guarisce. Le onde durto per la terapia sono caratterizzate da un picco di pressione positiva seguito da una fase di pressione negativa, quindi singoli impulsi generati in rapida successione, con caratteristiche (frequenza al secondo, direzione, intensità, etc) modulabili dalla consolle. Il passaggio del fascio delle onde d'urto attraverso il tessuto patologico attiva a cascata una serie di processi biochimici che generano una risposta antinfiammatoria, antidolorifica e rigenerante (trofica) Le onde durto per la terapia sono caratterizzate da un picco di pressione positiva seguito da una fase di pressione negativa, quindi singoli impulsi generati in rapida successione, con caratteristiche (frequenza al secondo, direzione, intensità, etc) modulabili dalla consolle. Il passaggio del fascio delle onde d'urto attraverso il tessuto patologico attiva a cascata una serie di processi biochimici che generano una risposta antinfiammatoria, antidolorifica e rigenerante (trofica) Per questo motivo si ascrivono a pieno titolo al capitolo della medicina rigenerativa. Per questo motivo si ascrivono a pieno titolo al capitolo della medicina rigenerativa.

4 Le indicazioni terapeutiche sullapparato muscolo-scheletrico Tessuti ossei Ritardi di consolidamento/pseudoartrosi Necrosi asettica testa omero/femore Fratture da stress Algoneurodistrofia Patologie dei tessuti molli: Condrocalcinosi gomito, anca, ginocchio Rigidità articolare spalla/gomito/anca/gin. Calcificazione e ossificazione Miositi ossificanti Fibromatosi di muscoli, legamenti, fasce Tendinopatie dei tessuti molli Tendinopatia calcifica di spalla Epicondilite laterale di gomito Tendinite trocanterica Tendinite della zampa doca Tendinite post-traumatica di ginocchio Tendinite del rotuleo Tendinite del tendine dAchille Fascite plantare con sperone calcaneale Tessuti ossei Ritardi di consolidamento/pseudoartrosi Necrosi asettica testa omero/femore Fratture da stress Algoneurodistrofia Patologie dei tessuti molli: Condrocalcinosi gomito, anca, ginocchio Rigidità articolare spalla/gomito/anca/gin. Calcificazione e ossificazione Miositi ossificanti Fibromatosi di muscoli, legamenti, fasce Tendinopatie dei tessuti molli Tendinopatia calcifica di spalla Epicondilite laterale di gomito Tendinite trocanterica Tendinite della zampa doca Tendinite post-traumatica di ginocchio Tendinite del rotuleo Tendinite del tendine dAchille Fascite plantare con sperone calcaneale

5

6 Le Pseudoartrosi Le Pseudoartrosi Con il termine pseudoartrosi si indica una condizione provocata da una frattura che non si salda. Con il termine pseudoartrosi si indica una condizione provocata da una frattura che non si salda.frattura In una frattura che non guarisce i due monconi non tendono a consolidarsi formando il callo osseo ma creando una formazione di callo fibroso. In una frattura che non guarisce i due monconi non tendono a consolidarsi formando il callo osseo ma creando una formazione di callo fibroso.callo osseocallo fibrosocallo osseocallo fibroso

7

8

9

10 Necrosi asettica testa dellomero e del femore La necrosi asettica della testa femorale è una patologia reltivamente frequente che porta alla precoce degenerazione dell'articolazione dellanca. Ha una frequenza differente nei differenti gruppi etnici. La necrosi asettica della testa femorale è una patologia reltivamente frequente che porta alla precoce degenerazione dell'articolazione dellanca. Ha una frequenza differente nei differenti gruppi etnici. necrosi Le cause che portano allinsorgere della necrosi asettica della testa femorale sono solo in parte conosciute. Le cause che portano allinsorgere della necrosi asettica della testa femorale sono solo in parte conosciute.

11 Le forme post traumatiche, possono essere conseguenti ad episodi di lussazione dellanca o a fratture del collo femorale. Le forme post traumatiche, possono essere conseguenti ad episodi di lussazione dellanca o a fratture del collo femorale. La necrosi dopo una frattura del collo femorale trattata con osteosintesi può intervenire fino a 5 anni dopo lintervento stesso. La necrosi dopo una frattura del collo femorale trattata con osteosintesi può intervenire fino a 5 anni dopo lintervento stesso. Le cause non traumatiche sono molteplici. Le cause non traumatiche sono molteplici. in questo gruppo, in circa il 50 % dei casi la necrosi è bilaterale e la cause più frequenti sono luso prolungato di CORTISONE e lALCOLISMO. in questo gruppo, in circa il 50 % dei casi la necrosi è bilaterale e la cause più frequenti sono luso prolungato di CORTISONE e lALCOLISMO.

12

13

14

15

16 Fratture da stress Si ha una frattura quando si supera la resistenza dell'osso. In realtà non sempre la frattura è legata a un trauma evidente, ma, soprattutto in campo sportivo, può essere associata a microtraumi ripetuti. Si ha una frattura quando si supera la resistenza dell'osso. In realtà non sempre la frattura è legata a un trauma evidente, ma, soprattutto in campo sportivo, può essere associata a microtraumi ripetuti. Si tratta di lesioni che si osservono abbastanza di frequente nei reparti di traumatologia dello sport. La maggior parte di esse colpisce le strutture ossee dellarto inferiore e si manifestano soprattutto negli atleti che praticano la corsa. Si tratta di lesioni che si osservono abbastanza di frequente nei reparti di traumatologia dello sport. La maggior parte di esse colpisce le strutture ossee dellarto inferiore e si manifestano soprattutto negli atleti che praticano la corsa.

17

18

19

20

21 Le Condrocalcinosi Si tratta di una patologia, che interessa articolazioni, tendini e borse sierose, provocata dal deposito di cristalli di pirofosfato di calcio diidrato. E più frequente nel sesso femminile, dopo i 50 anni di età. Letà più frequentemente colpita è compresa comunque fra i 65 ed i 75 anni. Talora la diagnosi può essere difficoltosa, in quanto questa malattia può presentarsi con manifestazioni simili ad altre patologie infiammatorie articolari, che devono pertanto essere escluse. Condizioni che possono scatenare la fase acuta sono: traumi articolari o microtraumi ripetuti, infezioni, interventi chirurgici, trasfusioni di sangue. Si tratta di una patologia, che interessa articolazioni, tendini e borse sierose, provocata dal deposito di cristalli di pirofosfato di calcio diidrato. E più frequente nel sesso femminile, dopo i 50 anni di età. Letà più frequentemente colpita è compresa comunque fra i 65 ed i 75 anni. Talora la diagnosi può essere difficoltosa, in quanto questa malattia può presentarsi con manifestazioni simili ad altre patologie infiammatorie articolari, che devono pertanto essere escluse. Condizioni che possono scatenare la fase acuta sono: traumi articolari o microtraumi ripetuti, infezioni, interventi chirurgici, trasfusioni di sangue.

22

23

24

25

26 Le Calcificazioni E un deposito di calcio. Ciò può verificarsi per due motivi: a) le cellule tendinee si trasformano in cellule produttrici di calcio per un processo che si chiama "metaplasia" (tendinopatia calcifica); b) il tessuto tendineo degenera a causa dellinvecchiamento e dellusura, e successivamente calcifica (calcificazione degenerativa). Nel primo caso, il deposito di calcio si trova nel contesto del tendine; nel secondo, in corrispondenza dellinserzione del tendine. E un deposito di calcio. Ciò può verificarsi per due motivi: a) le cellule tendinee si trasformano in cellule produttrici di calcio per un processo che si chiama "metaplasia" (tendinopatia calcifica); b) il tessuto tendineo degenera a causa dellinvecchiamento e dellusura, e successivamente calcifica (calcificazione degenerativa). Nel primo caso, il deposito di calcio si trova nel contesto del tendine; nel secondo, in corrispondenza dellinserzione del tendine.

27

28

29

30

31

32 Le Miositi Ossificanti Leziologia di questa forma di miosite ossificante è ancora sconosciuta; si pensa che fattori come traumi, operazioni chirurgiche e danno nervoso possano rendere multipotenti le cellule mesenchimali ed indurre la trasformazione di fibroblasti in osteoblasti. Leziologia di questa forma di miosite ossificante è ancora sconosciuta; si pensa che fattori come traumi, operazioni chirurgiche e danno nervoso possano rendere multipotenti le cellule mesenchimali ed indurre la trasformazione di fibroblasti in osteoblasti. interessa più frequentemente i muscoli flessori dellavambraccio, il quadricipite femorale e ladduttore della coscia, in adolescenti o giovani adulti, con lieve prevalenza maschile. interessa più frequentemente i muscoli flessori dellavambraccio, il quadricipite femorale e ladduttore della coscia, in adolescenti o giovani adulti, con lieve prevalenza maschile.

33

34

35

36

37

38 Le Tendinopatie è la condizione clinica in cui viene coinvolto il tendine e le parti adiacenti. è la condizione clinica in cui viene coinvolto il tendine e le parti adiacenti. La tendinite è il processo infiammatorio del tendine e guaine connettive che lo avvolgono. La tendinite è il processo infiammatorio del tendine e guaine connettive che lo avvolgono. La tenosinovite o tenovaginite è uninfiammazione della guaina sinoviale che riveste il tendine. La tenosinovite o tenovaginite è uninfiammazione della guaina sinoviale che riveste il tendine. La tendinosi è un processo degenerativo cronico del tessuto tendineo. La tendinosi è un processo degenerativo cronico del tessuto tendineo.

39

40

41

42

43

44

45

46 Bibliografia - Boden BP, Osbahr DC, Jimenez C. Low-risk stress fractures. Am J Sports Med JanFeb;29(1): Boden BP, Osbahr DC, Jimenez C. Low-risk stress fractures. Am J Sports Med JanFeb;29(1): Raasch WG, Hergan DJ. Treatment of stress fractures: the fundamentals. Clin Sports Med. - Raasch WG, Hergan DJ. Treatment of stress fractures: the fundamentals. Clin Sports Med Jan;25(1):29-36, vii Jan;25(1):29-36, vii. - Tischer T, Milz S, Weiler C, Pautke C, Hausdorf J, Schmitz C, Maier M. Dose-dependent - Tischer T, Milz S, Weiler C, Pautke C, Hausdorf J, Schmitz C, Maier M. Dose-dependent new bone formation by extracorporeal shock wave application on the intact femur of rabbits. new bone formation by extracorporeal shock wave application on the intact femur of rabbits. Eur Surg Res. 2008;41(1): Eur Surg Res. 2008;41(1): Meirer R, Brunner A, Deibl M, Oehlbauer M, Piza-Katzer H, Kamelger FS. Shock wave - Meirer R, Brunner A, Deibl M, Oehlbauer M, Piza-Katzer H, Kamelger FS. Shock wave therapy reduces necrotic flap zones and induces VEGF expression in animal epigastric skin therapy reduces necrotic flap zones and induces VEGF expression in animal epigastric skin flap model. J Reconstr Microsurg May;23(4): flap model. J Reconstr Microsurg May;23(4): Martini L, Giavaresi G, Fini M, Torricelli P, Borsari V, Giardino R, De Pretto M, Remondini - Martini L, Giavaresi G, Fini M, Torricelli P, Borsari V, Giardino R, De Pretto M, Remondini D, Castellani GC. Shock wave therapy as an innovative technology in skeletal disorders: D, Castellani GC. Shock wave therapy as an innovative technology in skeletal disorders: study on transmembrane current in stimulated osteoblast-like cells. Int J Artif Organs study on transmembrane current in stimulated osteoblast-like cells. Int J Artif Organs Aug;28(8): Aug;28(8): Varner KE, Younas SA, Lintner DM, Marymont JV. Chronic anterior midtibial stress - Varner KE, Younas SA, Lintner DM, Marymont JV. Chronic anterior midtibial stress fractures in athletes treated with reamed intramedullary nailing. Am J Sports Med fractures in athletes treated with reamed intramedullary nailing. Am J Sports Med Jul;33(7): Epub 2005 May 11. Jul;33(7): Epub 2005 May Taki M, Iwata O, Shiono M, Kimura M, Takagishi K. Extracorporeal shock wave therapy for - Taki M, Iwata O, Shiono M, Kimura M, Takagishi K. Extracorporeal shock wave therapy for resistant stress fracture in athletes: a report of 5 cases. Am J Sports Med Jul;35(7):1188- resistant stress fracture in athletes: a report of 5 cases. Am J Sports Med Jul;35(7):

47 Direttore Tecnico Servizio di Diagnostica per Immagini Presidio Kennedy, Acireale. Direttore Tecnico Servizio di Diagnostica per Immagini Presidio Kennedy, Acireale. Direttore Responsabile di Radiologia Villa Sofia, Acireale. Direttore Responsabile di Radiologia Villa Sofia, Acireale. Direttore Sanitario Centro Diagnostico Multidisciplinare Multimedica, Catania. Direttore Sanitario Centro Diagnostico Multidisciplinare Multimedica, Catania.


Scaricare ppt "Le Onde DUrto La Diagnostica per Immagini delle Patologie Ortopediche di applicazione delle Onde dUrto."

Presentazioni simili


Annunci Google