La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PERCHE VALUTARE? PERCHE AUTOVALUTARE?. Tre domande di fondo: Perché proprio oggi sentiamo il bisogno di promuovere la VALUTAZIONE rendicontazione (sociale)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PERCHE VALUTARE? PERCHE AUTOVALUTARE?. Tre domande di fondo: Perché proprio oggi sentiamo il bisogno di promuovere la VALUTAZIONE rendicontazione (sociale)"— Transcript della presentazione:

1 PERCHE VALUTARE? PERCHE AUTOVALUTARE?

2 Tre domande di fondo: Perché proprio oggi sentiamo il bisogno di promuovere la VALUTAZIONE rendicontazione (sociale) nella scuola? Come caratterizzare la VALUTAZIONE rendicontazione sociale sociale allo specifico della scuola? Come caratterizzare la VALUTAZIONE rendicontazione sociale sociale allo specifico DELL ?

3

4

5

6

7

8 Perché cambiare? Perché il paradigma è cambiato … Il paradigma

9 i MANZiNi " L isule dal bon sens. " LA MISSION iNSiEME si può!

10 Veniamo da... … la frequenza di scuole comuni non implica il raggiungimento di mete culturali minime comuni. Lo stesso criterio di valutazione dellesito scolastico deve, perciò, fare riferimento al grado di maturazione dellalunno, sia globalmente sia a livello degli apprendimenti realizzati …. Relazione Falcucci 1975 Documento di indirizzo della legge 517/1977. Norme sulla valutazione degli alunni e sull'abolizione degli esami di riparazione nonché altre norme di modifica dell'ordinamento scolastico

11 Andiamo verso … Occorre dare piena e adeguata funzionalità agli strumenti e alle modalità in uso (voti, scrutini, prove oggettive, verifiche, …) e alle nuove opportunità (rilevazioni Invalsi) per accompagnare in modo trasparente e coerente il percorso di ogni singolo alunno … fissare le tappe e i traguardi da superare … responsabilizzare ogni scuola rispetto ai risultati. Atto di indirizzo 2009

12 Autonomia fra autos et nomos La responsabilità dellautonomia ha necessità di rendicontazione sociale Lautonomia non si dà ma si ottiene Lautonomia non è un regolamento La relazione scuola e comunità non si costruisce per via legislativa La vera innovazione sta nel silenzio della normativa e sempre la anticipa

13 LA DIRIGENZA SCOLASTICA

14 Vi è una correlazione tra performance delle organizzazioni e performance dei dirigenti (2010) CIVIT- Commissione indipendente per la valutazione, la trasparenza e lintegrità delle amministrazione pubbliche Delibera n. 89/2010 Indirizzi in materia di parametri e modelli di riferimento del Sistema di misurazione e valutazione della performance.

15 La nozione di stakeholder DEFINIZIONE DI STAKEHOLDER: Sono i soggetti (individui, gruppi, organizzazioni) i cui interessi sono a vario titolo coinvolti dallattività dellorganizzazione, a causa delle relazioni i scambio che intrattengono con essa o comunque a causa dei possibili effetti esterni positivi o negativi delle transazioni effettuate dallorganizzazione, che ricadono su di loro.

16 La nozione di stakeholder

17 La scuola è una comunità che vive in una comunità Una scuola nella comunità assume unidentità La scuola è luogo e tempo curato in cui attraverso il sapere si comprende un modo di stare con le persone e nel mondo. La sussidiarietà nella scuola è la de-istituzione di un modello forte o è la re-istituzione di una forza sociale

18 Molti paesi intraprendono riforme scolastiche Pochi raggiungono risultati eccellenti Un sistema scolastico che assicura i fondamentali del servizio, può puntare alleccellenza concentrando gli sforzi sui processi di apprendimento attraverso: 1 interazione tra i docenti e i dirigenti 2promozione della didattica 3sostegno allinnovazione nell insegnamento insegnamento e, 2008.

19 Insegnamento/apprendimen to

20 Le capacità non-cognitive Le capacità non-cognitive - perseveranza, - motivazione, - gestione del rischio, - stima di sé, - capacità di autocontrollo, - coscienziosità e comportamento lungimirante James J. Heckman 2008, Nobel in Economic Sciences nel 2000

21 Gli studenti

22 i docenti

23 I genitori

24 il capitale sociale

25 OUTPUT La misurazione delle conoscenze degli studenti OUTPUT Il successo scolastico OUTPUT La soddisfazione OUTCOME Le ricadute sociali PERCHE VALUTARE IL MANZINI?

26 N. studenti che abbandonano N. studenti che chiedono il trasferimento N. studenti eccellenti N. studenti con certificazioni Studenti promossi e non promossi (scrutini finali) Studenti promossi e non promossi (esami di stato) Studenti con regolarità del percorso scolastico Indice di regolarità del percorso formativo Customer Risultati nei percorsi scolastici a seguito Esiti in ambito universitario e professionale Risultati prove strutturate di apprendimento (INVALSI)

27 Raccomandazione competenze chiave Comunicazione nella madrelingua Comunicazione nelle lingue straniere Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia Competenza digitale Imparare ad imparare Competenze sociali e civiche Spirito di iniziativa e intraprendenza Consapevolezza ed espressione culturale

28 Indicazioni Nazionali - Pecup 5 aree Area metodologica Area logico-argomentativa Area linguistica e comunicativa Area storico-umanistica Area scientifica, matematica e tecnologica

29 GRAZIE PER L ATTENZIONE. Il Prof. Mattiussi


Scaricare ppt "PERCHE VALUTARE? PERCHE AUTOVALUTARE?. Tre domande di fondo: Perché proprio oggi sentiamo il bisogno di promuovere la VALUTAZIONE rendicontazione (sociale)"

Presentazioni simili


Annunci Google