La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AMBIENTE e SVILUPPO 1.Il rapporto ambiente-sviluppo è una questione relativamente recente 2.Entrambi i concetti sono ambigui - sia sul piano teorico-concettuale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AMBIENTE e SVILUPPO 1.Il rapporto ambiente-sviluppo è una questione relativamente recente 2.Entrambi i concetti sono ambigui - sia sul piano teorico-concettuale."— Transcript della presentazione:

1 AMBIENTE e SVILUPPO 1.Il rapporto ambiente-sviluppo è una questione relativamente recente 2.Entrambi i concetti sono ambigui - sia sul piano teorico-concettuale - sia sul piano delle politiche

2 SVILUPPO: una varietà di concezioni Sviluppo e Concetti vicini: Sviluppo/Crescita/Evoluzione/Progresso Lo sviluppo secondo il Paradigma della modernizzazione lo sviluppo economico (industriale e tecnologico) assicura da solo il progresso sociale e il benessere delluomo Lo sviluppo secondo il Paradigma della dipendenza sviluppo e sottosviluppo sono due processi correlati

3 Sviluppo alternativo Interpretazione contrapposta a quella tradizionale la cui idea centrale è: la superiorità dei modelli di sviluppo su piccola scala, decentralizzati, ecologici, a dimensione duomo, stabili Sviluppo dallalto Sviluppo dal basso Top-down Bottom-up

4 Tecnocentrismo Ecocentrismo Approccio tecnocentrico: Natura come valore strumentale Sviluppo inteso come crescita economica Mancanza di consapevolezza ecologica Approccio ecocentrico : Natura come modello e guida Sviluppo fondato su modelli alternativi, decentralizzati, basati sulle diversità culturali e tecnologiche Riconoscimento dipendenza dai servizi forniti dalla natura

5 Come ci si è collocati rispetto ai due estremi? APPROCCI Riparazione/Protezione ambientale (anni 60) Gestione delle risorse e del rischio (fine70/ fine 80) Sviluppo sostenibile (fine 80 ….)

6 Approccio riparazione/protezione Nasce come reazione al diffondersi degli effetti negativi sullambiente (inquinamenti) Visto come necessità di un compromesso tra ecologia e crescita economica Approccio di tipo regolativo della P.A. con prescrizioni nei confronti degli inquinatori(comando e controllo) NEPA (National Environmental Policy Act)

7 Approccio della gestione delle risorse e del rischio ambientale (anni 70-fine anni 80) 1972 Conferenza di Stoccolma sullAmbiente Umano Ricerca e sviluppo di nuove tecnologie per incrementare la conservazione delle risorse (soprattutto energetiche) Presa di coscienza necessità di fronteggiare situazioni di rischio a fronte di eventi catastrofici di orgine industriale (Seveso, ) Politiche ambientali che considerano i costi delle risorse naturali (chi inquina paga, chi usa paga)

8 La Conferenza di Stoccolma (1972) I risultati raggiunti: Istituzione dellUNEP (United Nation Environment Programme) Il problema ecologico è un problema globale Dichiarazione di Stoccolma e Piano dAzione Gli obiettivi individuati : - libertà, uguaglianza e diritto ad adeguate condizioni di vita - protezione, preservazione ed opportuna razionalizzazione delle risorse naturali a beneficio delle generazioni future - ruolo centrale della conservazione della natura nella definzione di leggi e politiche economiche

9 Sviluppo sostenibile (fine anni 80) 1987 Rapporto della Commissione Brundtland (Our Common Future) 1992 Vertice mondiale di Rio de Janeiro sullAmbiente e lo Sviluppo (Earth Summit) a Assemblea Generale delle Nazioni Unite (Rio+5 ) 2002 Vertice Mondiale di Johannesburg sullo Sviluppo Sostenibile (Rio+10)

10 Il Rapporto Brundtland (1987) 1983 Istituzione della Commissione Mondiale sullAmbiente e lo Sviluppo 1987 Il Rapporto e la definizione dello sviluppo sostenibile, attualmente più condivisa: lo sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri

11 Rio Earth Summit (1992) Lapproccio innovativo: Per la prima volta gruppi di giovani, donne, popolazioni indigene, organizzazioni non governative, autorità locali, sindacati, associazioni imprenditoriali, la comunità tecnica e scientifica, gli agricoltori e i rappresentanti delle istituzioni nazionali ed internazionali si sono riunite allo stesso tavolo a discutere di SOSTENIBILITA

12 Rio Earth Summit I risultati raggiunti: Dichiarazione sullAmbiente e lo Sviluppo Agenda 21 Dichiarazione dei principi sulle foreste Convenzione quadro sui cambiamenti climatici Convenzione sulla diversità biologica

13 La Dichiarazione sullAmbiente e lo Sviluppo Definisce in 27 punti principi e doveri delle nazioni riguardo allo sviluppo sostenibile Introduce due principi: - principio di precauzione - principio chi inquina paga

14 Agenda 21 Applicazione dei Principi della Dichiarazione di Rio E composta di 40 capitoli, raggruppati in 4 sezioni: 1) Dimensioni sociale ed economica 2) Conservazione e gestione delle risorse 3) Rafforzamento del ruolo degli attori principali 4) Strumenti di attuazione

15 Principi dello sviluppo sostenibile Integrità dellecosistema Efficienza delleconomia Equità sociale

16 Integrità dellecosistema Salvaguardia degli ecosistemi e della biodiversità Corretta utilizzazione delle risorse non rinnovabili Conservazione della capacità dellambiente di assorbire rifiuti e inquinanti (capacità di carico)

17 Efficienza delleconomia E tanto più alta quanto più è ridotto luso di risorse non rinnovabili e maggiore è luso di risorse rinnovabili (facendo attenzione che il tasso duso non ecceda il tasso di rigenerazione naturale).

18 Equità sociale Equità tra le popolazioni in un determinato momento storico (equità intra- generazionale):uguale diritto di tutti i popoli di partecipare allo sviluppo Equità tra le diverse generazioni (equità inter-generazionale): il benessere del presente non deve compromettere quello delle future generazioni

19 Sostenibilità debole o forte? La differenza si basa sulla possibilità o meno di compensazione tra gli stock di capitale naturale (stock di risorse ambientali che svolgono dei servizi per luomo) e quelli di capitale sociale (prodotto dalluomo.

20 Sostenibilità debole Secondo questa visione una società è sostenibile se non decresce linsieme delle ricchezze materiali costituite dagli stock di capitale naturale e di quello sociale (considerati in modo aggregato) si considera che il capitale naturale possa essere interamente sostituito da quello sociale

21 Sostenibilità debole la crescita economica tradizionale è avvenuta in questo modo, con le macchine che hanno sostituito la forza animale, lelettricità che ha rimpiazzato il legname come combustibile, i fertilizzanti naturali di sintesi che hanno preso il posto di quelli organici Pearce-Turner, Economia delle risorse naturali e dellambiente, 1989

22 Sostenibilità forte Secondo questa visione: devono essere mantenuti costanti gli stock di capitale naturale, indipendentemente dal capitale sociale, prodotto dalluomo, perché molti beni ambientali non possono essere attualmente sostituiti (ozono, biodiversità): una volta distrutti non esistono più

23 Sostenibilità forte Incertezza sulle modalità di funzionamento degli ecosistemi ( es. ruolo delle foreste nella regolazione del clima) e sui costi-benefici della loro sostituzione Irreversibilità del processo di sostituzione del capitale naturale (bio-diversità, foreste tropicali, ozono)

24 Sostenibilità forte Se si accetta questa visione della sostenibilità, si devono rispettare 3 regole: Usare le risorse rinnovabili ad un tasso duso non superiore al tasso di rigenerazione Usare risorse non-rinnovabili ad un tasso duso che sia compatibile con la possibilità della loro sostituzione (tecnologia, uso di risorse rinnovabili…) Mantenere il flusso di rifiuti al di sotto della capacità di assimilazione dellambiente

25 Accordi Internazionali formalizzati dopo Rio 1993 Convenzione sul Cambiamento Climatico 1994 Convenzione sulla Desertificazione 1995 Convenzione sulla Conservazione degli stock ittici 1997 Protocollo di Kyoto sul cambiamento climatico 1998 Conferenza di Buenos Aires sul cambiamento climatico

26 Protocollo di Kyoto 37 Paesi industrializzati lo hanno sottoscritto ad esclusione degli U.S.A. Obiettivo principale: Riduzione entro il 2012 delle proprie emissioni dei gas serra del 5% rispetto al livello del 1990

27 Johannesburg 2002 La posta in gioco Sovrappopolamento della Terra Aumento delle disparità fra ricchi e poveri e fra Nord e Sud del mondo Superamento della capacità di carico Depauperamento irreversibile della base delle risorse ecologiche Emergenze sanitarie Soddisfazione dei bisogni delle generazioni future

28 Johannesburg 2002 Obiettivi strategici Equità e partecipazione Integrazione e coerenza a livello internazionale Obiettivi ambientali e di sviluppo Azione efficace a livello nazionale e monitoraggio internazionale - strategie nazionali per lo sviluppo sostenibile

29 Johannesburg 2002 Temi Chiave Proteggere la base delle risorse naturali dello sviluppo economico Integrare lambiente e la lotta contro la povertà Rendere sostenibile la globalizzazione Assicurare il buon governo ed una maggiore partecipazione

30 Johannesburg 2002 Principali problemi incontrati nellattuazione dellagenda di Rio Mancata trasformazione dei modelli di consumo e produzione insostenibili Insufficienza delle risorse finanziarie Insufficienza delle risposte politiche da parte delle istituzioni internazionali Insufficienza delle risposte e delle capacita dei livelli di governo nazionale

31 Johannesburg 2002 Gli strumenti da rafforzare Aiuti pubblici (finanziari) allo sviluppo sostenibile Trasferimento tecnologico Creazione di capacità di governo locale

32 Johannesburg 2002 Raccomandazioni condivise dalle organizzazioni coinvolte Utilizzare un approccio multisettoriale Assumere una prospettiva di ampio respiro Non rinegoziare i risultati di Rio 92 Promuovere un new global deal Indirizzarsi verso nuove sfide ed obiettivi specifici Raccomandazione dellUnione Europea Definire obiettivi con targets quantificabili e monitorabili


Scaricare ppt "AMBIENTE e SVILUPPO 1.Il rapporto ambiente-sviluppo è una questione relativamente recente 2.Entrambi i concetti sono ambigui - sia sul piano teorico-concettuale."

Presentazioni simili


Annunci Google