La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relatore: prof. Bruno Tonoletti Corelatore: prof. Paolo Costa Tesi di Laurea di Simona Spampinato ANNO ACCADEMICO 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relatore: prof. Bruno Tonoletti Corelatore: prof. Paolo Costa Tesi di Laurea di Simona Spampinato ANNO ACCADEMICO 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA."— Transcript della presentazione:

1 Relatore: prof. Bruno Tonoletti Corelatore: prof. Paolo Costa Tesi di Laurea di Simona Spampinato ANNO ACCADEMICO 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE IL COMPROMESSO TRA IL DIRITTO DINFORMAZIONE E LA PRIVACY DELLA PERSONA

2 NELLIPOTESI DI CONTRASTO TRA I DUE DIRITTI: Bisogna trovare il giusto compromesso. Non è prescritta lautomatica prevalenza delluno rispetto allaltro

3 Vs IL CONFLITTO TRA PRIVACY E INFORMAZIONE IN UN CONCRETO CASO GIURISPRUDENZIALE ITALIANO : Diritto dellinformazione (sentenza n /2010 ) Diritto alla privacy della persona (sentenza n del 27 maggio1975)

4 SENTENZA N. 2129/1975 Sentenza in cui la privacy prevale sul diritto dinformazione Cita in giudizio il giornale Chiede il risarcimento dei danni Pubblicazione della sentenza a titolo di riparazione Soraya

5 Riconoscimento definitivo del diritto alla riservatezza La tutela giuridica della riservatezza non può essere individuata allinterno di un diritto soggettivo ma come fondamento costituzionale. UN CASO CHE HA FATTO STORIA

6 LA CORTE DISPONE CHE: Tale riconoscimento è ritrovato negli artt. 2, 3, 13, 14, 15, 27, 29 e 41 della Cost. e dallart. 8 della convenzione europea dei diritti delluomo. 1.Lintimità domestica 2.La sfera della vita individuale e famigliare 3.Riserbo della vita privata o privatezza

7 SENTENZA N /2010 Sentenza in cui la libertà dinformazione prevale sulla privacy Inchiesta de «Il Tempo» sulla malasanità nel 2008

8 LA CORTE DISPONE CHE: Non si può dubitare della veridicità della notizia È di grande interesse per lopinione pubblica I giornalisti hanno ottenuto la notizia in modo onesto Verificare il grado di attendibilità dei risultati: Il tè (sostanza di natura vegetale) lurina (sostanza di natura organica umana)

9 CHE COSA SI INTENDE CON PRIVACY Lo studio dei concetti Parte del linguaggio comune dei media Argomento complesso

10 LA STORIA DELLA PRIVACY I primi giuristi al mondo a formulare una dottrina sulla privacy casi più di 400 casi «The right to be alone» Warren e Brandeis Boston, 1890

11 D.LGS. N. 196 DEL 30 GIUGNO 2003 (CODICE DELLA PRIVACY) Testo Unico sulla Privacy Codice in materia di protezione dei dati personali art. 1,Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano

12 Strumenti attraverso i quali il pensiero prende consistenza IL DIRITTO DINFORMAZIONE

13 LA LIBERTÀ DI MANIFESTAZIONE DI PENSIERO E LEGGE SULLA STAMPA La legge n. 47 dell8 febbraio 1948 sulle Disposizioni sulla stampa Al problema delle indicazioni dei responsabili Alla definizione dei reati a mezzo stampa Questione legata:

14 A CHI SI RIVOLGE LA LIBERTÀ DI MANIFESTAZIONE DEL PENSIERO? o A tutti o Non riguarda solo il proprio pensiero o Il diritto al silenzio o Il diritto alloblio

15 INTERVISTA SULLA PRIVACY NELLA SOCIETÀ DI INTERNET «…concezione della rete puramente anarchica dove nella rete si può fare tutto quello che si vuole...» «…lestremo cinese della censura di internet perché rischia di essere uno strumento troppo libero…» Garanzie per il cittadino, anche nella rete Mauro Paissan, componente dellAutorità garante per la protezione dei dati personali dice:

16 LA PARTE DELLA SOCIETÀ MENO SOGGETTA ALLA PROTEZIONE DELLA PRIVACY Ridotta protezione del diritto alla riservatezza lutilizzo di immagini attinenti alla vita privata indebitamente prese in luoghi privati Notorietà della persona CONOSCIUTA SENZA CONOSCERE

17 IL DIFFICILE RAPPORTO TRA I DUE DIRITTI IN UN CONTESTO ATTUALE Le Intercettazioni Limitazione della segretezza della corrispondenza Art. 617-bis c.p. Punisce chiunque, fuori dai casi consentiti dalla legge, installi apparecchi al fine di intercettare Art. 15 della Cost. libertà e segretezza della corrispondenza Potere riconosciuto al magistrato (e non alla polizia)

18 Legge n del 13 giugno 2008 : Restrizioni di effettuare intercettazioni Pene più severe per chi divulga il contenuto Sospensione dei processi a carico delle quattro cariche più alte dello stato Il ddl di Alfano Viene dichiarata illegittima dalla Corte Cost. nellOttobre del 2009 Nel giugno del 2010, il Senato ha approvato con voto di fiducia il ddl intercettazioni.

19 DIBATTITO SULLE INTERCETTAZIONI PROCONTRO Insinuarsi nella vita delle persone Impostazione liberale Uso indiscriminato «Carenza» del ddl Limita la libertà despressione Casi giuridici (calciopoli, appalti di Abruzzo, caso Ruby) Chiarezza e Completezza Limitazione dellattività della magistratura Nicolò Zanon

20 LA LOTTA DELLA STAMPA CONTRO LA LEGGE BAVAGLIO 11 giugno 2010 IL GOVERNO CON IL VOTO, APPROVA AL SENATO, LA LEGGE SULLE INTERCETTAZIONI TELEFONICHE

21 9 LUGLIO 2010 BLACK-OUT DELLINFORMAZIONE

22 9 LUGLIO 2010

23 BLACK-OUT DELLINFORMAZIONE 9 LUGLIO 2010

24 CONCLUSIONI Concetti principali e sviluppo storico Punto di vista giuridico e sociale della questione, in un contesto recente Compromesso tra i due diritti al centro del tema La tesi si pone come obbiettivo di non uscire dalle mura italiane, se non per ragioni di ricostruzioni storiche

25 CONCLUSIONI «…Da quel momento lItalia sarebbe degradata al ruolo e al rango di paesi come la Cina o lIran che obbligano i loro cittadini ad andare fuori per avere informazioni sul loro stesso paese…» «…che cosa significherebbe tutto questo?...» Stefano Rodotà

26 Grazie per lattenzione!


Scaricare ppt "Relatore: prof. Bruno Tonoletti Corelatore: prof. Paolo Costa Tesi di Laurea di Simona Spampinato ANNO ACCADEMICO 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA."

Presentazioni simili


Annunci Google