La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Azienda USL della Valle dAosta RESPONSABILE Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ING. ROFFIN AGOSTINO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Azienda USL della Valle dAosta RESPONSABILE Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ING. ROFFIN AGOSTINO."— Transcript della presentazione:

1 1 Azienda USL della Valle dAosta RESPONSABILE Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ING. ROFFIN AGOSTINO

2 2 SCHEMATIZZAZIONE DEGLI ADEMPIMENTI DI FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO PER LUTILIZZO DI MACCHINE ATTREZZATURE E DPI DI TERZA CATEGORIA DA VERIFICARE DA PARTE DEL CSE NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

3 3 Fonti normative D.Lgs 81/08 titolo I D.Lgs 81/08 titolo III D.Lgs 81/08 titolo IV Accordo Stato-Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012

4 4 TITOLO I D.LGS 81/08 Art. 15 – Misure generali di tutela Formazione, informazione e addestramento: capisaldi del sistema di prevenzione Art. 28 c2 lett. f): – VdR: deve individuare le mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. Art.36: Informazione dei lavoratori Art. 37: Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti

5 5 TITOLO III D.LGS 81/08 Art. 71 c. 7: – Misure generali di tutela Qualora le attrezzature richiedano per il loro impiego conoscenze o responsabilità particolari in relazione ai loro rischi specifici, il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché: a) l'uso dell'attrezzatura di lavoro sia riservato ai lavoratori allo scopo incaricati che abbiano ricevuto una informazione, una formazione ed un addestramento adeguati; b) in caso di riparazione, di trasformazione o manutenzione, i lavoratori interessati siano qualificati in maniera specifica per svolgere detti compiti.

6 6 TITOLO III D.LGS 81/08 Art. 72 c. 2 – Obblighi dei noleggiatori e dei concedenti in uso Chiunque noleggi o conceda in uso attrezzature di lavoro senza operatore deve, al momento della cessione, attestarne il buono stato di conservazione, manutenzione ed efficienza a fini di sicurezza. Dovrà altresì acquisire e conservare agli atti per tutta la durata del noleggio o della concessione dellattrezzatura una dichiarazione del datore di lavoro che riporti lindicazione del lavoratore o dei lavoratori incaricati del loro uso, i quali devono risultare formati conformemente alle disposizioni del presente titolo e, ove si tratti di attrezzature di cui allart. 73, comma 5, siano in possesso della specifica abilitazione ivi prevista.

7 7 TITOLO III D.LGS 81/08 Art. 73 – Informazione, formazione, addestramento 1. Nellambito degli obblighi di cui agli articoli 36 e 37 il datore di lavoro provvede, affinché per ogni attrezzatura di lavoro messa a disposizione, i lavoratori incaricati delluso dispongano di ogni necessaria informazione e istruzione e ricevano una formazione e un addestramento adeguati, in rapporto alla sicurezza relativamente: a) alle condizioni di impiego delle attrezzature; b) alle situazioni anormali prevedibili. 2. Il datore di lavoro provvede altresì a informare i lavoratori sui rischi cui sono esposti durante luso delle attrezzature di lavoro, sulle attrezzature di lavoro presenti nellambiente immediatamente circostante, anche se da essi non usate direttamente, nonché sui cambiamenti di tali attrezzature. 3. Le informazioni e le istruzioni duso devono risultare comprensibili ai lavoratori interessati.

8 8 TITOLO III D.LGS 81/08 Art. 73 – Informazione, formazione, addestramento 4.Il datore di lavoro provvede affinché i lavoratori incaricati delluso delle attrezzature che richiedono conoscenze e responsabilità particolari di cui allarticolo 71, comma 7, ricevano una formazione, informazione ed addestramento adeguati e specifici, tali da consentire lutilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro, anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad altre persone. 5. In sede di Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sono individuate le attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori nonché le modalità per il riconoscimento di tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi ed i requisiti minimi di validità della formazione.

9 9 TITOLO III D.LGS 81/08 Art. 77 – Obblighi del Datore di Lavoro per luso dei DPI … 4. Il datore di lavoro:… e) informa preliminarmente il lavoratore dei rischi dai quali il DPI lo protegge; f) rende disponibile nellazienda ovvero unità produttiva informazioni adeguate su ogni DPI; g) stabilisce le procedure aziendali da seguire, al termine dellutilizzo, per la riconsegna e il deposito dei DPI; h) assicura una formazione adeguata e organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa luso corretto e lutilizzo pratico dei DPI. 5. In ogni caso laddestramento è indispensabile: a)per ogni DPI che, ai sensi del decreto legislativo 4 dicembre 1992, n. 475, appartenga alla terza categoria; b)per i dispositivi di protezione delludito.

10 10 TITOLO IV D.LGS 81/08 Art. 92 – Obblighi del coordinatore per l'esecuzione dei lavori 1. Durante la realizzazione dell'opera, il coordinatore per l'esecuzione dei lavori: a)verifica, con opportune azioni di coordinamento e controllo, l'applicazione, da parte delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi, delle disposizioni loro pertinenti contenute nel piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 100, ove previsto, e la corretta applicazione delle relative procedure di lavoro; b)verifica l'idoneità del piano operativo di sicurezza, da considerare come piano complementare di dettaglio del piano di sicurezza e coordinamento di cui all'articolo 100, assicurandone la coerenza con questultimo, ove previsto, adegua il piano di sicurezza e di coordinamento di cui allarticolo 100 e il fascicolo di cui all'articolo 91, comma 1, lettera b), in relazione all'evoluzione dei lavori ed alle eventuali modifiche intervenute, valutando le proposte delle imprese esecutrici dirette a migliorare la sicurezza in cantiere, verifica che le imprese esecutrici adeguino, se necessario, i rispettivi piani operativi di sicurezza; c)organizza tra i datori di lavoro, ivi compresi i lavoratori autonomi, la cooperazione ed il coordinamento delle attività nonché la loro reciproca informazione;

11 11 TITOLO IV D.LGS 81/08 – All. XV 3.PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO E PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA Contenuti minimi del piano operativo di sicurezza Il POS é redatto a cura di ciascun datore di lavoro delle imprese esecutrici, ai sensi dellarticolo 17 del presente decreto, e successive modificazioni, in riferimento al singolo cantiere interessato; esso contiene almeno i seguenti elementi: l)la documentazione in merito all'informazione ed alla formazione fornite ai lavoratori occupati in cantiere.

12 12 ACCORDO STATO REGIONI SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

13 13 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 Individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, nonché le modalità per il riconoscimento di tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi ed i requisiti minimi di validità della formazione, in attuazione dellart. 73 c. 5 del D.Lgs 81/08

14 14 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 attrezzature di lavoro individuate dallaccordo (al netto delle abilitazioni previste da altre normative) a) Piattaforme di lavoro mobili elevabili: macchina mobile destinata a spostare persone alle posizioni di lavoro, poste ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile, nelle quali svolgono mansioni dalla piattaforma di lavoro, con l'intendimento che le persone accedano ed escano dalla piattaforma di lavoro attraverso una posizione di accesso definita e che sia costituita almeno da una piattaforma di lavoro con comandi, da una struttura estensibile e da un telaio. b) Gru a torre: gru a braccio orientabile, con il braccio montato sulla parte superiore di una torre che sta approssimativamente in verticale nella posizione di lavoro. c) Gru mobile: autogru a braccio in grado di spostarsi con carico o senza carico senza bisogno di vie di corsa fisse è che rimane stabile per effetto della gravità. d) Gru per autocarro: gru a motore comprendente una colonna, che ruota intorno ad una base ed un gruppo bracci che è applicato alla sommità della colonna. La gru è montata di regola su un veicolo (eventualmente su un rimorchio, su una trattrice o su una base fissa) ed è progettata per caricare e scaricare il veicolo.

15 15 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 e) Carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo: 1. Carrelli semoventi a braccio telescopico: carrelli elevatori a contrappeso dotati di uno o più bracci snodati, telescopici o meno, non girevoli, utilizzati per impilare carichi. Il dispositivo di sollevamento non deve essere girevole o comunque non deve presentare un movimento di rotazione maggiore di 5° rispetto all'asse longitudinale del carrello. 2. Carrelli industriali semoventi: qualsiasi veicolo dotato di ruote (eccetto quelli circolanti su rotaie) concepito per trasportare, trainare, spingere, sollevare, impilare o disporre su scaffalature qualsiasi tipo di carico ed azionato da un operatore a bordo su sedile. movimentare carichi ed azionate da un operatore a bordo su sedile. 3. Carrelli/Sollevatori/Elevatori semoventi telescopici rotativi: attrezzature semoventi dotate di uno o più bracci snodati, telescopici o meno, girevoli, utilizzate per movimentare carichi ed azionate da un operatore a bordo su sedile. f) Trattori agricoli o forestali: qualsiasi trattore agricolo o forestale a ruote o cingoli, a motore, avente almeno due assi ed una velocità massima per costruzione non inferiore a 6 km/h, la cui funzione è costituita essenzialmente dalla potenza di trazione, progettato appositamente per tirare, spingere, portare o azionare determinate attrezzature intercambiabili destinate ad usi agricoli o forestali, oppure per trainare rimorchi agricoli o forestali. Esso può essere equipaggiato per trasportare carichi in contesto agricolo o forestale ed essere munito di sedili per accompagnatori.

16 16 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 g) Macchine movimento terra: 1.Escavatori idraulici: macchina semovente a ruote, a cingoli o ad appoggi articolati, provvista di una strutturai superiore (torretta) normalmente in grado di ruotare di 360° e che supporta un braccio escavatore azionato da un sistema idraulico e progettata principalmente per scavare con una cucchiaia o una benna rimanendo ferma, con massa operativa maggiore di 6000 kg. 2.Escavatori a fune: macchina semovente a ruote, a cingoli o ad appoggi articolati, provvista di una torretta normalmente in grado di ruotare di 360° e che supporta una struttura superiore azionata mediante un sistema a funi progettata principalmente per scavare con una benna per il dragaggio, una cucchiaia frontale o una benna mordente, usata per compattare il materiale con una piastra compattatrice, per lavori di demolizione mediante gancio o sfera e per movimentare materiale con equipaggiamenti o attrezzature speciali. 3.Pale caricatrici frontali: macchina semovente a ruote o a cingoli, provvista di una parte anteriore che funge da sostegno ad un dispositivo di carico, progettata principalmente per il carico o lo scavo per mezzo di una benna tramite il movimento in avanti della macchina, con massa operativa maggiore di 4500 kg.

17 17 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio Terne: macchina semovente a ruote o a cingoli costituita da una struttura di base progettata per il montaggio sia di un caricatore anteriore che di un escavatore posteriore. 5.Autoribaltabile a cingoli: macchina semovente a cingoli, dotata di cassone aperto, impiegata per trasportare e scaricare o spargere materiale, con massa operativa maggiore di 4500 kg. h) Pompa per calcestruzzo: dispositivo, costituito da una o più parti estensibili, montato su un telaio di automezzo, autocarro, rimorchio o veicolo per uso speciale, capace dì scaricare un calcestruzzo omogeneo, attraverso il pompaggio del calcestruzzo stesso. h) Pompa per calcestruzzo: dispositivo, costituito da una o più parti estensibili, montato su un telaio di automezzo, autocarro, rimorchio o veicolo per uso speciale, capace dì scaricare un calcestruzzo omogeneo, attraverso il pompaggio del calcestruzzo stesso.

18 18 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio Individuazione e requisiti dei docenti Le docenze verranno effettuate, con riferimento ai diversi argomenti, da personale con esperienza documentata, almeno triennale, sia nel settore della formazione sia nel settore della prevenzione, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro e da personale con esperienza professionale pratica, documentata, almeno triennale, nelle tecniche dellutilizzazione delle attrezzature di che trattasi. Le docenze possono essere effettuate anche da personale interno alle aziende utilizzatrici, in possesso dei requisiti sopra richiamati.

19 19 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 In ordine all'organizzazione dei corsi di formazione, si conviene sui seguenti requisiti: a)individuazione di un responsabile del progetto formativo che può essere anche il docente; b)tenuta del registro di presenza dei partecipanti da parte del soggetto che realizza il corso; c)numero dei partecipanti per ogni corso: massimo 24 unità; d)per le attività pratiche il rapporto istruttore/allievi non deve essere superiore al rapporto di 1 a 6 (almeno 1 docente ogni 6 allievi); e)le attività pratiche dovranno essere effettuate in area idonea, come previsto in allegato I, al fine di movimentare/utilizzare lattrezzatura di che trattasi in modo adeguato; f)assenze ammesse: massimo il 10% del monte orario complessivo.

20 20 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 Programma dei corsi I requisiti minimi dei programmi dei corsi di formazione e la loro valutazione sono riportati negli allegati III e seguenti dellaccordo. Il modulo giuridico - normativo di cui ai singoli allegati dellaccordo deve essere effettuato una sola volta a fronte di attrezzature simili. Esso è riconosciuto come credito formativo per i corsi di specifica abilitazione di altre attrezzature di lavoro simili.

21 21 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 Attestazione Al termine dei moduli devono essere effettuate prove finalizzate a verificare le conoscenze relative alla normativa vigente e le competenze tecnico -professionali. Lelaborazione di ogni singola prova è competenza del relativo docente, eventualmente supportato dal responsabile del progetto formativo. Laccertamento dellapprendimento, tramite le varie tipologie di verifiche intermedie e finali, viene effettuato dal responsabile del progetto formativo o da un docente da lui delegato che formula il proprio giudizio in termini di valutazione globale e redige il relativo verbale da trasmettere alle Regioni e Province Autonome competenti per territorio, al fine di costituire uno specifico registro informatizzato. Gli attestati di abilitazione vengono rilasciati dai soggetti abilitati ad effettuare i corsi che provvedono alla custodia/archiviazione della documentazione relativamente a ciascun corso.

22 22 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 Attestazione Gli attestati di abilitazione devono prevedere i seguenti elementi minimi comuni: a) denominazione del soggetto formatore; b) dati anagrafici del partecipante al corso; c) specifica della tipologia di corso seguito con indicazione del presente accordo e relativo monte ore frequentato; d) periodo di svolgimento del corso; e) firma del soggetto formatore che a tal fine può incaricare anche il docente. Le Regioni e Province Autonome in attesa della definizione dei sistema nazionale di certificazione delle competenze e riconoscimento dei crediti, si impegnano a riconoscere reciprocamente gli attestati rilasciati.

23 23 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 Durata della validità dellabilitazione ed aggiornamento L'abilitazione deve essere rinnovata entro 5 anni dalla data di rilascio dellattestato di abilitazione, previa verifica della partecipazione a corso di aggiornamento. Il corso di aggiornamento ha durata minima di 4 ore, di cui almeno 3 ore sono relative agli argomenti dei moduli pratici, di cui agli allegati III e seguenti.

24 24 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 Riconoscimento della formazione pregressa Alla data di entrata in vigore dellaccordo sono riconosciuti i corsi già effettuati che, per ciascuna tipologia di attrezzatura, soddisfino i seguenti requisiti: a) corsi di formazione della durata complessiva non inferiore a quella prevista dagli allegati, composti di modulo teorico, modulo pratico e verifica finale dellapprendimento; b) corsi, composti di modulo teorico, modulo pratico e verifica finale dellapprendimento, di durata complessiva inferiore a quella prevista dagli allegati a condizione che gli stessi siano integrati tramite il modulo di aggiornamento di cui al punto 6, entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore del presente accordo; c) corsi di qualsiasi durata non completati da verifica finale di apprendimento a condizione che entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore del presente accordo siano integrati tramite il modulo di aggiornamento di cui al punto 6 e verifica finale dellapprendimento.

25 25 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 Riconoscimento della formazione pregressa Gli attestati di abilitazione conseguenti ai corsi di cui allaccordo hanno validità di 5 anni a decorrere rispettivamente dalla data di attestazione di superamento della verifica finale di apprendimento per quelli di cui alla lettera a), dalla data di aggiornamento per quelli di cui alla lettera b) e dalla data di attestazione di superamento della verifica finale di apprendimento per quelli di cui alla lettera c). Al fine del riconoscimento del corso effettuato prima dellentrata in vigore del presente accordo, questo deve essere documentato tramite registro del corso recante: elenco dei partecipanti (con firme), nominativi e firme dei docenti, contenuti, ora di inizio e fine, esiti della valutazione teorica e dellesercitazione pratica. La documentazione deve essere conservata per almeno 10 anni dalla data di conclusione del corso, il partecipante al corso deve essere in possesso di attestato di partecipazione. I lavoratori del settore agricolo che alla data di entrata in vigore del presente accordo sono in possesso di esperienza documentata almeno pari a 2 anni sono soggetti ai corsi di aggiornamento di cui al punto 6 da effettuarsi entro 5 anni dalla data di pubblicazione del medesimo accordo.

26 26 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 Norma transitoria I lavoratori che alla data di entrata in vigore dellaccordo sono incaricati delluso delle attrezzature di cui allaccordo stesso, devono effettuare i corsi di che trattasi entro 24 mesi dallentrata in vigore del presente accordo.

27 27 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 Durata corsi: a)piattaforme di lavoro mobili elevabili: 8 ÷ 10 ÷ 12 ore b) Gru a torre: 12 ÷ 14 ÷ 16 ore c) Gru mobili: 12 ÷ 22 ore d) Gru su autocarro: 12 ore

28 28 Accordo Stato Regioni n. 53 del 22 febbraio 2012 Durata corsi: e)Carrelli semoventi: 12 ÷ 16 ÷ 20 ore f)Trattori agricoli e forestali: 8 ÷ 13 ore g)Escavatori, pale caricatrici frontali, terne e autoribaltabili a cingoli: 10 ÷ 16 ÷ 22 ÷ 28 ÷ 34 ore h)Pompe per calcestruzzo : 14 ore

29 29 Esempio : All.X Requisiti minimi dei corsi di formazione teorico- pratico per lavoratori addetti alla conduzione di pompe per calcestruzzo (14 ore) 1.0. Fermi restando gli obblighi di formazione ed addestramento specifici previsti dallarticolo 73, comma 4 del D.Lgs. n. 81/2008, lutilizzo di pompe per calcestruzzo con caratteristiche diverse da quelle esplicitamente considerate nel presente allegato, richiede il possesso, da parte delloperatore, almeno dellabilitazione di cui al presente allegato.

30 30 Esempio : All.X 1. Modulo giuridico - normativo (1 ora) 1.1. Presentazione del corso. Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento ai lavori relativi ai cantieri temporanei o mobili (D.Lgs. n. 81/2008). Responsabilità delloperatore. 2. Modulo tecnico (6 ore) 2.1. Categorie di pompe: i vari tipi di pompe e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche Componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio Dispositivi di comando e di sicurezza: individuazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, individuazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione Controlli da effettuare prima dellutilizzo: controlli visivi e funzionali, dei dispositivi di comando, di segnalazione e di sicurezza previsti dal costruttore nel manuale di istruzioni Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti nellutilizzo delle pompe (rischi di elettrocuzione, rischi ambientali, rischi dovuti ad urti e cadute a livello, rischio di schiacciamento, ecc.). Spostamento e traslazione, posizionamento e stabilizzazione, azionamenti e manovre, parcheggio in modo sicuro a fine lavoro Partenza dalla centrale di betonaggio, trasporto su strada, accesso al cantiere: caratteristiche tecniche dei mezzo; controlli preliminari alla partenza; modalità di salita sui mezzo; norme di comportamento sulla viabilità ordinaria; norme di comportamento nellaccesso e transito in sicurezza in cantiere; DPI da utilizzare Norme di comportamento per le operazioni preliminari allo scarico: controlli su tubazioni e giunti; piazzamento e stabilizzazione del mezzo mediante stabilizzatori laterali e bolla di livello; sistemazione delle piastre ripartitrici; controllo di idoneità del sito di scarico calcestruzzo; apertura del braccio della pompa Norme di comportamento per lo scarico del calcestruzzo; precauzioni da adottare per il pompaggio in presenza di linee elettriche, pompaggio in prossimità di vie di traffico; movimentazione del braccio della pompa mediante radiocomando; inizio del pompaggio; pompaggio del calcestruzzo Pulizia del mezzo: lavaggio tubazione braccio pompa, lavaggio corpo pompa Manutenzione straordinaria della pompa: verifica delle tubazioni di mandata, del sistema di pompaggio e della tramoggia.

31 31 Esempio : All.X 3. Modulo pratico (7 ore) 3.1. Individuazione dei componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio, sistemi di collegamento Dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione Controlli pre-utilizzo: controlli visivi e funzionali della pompa, dei dispositivi di comando, di segnalazione e di sicurezza previsti dal costruttore nel manuale di istruzioni della pompa Controlli preliminari alla partenza: pneumatici, perdite olio, bloccaggio terminale in gomma, bloccaggio stabilizzatori, bloccaggio sezioni del braccio della pompa Pianificazione del percorso: pendenze, accesso, ostacoli sul percorso e in quota, condizioni del terreno Norme di comportamento sulla viabilità ordinaria Controllo idoneità sito di scarico calcestruzzo: costatazione di presenza di terreno cedevole, dellidoneità della distanza da eventuali scavi, idoneità pendenza terreno Posizionamento e stabilizzazione del mezzo: delimitazione dellarea di lavoro, segnaletica da predisporre su strade pubbliche, piazzamento mediante stabilizzatori laterali e bolla di livello in modalità standard e con appoggio supplementare per terreno di modesta portanza Sistemazione delle piastre ripartitrici Modalità di salita e discesa dal mezzo Esercitazioni di pratiche operative: effettuazione di esercitazioni osservando le procedure operative di sicurezza. Simulazioni di movimentazioni della pompa in quota Controlli preliminari allo scarico/distribuzione del calcestruzzo su tubazioni e giunti Apertura del braccio della pompa mediante radiocomando: precauzioni da adottare Movimentazione del braccio della pompa mediante radiocomando per raggiungere il sito di scarico (simulazione per scarico in parete e pilastro) Simulazione scarico/distribuzione calcestruzzo in presenza di linee elettriche, in prossimità di vie di traffico: precauzioni da adottare Inizio della pompata: simulazione metodologia di sblocco dellintasamento della pompa in fase di partenza Pompaggio del calcestruzzo: precauzioni da adottare Chiusura braccio: precauzioni da adottare Pulizia ordinaria del mezzo al termine dello scarico: lavaggio tubazione braccio pompa, lavaggio corpo pompa, riassetto finale Manutenzione straordinaria della pompa: verifica delle tubazioni di mandata, del sistema di pompaggio e della tramoggia Messa a riposo della pompa a fine lavoro: parcheggio in area idonea, precauzioni contro lutilizzo non autorizzato.

32 32 Esempio : All.X 4. Valutazione 4.1. AI termine dei due moduli teorici (al di fuori dei tempi previsti per i moduli teorici) si svolgerà una prova intermedia di verifica consistente in un questionario a risposta multipla. Il superamento della prova, che si intende superata con almeno il 70% delle risposte esatte, consentirà il passaggio al modulo pratico. Il mancato superamento della prova comporta la ripetizione dei due moduli Al termine del modulo pratico (al di fuori dei tempi previsti per il modulo pratico) avrà luogo una prova pratica di verifica finale, consistente nellesecuzione di almeno 2 delle prove di cui al punto 3 concernente i seguenti argomenti: a) spostamento e stabilizzazione della pompa sulla postazione di impiego (Controlli pre-utilizzo - Controlli prima del trasferimento su strada - Pianificazione del percorso - Posizionamento e stabilizzazione del mezzo - Controllo idoneità sito di scarico calcestruzzo - Messa a riposo della pompa a fine lavoro); b) effettuazione manovra di: salita, discesa, rotazione, accostamento pompa alla posizione di lavoro; c) simulazione di sblocco dell'intasamento della pompa in fase di partenza Tutte le prove pratiche devono essere superate Il mancato superamento della prova di verifica finale comporta l'obbligo di ripetere il modulo pratico L'esito positivo delle prove di verifica intermedia e finale, unitamente a una presenza pari ad almeno il 90% del monte ore, consente il rilascio, al termine del percorso formativo, dell'attestato di abilitazione.


Scaricare ppt "1 Azienda USL della Valle dAosta RESPONSABILE Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ING. ROFFIN AGOSTINO."

Presentazioni simili


Annunci Google