La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto MEME associato a Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto MEME associato a Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles."— Transcript della presentazione:

1 Istituto MEME associato a Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles

2 Insegnante di sostegno e normativa Legge 517/77 Norme sulla valutazione degli alunni e sull'abolizione degli esami di riparazione nonché altre norme di modifica dell'ordinamento scolastico. labolizione delle classi differenziali per gli alunni svantaggiati Circolare Ministeriale 262/88 Attuazione della sentenza della Corte Costituzionale n. 215/87 – Iscrizione e frequenza nella scuola secondaria di II grado degli alunni in situazione di handicap. Legge 104/92 Legge quadro per lassistenza, lintegrazione sociale e i diritti delle persone handicappate diritto allistruzione e alleducazione nelle sezioni e classi comuni Decreto Ministeriale 256/92 Criteri per la stipula degli Accordi di programma fra Amministrazione scolastica, Enti Locali e Unità Sanitarie Locali, concernenti lintegrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap.

3 Insegnante di sostegno: ruolo e competenze D.M. del 3 giugno 1977 programmi dei primi corsi biennali capacità di analisi delle proprie ed altrui motivazioni; capacità di operare vive relazioni umane; capacità di iniziativa, correlata alla disponibilità all'azione pluriprofessionale con interventi coordinati sulla realtà sociale e in ordine alla stretta integrazione tra scuola, famiglia e ambiente sociale; larga tolleranza alle frustrazioni; capacità di autodeterminazione nell'aggiornamento permanente sul campo. Commissione istituita nel 1984 aspetti caratterizzanti la figura del docente specializzato: preparazione polivalente; formazione particolarmente accurata; competenza specificamente pedagogica; conoscenza di strategie per realizzare al meglio le esigenze curricolari, tenuto conto di bisogni di natura prevalentemente educativa.

4 Insegnante di sostegno: ruolo e competenze Legge 104/92 : ruolo di facilitatore della comunicazione e della relazione tra docenti, alunno in situazione di handicap, alunni della classe e altri soggetti interessati all'integrazione quali: famiglia, personale ASL, educatori, studenti mediatori, assistenti allautonomia e alla comunicazione. contitolarità delle sezioni e delle classi in cui opera partecipa alla programmazione educativa e didattica e alla elaborazione e verifica delle attività di competenza dei consigli di interclasse, dei consigli di classe e dei collegi dei docenti Documento Berlinguer del 1999 compiti dellinsegnante specializzato in una scuola in grandi trasformazioni : garantire un reale supporto alla classe nellassunzione di strategie e tecniche pedagogiche, metodologiche e didattiche integrative in modo tale da giungere ad una progressiva riduzione della didattica cosiddetta frontale; svolgere un lavoro di effettiva consulenza a favore della classe e dei colleghi curricolari nelladozione di metodologie individualizzanti e quindi dirette a costruire un piano educativo personalizzato per lalunno handicappato; condurre direttamente interventi specializzati, centrati sulle caratteristiche e le risorse dellallievo handicappato, a partire dalla conoscenza di metodologie particolari, che non sono in possesso dellinsegnante curricolare.

5 Insegnante di sostegno nella scuola superiore Se la scuola dellintegrazione è la scuola del superamento delle differenze individuali, grazie alla loro valorizzazione, del protagonismo degli alunni, dellascolto e del rispetto reciproci, allora linsegnante di sostegno dovrebbe essere una figura fondamentale per consentire ai docenti curricolari di confrontarsi, sperimentare, trovare strumenti didattici e metodologici per facilitare lapprendimento. Purtroppo tale scuola esiste solo sulla carta e linsegnante di sostegno si trova a sostenere un ruolo marginale, che non consente di essere una risorsa per il gruppo classe e, a volte, nemmeno per lalunno in difficoltà in quanto, se questi non accetta di essere trattato diversamente dagli altri, diventa difficile mettere in atto quegli strumenti che potrebbero aiutarlo a superare le proprie difficoltà. Linsegnante di sostegno si trova quindi spesso nella condizione di doversi occupare prioritariamente dellalunno diversamente abile, ritagliandosi qualche spazio allesterno della classe e lavorando individualmente. Tale condizione per certi versi è favorevole allapprendimento in quanto consente di conoscere meglio il ragazzo, capirne gli stili cognitivi e dapprendimento, instaurare una relazione privilegiata che lo aiuti a conoscersi meglio e a trovare il modo di dare il meglio di sé e quindi motivarlo allo studio. Questo può essere utile per quei ragazzi che si trovano in una condizione di grave disabilità. Certamente è deletereo per quei ragazzi che seguono la programmazione della classe, che si vedono negata la possibilità di scelta: se decidono di voler stare in classe incontrano poi difficoltà nel seguire le lezioni o nel farle proprie e finiscono per provare sentimenti di disistima, per sentirsi incapaci, per fare confronti coi compagni uscendone perdenti e quindi per demotivarsi allo studio e, in generale, a tutto ciò che propone la scuola, con effetti devastanti sulla capacità dapprendimento e sulla formazione, sia professionale che personale. Se accettano di uscire si sentono diversi dai compagni, meno capaci e meno competenti, si sentono sminuiti, poco valorizzati e soprattutto sentono di valere meno dei compagni e questo crea resistenze che si riflettono poi sulla motivazione allo studio, sulla propria autostima, sulla percezione che hanno di sé come persone e come studenti.

6 Si tratta, in entrambi i casi, di affrontare situazioni delicate, sia dal punto di vista motivazionale che formativo e relazionale, in cui diventa prioritario instaurare una buona relazione, basata sulla fiducia reciproca, sulla collaborazione e sulla stima in modo da creare un contesto in cui sia possibile mettersi in gioco senza sentirsi giudicati, in cui sia possibile sbagliare senza sentirsi in colpa ma piuttosto valorizzando lerrore come una risorsa di miglioramento, in cui ci si possa sentire a proprio agio e, pertanto, disposti a mettersi in una situazione dapprendimento. Una volta creato un contesto accogliente e accettante, risolti i problemi legati al sentirsi non in grado di …, affrontato il disagio legato allaccettazione delle proprie difficoltà, valorizzata la diversità come condizione dellumanità, diventa possibile cimentarsi nellambito dellapprendimento e mettere in atto quelle strategie che consentano ai ragazzi di affrontare lapprendimento con curiosità e con successo. Ma il primo passo è sicuramente risolvere prima i problemi di tipo relazionale e personale, condizione indispensabile affinché un individuo, sia esso alunno o altro, possa affrontare una situazione di apprendimento in uno stato danimo sereno e disponibile e possa vivere occasioni di successo e di riuscita, in modo da sostenere lautostima e costruire unimmagine di sé come persona e studente competente.

7 Il caso di Aurora Aurora è una ragazza di 17 anni È nata con una malformazione cardiaca per cui a sette giorni è stata operata per coartazione dellaorta con esiti positivi A un anno e mezzo circa ha dovuto subire unaltra operazione al cuore (presentava un bit tra un ventricolo e laltro), sempre con esiti positivi Dopo la convalescenza Aurora ha iniziato a vivere una vita normale Era una bambina vivace, molto sveglia e chiacchierona e che parlava molto bene per essere una bambina di due anni A quattro anni ha iniziato il suo percorso nella scuola A dieci anni circa hanno cominciato a manifestarsi alcuni episodi di epilessia, uno con convulsioni. Non ha più avuto episodi convulsivi, ma sono stati riportati alcuni episodi di sguardo fisso, durante i quali sembrava incantata. Da allora prende farmaci per tenere sotto controllo gli attacchi epilettici, che non si sono più presentati.

8 Aurora vista dalla psicologa La psicologa ha visto Aurora solo poche volte e sempre legate al mondo scolastico Ai test della scala di intelligenza per bambini WISC-R, ha conseguito punteggi sotto la media in tutti i test, con risultati migliori nei test verbali e un po inferiori in quelli di performance Nelle prove di apprendimento MT la lettura risulta lenta ma corretta, il dettato è andato bene, con pochissimi errori di ortografia, la comprensione è risultata ai limiti della patologia; non sono state somministrate le prove di produzione spontanea La psicologa riferisce di aver trovato Aurora molto chiusa e rifiutante sia perché non voleva avere linsegnante di sostegno alla scuola superiore sia perché doveva fare test sullapprendimento e sapeva che questo lavrebbe messa in difficoltà; (quanto si è impegnata?); le richiesta risultavano troppo simili a quelle scolastiche e Aurora non capiva che senso avesse farle in quel contesto Aurora sembra una ragazza che si sente adeguata per quanto riguarda la sua vita di relazione, riesce a mantenersi su un piano paritario coi coetanei e ne condivide gli interessi Aurora vive la sua vita al di fuori dellambito scolastico con un senso di riscatto nellambito scolastico, invece, aleggia un sentimento di fallimento Aurora preferirebbe non andare a scuola ma siccome deve non fa storie, in fondo non le dispiace perché vede le amiche ma sicuramente non ha intenzione di mettersi in gioco Sembra poco consapevole delle sue difficoltà, sa di avere problemi a scuola e di essere in difficoltà nello studio, ma non riesce ad avere una visione più ampia della sua situazione È comunque una ragazza che potrà avere una vita soddisfacente, sia nellambito relazionale che lavorativo, se prenderà coscienza di quelle che sono le richieste del mondo del lavoro e le sue reali possibilità e sarà in grado di scegliere o accettare un lavoro che sia adatto alle sue capacità La famiglia sembra lasciarle molta libertà di scelta, forse anche troppa: dovrebbero porle qualche limite, indirizzarla nelle scelte, invece sembrano essere incapaci di gestirla e di offrirle il sostegno di cui avrebbe bisogno.

9 Aurora vista dalla famiglia La famiglia di Aurora è composta dai genitori e tre figli: il fratello maggiore di 23 anni, Aurora di 17 anni e il fratello minore di 13 anni. Il padre è magazziniere, la madre lavora part-time facendo pulizie, il fratello maggiore non ha concluso gli studi e fa il calciatore professionistico, Aurora frequenta il terzo anno di scuola superiore, il fratello minore frequenta il terzo anno di scuola media. Dalletà di quattro anni, quando è nato il fratello minore, Aurora dorme al piano superiore con la nonna, con la quale ha un ottimo rapporto e grande confidenza. Aurora è sempre stata una ragazzina vivace ed espansiva, anche ora ha tanti amici con cui esce e che si confidano con lei, tanto che poi Aurora si preoccupa per tutti e si lascia coinvolgere dai loro problemi, di cui discute anche in famiglia sia con la mamma che, soprattutto, con la nonna. Mentre è molto disponibile a parlare di sé e degli amici, è invece molto restia a parlare di scuola: non accetta intromissioni da parte dei genitori, si irrita se le ricordano di fare i compiti e risponde sistematicamente che non ne ha: sembra voler tenere la famiglia lontana da quellambito. In famiglia sembra una ragazza abbastanza sicura di sé, chiacchierona, aperta ma anche un po irritabile e battagliera, se vuole ottenere qualcosa. Con la mamma il rapporto è più conflittuale perché lei è meno disponibile ad assecondarla, inoltre Aurora pensa che la mamma sia più affezionata al fratello minore e ne è un po gelosa Coi fratelli va daccordo e non sembrano in competizione tra di loro. Il papà si dice preoccupato perché la figlia pensa solo a uscire con gli amici senza fare niente di costruttivo; lui vorrebbe che Aurora avesse anche altri interessi, andasse in palestra, frequentasse altre persone, insomma vorrebbe vederla più attiva.

10 Aurora vista dallistituzione scolastica: la documentazione Scuola elementare: Aurora viene presentata come una bambina estremamente timida, con brevi tempi di attenzione, facile affaticabilità, mancanza di autonomia, necessità di riduzione e semplificazione dei contenuti. Scuola media: Lalunna ha instaurato un buon rapporto con i compagni, ha dimostrato buona disponibilità ad accettare le regole della vita di gruppo, un po meno i consigli degli insegnanti. Le ore di sostegno a volte sono state affrontate con una certa insofferenza, non accettandole. Poco interessata e motivata allo studio, poco puntuale nellesecuzione dei compiti e nel portare il materiale scolastico, ha mantenuto comunque un comportamento corretto. Ha evidenziato difficoltà di concentrazione a lungo termine unita ad una certa facilità alla distrazione; le sue difficoltà sono state aggravate dalla scarsa capacità di memorizzare, alternando momenti di attenzione ad altri di stanchezza. Aurora ha dimostrato soprattutto difficoltà logiche e di ragionamento. Sono stati effettuati anche lavori di gruppo per preservare socializzazione e integrazione; Levoluzione di Aurora non ha avuto un andamento del tutto positivo, proprio per non aver partecipato mai in modo attivo alle attività che hanno coinvolto il gruppo classe. Gli obiettivi prefissati nella programmazione iniziale si considerano in linea di massima conseguiti. Prospettive future: Aurora dovrà lavorare cercando di potenziare le abilità scolastiche fondamentali. Si ritengono determinanti le attività pratico-operative per motivarla e facilitarle gli apprendimenti. Dovrà continuare a scoprire le sue capacità, fidandosi di se stessa e degli altri. Si consiglia di tenere rapporti frequenti con la famiglia per avere utili informazioni e verificare spesso gli obiettivi prefissati.

11 Scuola superiore: Dalla Verifica del PEI risulta: Aurora ha instaurato un buon rapporto sia coi compagni che conosceva già che con quelli nuovi. In classe tende a distrarsi facilmente, fatica molto a mantenere lattenzione e la concentrazione per tempi prolungati, e questo aspetto rende più difficoltoso il suo apprendimento scolastico. Il rapporto con gli insegnanti curricolari e quello di sostegno è basato, sostanzialmente, sul rispetto e la buona educazione.. Docente di sostegno: ha svolto prevalentemente attività di supporto didattico dentro la classe e di decodificatore dei testi. Durante tutta lattività scolastica è risultata evidente la non piena accettazione della figura istituzionale dellinsegnante di sostegno. Tutor: è stata accettata senza difficoltà e ha instaurato con Aurora un rapporto prevalentemente amicale. Ha seguito lalunna per 8 ore settimanali, soprattutto in alcune discipline, cercando di semplificarne i contenuti e renderli più accessibili, utilizzando gli schemi approntati dallinsegnante di sostegno con laiuto degli insegnanti curricolari. Non è stato possibile, se non saltuariamente, svolgere attività extra classe in piccolo gruppo o individuale per un maggior approfondimento e consolidamento dei contenuti, soprattutto in occasione della preparazione di verifiche scritte o orali lalunna ha seguito la programmazione di classe, ma ha incontrato difficoltà a raggiungere gli obiettivi minimi in alcune discipline (inglese, tedesco, economia aziendale, matematica). le difficoltà sono strettamente legate alla non accettazione da parte dellalunna delle proprie difficoltà e, di conseguenza, dellinsegnante di sostegno che rappresenta lelemento discriminante, oltre ad una svogliatezza e ad una scarsa motivazione allo studio tipici delletà adolescenziale. Dopo il periodo iniziale lalunna si è lasciata aiutare più volentieri, anche se è stato per lei importante coinvolgere altre compagne che di volta in volta presentavano difficoltà; purtroppo dopo il I primo quadrimestre, lalunna ha nuovamente mostrato scarso interesse per lattività scolastica e spesso, alla richiesta degli insegnanti di consolidare i contenuti didattici con attività extra aula, ha denunciato stanchezza o malessere tale per cui era evidente che non si sarebbero ottenuti risultati positivi forzando la sua decisione. Si è comunque deciso di proseguire su tale progetto in quanto si ritiene che lalunna sia in grado di raggiungere gli obiettivi minimi qualora accettasse le proprie difficoltà e, di conseguenza, la figura dellinsegnante di sostegno. Si è data priorità alla risoluzione di problematiche personali poiché risultava particolarmente importante, per il pieno sviluppo della personalità della ragazza, il raggiungimento degli obiettivi educativi-relazionali, cognitivi trasversali e disciplinari generali.

12 Indicazioni progettuali per il prossimo anno scolastico: Si è dellavviso che non sarà possibile, dati i risultati raggiunti nei primi due anni scolastici, il raggiungimento degli obiettivi minimi e di optare per una programmazione differenziata. Si consiglia di verificare se lalunna sarà in grado di seguire gli obiettivi minimi della programmazione di classe e, in caso contrario, optare per una programmazione differenziata. Si ritiene opportuno continuare lo studio di una sola lingua straniera, linglese, dove si raggiungono risultati migliori. Indispensabile la presenza di un insegnante di sostegno, sia per favorire lapprendimento sia per garantire quel supporto didattico e psicologico di cui lalunna necessita. Rapporti con la famiglia: Gli incontri sono avvenuti su richiesta dellinsegnante di sostegno e venivano vissuti dalla famiglia con difficoltà e ciò si rifletteva sul comportamento dellalunna nei confronti dellinsegnante di sostegno, verso la quale assumeva un atteggiamento di sfida annullando così i piccoli progressi che nel frattempo si erano avuti. Dopo lincontro con il padre per lapprovazione del PEI, si è avuto solo un incontro con la mamma al ricevimento generale a fine anno scolastico. In entrambi gli incontri i genitori sono apparsi rassegnati di fronte alle decisioni dellalunna. Anche nellultimo incontro, di fronte allalternativa di una programmazione differenziata per il prossimo anno, è apparsa evidente la non possibilità della mamma di intervenire nella decisione della figlia.

13 Aurora vista dallinsegnante di sostegno Durante il periodo di osservazione iniziale, linsegnante di sostegno ha potuto vedere una ragazza ben inserita nel gruppo classe, e in particolare con un gruppetto di ragazze. Abbastanza disinvolta nelle relazioni, forse leggermente ostile nei confronti degli insegnanti o forse poco fiduciosa nei confronti della categoria, comunque educata nei rapporti, sebbene sempre pronta a sbuffare in caso di richiamo allattenzione o al lavoro; anche coi compagni tende ad essere un po aggressiva se si sente attaccata, ma generalmente è gentile e disponibile. Sicuramente è molto più concentrata sulle relazioni coi compagni e sul raccontare se stessa agli altri che non sullo studio, infatti in classe è spesso disattenta e impegnata in colloqui con la compagna di banco, raramente prende appunti, spesso viene a scuola senza aver svolto i compiti, spesso non ha il materiale necessario. Nei momenti di studio individuale appare una ragazza a tratti desiderosa di collaborare, ma non veramente interessata ad apprendere o curiosa di sapere, a tratti troppo presa da eventi della sua vita di relazione per riuscire a concentrarsi su altro. In generale una ragazza poco motivata allo studio, che investe pochissimo nella scuola e che non si preoccupa, al momento, del suo futuro lavorativo. Una ragazza che vive in un presente fatto dei suoi compagni di classe, dei suoi amici del parco e delloratorio, di alcune amiche del cuore e di qualche figura adulta con cui si confronta, si confida e chiede consigli. Una ragazza che preferisce ignorare le sue difficoltà e che vive con ambivalenza il suo bisogno di aiuto, che rifiuta di avere verifiche diverse da quelle della classe o di sentirsi o di essere trattata diversamente dai suoi compagni di classe. Una ragazza che fa frequenti assenze, specie alla prima ora, per seguire le compagne e sentirsi come loro o forse, semplicemente, evitare unora di noia a scuola. Una ragazza fragile, sotto unapparente corazza di indifferenza, alla ricerca della sua identità, delle sue modalità di relazionarsi col mondo, di una sua strada in cui sentirsi a proprio agio e competente.

14

15 LOSSERVAZIONE Linsegnante di sostegno si è presentata come insegnante della classe e non si è preoccupata di fare conoscenza con Aurora, però ne ha approfittato per conoscere la classe, instaurare relazioni e offrire aiuto e, soprattutto, per osservare Aurora in classe durante le lezioni e nei momenti di svago. Questo ha dato la possibilità ad Aurora di osservare linsegnante di sostegno e farsi unidea della persona con cui avrebbe condiviso parte del suo percorso scolastico. Linsegnante di sostegno ragazza ben inserita nel gruppo classe, e in particolare con un gruppetto di ragazze, abbastanza disinvolta nelle relazioni, forse leggermente ostile nei confronti degli insegnanti o forse poco fiduciosa nei confronti della categoria, comunque educata nei rapporti, sebbene sempre pronta a sbuffare in caso di richiamo allattenzione o al lavoro; molto più concentrata sulle relazioni coi compagni e sul raccontare se stessa agli altri che non sullo studio: spesso disattenta e impegnata in colloqui con la compagna di banco, raramente prende appunti, spesso viene a scuola senza i compiti svolti, spesso senza il materiale necessario. Aurora uninsegnante poco intrusiva e rispettosa dei suoi spazi, in buoni rapporti con tutta la classe, interessata anche a lei (scambi di sguardi) ma non invadente. Il primo momento in cui cè stato un tentativo diretto dellinsegnante di sostegno di offrire aiuto allalunna, in occasione di una verifica, laiuto è stato declinato con fermezza ma gentilmente; dopo che linsegnante di sostegno ha prestato aiuto ad altri alunni che lo hanno richiesto, anche Aurora ha richiesto la sua presenza. Si ritiene che questo approccio molto rispettoso e non intrusivo sia stato vincente perché nel giro di breve tempo i rapporti con lalunna si sono fatti più frequenti e più confidenziali.

16 COMPETENZE E LIMITI Organizzazione dei materiali e atteggiamento nei confronti dello studio: Aurora raramente studia a casa, raramente prende appunti, spesso perde gli appunti che linsegnante di sostegno le ha preparato, spesso si presenta a scuola senza materiali ( dimentica alcuni quaderni, alcuni libri e spesso non ha biro, matita, gomma, ecc.) e senza aver svolto i compiti. Comportamento in classe: Aurora si impegna poco, fatica a mantenere la concentrazione per tempi prolungati sia nel lavoro individuale che durante le spiegazioni degli insegnanti curricolari, fatica a mantenere l'attenzione e si distrae facilmente, anche perché molto coinvolta nelle relazioni con le compagne o in problemi personali. Spesso dichiara di non sentirsi bene, chiede di uscire e resta fuori per tempi prolungati, entra spesso alla seconda ora. Nel lavoro in classe non sempre esegue le consegne e quando lo fa si limita al minimo indispensabile. Ambito cognitivo: le difficoltà si manifestano soprattutto in una limitata capacità di astrazione e nel ragionamento logico; ha difficoltà di concentrazione e nel mantenere lattenzione per tempi prolungati; ha difficoltà nella memoria a breve termine che determinano una limitata capacità di consolidamento dei contenuti; utilizza un linguaggio molto semplice a causa del ridotto vocabolario a disposizione; difficoltà si evidenziano anche nell'ambito logico-matematico e nelle discipline che richiedono un linguaggio specifico. Autonomia personale: Aurora non presenta problemi particolari, ha cura della propria persona, è in grado di spostarsi autonomamente in contesti diversi e sa gestire le proprie relazioni; è invece meno autonoma per quanto riguarda lo studio e l'apprendimento, in quanto necessita di un aiuto per acquisire meccanismi procedurali e automatismi operativi nelle discipline che richiedono capacità logiche o un certo grado di astrazione; è invece più autonoma nell'applicazione di quanto appreso. Competenze comunicative e sviluppo affettivo e relazionale: Aurora è una persona, nel complesso, positiva, propositiva e socievole, anche se a volte assume atteggiamenti critici e di insofferenza nei confronti di compagni e/o insegnanti. Identità: Aurora è una ragazza ancora alla ricerca di una propria identità, che va costruendosi nelle relazioni con i compagni e gli amici, nellimmagine che le rimandano insegnanti, adulti e coetanei, nellimmagine che le rimanda la famiglia, nelle esperienze quotidiane, nelle prove che deve affrontare e nei successi e nei fallimenti che vive ogni giorno, nei sentimenti che suscitano in lei, nei giudizi che subisce e in quelli che agisce. Unadolescente che cerca di difendersi da ciò che potrebbe mettere in crisi questa identità che si sta costruendo con grande fatica.

17 CARATTERISTICHE SALIENTI Abbiamo una ragazza che: ha delle difficoltà di apprendimento. consapevole di avere delle difficoltà, ma rifiuta di confrontarsi con esse. completamente proiettata nella relazione coi pari. cerca di costruirsi unidentità per lei accettabile. ha bisogno di superare la propria insicurezza e di migliorare la propria autostima, ha alle spalle un percorso scolastico di insuccessi e delusioni, è demotivata allo studio e disinteressata a tutto ciò che riguarda la scuola Accanto a ciò abbiamo: Una famiglia formalmente interessata alla scuola ed alla riuscita scolastica di Aurora, ma di fatto poco presente e poco incisiva sui comportamenti che la figlia mette in atto nei confronti dello studio e della scuola in genere. Un CdC, nel complesso, disponibile alla collaborazione per offrire esperienze di successo allalunna, ma preoccupato altresì che vengano appresi dei contenuti e che venga dimostrata lacquisizione di tali contenuti tramite verifiche ed interrogazioni. Un insegnante di sostegno che: ha il compito di aiutare Aurora a superare le sue difficoltà e trovare gli strumenti metodologici più adatti affinché lalunna possa affrontare con successo il suo percorso scolastico. deve motivare lalunna ad impegnarsi con maggior costanza e interesse. ha il compito di fornire allalunna gli strumenti per crescere con equilibrio e serenità e per diventare protagonista della propria vita e integrarsi con successo nel mondo lavorativo e sociale.

18 IL PROBLEMA Quale è il problema da affrontare? Lapprendimento o il benessere di Aurora? Lo studio o la costruzione di unidentità positiva? Lacquisizione dei contenuti o una buona stima di sé? Il rendimento scolastico o la socializzazione? considerato il disinteresse di Aurora verso lo studio, le molte assenze, che non segue le lezioni, che non esegue i compiti a casa, che fa fatica ad accettare la figura dellinsegnante di sostegno, che non accetta le sue difficoltà e la sua diversità, relativamente alle modalità dapprendimento, si è ritenuto opportuno affrontare prioritariamente laspetto relazionale per costruire un rapporto di fiducia con lalunna, che avrebbe potuto poi evolversi in un rapporto di collaborazione e di condivisione degli obiettivi più prettamente scolastici. Perché? non si può costringere una persona a impegnarsi o a studiare se non è motivata a farlo e, soprattutto, dal fatto che in qualsiasi comunicazione il contenuto passa attraverso la relazione, quindi, se non cè una buona relazione il contenuto non passa se una persona non ha sufficiente fiducia nelle propria capacità e una sufficiente autostima, difficilmente si lascerà coinvolgere in situazioni che potrebbero mettere in pericolo il delicato equilibrio raggiunto. si può accettare di lavorare sullautoconsapevolezza solo se si è certi di trovarsi in un contesto che non sia giudicante ma accettante, in cui lerrore è funzionale allapprendimento e quindi non cè spazio per il timore di sbagliare, in cui si è certi di essere accolti come persona, coi propri pregi e difetti, con le proprie certezze e le proprie paure, con le proprie mancanze e i propri meriti.

19 FINALITA creare un contesto accogliente e accettante; costruire una relazione positiva e basata sul rispetto e sulla collaborazione reciproci; migliorare lautostima e la fiducia di Aurora nelle proprie capacità; migliorare la consapevolezza delle proprie possibilità, ma anche dei propri limiti; favorire il successo scolastico, per interrompere il circolo vizioso che collega rendimento scolastico, autostima, motivazione, sentimenti e identità personale; motivare allo studio ed allapprendimento

20 MODALITA E STRUMENTI contesto e relazione: elementi indispensabili per realizzare una comunicazione efficace. Bateson (1976) contesto quale matrice dei significati delle azioni compiute dai soggetti nel corso della loro interazione il contesto non è semplicemente il luogo fisico in cui avviene la comunicazione, ma soprattutto il luogo della relazione e della interazione, il luogo in cui avviene la co-costruzione dei significati e quindi la condivisione delle esperienze. trovare uno spazio comune in cui lavorare insieme per favorire il successo scolastico, esperienza fondamentale per riacquistare fiducia nelle proprie capacità, per scoprire le proprie possibilità, per affrontare i propri limiti e, conoscendoli, poterli superare. Vianello (1999) difficoltà di apprendimento, situazioni di handicap o di svantaggio socioculturale possono aumentare il rischio di altre difficoltà, ad esempio di tipo relazionale ci si è accordati con gli altri insegnanti per creare le condizioni ottimali affinché Aurora potesse conseguire risultati soddisfacenti Aurora è stata direttamente coinvolta nella scelta di rinunciare agli insegnamenti di tedesco, disciplina per lei ostica e poco interessante, e di utilizzare le ore di tedesco per fare studio individuale a scuola e sopperire, almeno in parte, alla mancanza di studio a casa: Aver coinvolto la ragazza in una decisione che la riguardava direttamente come studentessa è stato importante anche per il messaggio inviato indirettamente di ritenerla in grado di prendere decisioni che riguardano la sua vita e di avere fiducia nella sua capacità di saper fare la scelta più giusta per la sua riuscita scolastica: è stato un po come chiederle se era disposta a mettersi in gioco direttamente per far fruttare al meglio le sue capacità. premesse epistemologiche della pragmatica della comunicazione umana di Watzlawich (1971) si è posta grande attenzione nella lettura dei segnali non verbali, del feedback, della punteggiatura e dellaspetto di contenuto e di relazione che la caratterizzano in questo modo è stato possibile costruire un rapporto di fiducia e di rispetto reciproci e, in seguito, di collaborazione Fondamentale anche saper aspettare, saper leggere i segnali e accoglierli con discrezione, mandare segnali di attenzione e disponibilità allascolto e alla relazione, mantenersi ricettiva e non intrusiva, accogliente e non invadente, disponibile e aperta allincontro ed alla collaborazione. Aurora sembra aver recepito tale disponibilità e accettazione di sé e ha deciso di potersi fidare. percorso faticoso fatto di piccoli passi per conoscersi meglio e farsi conoscere, mettere alla prova la disponibilità, lottare tra il bisogno di aiuto e il suo rifiuto, scoprire le proprie potenzialità ma anche i propri limiti, ridefinire continuamente il suo essere studentessa ora disinteressata, ora volenterosa, ora scoraggiata, ora incredula dei risultati ottenuti.

21 Empowerment: Rapaport e Zimmerman (1988) è lacquisizione di potere, ovvero lincremento della capacità delle persone di controllare attivamente la propria vita. Il punto di partenza è una situazione definibile come learned helplessness, cioè passività appresa, sentimento di impotenza acquisita, una risposta che un individuo mette in atto di fronte a esperienze frustranti quando si rende conto di non poter padroneggiare avvenimenti centrali per la propria esistenza, valutandoli come totalmente non dominabili, sottratti alla propria capacità di controllo. Il punto di arrivo è la learned hopefullness, cioè lacquisizione della fiducia in sé, lapprendimento della speranza, derivante dal controllo sugli eventi. Secondo Kieffer (1981) la parola chiave al cuore del concetto è potere: tutti gli esseri umani sono potenzialmente competenti, anche nelle situazioni più critiche, però non sempre ne sono consapevoli si sono create le condizioni affinchè Aurora potesse avere dei successi scolastici si è gratificato e rinforzato ogni benché piccola conquista personale e scolastica, per migliorare limmagine di sé Si è lavorato sulla consapevolezza che tutti possono sbagliare, che lerrore migliora lapprendimento, e che non implica perdere la stima degli altri o la fiducia in se stessi. si è incoraggiata costantemente l'alunna a prendersi cura del proprio materiale, a portarlo a scuola quando necessario e a rispettare gli impegni scolastici si è Integrato il lavoro scolastico con materiale strutturato, schemi procedurali, mappe cognitive, parole chiave, appunti fatti insieme, per fornirle strumenti che potessero aiutarla a memorizzare, a sviluppare maggiormente l'attenzione e favorire l'applicazione e l'interesse verso le discipline scolastiche Si è lavorato per incentivare l'acquisizione di una maggiore autonomia cognitiva e di capacità decisionali nell'esecuzione di un compito, rinforzando sempre ogni risultato positivo e stimolando la sua capacità di autovalutazione Si è lavorato sulla famiglia affinché condividesse il percorso intrapreso si è tentato di dare alla famiglia una speranza che si potesse migliorare latteggiamento della figlia nei confronti dello studio, per renderla maggiormente fiduciosa e motivata allo studio e si è richiesto di aiutare Aurora a tenere in ordine i materiali e a portarli a scuola

22 RISULTATI Aurora ha instaurato un bel rapporto con linsegnante di sostegno, con la quale si confida, si confronta e chiede consigli. Ha accettato la figura dellinsegnante di sostegno come persona a cui rivolgersi in caso di bisogno e con cui collaborare. Ha accettato la figura dellinsegnante di sostegno come mediatore tra sé e le proprie difficoltà e anche tra sé e gli insegnanti curricolari, con cui ha rapporti corretti ma molto formali. Accetta di uscire dalla classe per prepararsi senza alcun problema. Richiede ancora tempo per affrontare i problemi personali ma si dedica con maggior impegno allo studio. Chiede aiuto allinsegnante di sostegno quando ne ha bisogno. Si rivolge allinsegnante di sostegno per risolvere problemi relazionali o relativi allambito scolastico. Fa richieste sulle modalità di svolgimento di interrogazioni, quando sente di avere un problema. Comincia a organizzarsi portando il materiale che le serve per affrontare lo studio in vista di prove di verifica. Ha diminuito le assenze: raramente entra alla seconda ora e viene quasi sempre a scuola. Utilizza raramente il sintomo Continua a dimenticare qualche testo o quaderno a casa, ma porta quasi sempre il materiale che le serve per lo studio. In vista di interrogazioni o verifiche chiede sempre meno tempo per sé e si dedica con maggiore impegno a prepararsi. Qualche volta esegue i compiti assegnati per casa. Comincia ad accettare di avere difficoltà e a prenderne coscienza. Soprattutto Aurora sta iniziando a credere di poter modificare la sua condizione di studentessa problematica e incapace, sta prendendo coraggio e sta iniziando ad accettare di mettersi alla prova e ad agire per conseguire risultati.

23 CONCLUSIONI Si è riusciti a instaurare un buon rapporto con Aurora, a conquistare la sua fiducia, a dimostrarle che cè qualcuno che crede in lei e nelle sue possibilità, che grazie allimpegno anche lei può essere in grado di raggiungere risultati soddisfacenti, si è ottenuta la sua collaborazione ed è cambiato il suo atteggiamento nei confronti dello studio. Naturalmente non è diventata una studentessa modello, ma sembra che Aurora abbia accettato di iniziare un percorso che la vede protagonista attiva del proprio apprendimento. È un percorso lungo, faticoso e cosparso di innumerevoli ostacoli, ma Aurora è riuscita ad intravedere una possibilità e ha scelto di mettersi alla prova, di credere in se stessa e di investire su di sé. Non è certo che deciderà di proseguire sulla strada che ha appena intrapreso, è stato piantato solo un piccolo seme di speranza, non è detto che porti a un cambiamento significativo, ma comunque vada ora Aurora sa che è possibile modificare una situazione in meglio, purché ci si creda e ci si attivi per renderlo possibile. È una bella soddisfazione sentire Aurora che dice. ho portato da studiare diritto perché domani cè la verifica e sapere che non ci sono ore di diritto quel giorno e che quindi si è organizzata da sola e diritto lo ha portato apposta perché, probabilmente, adesso anche lei crede che se si prepara con cura può avere successo e sentirsi capace di... Anche lei ora ha una speranza e lo dimostra il sorriso con cui mi accoglie e lo sguardo fiducioso di chi sa che può farcela, perché è già successo.


Scaricare ppt "Istituto MEME associato a Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles."

Presentazioni simili


Annunci Google