La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. 2 Le posizioni ??? 3 OSSERVARE RIFLETTERE AGIRE !!! PRIMA DI TUTTO !!!

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. 2 Le posizioni ??? 3 OSSERVARE RIFLETTERE AGIRE !!! PRIMA DI TUTTO !!!"— Transcript della presentazione:

1 1

2 2 Le posizioni ???

3 3 OSSERVARE RIFLETTERE AGIRE !!! PRIMA DI TUTTO !!!

4 4 OSSERVARE - tipo di incidente - ubicazione, circostanze - numero dei feriti - tipo di ferite ( valutazione approssimativa )

5 5 RIFLETTERE - ulteriori pericoli ( per soccorritori e feriti ) - incidenti secondari in caso di incidenti stradali - misure immediate necessarie - mezzi a disposizione ( soccorritori e materiale ) - organizzazione e impiego dei mezzi

6 6 AGIRE - assicurare il paziente - assicurare il luogo dellincidente - mettere al riparo ( soccorritori e feriti ) - applicare la regola ABC - misure immediate per salvare la vita - allarmare / annunciare - proteggere il ferito ( intemperie,… ) - sorvegliare il ferito

7 7 Allarmare / Annunciare Chi ? Cosa ? Dove ? Quando ? Quanti ? Altro ? Nome di chi effettua la chiamata Genere di incidente, veicoli implicati, ecc. Luogo esatto dellincidente Ora dellincidente Numero dei feriti e genere delle ferite Pericoli e circostanze particolari ( per esempio: fuoco, placche arancioni, cavi elettrici, ferrovia,…)

8 8 Allarmare / Annunciare Ambulanza 144 Polizia 117 REGA 1414 Pompieri 118 Intossicazioni

9 Persona incosciente Bambino/poppante senza movimento o reazione Persona incosciente Bambino/poppante senza movimento o reazione Allarmare chiedere aiuto Respirazione normale Posizione laterale Dare lallarme 144 richiedere un defibrillatore Dare lallarme 144 richiedere un defibrillatore 30 compressioni toraciche seguite da 2 insufflazioni bocca a bocca se da solo 100 compressioni toraciche con un ritmo di 100 compressioni al minuto, fino allarrivo di un DAE 30 compressioni toraciche seguite da 2 insufflazioni bocca a bocca se da solo 100 compressioni toraciche con un ritmo di 100 compressioni al minuto, fino allarrivo di un DAE Arrivo di un DAE Defibrillare 1° defibrillazione Ricominciare immediatamente BLS 30:2 per 2 minuti o 100 compressioni toraciche senza insufflazione Ricominciare immediatamente BLS 30:2 per 2 minuti o 100 compressioni toraciche senza insufflazione Ritmo ? Non defibrillare Ricominciare immediatamente BLS 30:2 per 2 minuti o 100 compressioni toraciche senza insufflazione continuare BLS fino allarrivo dei soccorsi o che il paziente si muove Ricominciare immediatamente BLS 30:2 per 2 minuti o 100 compressioni toraciche senza insufflazione continuare BLS fino allarrivo dei soccorsi o che il paziente si muove

10 10 Esame del ferito Sono presenti segni vitali spontanei: Esaminare il corpo alla ricerca di… Accuratamente Esattamente Velocemente Emorragie Interne Fratture Stato di choc Emorragie visibili

11 11 Scopo della giusta POSIZIONE -Allontanare il pericolo di morte - Impedire laggravarsi delle condizioni - Ristabilire le funzioni normali del corpo - Mettere il corpo in posizione tranquilla - Alleviare il dolore

12 12 Posizioni dalla natura delle ferite dalla stagione, dallorario e dalle condizioni atmosferiche dal tempo di attesa ostruzione delle vie respiratorie emorragie apporto insufficiente o troppo forte di sangue al cervello Una posizione errata potrebbe mettere in pericolo la vita del ferito per: Sono condizionate :

13 13 Posizioni

14 Posizione laterale Posizione per feriti privi di conoscenza

15 15 Posizione laterale Posizione per feriti privi di conoscenza Ginocchio appoggiato a terra 2- Gomito appoggiato a terra 3- Testa inclinata allindietro e bocca rivolta verso il basso 4- Schiena diritta ( secondo le condizioni del ferito )

16 16 Posizione laterale Posizione per feriti privi di conoscenza e con ferite alladdome In caso di ferite alladdome piegare le gambe

17 17 Posizione sollevata del tronco Eccesso di sangue al cervello Polso forte e accellerato Pelle secca e calda Testa rossa Alterazioni dello stato di coscienza Sintomi Cause Colpo di calore Insolazione

18 18 Posizione sollevata del tronco e delle gambe Ferite alladdome

19 19 Posizione piatta Ferite alla colonna vertebrale o al bacino Stato di choc

20 20 Respirazione ???

21 21 Apparato respiratorio Cavità nasale Faringe Laringe Trachea Bronchi

22 22 Laringe Trachea Costa Tronco bronchiale Vena polmonare Arteria Polmonare Recesso costo- diaframmatico Pleura Polmonare Pleura Parietale Diaframma Organi della respirazione

23 23 Alveolo Polmonare Ramo della vena Polmonare Fibre elastiche Vasi capillari sanguigni polmonari Ramo dellarteria Polmonare Tessuto Polmonare

24 24 Sopravvivenza Senza mangiare: 3 settimane Senza bere : 3 giorni Senza ossigeno: 3 Minuti Frontiera dei 3 minuti

25 25 Cause dei disturbi respiratori Ostruzione delle vie respiratorie Paralisi respiratoria Caduta allindietro della lingua Corpi estranei, (protesi, fango, sangue,vomito,…) In casi particolari di avvelenamento In seguito a ferite al cervello o alla parte superiore del midollo spinale Mancanza di ossigeno in ambienti chiusi, penetrazioni di gas velenosi o di fumo

26 26 PAZIENTE COSCIENTE Incitare a tossire Posizionarsi dietro linfortunato Posizionare il pugno di una mano con il pollice allinterno, a metà tra sterno ed ombelico Praticare 4/5 violente compressioni verso lalto Continuare fino a risoluzione o finché la vittima perde coscienza Manovra di Heimlich

27 27 Nel corso Primi soccorso inserire le lezioni BLS - DAE

28 28 Emostasi ???

29 29 Allarmare / Annunciare Ambulanza 144 Polizia 117 REGA 1414 Pompieri 118 Intossicazioni 145 Internazionale

30 30 Il Sangue Quantita 5 – 7 litri = 1/13 del peso corporeo Trasporto Arterie- il sangue pulsa Capillari- filtraggio Vene- il sangue scorre Perdita di sangue (interna / esterna) Piu di 1 litro Pericolo di vita

31 31 Composizione del sangue 45% parte «solida » 55% parte « liquida » Plasma Globuli rossi Globuli bianchi Piastrine Emoglobina Parte liquida del sangue Trasporto di ossigeno e sostanze nutritive Aiutano a combattere le infezioni Aiutano la coagulazione Pigmento colorato del sangue

32 32 I vasi sanguigni Capillari Arterie Vene Congiungono le arterie alle vene I capillari sono molto fini La loro parete è molto sottile permettono il metabolismo tra il sangue e i tessuti Portano il sangue dal cuore ai capillari Il sangue arterioso è puro Riportano il sangue dai capillari al cuore Il sangue venoso è impuro

33 33 Metabolismo nei capillari Cellula di tessuto Globulo rosso Capillare Ossigeno e sostanze nutritive Acido carbonico e prodotti catabolici

34 34 Il cuore Verso il corpo Verso i polmoni Dal corpo corpo Polmone Dai polmoni

35 35 Configurazione interna del cuore avena cava superiore a bvena cava inferiore b 1atrio destro 1 2 3ventricolo destro 3 4 ctronco delle arterie polmonari c dvene polmonari d d 2valvola tricuspide e mitrale 2 5 5atrio sinistro 6 6ventricolo sinistro 4valvola semilunare 4 eAorta e e 7setto interventricolare 7 8punta del cuore 8

36 36 Le Circolazioni 1cuore destro 2arteria polmonare 3vena polmonare 4cuore sinistro 5Aorta 6vena cava superiore 7vena porta vena cava inferiore 8

37 37 Arterie e vene

38 38 Tipi di emorragie ESTERNE INTERNE Il sangue fuoriesce da una ferita della pelle o da un orefizio Il sangue non esce allesterno del corpo ma nelle cavità: cavità toracica, addominale o nelle parti molli (frattura della coscia, del bacino, delle vertebre). Queste emorragie non sono visibili ma possono provocare in un breve lasso di tempo un pericoloso stato di choc emorragico.

39 39 Tipi di emorragie Arteriose Capillari Venose Il sangue spruzza dal vaso messo a nudo o fuoriesce abbondantemente dalla ferita al ritmo del battito cardiaco Il sangue scorre in modo diffuso verso lesterno o linterno della ferita A seconda del calibro dei vasi lesi, il sangue può uscire lentamente o scorrere abbondantemente Miste Venose e arteriose; sono molto frequenti

40 40 Emorragie arteriose Il sangue esce a zampilli SOCCORSI Posizione orizzontale. Elevazione arto ferito. Compressione digitale sulla ferita. Solo per emorragia forte Bendaggio compressivo. Mantenere il calore. Protezione dalle intemperie.

41 41 Comportamento in caso di emorragia arteriosavenosa Posizione Sollevare Compressione digitale direttamente sulla ferita. Bendaggio compressivo, eventualmente secondo bendaggio compressivo Posizione elevata Medico / ospedale Posizione Sollevare Bendaggio compressivo Posizione elevata Medico / ospedale

42 42 Emostasi, debole emorragia

43 43 Emostasi, forte emorragia Emostasi provvisoria Posizione Alzare la parte ferita Compressione digitale sulla ferita Emostasi finale Bendaggio compressivo Posizione alta assicurare

44 44 Compressione digitale

45 45 Bendaggio compressivo Compressa sterile Compressa di garza Benda di garza Benda elastica

46 46 Trasporto parte amputata Contenitore stabile Sacco esterno con 1/3 ghiaccio e 2/3 acqua Sacco interno

47 47 Choc e ustioni ???

48 48 Allarmare / Annunciare Ambulanza 144 Polizia 117 REGA 1414 Pompieri 118 Intossicazioni 145 Internazionale

49 49 Stato di choc Definizione Sintomi Polso debole e veloce ( più di 100 battiti al minuto ) Pallore e sudore freddo Apatia Cause Importanti emorragie Ustioni estese Intossicazioni, allergie, insufficienze cardiache Apporto insufficiente di liquidi agli organi vitali

50 50 Scopo della giusta POSIZIONE -Allontanare il pericolo di morte - Impedire laggravarsi delle condizioni - Ristabilire le funzioni normali del corpo - Mettere il corpo in posizione tranquilla - Alleviare il dolore

51 51 Posizioni dalla natura delle ferite dalla stagione e dalle condizioni atmosferiche dal tempo di attesa ostruzione delle vie respiratorie emorragie apporto insufficiente o troppo forte di sangue al cervello Una posizione errata potrebbe mettere in pericolo la vita del ferito per: Sono condizionate :

52 52 Posizione piatta Ferite alla colonna vertebrale o al bacino Stato di choc

53 53 Controllo del polso Frequenza del polso / min a riposo Pulsazioni - forti Ritmo - regolare

54 54 Ustioni Ustioni e Scottature Fuoco, oggetti o gas incandescenti, irradiazioni solare e corrente elettrica provocano ustioni della pelle e dei tessuti sottostanti. Lesione provocate da vapore o liquidi bollenti vengono anche chiamate scottature. A seconda della profondità dellustione o della scottatura si distinguono i seguenti tre gradi 1° grado arrossamento della pelle (guarigione senza formazioni di cicatrici) 2° grado arrossamento della pelle e formazioni di vesciche ed eventualmente di croste superficiali (guarigione in genere senza formazioni di cicatrici) 3° grado Lesione in profondità della pelle e dei tessuti sottostanti con formazione di croste e carbonizzazione (guarigione difficoltosa con notevole formazioni di cicatrici).

55 55 Posizione Mantenere il calore Confortare Affidare il più presto possibile a un medico Misure da prendere Stato di choc

56 56 Ustioni Spegnere vestiti incendiati: -con acqua -avvolgere con coperte -rotolando il paziente a terra Paziente: -Rinfrescare con molta acqua fresca (almeno 15 Min) -Dopo il raffreddamento dellustione: -Asciugare il paziente e proteggere dal freddo -Non togliere i lembi dei vestiti -Non aprire le vesciche -Bendaggio protettivo -Le ferite sul viso non vengono bendate

57 57 Ustioni Particolari regole da osservare >Non levare gli indumenti >Non aprire le vesciche >Non applicare sulle ustioni rimedi casalinghi (olio, unguenti, ecc..) o disinfettanti >Nel caso di ustione per elettroicuzione prima di soccorrere staccare la corrente. Primi soccorsi >Estinzione del fuoco sul corpo dellinfortunato: lacqua spegne meglio il fuoco e nello stesso tempo raffredda (versare, spruzzare, immergere) >Le zone ustionate vanno subito raffreddate con acqua per almeno 15 minuti (per evitare lulteriore azione del calore, per combattere il rigonfiamento e la perdita di liquido e per lenire il dolore)

58 58 Estensione La superficie della mano rappresenta 1% della superficie totale. Per le grandi superfici vale la regola del nove: Testa e collo9% Busto anteriore2x9%18% Busto posteriore2x9%18% Braccia (1) 9%18% Gamba 2x9%36% Perineo1% Totale100% Regola del 9

59 59 Ustioni Posizione Bruciature al viso, alle mani, alle articolazioni, al perineo e agli organi genitali sono considerate come ferite gravi a causa dellalto pericolo di infezioni,... Punti dove unustione crea più problemi e dolore nel nostro corpo

60 60 Causticazioni

61 61

62 62 Obiettivi: riconoscere le differenti ustioni per grado e differenza secondo la Regola del nove decisione importante un primo soccorso veloce misure efficaci

63 63 Bruciature attraverso: Fuoco oggetti roventi gas caldo Insolazione Scariche elettriche

64 64 Bruciature attraverso: Vapore caldo Liquidi bollenti

65 65 I.Grado: Arrossamento (guarigione senza cicatrici )

66 66 II.Grado: Arrossamento con fiacche event. Fiacche superficiali aperte (Cura di solito senza formazione di cicatrice) Durata abbastanza lunga

67 67 III.Grado: Arrossamento della pelle con distruzione in profondità della pelle e presenza di carbonizzazione della pelle (cura complicata con formazione di cicatrice permanenti)

68 68 Spegnere il fuoco Rafreddare per 15 minuti sotto acqua fredda, eseguire un controllo ABC accurato! I vestiti incollati e bruciati Non vengono mai tolti!!

69 69 Posare un bendaggio protettivo pulito Proteggere il paziente da influssi esterno Far bere il paziente se cosciente acqua leggermente salata o brodo

70 70 Non aprire le fiacche Non mettere (Olio, pomate o disinfettante) Ustioni causate da elettricià, verificare prima che lelettricià sia tolta

71 71 Incidenti stradali ???

72 72 Allarmare / Annunciare Ambulanza 144 Polizia 117 REGA 1414 Pompieri 118 Intossicazioni 145 Internazionale

73 73 Altri pericoli

74 74 Trasporto di merci pericolose I veicoli stradali e i vagoni ferroviari che trasportano merci pericolose sono muniti di speciali contrassegni Infiammabile ( combustibili liquidi ) Tavole color arancione - senza numero su veicoli stradali con carico misto - Su veicoli e vagoni, il numero in alto definisce il pericolo, quello in basso ( 4 cifre) la qualità del materiale trasportato

75 75 Mettersi al riparo Salvare -Togliere subito i pazienti dal luogo pericoloso (veicolo incendiato, corsia) -Iniziare i primi soccorsi salvavita (anche con pazienti bloccati allinterno dei veicoli) -Sorveglianza dei pazienti, non muovere i cadaveri, coprirli Allarmare la polizia ed i soccorsi sanitari Sorvegliare SOS Incidente della circolazione

76 76 1. Spostare subito i veicoli ancora utilizzabili sulla corsia demergenza. Se il motore non funziona, spostare a mano il veicolo con laiuto di altre persone (se il traffico lo permette) 2. Assicurare la zona dellincidente Accendere su tutti i veicoli le luci intermittenti demergenza. Il triangolo di emergenza deve essere messo ad almeno 150 metri dal luogo dellincidente. Segnalare durante la posta il pericolo ai veicoli muovendo il triangolo in su e giu. 3. Spostare subito i feriti dalla strada Queste misure sono necessarie per la maggior parte degli incidenti su autostrade, tranne se il traffico puo essere rallentato subito Incidenti in Autostrada

77 77 Incidenti in Autostrada 4. Allarmare la polizia e i soccorsi sanitari tramite le colonnine di soccorso SOS La chiamata viene ricevuta dalla polizia autostradale, che riconosce automaticamente il luogo della chiamata e che organizza gli ulteriori aiuti. Le freccie al bordo della corsia indicano la colonna di soccorso piu vicina. 5. Primi soccorsi 6. Non tornare in strada. Restare sempre sul bordo della strada, preferibilmente al di la delle protezioni metalliche. SOSSOS SOS

78 78 Incidenti in Autostrada 7. In caso di colonna, creare una corsia in mezzo per i mezzi di soccorso. I veicoli in corsia di sorpasso si spostano verso sinistra, gli altri verso la destra, affinche si formi una corsia in mezzo completamente libera. 8. Non fermarsi sul luogo dellincidente Se non e necessario aiuto supplementare, si prega di allontanarsi dal luogo dellincidente in modo spedito.

79 79 1. Veicoli accidentati Segnare due ruote con T (eventualmente AS Anteriore sinistra) 2. Bici, Moto Ruote, eventualmente sella, perimetro, ecc. 3. Tracce importanti Vetri rotti, vomito, sangue, pezzi di veicoli, effetti personali (orologio, occhiali,..) segnare e mettere al sicuro 4. Persone – Feriti Segnare; la parte chiusa rappresenta la testa Incidente della circolazione

80 80 STRADAAUTOSTRADA Visione dinsieme CORSIA LIBERA Spostare i veicoli ancora in grado di circolare Riconoscere PERICOLI INCOMBENTI per pazienti e soccorritori AUTO-PROTEZIONE RENDERE SICURO il luogo PRIMI SOCCORSI Porre al riparo – ABC ALLARMARE PRIMI SOCCORSI parte 1 Porre al riparo senza marcare PRIMI SOCCORSI parte 2 ABC

81 81 Presa allavambraccio Il pollice è dietro !

82 82 Trarre al riparo Presa allavambraccio

83 83 Prese di trascinamento Presa alla spalla e collo Trascinamento con una coperta

84 84 Modo di portare i feriti TENER CONTO EVITARE Delle lesioni Dello stato generale Della capacità dei portatori delle condizioni meteo Della distanza Della conformazione terreno Prese inadeguate Movimenti inutili Sollevamenti bruschi Scossoni Ogni precipitazione

85 85 Tecnica per togliere il casco !!! Devono esserci almeno 2 soccorritori !!! Se possibile appena tolto il casco applicare un collare per cervicale !!! Togliere il casco solo se è indispensabile !!! 1 2

86 86 Bendaggi e fissazioni

87 87 Bendaggi protettivi

88 88 Bendaggi protettivi

89 89 Fissazioni o sostegni

90 90 Fissazioni o sostegni

91 91 La Benda 1 2 3

92 92 Bendaggio del braccio

93 93 Bendaggio del gomito

94 94 Bendaggio della mano

95 95 Bendaggio del piede

96 96 Bendaggi con cravatta

97 97 Fissazioni di fortuna

98 98 Fissazioni con stecca

99 99 Fissazioni con stecca

100 100 Fissazioni

101 101 Fissazioni

102 102 Fissazioni


Scaricare ppt "1. 2 Le posizioni ??? 3 OSSERVARE RIFLETTERE AGIRE !!! PRIMA DI TUTTO !!!"

Presentazioni simili


Annunci Google