La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Esercitazione Europea di Protezione Civile Rischio Sismico - EUROSOT 2005 VADEMECUM PER LATTIVITA DEI SINDACI NELLESERCITAZIONE EUROSOT 2005 Staff di coordinamento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Esercitazione Europea di Protezione Civile Rischio Sismico - EUROSOT 2005 VADEMECUM PER LATTIVITA DEI SINDACI NELLESERCITAZIONE EUROSOT 2005 Staff di coordinamento."— Transcript della presentazione:

1 Esercitazione Europea di Protezione Civile Rischio Sismico - EUROSOT 2005 VADEMECUM PER LATTIVITA DEI SINDACI NELLESERCITAZIONE EUROSOT 2005 Staff di coordinamento DPC Area Catania

2 Il Decreto Bassanini: D. lgs. 112/98 Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dallo Stato alle Regioni ed agli enti locali Con tale Decreto sono state operate concrete modifiche allimpianto normativo della L. n° 225/92, variando lassetto della ripartizione delle competenze amministrative tra Stato, regioni ed enti locali e trasferendo alle regioni ed enti locali tutte le funzioni che non siano riservate espressamente allo Stato. Si tratta, come appare evidente dellapplicazione della politica del decentramento anche al campo della protezione civile.

3 Il Decreto Bassanini: D. lgs. 112/98 artt. 107, 108 I compiti mantenuti dallo Stato: indirizzo, promozione, coordinamento I compiti conferiti alla Regione: attuazione di interventi urgenti in caso di crisi determinata dal verificarsi o dallimminenza di eventi di tipo b, avvalendosi anche del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco organizzazione ed utilizzo del volontariato attività di programmazione ed indirizzo I compiti conferiti alla Provincia: attuazione delle attività previsione e prevenzione in ambito provinciale pianificazione provinciale di emergenza vigilanza sulla predisposizione da parte delle strutture provinciali di P.C. di servizi urgenti da attivare in caso di emergenza I compiti conferiti al Comune: predisposizione dei piani comunali e/o intercomunali di emergenza informazione alla popolazione utilizzo dei gruppi comunali di volontariato di protezione civile attuazione delle attività di prevenzione dei rischi nel comune provvedimenti necessari ad assicurare i primi soccorsi attivazione dei primi soccorsi( C.C.- tecnici comunali-vigili urbani-volontari)

4

5 staff coordinamento - Area Catania ORGANIZZAZIONE DI UNA OPERAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE Al successo di unoperazione di protezione civile concorrono le seguenti condizioni: Direzione unitaria La direzione unitaria delle operazioni di emergenza si esplica attraverso il coordinamento di un sistema complesso e non con una visione di settore dellintervento. Comunicazioni Costante scambio di informazioni fra il sistema periferico e quello centrale di protezione civile (Prefettura, Regione,ecc) Risorse Utilizzo razionale e tempestivo delle risorse realmente disponibili e della reperibilità degli uomini e dei mezzi adatti allintervento.

6 staff coordinamento - Area Catania RUOLO E FUNZIONI DEL SINDACO Decreto Legislativo n 267/2000 art. 149 (Principi generali in materia di finanza propria e derivata): Lo Stato assegna specifici contributi per fronteggiare situazioni eccezionali Le entrate fiscali finanziano i servizi pubblici ritenuti necessari per lo sviluppo delle comunità ed integrano la contribuzione erariale per lerogazione dei servizi pubblici indispensabili Decreto Legislativo n 504/92 artt. 36 e 37 (Definizione dei contributi ordinari spettanti ai singoli Enti Locali): A ciascun comune spettano contributi ordinari annuali destinati al finanziamento dei servizi indispensabili ai sensi dellart. 54 della L. 142/90); Sono servizi indispensabili quelli che rappresentano le condizioni minime di organizzazione dei servizi pubblici locali e che sono diffusi sul territorio con caratteristica di uniformità. Decreto Ministeriale del 28 maggio 1993 art. 1 (Individuazione dei servizi indispensabili dei comuni): Tra i servizi indispensabili dei comuni, acquedotto, fognatura, ufficio tecnico, anagrafe, polizia municipale, sono compresi Protezione Civile, Pronto Intervento e Sicurezza Pubblica.

7 Il Sindaco è autorità comunale di Protezione Civile. ( L. 225/92 e D.L.vo 112/98) In caso di emergenza: ASSUME la direzione e il coordinamento dei mezzi di soccorso e di assistenza delle popolazioni colpite. PROVVEDE PROVVEDE a tutti gli interventi necessari. INFORMA la Regione, la Provincia e la Prefettura. la Regione, la Provincia e la Prefettura.CHIEDE lintervento di altre Forze e Strutture quando levento non può essere fronteggiato con i mezzi a disposizione del Comune.

8 staff coordinamento - Area Catania Principali problematiche in emergenza la gestione degli interventi di soccorso tecnico urgente la realizzazione e gestione di interventi di assistenza alla popolazione colpita la valutazione degli effetti sul territorio il progressivo ripristino delle attività di tipo sociale, economico e produttivo il ritorno alla normalità La valutazione degli effetti è determinante per conoscere l'entità dei problemi da affrontare e dimensionare le risorse necessarie.

9 staff coordinamento - Area Catania Le attività in emergenza Le attività operative e gestionali del soccorso dipendono fortemente dal grado di interazione ed integrazione degli uomini e degli Enti e Strutture che partecipano alSistema unico dei soccorsi. In una emergenza di tipo C partecipano decine di enti (tra i 50 e 60 Enti e strutture),migliaia di persone, con limpiego di un elevato numero di risorse tecnico logistiche

10 METODO AUGUSTUS E uno strumento di pianificazione semplice, snello e flessibile che si propone di : Fornire criteri ed indirizzi per la pianificazione e la gestione di qualsiasi emergenza Fornire criteri ed indirizzi per la pianificazione e la gestione di qualsiasi emergenza a prescindere dallestensione e dallentità del fenomeno calamitoso e dal numero degli Enti e delle Amministrazioni coinvolte; Creare linguaggi e procedure unificate Creare linguaggi e procedure unificate che consentano unimmediata comunicazione e unefficiente collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti nella gestione e nel superamento dellemergenza

11 staff coordinamento - Area Catania Le funzioni di supporto nel sistema di gestione dellemergenza E fondamentale il dimensionamento delle funzioni di supporto,non necessariamente 9 Le funzioni di supporto, dovranno essere istituite a ragion veduta, in maniera flessibile, in base alla tipologia di evento, alla disponibilità di risorse umane, alla dimensione dellarea interessata dallevento,

12 PERCHE LE FUNZIONI DI SUPPORTO ? Attraverso le funzioni di supporto si conseguono quattro distinti obiettivi: Attraverso le funzioni di supporto si conseguono quattro distinti obiettivi: 1° obiettivo Si individuano in tempo di pace, i responsabili di Enti per ogni funzione ed il loro coordinatore al fine di operare come centri di competenza per attività omogenee. 2° obiettivo Gli stessi manterrannovivo, e quindi efficace, il Piano Comunale di P.C., attraverso laggiornamento dei dati e delle procedure relative alla propria funzione di supporto. 3° obiettivo In caso di emergenza i referenti di funzione assumono la veste di operatori specializzati comunali nellambito della propria funzione di supporto operando in attività omogenee, con i referenti di funzione nei COM. 4° obiettivo Si avvierà quindi il processo operativo di gestione mediante la demoltiplicazione dei problemi tramite una azione sinergica tra le varie funzioni

13 staff coordinamento - Area Catania I livelli di coordinamento nellattività addestrativa EUROSOT 2005 MIC D.P.C. Sala Situazioni DI.COMA.C C.C.S. Siracusa C.C.S. Ragusa C.C.S. Catania Regione SICILIA C.O.M. C.O.C. C.O.M. C.O.C. C.O.M. C.O.C. C.O.M.

14 IL CENTRO OPERATIVO COMUNALE E LE FUNZIONI DI SUPPORTO PER EUROSOT 2005

15 Al verificarsi di un evento sismico il Sindaco deve effettuare immediatamente le seguenti operazioni : 1. Attivare il C.O.C. nella sede individuata preventivamente, o anche anche in strutture che ordinariamente sono adibite ad altre attività (palestre, scuole, etc..) purché antisismiche; 2. Dispone per l'utilizzo delle aree di emergenza preventivamente individuate: - aree di attesa (piazze sicure) - aree di ricovero per la popolazione (in cui installare tende, roulottes, etc..); - area di ammassamento (solo per i Sindaci che ospitano il C.O.M.). 3. Informare continuamente la popolazione nelle aree di attesa; 4. Predisporre la perimetrazione delle zone con edifici pericolanti e l'invio di squadre tecniche per le prime verifiche di agibilit à ; 5. Predisporre la riattivazione della viabilit à principale con la segnalazione di percorsi alternativi; 6. Predisporre l assistenza sanitaria ai feriti e l assistenza alla popolazione confluita nelle aree di attesa; 7. Predisporre l'allestimento di tendopoli e/o roulottopoli nelle aree di ricovero per ospitare i possibili senzatetto. ATTIVAZIONI IN EMERGENZA RISCHIO SISMICO LE PRINCIPALI AZIONI DEL SINDACO

16 Attivazioni in emergenza Rappresentano le immediate predisposizioni che devono essere attivate dal Sindaco in situazioni di emergenza. Il Sindaco dovrà indicare quali sono i propri compiti e quali sono le Funzioni di Supporto da attivare per lo svolgimento delle principali azioni in emergenza. Andranno inoltre specificate, per ciascuna fase: quali sono le Componenti e le Strutture Operative di Protezione Civile (già individuate dai lineamenti della pianificazione; artt. 6, 11 L. 225/92) che intervengono e da quali funzioni di supporto sono coordinate; quali azioni principali svolgono le Componenti e le Strutture Operative; quali sono le procedure operative per lattuazione del modello di intervento.

17 Il Centro Operativo Comunale Il Sindaco si avvale del Centro Operativo Comunale per la direzione ed il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione interessata. Requisiti: struttura antisismica, non vulnerabile a qualsiasi tipo di rischio piazzale per il parcheggio e la manovra di mezzi di varie dimensioni facile accesso

18 Struttura del C.O.C. Sala Funzioni di supporto Sala operativa Sala volontariato Sala telecomunicazioni Area strategia Sala decisioni

19 staff coordinamento - Area Catania

20 Funzioni di supporto per la gestione del Centro Operativo Comunale TECNICA E DI PIANIFICAZIONE SANITA ASSISTENZA SOCIALE E VETERINARIA VOLONTARIATO MATERIALE E MEZZI SERVIZI ESSENZIALI CENSIMENTO DANNI A PERSONE E COSE STRUTTURE OPERATIVE LOCALI, VIABILITA TELECOMUNICAZIONI ASSISTENZA ALLA POPOLAZIONE

21 IL CENTRO OPERATIVO COMUNALE E LE FUNZIONI DI SUPPORTO ATTIVATE PER LESERCITAZIONE EUROSOT 2005 Ai fini dellattività addestrativa, alcune funzioni sono accorpate. In particolare i COC attiveranno: F. Tecnico-scientifica, pianificazione, censimento danni (es.beni culturali) F. Sanità F. Volontariato F. telecomunicazioni F. strutture operative locali e viabilità

22 Le principali attività delle funzioni di supporto del C.O.C.

23 Funzione Tecnico scientifica e di Pianificazione (Tecnici comunali, tecnici o professionisti locali, enti gestori di reti di monitoraggio, enti di ricerca scientifica) Il referente (funzionario dell'Ufficio Tecnico Comunale) mantiene i rapporti e coordina le varie componenti scientifiche e tecniche al fine di raccogliere i dati territoriali e la cartografia per la definizione e laggiornamento degli scenari, di analizzare i dati acquisiti dalle reti di monitoraggio e di individuare le aree di emergenza. Provvede inoltre a organizzare le squadre di tecnici che in emergenza effettueranno il monitoraggio a vista.

24 (A.S.L., C.R.I., Volontariato Socio Sanitario) Il referente (funzionario del Servizio Sanitario locale) mantiene i rapporti e coordina le componenti sanitarie locali al fine di organizzare adeguata assistenza durante lallontanamento preventivo della popolazione e la messa in sicurezza del patrimonio zootecnico. Funzione Sanità, Assistenza Sociale e Veterinaria

25 Funzione Volontariato (Organizzazioni di volontariato di protezione civile) Il referente (funzionario di pubblica amministrazione) redige un quadro sinottico delle risorse, in termini di mezzi, uomini e professionalità specifiche presenti sul territorio al fine di coordinare le attività dei volontari in sintonia con le altre strutture operative e con il volontariato presente sul territorio provinciale, regionale e nazionale.

26 (Aziende pubbliche e private, Volontariato, C.R.I., Amministrazione locale) Il referente (funzionario ufficio economato del comune) censisce i materiali ed i mezzi disponibili appartenenti ad enti locali, volontariato, privati ed altre amministrazioni presenti sul territorio per un continuo aggiornamento sulle risorse disponibili per lattuazione dellallontanamento preventivo della popolazione nei tempi previsti dal piano e del suo rientro al cessato allarme. Funzione Materiali e mezzi

27 Funzione Servizi essenziali ed Attività Scolastica (Enel, Gas, Acquedotto, Telecomunicazioni, Aziende municipalizzate, Smaltimento rifiuti, Provveditorato agli Studi) Il referente (es. funzionario dell'Ufficio Tecnico Comunale) mantiene i contatti con le Società erogatrici dei servizi ed aggiorna costantemente la situazione circa l'efficienza delle reti di distribuzione al fine di garantire la continuità nellerogazione e la sicurezza delle reti di servizio. Deve inoltre verificare lesistenza e lapplicazione costante di piani di evacuazione delle scuole a rischio.

28 Funzione Censimento danni, persone, cose (Tecnici comunali, Ufficio Anagrafe, Vigili Urbani, Comunità Montana, Regione, VV.F., Gruppi nazionali e Servizi Tecnici Nazionali) Il referente (funzionario dell'Ufficio Tecnico Comunale o VV.F.) organizza e predispone le squadre che, al verificarsi dellevento, effettueranno il censimento dei danni.

29 Funzione Strutture operative locali e viabilità (Forze dell'ordine presenti nel territorio, Vigili Urbani, VV.F.) Il referente (comandante VV.UU.) redige il piano di viabilità individuando cancelli e vie di fuga, predisponendo quanto necessario per il deflusso della popolazione da evacuare ed il suo trasferimento nei centri di accoglienza e nelle centri di accoglienza. Mantiene i contatti con le varie componenti preposte alla viabilità, alla circolazione, al presidio dei cancelli di accesso alle zone interessate, alla sorveglianza degli edifici evacuati.

30 Funzione Telecomunicazioni (Enti gestori di reti di telecomunicazioni, Radioamatori ecc.) Il referente (radioamatore o rappresentante ente gestore), di concerto con i responsabili delle società erogatrici dei servizi di telecomunicazione ed i radioamatori, coordina le attività per garantire la funzionalità delle comunicazioni in emergenza.

31 Funzione Assistenza alla popolazione (Assessorato Regionale, Provinciale e Comunale, Ufficio Anagrafe, Volontariato) Il referente (funzionario di pubblica amministrazione) aggiorna la stima della popolazione residente nelle zone a rischio, distinguendo tra coloro che necessitano di alloggio presso i centri di accoglienza, coloro che usufruiscono di seconda casa e coloro che saranno ospitati presso altre famiglie secondo un piano di gemellaggio. Inoltre individua gli alunni che hanno residenza nelle zone a rischio.

32 IL CENTRO OPERATIVO MISTO E LE FUNZIONI DI SUPPORTO PER EUROSOT 2005

33 staff coordinamento - Area Catania Principali problematiche in emergenza la gestione degli interventi di soccorso tecnico urgente la realizzazione e gestione di interventi di assistenza alla popolazione colpita la valutazione degli effetti sul territorio il progressivo ripristino delle attività di tipo sociale, economico e produttivo il ritorno alla normalità La valutazione degli effetti è determinante per conoscere l'entità dei problemi da affrontare e dimensionare le risorse necessarie.

34 staff coordinamento - Area Catania La mission e le principali attività del COM nella gestione delle maxi emergenze Lo scenario di emergenza tipico, nelle primissime fasi di accadimento di un evento, è contrassegnato da due aspetti peculiari : 1) il territorio colpito bisognoso di interventi immediati ed efficaci 2) lesistenza di un sistema di risorse umane e materiali dei singoli Enti che intervengono nelle aree colpite, presenta spesso una preparazione tecnica ed operativa ed un addestramento differenziati ed un grado di integrazione di linguaggi e procedure molto basso nei confronti della prima riposta efficace allevento.

35 staff coordinamento - Area Catania La mission e le principali attività del COM nella gestione delle maxi emergenze Il COM ha il compito di coordinare sul campo le strutture del servizio nazionale di protezione civile nellambito territoriale dei comuni di competenza Il COM agisce su aree intercomunali ed opera organizzando ed attivando sinergie tra gli enti/strutture razionalizzando luso delle risorse a disposizione, indirizza ed organizza i soccorsi soprattutto nelle situazioni più critiche

36 staff coordinamento - Area Catania La mission e le principali attività del COM nella gestione delle maxi emergenze I Centri Operativi Misti hanno bacini di utenza di decine di migliaia di abitanti e la loro gestione operativa si estende spesso su territori di più comuni. Essi in pochissimo tempo (6/8ore) hanno il compito di strutturare ed attivare il sistema di risposta di protezione civile tramite lattività delle funzioni di supporto in simbiosi con il sistema comunale scioccato

37 staff coordinamento - Area Catania La mission e le principali attività del COM nella gestione delle maxi emergenze Si possono elencare le prime attività del COM a seguito di un evento calamitoso:. Agibilità del COM interventi di soccorso tecnico urgente e assistenza alle popolazioni colpite; interventi di consolidamento e sgombero urgenti; seguire l'andamento del fenomeno (es. sisma, frana, alluvione, eruzione vulcanica, altro); rilievi del danno e dell'agibilità degli edifici; acquisizioni di materiali ed attrezzature per gli interventi (soccorso tecnico urgente, sanitario, altro) Verifiche del sistema servizi valutazioni tecniche-economiche

38 staff coordinamento - Area Catania Il COM e le attività di dimensionamento del fabbisogno del territorio colpito Con particolare riferimento al dimensionamento del fabbisogno a valle di un evento calamitoso, il COM opera in termini di: verifiche di agibilità (censimento danni) verifiche entità popolazione che necessita di forme di assistenza verifiche necessità e messa in opera di beni strumentali ed attrezzature e ripristino servizi essenziali verifiche necessità e messa in opera di interventi per il ripristino delle attività sociali (scuole, chiese, centri di ritrovo), economiche (negozi, magazzini, altro)

39 staff coordinamento - Area Catania Il COM e le Funzioni di Supporto Lorganizzazione delle risposte in relazione alle attività principali del COM, prevede una ripartizione per settori di intervento omogenei, che si articola tramite la attivazione di funzioni di supporto (metodo Augustus) Questo concetto, abbatte il vecchio approccio dei piani di emergenza basati sulla concezione burocratica del censimento di mezzi utili agli interventi di protezione civile e introduce il concetto di disponibilità delle risorse, tramite appunto lattivazione di dette funzioni.

40 staff coordinamento - Area Catania Le funzioni di supporto nel sistema di comando e controllo E fondamentale il dimensionamento delle funzioni di supporto. Le funzioni di supporto dovranno essere istituite a ragion veduta, in maniera flessibile, in base alla dimensione dellarea colpita, alla tipologia di evento, alla disponibilità di risorse

41 staff coordinamento - Area Catania Funzioni di supporto per la gestione del Centro Operativo Misto F.14 Coordinamento Centri Operativi F.13 Assistenza alla popolazione F.12 Materiali pericolosi F.11 Enti Locali F.10 Strutture Operative F.9 Censimento danni a persone e cose F.8 Servizi Essenziali F.7 Telecomunicazioni F.6 Trasporti e Circolazione, viabilità F.5 materiali e mezzi F.4 Volontariato F.3 Mass-media e informazione F.2 Sanità F.1 Tecnica e di pianificazione

42 staff coordinamento - Area Catania IL CENTRO OPERATIVO MISTO E LE FUNZIONI DI SUPPORTO ATTIVATE PER LESERCITAZIONE EUROSOT 2005 Ai fini dellattività addestrativa, alcune funzioni sono accorpate. In particolare i COM attiveranno: F. Tecnico-scientifica, pianificazione- censimento danni (beni culturali) F. Sanità F. Volontariato F. telecomunicazioni F. strutture operative

43 staff coordinamento - Area Catania Le principali attività delle funzioni di supporto del C.O.M.

44 staff coordinamento - Area Catania Le attività della funzione tecnico-scientifica, pianificazione La funzione opera nellambito delle attività del COM in relazione a temi di natura tecnico-scientifica e pertanto assume anche un ruolo di supporto nellattività delle altre funzione operanti nel COM. In particolare può svolgere: a)supporto al monitoraggio delle attività di ricerca geofisica finalizzata alla definizione del grado di sismicità del territorio con vari istituti di ricerca ed altri enti a carattere specifico realizzando cartografia tematica a varie anche per loperatività di altre funzioni di supporto b) attività di ricerca per la determinazione dei siti utilizzabili ai fini della realizzazione di aree di emergenza o per altro utilizzo, anche raccordando, ove siano stati effettuati, i diversi studi di tipo geofisico, geomorfologico, geotecnica strutturale. Realizza altresì il necessario supporto cartografico raccordando i dati forniti dagli uffici dei comuni afferenti ai COM.

45 staff coordinamento - Area Catania Le attività della funzione tecnico- scientifica e pianificazione c) Contribuisce allattività di verifica della funzionalità della rete idrica in collaborazione con i tecnici di altre strutture d) Contribuisce allattività di verifica della funzionalità della rete di distribuzione del gas e) Realizza la cartografia tematica su base catastale e aerofotogrammetria

46 staff coordinamento - Area Catania Le attività della funzione tecnico- scientifica e pianificazione g) realizza database per la gestione dei dati relativi alle attività svolte anche mediante inserimento di collegamenti ipertestuali (es. fotografie, mappe, schede, altro) i)supporto cartografico e di altri fasi documentali agli specialisti di settore per le analisi/studi richiesti da altre funzioni

47 staff coordinamento - Area Catania Le attività della funzione tecnico- scientifica e pianificazione l) Cura la gestione del supporto cartografico e fotografico per i vari tipi di indagini da effettuare in sito, anche di tipo speditivo m) impostazione di una cartografia tematica per la gestione urbanistica del territorio da parte del comune (ricostruzione, autorizzazioni edilizie, inizio e fine lavori, fabbricati abitati, ecc) n) Cura lanalisi giornaliera di dati di interesse per la gestione operativa degli interventi (es. dati meteo, analisi della sismicità post evento, altro)

48 staff coordinamento - Area Catania Le attività della funzione tecnico- scientifica e pianificazione l) Cura la gestione del supporto cartografico e fotografico per i vari tipi di indagini da effettuare in sito, anche di tipo speditivo m) impostazione di una cartografia tematica per la gestione urbanistica del territorio da parte del comune (ricostruzione, autorizzazioni edilizie, inizio e fine lavori, fabbricati abitati, ecc) n) Cura lanalisi giornaliera di dati di interesse per la gestione operativa degli interventi (es. dati meteo, analisi della sismicità post evento, altro)

49 staff coordinamento - Area Catania Esempio di cartografie tematiche realizzate con il contributo della funzione tecnico scientifica al COM di San Giuliano (Sisma Molise 2002) Tipo mappaObiettiviAttività Mappa tematica del censimento danni Controllo e gestione dei rilievi al fine di individuare priorità di censimento Su base raster è stata realizzata la mappa dei rilievi che rappresenta le unità immobiliari rilevate e con diversa colorazione il livello del danno Mappa tematica delle dotazioni Gestione delle risorse presenti sul territorio Individuazione su base raster delle dotazioni e risorse presenti sul territorio (aree soccorsi e mezzi, aree di ricovero della popolazione, acquedotti, linee elettriche, cancelli/presidi, ecc) Mappa tematica delle demolizioni Aggiornamento delle attività delle demolizioni Cartografia con base catastale con individuazione dei fabbricati da abbattere (completamente o in parte) o da puntellare

50 staff coordinamento - Area Catania Esempio di Cartografie tematiche realizzate con il contributo della funzione tecnico scientifica al COM di San Giuliano (Molise 2002) Tipo mappaObiettiviAttività Supporto allattività di coordinamento delle squadre di rilevatori Fornire indicazioni sulle aree da censire, materiale cartografico di supporto, acquisizione delle schede di rilevamento Stampe cartografie, individuazione delle generalità dei rilevatori, coordinamento delle squadre dei rilevatori Supporto al Gruppo Tecnico di Sostegno Fornire supporto al GTS Individuazione su mappe catastali degli immobili soggetti ad interventi urgenti e redazione dei verbali di sopralluogo

51 staff coordinamento - Area Catania La Mappa Tematica del Censimento Danni La Mappa Tematica del Censimento Danni realizzata presso il COM e costantemente aggiornata, con lobiettivo del controllo e della gestione dei rilievi effettuati e da realizzare, permette di ottimizzare, tra laltro, la programmazione degli interventi da effettuare sulle reti (gas, acqua, fognature, accessibilità, ENEL), nonché operazioni di messa in sicurezza mediante POS (procedure operative standard).

52 staff coordinamento - Area Catania La Mappa Tematica del Censimento Danni rilievo del danno graficamente con colorazione diversa Il rilievo del danno è stato riportato graficamente con colorazione diversa a seconda del tipo di danno: colore verde: edificio agibile colore verde: edificio agibile colore giallo: edificio agibile con provvedimenti colore giallo: edificio agibile con provvedimenti colore rosso: edificio non agibile colore rosso: edificio non agibile

53 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Sanità – veterinaria e assistenza sociale Spesso la popolazione interessata dallevento che ricade nellambito di operatività di un COM è dellordine delle migliaia di unità, sparsa su un territorio esteso comprendente diversi comuni. Tale popolazione subisce, anche se in maniera differenziata, gli effetti negativi indotti dallevento calamitoso. Ogni tipo di necessità sanitaria di igiene pubblica e veterinaria viene quindi presa in considerazione e vengono predisposte le relative risposte in termini di prevenzione o di risposta urgente.

54 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Sanità – veterinaria e assistenza sociale La attività sanitaria in questa fase è volta ad assicurare il rispetto delle esigenze igienico sanitarie al fine di garantire alla popolazione assistita un livello di vivibilità accettabile, tenendo conto di vincoli oggettivi dovuti alla straordinarietà dellevento.

55 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione sanità – veterinaria e assistenza sociale Tra le principali attività sanitarie si possono citare: azioni straordinarie di monitoraggio sulla qualità della risorsa idrica destinata al consumo umano gestione di eventuali interventi di disinfestazione/disinfezione delle aree interessate dallinstallazione delle strutture di ricovero attività di profilassi vaccinale, sia obbligatoria sia facoltativa

56 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione sanità – veterinaria e assistenza sociale Tra le principali attività veterinarie di possono citare: organizzazione dello smaltimento di rifiuti di origine animale e delle carcasse controllo sullapprovvigionamento ed igiene degli alimenti attività di sanificazione e disinfestazione di centri di accoglienza controllo e recupero del randagismo in ambito comunale e nei centri di accoglienza

57 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Censimento danni a persone e cose Questa è una delle funzioni più delicate ai fini della gestione delle emergenze. E inoltre una delle funzioni che necessitano di una adeguata formazione specifica rispetto alle attività di tipo fortemente specialistico ad essa riconducibili. Di seguito sono riportati in sisntesi: a)Struttura organizzativa b)Struttura delle attività principali

58 staff coordinamento - Area Catania Struttura organizzativa dela Funzione Censimento danni a persone e cose ResponsabileTecnico Ufficio SSN del DPC o della regione Struttura di coordinamento presso il COM Il numero dei tecnici dipende dalla severità dellevento. Va predisposto idoneo spazio di lavoro Struttura tecnico operativaUtilizzata per attività di particolare impegno e difficoltà Squadre di rilevamentoTecnici di varie pubbliche amministrazioni e professionasiti selezionati da ordini professionali e idonei per effettuare il rilevamento con schede formalizzate. Le squadre sono coperte da assicurazione antinfortunistica Struttura di inserimento dei dati Formata da personale dedicato a questa operazione con rete di PC Eventuale struttura tecnica di appoggio (presso DPC, regione) Questa struttura garantisce supporto per analisi vulnerabilità, normativa, monitoraggio,

59 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Censimento danni a persone e cose Gestione sopralluoghi Gestione esiti sopralluoghi Gestione, analisi ed elaborazione dati Coordinamento Attività specialistiche Segreteria tecnica

60 staff coordinamento - Area Catania Funzione Censimento danni a persone e cose - Gestione sopralluoghi Acquisizione, analisi e gestione richieste di sopralluogo Formazione delle squadre di rilevamento Istruzione tecnica dei rilevatori Assicurazione infortuni dei rilevatori Assegnazione dei percorsi di rilevamento alle squadre

61 staff coordinamento - Area Catania Funzione Censimento danni a persone e cose - Gestione esiti dei sopralluoghi Verifica, controllo ed accettazione delle schede e dei verbali compilati dai rilevatori Archiviazione Informatizzazione delle schede

62 staff coordinamento - Area Catania Funzione Censimento danni a persone e cose - Gestione analisi ed elaborazione dati Produzione di report giornalieri sullandamento delle attività Procedure di valutazione dei danni Back-up giornalieri

63 staff coordinamento - Area Catania Funzione Censimento danni a persone e cose – attività specialistiche Demolizioni Gruppo tecnico di sostegno Supporti tecnici per sopralluoghi congiunti (frane, infrastrutture, ecc) Sopralluoghi o pareri su edifici particolari

64 staff coordinamento - Area Catania Funzione Censimento danni a persone e cose – segreteria tecnica Gestione archivi Gestione posta Assistenza tecnica alle amministrazioni locali ed ai cittadini Rilascio attestati di partecipazione alle attività di sopralluogo

65 staff coordinamento - Area Catania Le attività tecniche di verifica e censimento danni In seguito allevento, sono condotte le attività di verifica sistematica del danno e della agibilità di edifici e strutture tramite sopralluoghi nelle aree colpite. La valutazione di agibilità degli edifici in emergenza post-sismica è una valutazione tecnica volta a stabilire se un edifico, danneggiato o meno da una scossa sismica, possa essere ritenuto utilizzabile nel breve futuro.

66 staff coordinamento - Area Catania Le attività tecniche di verifica e censimento danni In accordo al termine agibile, che in latino significaagere, cioè possibilità di agire (o esercitare una attività), un edificio può essere considerato agibile qualora sussistano i requisiti che lo rendono idoneo a svolgere la funzione per cui è preposto. In particolare, lagibilità in emergenza è legata, inoltre, alla necessità di utilizzare un edificio nel corso di una crisi sismica durante la quale non sono esclusi altri eventi sismici.

67 staff coordinamento - Area Catania Considerazioni sul giudizio di agibilità In relazione al punto 1, crisi sismica ancora in atto,non è possibile con le attuali conoscenze, prevedere localizzazione ed intensità delle ulteriori possibili scosse che rappresentano lazione rispetto alla quale formulare il giudizio di agibilità. Per cui, il giudizio di agibilità non può avere carattere definitivo, ma sarà temporaneo e valido fino a quando una ulteriore scossa non modifichi le condizioni delledificio o fino a quando un tecnico non prenda in esame ledificio nel corso delle operazioni di ricostruzione o nellambito di rivalutazioni approfondite una volta cessata la crisi sismica

68 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Strutture operative - SAR Tra le principali attività connesse con le prime fasi dellemergenza, si possono citare le seguenti: prime ricognizioni e valutazione del fenomeno gestione in loco delle colonne mobili dei vigili del fuoco e volontariato provenienti da varie regioni gestione elicotteri per la ricognizione aerea e interventi di salvataggio interventi sui crolli e recupero e soccorso delle persone colpite interventi di grandissima cautela con mezzi meccanici al fine di scongiurare il pericolo di ulteriori crolli che potrebbero compromettere la già gravissima situazione e provocare altre vittime. Interventi con unità cinofile con l'ausilio di sonde operazioni di scavo effettuate prevalentemente a mano

69 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Strutture operative - SAR gestione di evacuazioni imposte a causa della gravità della situazione di centri urbano che risultano pesantemente danneggiati ulteriori più approfondite ricognizioni in comuni colpiti eventualmente sfuggiti ad una prima valutazione gestione del rafforzamento del dispositivo di risorse umane e mezzi speciali operazioni di messa in sicurezza di strutture ed aree gestione di operazioni di recupero complesse gestione di elementi di carattere più specificamente assistenziale già nei primi momenti successivi alla scossa sismica (es. invio posti letto, installazione di tendopoli e roulottopoli) messa in sicurezza delle opere architettoniche e artistiche di particolare importanza storica (torri, campanili, chiese fortezze ecc)

70 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Strutture operative - SAR Tra le principali attività connesse con le prime fasi dellemergenza, si possono citare le seguenti: prime ricognizioni e valutazione del fenomeno gestione in loco delle colonne mobili dei vigili del fuoco e volontariato provenienti da varie regioni gestione elicotteri per la ricognizione aerea e interventi di salvataggio interventi sui crolli e recupero e soccorso delle persone colpite interventi di grandissima cautela con mezzi meccanici al fine di scongiurare il pericolo di ulteriori crolli che potrebbero compromettere la già gravissima situazione e provocare altre vittime. Interventi con unità cinofile con l'ausilio di sonde operazioni di scavo effettuate prevalentemente a mano

71 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Telecomunicazioni Questa funzione deve garantire il mantenimento delle comunicazioni nelle aree soggette allevento sismico. Le principali attività sono: Attivazione/gestione di ponti radio a supporto delle radiocomunicazioni tra i centri operativi (COM, COC, CCS, DICOMAC, SORIS) Verifica costante della copertura radio a mantenimento del collegamento tra la zona interessata dallevento ed i centri di coordinamento

72 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Telecomunicazioni Attivazione e gestione di postazioni radio nel COM (sala radio demergenza) per la ricezione e linvio di messaggi/comunicazioni in emergenza tra i centri operativi, tra gli enti e le strutture delle varie funzioni di supporto operanti sul territorio intercomunale Ripristino e potenziamento delle reti di comunicazione mobile (TIM, VODAFONE, WIND, ecc…) Mantenimento costante ei contatti con i responsabili delle associazioni di radioamatori presenti sul territorio

73 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Volontariato Realizza laccreditamento delle associazioni di volontariato operanti nellarea del COM Mantiene i contatti con il DPC, con la Regione, con i responsabili delle associazioni per il turn over degli operatori Contribuisce alla soluzione di qualunque problematica (ad es. di tipo logistico) connessa allimpiego degli operatori del volontariato

74 staff coordinamento - Area Catania Le attività della Funzione Volontariato Ottimizza la ripartizione delle associazioni nellambito delle varie funzioni di supporto in funzione delle attività delle stesse Cura i report giornalieri di analisi del quadro di impiego delle risorse del volontariato e delle attività svolte dalle varie associazioni nellambito delle varie funzioni di supporto Gestisce ogni attività anche di tipo amministrativo connessa con la rendicontazione delle attività svolte

75 ELEMENTI PER LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

76 staff coordinamento - Area Catania COSA E LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA? Elaborazione coordinata delle procedure operative dintervento da attuarsi in caso si verifichi levento atteso contemplato in un apposito scenario. Per un dato territorio vanno elaborati scenari per le varie tipologie di rischio a cui il territorio stesso è soggetto.

77 CRITERI DI MASSIMA PER LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Il Piano di emergenza si articola in: A) PARTE GENERALE B) LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE C) MODELLO DI INTERVENTO

78 PARTE GENERALE Raccolta di tutte le informazioni relative alla conoscenza del territorio e dei rischi che incombono su di esso, alle reti di monitoraggio presenti, alla elaborazione degli scenari.

79 LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE Individuazione degli obiettivi da conseguire per dare una adeguata risposta di protezione civile ad una qualsiasi situazione di emergenza e le competenze dei soggetti che vi partecipano (legge 225/92 art. 6 e art.11).

80 Obiettivi principali B.1 - Coordinamento Operativo Il Sindaco si avvale del Centro Operativo Comunale (C.O.C.) B.2 - Salvaguardia della popolazione Predisposizione di un piano di evacuazione B.3 - Rapporti tra le istituzioni Capacità amministrativa di mantenere i collegamenti con Regione, Prefettura, Amministrazione Provinciale, Comunità Montana B.4 - Informazione alla popolazione Predisposizione di un sistema di allertamento per la popolazione B.5 - Ripristino della viabilità e dei trasporti Attuazione di un piano di viabilità alternativa in emergenza B.6 - Funzionalità delle telecomunicazioni Corretto funzionamento delle reti telefoniche e radio B.7 - Funzionalità dei servizi essenziali Applicazione di piani particolareggiati di emergenza elaborati da ciascun ente B.8 - Struttura dinamica del Piano Aggiornamento e sperimentazione del Piano

81 MODELLO DI INTERVENTO Linsieme delle risposte operative da attuarsi in caso di calamità Linsieme delle risposte operative da attuarsi in caso di calamità Individuazione preliminare delle sedi dei Centri Operativi e dei responsabili Individuazione preliminare delle sedi dei Centri Operativi e dei responsabili Individuazione preliminare delle aree di emergenza Individuazione preliminare delle aree di emergenza

82 CENTRI OPERATIVI Direzione Comando e Controllo (DI.COMA.C.) Direzione Comando e Controllo (DI.COMA.C.) o Centro di Coordinamento Soccorsi (C.C.S.) Centro Operativo Misto (C.O.M) Centro Operativo Misto (C.O.M) Centro Operativo Comunale (C.O.C.) Centro Operativo Comunale (C.O.C.)

83 ORGANIZZAZIONE CENTRI OPERATIVI Ciascun Centro Operativo è strutturato per funzioni di supporto Ciascun Centro Operativo è strutturato per funzioni di supporto il referente di tali funzioni ha il compito di coordinare le attività degli enti e strutture della funzione il referente di tali funzioni ha il compito di coordinare le attività degli enti e strutture della funzione

84 Linee guida centri operativi/aree Indicazioni sulle caratteristiche dei Centri Operativi e delle aree di emergenza; Standardizzazione del linguaggio a livello nazionale; Standardizzazione del prodotto cartografico per la gestione dell'emergenza con indicazioni sui cromatismi e sulle scale cartografiche da utilizzare.

85 AREE DI EMERGENZA aree di attesa della popolazione aree di attesa della popolazione aree di ricovero della popolazione aree di ricovero della popolazione aree di ammassamento dei soccorritori e delle risorse aree di ammassamento dei soccorritori e delle risorse

86 Aree di emergenza nella pianificazione comunale Aree di Attesa della popolazione Le Aree di Attesa sono luoghi di primo ritrovo per la popolazione, che riceverà le informazioni sullevento e sui comportamenti da seguire per le successive sistemazioni eventuali. sicurezza del percorso per il raggiungimento dellarea; periodo di utilizzo in emergenza il più breve possibile.

87 Aree di Ricovero della popolazione Le Aree di Ricovero della popolazione sono strutture coperte – rischio idrogeologico - (ostelli, alberghi, abitazioni private, ecc.) o luoghi in cui saranno allestite tende e roulotte – rischio sismico - in grado di assicurare un ricovero alla popolazione colpita. I requisiti sono: sicurezza del sito a frane, crolli allagamenti; vicinanza di risorse idriche, elettriche e ricettive per lo smaltimento di acque reflue. sicurezza del percorso per il raggiungimento dellarea; eventuale polifunzionalità. Aree di emergenza nella pianificazione comunale

88 Area di Ammassamento soccorritori e risorse Da tale area partono i soccorsi coordinati dalla S.O.U.. I requisiti sono: sicurezza del sito a frane, crolli allagamenti; vicinanza di risorse idriche, elettriche e ricettive per lo smaltimento di acque reflue. sicurezza del percorso per il raggiungimento dellarea; raggiungibilità mediante mezzi di grande dimensione; eventuale polifunzionalità. Area di Emergenza nella pianificazione intercomunale

89 Aree di emergenza Aree di Attesa della popolazione Le Aree di Attesa sono luoghi di primo ritrovo per la popolazione, che riceverà le informazioni sullevento e sui comportamenti da seguire per le successive sistemazioni eventuali. Si possono utilizzare come aree di attesa piazze, parcheggi, slarghi. I requisiti fondamentali sono: sicurezza del percorso per il raggiungimento dellarea; periodo di utilizzo in emergenza il più breve possibile.

90 Centri di accoglienza Sono gli alloggi per la popolazione da utilizzare per il periodo di tempo necessario al superamento dellemergenza; a tale scopo si possono utilizzare strutture coperte come ostelli, alberghi, scuole, palestre, padiglioni fieristici ecc. I requisiti sono: ubicazione in aree non soggette a rischio sicurezza e semplicità del percorso per il raggiungimento del centro spazi liberi nelle immediate adiacenze per parcheggi e per consentire manovre periodo di utilizzo relativamente breve.

91 Area di Ammassamento soccorritori e risorse Da tale area partono i soccorsi coordinati dalla S.O.U.=C.O.M.. I requisiti sono: sicurezza del sito a frane, crolli allagamenti; vicinanza di risorse idriche, elettriche e ricettive per lo smaltimento di acque reflue. sicurezza del percorso per il raggiungimento dellarea; raggiungibilità mediante mezzi di grande dimensione; eventuale polifunzionalità. Area di Emergenza nella pianificazione intercomunale

92 Aree di Ricovero della popolazione Le Aree di Ricovero della popolazione sono strutture coperte – rischio idrogeologico - (ostelli, alberghi, abitazioni private, ecc.) o luoghi in cui saranno allestite tende e roulotte – rischio sismico - in grado di assicurare un ricovero alla popolazione colpita. I requisiti sono: sicurezza del sito a frane, crolli allagamenti; vicinanza di risorse idriche, elettriche e ricettive per lo smaltimento di acque reflue. sicurezza del percorso per il raggiungimento dellarea; eventuale polifunzionalità. Aree di emergenza nella pianificazione comunale

93 PARTE B Lineamenti della pianificazione I lineamenti della pianificazione sono gli obiettivi che il C.O.C., in quanto struttura di supporto al Sindaco per la gestione dellemergenza, deve conseguire nell'ambito della direzione unitaria dei servizi di soccorso e assistenza in emergenza alle popolazioni colpite (competenze attribuite al Sindaco quale autorità comunale di protezione civile ai sensi dellArt. 15 L. 225/92). Tale parte del Piano deve contenere il complesso delle Componenti e delle Strutture Operative di Protezione Civile che intervengono in emergenza (art. 6 e art. 11 L.225/92), e indicarne i rispettivi ruoli e compiti.

94 Obiettivi principali B.1 - Coordinamento Operativo Il Sindaco si avvale del Centro Operativo Comunale (C.O.C.) B.2 - Salvaguardia della popolazione Predisposizione di un piano di evacuazione B.3 - Rapporti tra le istituzioni Capacità amministrativa di mantenere i collegamenti con Regione, Prefettura, Amministrazione Provinciale, Comunità Montana B.4 - Informazione alla popolazione Predisposizione di un sistema di allertamento per la popolazione B.5 - Ripristino della viabilità e dei trasporti Attuazione di un piano di viabilità alternativa in emergenza B.6 - Funzionalità delle telecomunicazioni Corretto funzionamento delle reti telefoniche e radio B.7 - Funzionalità dei servizi essenziali Applicazione di piani particolareggiati di emergenza elaborati da ciascun ente B.8 - Struttura dinamica del Piano Aggiornamento e sperimentazione del Piano

95 PARTE C Modello di intervento Il modello di intervento consiste nell'assegnazione delle responsabilità e dei compiti nei vari livelli di comando e controllo per la gestione delle emergenze. Il modello riporta il complesso delle procedure per la realizzazione del costante scambio di informazioni tra il sistema centrale e periferico di protezione civile, in modo da consentire l'utilizzazione razionale delle risorse, con il coordinamento di tutti i Centri Operativi dislocati sul territorio in relazione al tipo di evento (art. 2, L.225/92).

96 PARTE C Modello di intervento In sintesi il modello di intervento risponde alle domande: chi fa che cosa, dove come e quando rispetto agli scenari di evento attesi. Il Centro Operativo, le aree di emergenza, la viabilità ed i cancelli sono indicati nel modello di intervento della pianificazione e nella cartografia tematica specifica allegata.


Scaricare ppt "Esercitazione Europea di Protezione Civile Rischio Sismico - EUROSOT 2005 VADEMECUM PER LATTIVITA DEI SINDACI NELLESERCITAZIONE EUROSOT 2005 Staff di coordinamento."

Presentazioni simili


Annunci Google