La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PER UN USO RESPONSABILE DEL DENARO

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PER UN USO RESPONSABILE DEL DENARO"— Transcript della presentazione:

1 PER UN USO RESPONSABILE DEL DENARO
LE ASSOCIAZIONI INCONTRANO LE SCUOLE PER UN USO RESPONSABILE DEL DENARO Incontro con Istituto d'Istruzione Superiore Statale Leon Battista Alberti Viale della Civiltà del Lavoro, 4 - EUR ROMA ROMA – 22/04/2010 A cura di S A L V A T O R E F I A S C H I

2 - S O M M A R I O - DEFINIZIONE DI USURA ORIGINE DELL’USURA
TIPOLOGIA DI INDEBITAMENTO ERRORE FATALE CAUSE DI INDEBITAMENTO CENNI STORICI CENNI GIURIDICI PREVENZIONE DELL’USURA ASSOCIAZIONI / FONDAZIONI SPORTELLI DI AIUTO VOLONTARI

3 CONCETTI DI BASE ECONOMIA (definizione)
BISOGNI (primari, voluttuari, etc) RISPARMIO (consumo differito) VENDITE RATEALI (ieri ed oggi) LA BANCA (perché se ne parla male) LE FINANZIARIE (perché bisogna parlarne) USURA / PIZZO (analogie e differenze) MICROCREDITO ( importanza del…)

4 CONCETTI DI BASE PIL RATING – CENTRALE RISCHI - CRIF FINANZA
FINANZA ETICA FINANZA COMPORTAMENTALE BILANCIA DEI PAGAMENTI BOLLE SPECULATIVE

5 TENTA RAPINA, LASCIA I FIGLI IN AUTO
Una giovane madre, armata di una pistola finta, ha tentato una rapina in una tabaccheria a Foggia mentre i figli la aspettavano in auto. La donna, 23 anni, incensurata, è stata arrestata dai carabinieri. Quando è arrivata la polizia i due bimbi, di 2 e 6 anni, erano soli e in lacrime. La mamma, piangendo, ha spiegato di avere tentato un gesto disperato per dare da mangiare ai figli, visto che sia lei sia il marito sono disoccupati. Ansa, 17 Gennaio 2006

6 OSTIA, MASSACRATO A BOTTE DAGLI USURAI: ARRESTATI
È stato aggredito nella sua abitazione di Ostia, malmenato con calci e pugni e colpito alla testa con il calcio di una pistola e poi abbandonato sul pianerottolo: vittima un quarantenne, impiegato, finito all’ospedale Grassi dove lunedì ha raccontato la brutta storia agli agenti del commissariato di Ostia. L’uomo ha riferito di essere stato picchiato da due persone dalle quali nel novembre scorso aveva ricevuto un prestito di duemila euro. Alla coppia, il quarantenne aveva restituito tremila euro ma gli estorsori ne avrebbero pretesi diecimila. Questo avrebbe scatenato l’aggressione. Grazie alle descrizioni fornite dalla vittima gli agenti sono risaliti ai due, entrambi di Ostia, di 32 e 23 anni, e li hanno arrestati. Leggo, 11 Gennaio 2006

7 USURA: SETTE ARRESTI A GENOVA
Da un piccolo debito di diciannovemila euro dovevano restituirne in due anni circa due milioni di euro agli usurai con interessi fino al 350% l’anno. L’angosciosa storia di strozzinaggio di cui è rimasta vittima una famiglia di imprenditori edili genovesi è stata scoperta dai carabinieri del Ros che hanno arrestato sette persone. I carabinieri hanno sequestrato assegni e conti bancari, nonché due fucili ed una pistola calibro 38 con la quale gli usurai avevano minacciato gli imprenditori. Ansa, 10 Gennaio 2006

8 USURA : cos’è e da dove nasce
 negozio “non sinallagmatico” e consiste nello sfruttare il bisogno di denaro di un’altra persona per procurarsi un forte guadagno con l’imposizione di interessi elevati. L’usura nasce dall’indebitamento!

9 CHE COS’E’ L’INDEBITAMENTO
- qualsiasi obbligazione verso una persona; Esso può essere: Fisiologico (75% delle Persone/Famiglie/Aziende); Patologico (20% delle Persone/Famiglie/Aziende); Rischio (5% delle Persone/Famiglie/Aziende).

10 L’usura affonda le sue radici nel sovra-indebitamento.
Prima di arrivare all’usura, però, occorre passare per i tre stadi precedenti dell’indebitamento ma… NON BASTA!

11 gravemente indebitato incapace di gestire la sua crisi
Per sfociare nell’usura occorre un elemento aggiuntivo e cioè l’ERRORE o la SCORCIATOIA per cui il soggetto : (*) gravemente indebitato incapace di gestire la sua crisi individua la soluzione ai suoi problemi e quindi la sua salvezza nella… …“SCORCIATOIA”… …dell’usuraio che offre una soluzione immediata, salvo rendersi conto, il giorno dopo, di aver aggravato la sua situazione.

12 D I S F U N Z I O N A L E (soggetto con personalità
(*) (soggetto con personalità D I S F U N Z I O N A L E ovvero incapace di elaborare la propria situazione)

13 paracadute …………………BUCATO!! OVVERO: UN PARACADUTE CHE NON SALVA!!
L’usuraio, in pratica, ha fornito al suo ingenuo e malaccorto interlocutore un paracadute …………………BUCATO!! OVVERO: UN PARACADUTE CHE NON SALVA!!

14 DEL DEBITORE DI ADEMPIERE LE PROPRIE OBBLIGAZIONI CON REGOLARITA’.
SOVRA-INDEBITAMENTO UNA SITUAZIONE DI PERDURANTE SQUILIBRIO ECONOMICO FRA LE OBBLIGAZIONI ASSUNTE ED I MEZZI DISPONIBILI PER FARVI FRONTE: IN PRATICA LA DEFINITIVA INCAPACITA’ DEL DEBITORE DI ADEMPIERE LE PROPRIE OBBLIGAZIONI CON REGOLARITA’.

15 CAUSE DI INDEBITAMENTO
INVESTIMENTO PER AVVIO ATTIVITA’ ECONOMICA (COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO) SPESE MEDICHE SPESE FAMILIARI NON STRETTAMENTE NECESSARIE DEBITI DI GIOCO RIDUZIONE DI REDDITO PER CESSAZIONE ATTIVITA’ SEPARAZIONE TRA I CONIUGI RIDUZIONE DEL REDDITO PER CASSA INTEGRAZIONE O MOBILITA’ DEL CAPOFAMIGLIA AUMENTO DEL COSTO DELLA VITA CON RIDUZIONE O ANNULLAMENTO DEL RISPARMIO RICORSO ALLA DROGA RICHIESTE DI RIENTRO IMMEDIATO DI PRESTITI E FIDI DA PARTE DI BANCHE E FINANZIARIE

16 CAUSE DI INDEBITAMENTO
INVESTIMENTO PER AVVIO ATTIVITA’ ECONOMICA (COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO)

17 CAUSE DI INDEBITAMENTO
SPESE MEDICHE

18 CAUSE DI INDEBITAMENTO
RIDUZIONE DI REDDITO PER CESSAZIONE ATTIVITA’

19 CAUSE DI INDEBITAMENTO
SPESE FAMILIARI NON STRETTAMENTE NECESSARIE (vacanze,fitness,auto, etc)

20 CAUSE DI INDEBITAMENTO
DEBITI DI GIOCO (2009: 54,4 mld. di euro la raccolta giochi pubblici, 37 mld. le vincite) addetti, 3.5 punti di PIL

21 A PROPOSITO DI GIOCHI Fornaio inglese vinse 10 milioni alla lotteria: muore solo e senza soldi a 58 anni – LONDRA (3 aprile 2010) - Keith Gough, l'ex fornaio che nel giugno 2005 aveva vinto 9 milioni di sterline (oltre 10 mln di euro) alla lotteria, è morto solo e senza soldi a 58 anni per un infarto al Princess Royal Hospital di Telford, nello Shropshire. Nel 2007, due anni dopo la vincita, Gough si separò dalla moglie Louise. La coppia era sposata da 25 anni e aveva un figlio adolescente. L'anno scorso Keith Gough era stato protagonista di una storia pubblicata su News of the world dal titolo "Il perdente numero uno" in cui raccontava che la sua vita era stata completamente rovinata dalla somma vinta. Gough diceva di aver perso tutto, dalla moglie agli amici, e che non gli restava altro da fare che consolarsi con una bottiglia.

22 CAUSE DI INDEBITAMENTO
SEPARAZIONE TRA I CONIUGI

23 CAUSE DI INDEBITAMENTO
RIDUZIONE DEL REDDITO PER CASSA INTEGRAZIONE O MOBILITA’ DEL CAPOFAMIGLIA

24 CAUSE DI INDEBITAMENTO
AUMENTO DEL COSTO DELLA VITA CON RIDUZIONE O ANNULLAMENTO DEL RISPARMIO

25 CAUSE DI INDEBITAMENTO
RICORSO ALLA DROGA

26 CAUSE DI INDEBITAMENTO
RICHIESTE DI RIENTRO IMMEDIATO DI PRESTITI E FIDI DA PARTE DI BANCHE E FINANZIARIE

27 C E N N I S T O R I C I : I Romani avevano conquistato il mondo con le Legioni, ma lo avevano tenuto insieme con le leggi. Nel Diritto Romano erano dette “usurae” le cose fungibili (di solito denaro) che il debitore era tenuto a versare periodicamente al creditore in compenso di una maggiore quantità di cose della stessa specie dovute in via principale. L’obbligo di versare gli interessi poteva sorgere o dalla legge o da un negozio giuridico ed era sempre sottoposto ad un limite. La legge delle Dodici Tavole (raccolta di leggi, impresse in tavole di bronzo ed esposte all’ingresso del Senato, redatte a Roma dai Decemviri e approvate dal popolo nei comizi centuriati negli anni 451/450 a.c.) stabilì “l’unciarium fenus”, pari al cento per cento, ma già nel periodo repubblicano si stabilì un limite più ragionevole, quello detto delle “usurae centesimae”, cioè di un centesimo del capitale al mese (pari al 12% all’anno).

28 “Cosa pensate, voi, dell’assassinio!” Catone, De Re Rustica
“…e cosa pensate dell’usura?” “Cosa pensate, voi, dell’assassinio!” Catone, De Re Rustica

29 ed erano quelle dovute dai debitori caduti in mora,
Giustiniano (528 d.c.) dimezzò tale limite (dimidia centesimae) portandolo al 6% all’anno. Però furono previste per la prima volta le “usurae moratoriae” ed erano quelle dovute dai debitori caduti in mora, cioè per i ritardati pagamenti.

30 Dante: L’USURA comincia ad essere individuata come un SOPRUSO
La Chiesa ha condannato la pratica usuraria fin dai primi secoli. Successivamente l’usura venne vietata agli ecclesiastici e poi anche ai laici. In seguito, nel Medioevo, fu ammesso un giusto interesse. Ancora dopo, per contrastare il dilagante fenomeno dei prestiti con interessi alti e venire incontro alle necessità della povera gente furono istituiti i “Monte di Pietà” che erogavano piccoli prestiti, generalmente su pegno di cose mobili. “Usura offende la divina bontade” L’USURA comincia ad essere individuata come un SOPRUSO

31 C E N N I G I U R I D I C I : Dal 1889 (Codice Zanardelli) l’Usura non è un reato. Dal 1931 (Codice Rocco) l’Usura è un reato contro il patrimonio. Dal 1992 il reato di USURA è definito come: “interesse eccedente la misura legale o d’uso, richiesto per una prestazione di danaro, approfittando dello stato di bisogno di una persona”. La valutazione del carattere usurario del rapporto è affidata a circostanze sostanzialmente ricollegabili alla “condizione di necessità della vittima”; “consistente e ingiustificata sproporzione”. Conseguenza: Le pene erano lievi, quasi sempre di tipo amministrativo, quasi mai penali.

32 Legge 108: Disposizioni in materia di
DAL 7 MARZO 1996 Legge 108: Disposizioni in materia di usura: “Chiunque si fa dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per se o per altri, in corrispettivo di una prestazione di danaro o di altra utilità, interessi o altri vantaggi usurari, è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da sei a trenta milioni di lire.” Questa legge sostituisce e costituisce integralmente l’art. 644 del codice penale che disciplina appunto il reato di usura.

33 PUNTI SALIENTI DELLA NUOVA DISCIPLINA LEGISLATIVA
La legge stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari a prescindere dallo stato di bisogno di chi la subisce. Conta unicamente il tasso d’interesse applicato: se supera il tasso soglia si concretizza il r e a t o

34 INNOVAZIONI NEL DIRITTO PENALE
INNOVAZIONI NEL DIRITTO CIVILE Nei contratti di mutuo o di prestito la clausola contenente un interesse usurario è nulla. Le pene di cui sopra sono aumentate di un terzo in diversi casi tra cui: “quando il reato è commesso in danno di chi si trova in stato di bisogno”; se il reato è commesso in danno di chi svolge attività imprenditoriale, professionale o artigianale. INNOVAZIONI NEL DIRITTO PROCESSUALE Nei procedimenti per reato di usura possono costituirsi parte civile: le vittime del reato; le associazioni antiusura; le fondazioni antiusura.

35 FONDI DI PREVENZIONE E DI SOLIDARIETA’
Le vittime del reato di usura, possono accedere ai benefici previsti dalla stessa legge. La legge, però, limita l’accesso a tali fondi solo alle vittime di “usura che riguardi l’attività economica o professionale del soggetto”. In pratica un soggetto sotto usura a causa del gioco d’azzardo può richiedere sì la condanna dell’usuraio ma non può accedere ai benefici previsti dalla legge. In ogni caso è obbligatoria la denuncia.

36 IL RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI ANTIUSURA
Le Associazioni rappresentano una fitta rete di solidarietà e di aiuto per non finire nelle mani degli usurai o per uscirne. Esse sono il presidio territoriale della società civile che monitorizza, registra e collabora nel contrasto del fenomeno. Le Associazioni antiusura svolgono nei confronti dei soggetti in difficoltà un’opera di: - Assistenza - Solidarietà - Prestazione di Garanzia nei confronti delle banche.

37 IL RUOLO DEGLI SPORTELLI DI ASCOLTO
ASSISTENZA IL RUOLO DEGLI SPORTELLI DI ASCOLTO Sono strumenti delle Associazioni e delle Fondazioni. Compito degli Sportelli d’Ascolto non è quello di combattere l’usura o gli usurai. Per questo compito ci sono già le Forze dell’Ordine e la Magistratura. Gli Sportelli hanno il compito di aiutare le persone che si trovano in una condizione di sostanziale e grave indebitamento (patologico/rischio) al fine di prevenire l’usura e quindi di intervenire prima che essa si concretizzi. L’azione principale degli Sportelli è quindi LA PREVENZIONE.

38 Essa si attua con la collaborazione di Esperti suddivisi in:
- TEAM (di solito due persone, professionisti/esperti in varie discipline) per i cosiddetti Ascolti di Analisi che decide se e come aiutare l’utente. - EQUIPE, gruppi di 4/5 persone in cui sono presenti tutte le professionalità necessarie (esperti bancari, psicologi, avvocati penalisti / civilisti, esperti aziendali / commercialisti). L’Equipe si caratterizza per un approccio di tipo globale e sistemico alle problematiche dell’utente che tiene conto di tutti gli aspetti del problema (economici, sociali, psicologici) per favorire il pieno reinserimento della persona nella società. L’intervento della struttura è di ausilio \ accompagnamento dell’utente, giammai sostitutivo in quanto vuole sollecitare e stimolare la responsabilità dell’individuo a reagire e a trovare le forze per combattere il problema (autoconsapevolezza).

39 che prestano la loro opera in forma
Tutti gli esperti sono VOLONTARI che prestano la loro opera in forma GRATUITA CONTINUATIVA

40 Il concetto di Solidarietà è strettamente connesso a quello dell’Assistenza perchè una persona che era disperata e tragicamente isolata non sapeva a chi rivolgersi trova, unitamente ai consigli tecnico/professionali degli Esperti un oasi di solidarietà e di vicinanza di persone prima non conosciute che si fanno carico di accompagnarlo nella ricerca della migliore soluzione. SOLIDARIETA’

41 PRESTAZIONE DI GARANZIA
In molti casi, laddove sia veramente necessario, le Associazioni e le Fondazioni erogano o meglio garantiscono le Banche nell’erogazione di prestiti a persone che per la loro condizione non possono più accedere al credito bancario (art. 15 comma 6, legge 108/96). In sostanza esse garantiscono la puntuale restituzione del prestito e, laddove l’utente non provveda, esse stesse rifondono la Banca per la parte non onorata. In taluni, rari casi, possono essere concessi prestiti a fondo perduto o erogazioni liberali a privati bisognosi. I fondi a cui attingono tali Associazioni sono quelli previsti dalla legge 108/96 che riconosce l’utilità e la funzione della Associazioni, Fondazioni e Confidi. PRESTAZIONE DI GARANZIA

42 PER LA PREVENZIONE DELL’USURA
SPORTELLO D’AIUTO PER LA PREVENZIONE DELL’USURA X MUNICIPIO

43 PER LA PREVENZIONE DELL’USURA
SPORTELLO D’AIUTO PER LA PREVENZIONE DELL’USURA LITORALE ROMANO OSTIA

44 VII MUNICIPIO CENTOCELLE
SPORTELLO D’AIUTO PER LA PREVENZIONE DELL’USURA VII MUNICIPIO CENTOCELLE

45 Presso Comunità ebraica
Sportello Trastevere Presso Comunità ebraica Associazione Dror

46 IL BUON MEDICO NON E’ QUELLO
CHE DA’ AL PAZIENTE LE MEDICINE CHE VUOLE, MA QUELLO CHE DA’ LE MEDICINE DI CUI IL PAZIENTE HA BISOGNO

47 concessione abusiva di credito
Corte di Cassazione Accordare fidi a soggetti incapaci di assicurarne la restituzione costituisce una concessione abusiva di credito da parte della banca che ha erogato direttamente (deliberando il fido) o indirettamente (tollerando gli sconfinamenti) il credito, ed è fonte di responsabilità extracontrattuale per il danno ai creditori terzi derivante dalla dissimulazione dell’insolvenza dell’imprenditore.

48 PRODOTTO INTERNO LORDO
È il valore della ricchezza o del benessere di un paese; Valore complessivo dei beni e servizi finali prodotti all’interno di un paese in un certo intervallo di tempo (un anno) Prende in considerazione il valore finale dei beni e dei servizi (indipendentemente dalla nazionalità di chi li produce)

49 PRODOTTO NAZIONALE LORDO
Del PIL fanno parte i profitti realizzati dalle imprese straniere in Italia mentre i profitti realizzati dalle imprese italiane all’estero fanno parte del PNL (prodotto nazionale lordo). Il termine lordo fa riferimento al fatto che il PIL e il PNL sono al lordo degli ammortamenti

50 COME SI CALCOLA IL PIL I tre metodi producono lo stesso risultato
Metodo della spesa:somma dei consumi (di beni e servizi) delle famiglie, investimenti (di imprese e famiglie) Spesa Pubblica e delle Esportazioni Nette (differenza import/export) Metodo del valore aggiunto:somma dei valori dei Beni e Servizi prodotti dalle imprese. Per eliminare duplicazioni nella catena del valore di un bene si considera il valore finale meno la somma pagata per l’acquisto delle materie prime utilizzate. Metodo dei redditi: somma delle Retribuzioni da lavoro e dei Redditi da capitale. I tre metodi producono lo stesso risultato

51 RATING 1 il rating è un giudizio che viene espresso da un soggetto esterno e indipendente, l’Agenzia di Rating, sulle capacità di una società di pagare o meno i propri debiti. L’agenzia di rating valuta la solvibilità di un soggetto emittente obbligazioni; in altri termini attribuisce un giudizio circa la capacità della stessa di generare le risorse necessarie a rimborsare i creditori.

52 RATING 2 Il giudizio dell’Agenzia di rating è periodico. Può essere a breve, medio e lungo termine. La scala può essere alfanumerica, AAA, B, A-1 Anche il debito sovrano è sottoposto a rating Minore è la valutazione del rating, maggiore gli interessi da pagare sul debito

53 CENTRALE DEI RISCHI Gestita da Bankitalia Elaborazione mensile
Sono previste delle soglie I parametri li adotta bankitalia La segnalazione è obbligatoria Elaborazione flusso di ritorno con indicazione C.R. specifica e di sistema

54 CRIFF Società privata specializzata nei sistemi di informazioni creditizie, di business information e di supporto decisionale CRIF offre a banche, società finanziarie, confidi, assicurazioni, utilities e imprese un supporto per la gestione del rischio e per il marketing

55 FINANZA FINANZA E INVESTIMENTI FANNO RIFERIMENTO A CONCETTI COME REMUNERAZIONE DEL CAPITALE, PROFITTO, RENDIMENTO GLI INVESTITORI NON SI PREOCCUPANO DI COME VIENE INVESTITO IL PROPRIO DENARO

56 FINANZA ETICA Non esiste una definizione univoca di finanza etica; in genere con tale termine si indica la microfinanza ed il microcredito rivolta alle fasce di popolazione più debole Con investimento etico si indicano le iniziative nel campo ambientale, sviluppo sostenibile, servizi sociali, cultura e cooperazione internazionale

57 Finanza comportamentale 1
E’ la branca di studi economici che indaga i comportamenti dei mercati finanziari includendo nei propri modelli principi di psicologia legati al comportamento individuale e sociale Correzioni del mercato che si trasformano in crolli consistenti causati dal panico Acquisti di massa non giustificati da particolari notizie da cui bolle speculative

58 Finanza comportamentale 2 termini di riferimento
Euristica: decisioni basate su regole empiriche, approssimative, che non seguono analisi razionali ma prese in base a esperienze passate (istintivamente) Inquadramento: la decisione di chi sceglie viene influenzata dal modo con cui una decisione o un particolare quesito viene presentato Inefficienze dei mercati: spiegazione per le situazioni prive di spiegazioni razionali

59 BILANCIA DEI PAGAMENTI
Registrazione delle transazioni dei residenti di un paese con il resto del mondo. Si divide in due conti principali: Conto delle Partite Correnti (bilancia commerciale per beni e servizi) Conto Capitale, acquisti e vendite di attività finanziarie e reali (immobili) Saldo commerciale, avanzo o disavanzo

60 BOLLA SPECULATIVA 1 Sentiero esplosivo che si forma nel prezzo di un bene che lo porta progressivamente sempre più distante dai valori compatibili con i fondamenti economici dello stesso. se le quotazioni di borsa capitalizzano aspettative impossibili da misurare si formano bolle speculative destinate a scoppiare dato che non tutte le iniziative prese dagli investitori avranno successo.

61 BOLLA SPECULATIVA 2 Esempi di bolle speculative: Tulipani, Olanda 1600
Compagnia Mari del Sud, 1700 Ferrovie inglesi, 1800 Wall Street, 1929 Giappone, grande bolla immobiliare 1980 Mercato titoli tecnologici, Nasdaq 2000 Mercati finanziari, 2008 Usa e Gb, poi resto del mondo (Lehman Brothers, etc)

62 USURA/PIZZO Sono due fenomeni criminali totalmente diversi anche se talvolta associati. LA PRESENZA DI QUESTI DUE FENOMENI E’ SPESSO ASSOCIATA ALLA PRESENZA DEL COSIDDETTO RICICLAGGIO

63 RICICLAGGIO sempre più presente nei casi di usura e racket per “ripulire” il denaro sporco e per impadronirsi di imprese artigiane, commerciali ed industriali (negli ultimi tempi anche imprese finanziarie)

64 DIFFERENZA TRA RACKET E USURA
Racket (Pizzo) il racket è attività tipicamente mafiosa; implica il controllo del territorio; ruolo “passivo” della vittima; non è vincolante il parere del P.M. per accedere ai fondi antiracket; strumento: contributo a fondo perduto. Usura l’usura non è necessariamente attività mafiosa; non implica necessariamente il controllo del territorio; ruolo “attivo” della vittima; è vincolante il parere del P.M. per accedere ai fondi di solidarietà; strumento: finanziamento a tasso zero.

65 EVOLUZIONE DEL FENOMENO USURA
Il “cravattaro”: termine tipicamente romanesco, individua l’usuraio che svolge la sua “attività” in ambito locale (spesso il quartiere); Organizzazioni usurarie: vere e proprie organizzazioni a delinquere, che spesso agiscono attraverso individui “insospettabili” (commercianti, liberi professionisti, società finanziarie, ecc.); Usura mafiosa: la riscossione dell’interesse usurario può portare la mafia a detenere il controllo dell’impresa, favorisce il riciclaggio di denaro sporco e consente alla mafia di estendere il proprio raggio d’azione sul mondo economico. Conseguenze: limitazione delle libertà d’impresa, limitazione delle relazioni di concorrenza, distorsione del mercato.

66 GLI ERRORI PIÙ FREQUENTI
Utilizzati tutti i soldi avuti in prestito dalla Banca, esaurite disponibilità e comprensione di parenti ed amici, spesso s’incontra un “benefattore”. Accettare denaro dall’usuraio è l’inizio della fine. Nel giro di qualche mese l’usurato avrà bisogno di nuova liquidità, richiederà altri prestiti, perdendosi nel labirinto dei debiti e degli interessi. Il proseguire del rapporto usuraio porta alla completa distruzione della vittima e delle persone a lui vicine, colpite non solo nei beni, ma anche negli affetti.* .

67 GLI ERRORI PIU’ FREQUENTI
basarsi solo sul denaro avuto in prestito da una banca; errore di valutazione di chi avvia un’attività in un settore/momento di crisi; sopravvalutazione delle proprie capacità personali; sopravvalutazione delle proprie capacità di generare reddito; irresponsabilità verso i debiti assunti. “Un punto cruciale per capire l’usura è che fonda le sue radici nell’indebitamento, non nella mafia, non nel pizzo, non nell’estorsione. L’usura è un fenomeno tipico dell’indebitamento”*.

68 COS’E’ UN CONFIDI Art. 45 della Costituzione Italiana:
"La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità […] La legge provvede alla tutela e allo sviluppo dell'artigianato.” Consorzi di garanzia collettiva dei fidi, che operano a favore delle imprese artigiane delle micro imprese e delle PMI. Informazione sulle opportunità di finanziamento Consulenza finanziaria qualificata e personalizzata Garanzie agli associati per ottenere crediti bancari

69 USURA: IL RUOLO DEI CONFIDI
Gestiscono i Fondi per la prevenzione del fenomeno usurario previsti dalla legge 7 marzo 1996 n. 108 “Disposizioni in materia di usura”. “Occorre facilitare l’accesso al credito. Gli istituti di credito non ragionano con logiche di tipo solidaristico, ma imprenditoriale e, a mio avviso, senza grande lungimiranza dal momento che offrire possibilità di sviluppo alle imprese significa creare un tessuto economico più robusto nel quale le stesse banche operano meglio”.* * Rino Monaco, Commissario antiracket, Catanzaro, Convegno Confartigianato, Marzo 2003.

70 OPERATIVITA’ ORDINARIA
Convenzioni: moltiplicatore fino a 30 volte Regione Lazio Provincia di Roma Comuni C.C.I.A.A. CONFIDI FONDO CONSORTILE BANCHE Garanzie fino al 70%: 50% Confidi 70% Confidi 35% altri confidi + 35% Ist. Centr. di categoria (cogaranzia) FIDEIUSSIONI FINANZIAMENTI A BREVE, MEDIO E LUNGO TERMINE IMPRESE Consulenza personalizzata Ampliamento della capacità di garanzia Trasparenza e certezza delle condizioni Riduzione costo del denaro Per la convenzione con la Banca si avrà un migliore posizionamento nel rating prodotto dallo scoring, con riduzione dei tassi d’interesse passivi (–3,25%) VANTAGGI

71 MISSION La missione della Fondazione è quella di agevolare le imprese nell’accesso al credito bancario. Le aziende che intendono realizzare investimenti possono rivolgersi alla Fondazione, sia per usufruire di garanzie sussidiarie che per ottenere tassi agevolati. Concessione di garanzie per finanziamenti bancari Assistenza creditizia per le aziende di nuova costituzione Sportello Enti di Categoria per finanziamenti agevolati ed ordinari Contributi a fondo perduto attraverso Artigiancredito del Lazio

72 IL CONFIDI NELL’ATTIVITA’ DI PREVENZIONE USURA
I consulenti accolgono il soggetto potenzialmente a rischio usura per valutare se esistono i presupposti per accedere ai fondi di prevenzione La richiesta di finanziamento, viene sottoposta all'esame del Comitato per il rilascio della garanzia La domanda viene inoltrata alla banca Il finanziamento viene erogato presso la banca convenzionata

73 FONDI ANTIUSURA Prevenzione L. 108/96 Solidarietà Usura Confidi
Imprese vittime dell’usura Confidi Imprese ad elevato rischio finanziario

74 OPERATIVITA’ FONDO PREVENZIONE
- 80% Ministero Tesoro - 15% Regione Lazio - 5% Confidi Min. del Tesoro (L. 108/96) Convenzioni BANCHE Regione Lazio (L. R. 23/01) moltiplicatore da 0 a 10 IMPRESE AD ELEVATO RISCHIO FINANZIARIO FINANZIAMENTI fino a 60 mesi importo massimo € Tassi convenzionati Garanzia dall’85% al 100% del finanziamento VANTAGGI Ottenimento finanziamento altrimenti precluso

75 CONVENZIONI Banca di Roma/Unicredit Banca Nazionale del Lavoro
Esistono convenzioni con le maggiori banche: Banca di Roma/Unicredit Banca Nazionale del Lavoro Artigiancassa Intesa Sanpaolo Credito Cooperativo di Roma

76 FONDO STRUMENTALE PER IL MICROCREDITO
Convenzioni: moltiplicatore x 10 FONDO STRUMENTALE PER IL MICROCREDITO BANCA DI ROMA Garanzie Fondazione 80% garanzie fideiussorie dirette, irrevocabili, incondizionate e a prima richiesta FINANZIAMENTI FINO A € ,00 IMPRESE Accesso al credito Tasso parametrato: Euribor + 2,40% VANTAGGI

77 FONDO STRUMENTALE PER IL MICROCREDITO
Convenzioni: moltiplicatore x 15 ARTIGIAN CASSA FONDO STRUMENTALE PER IL MICROCREDITO Garanzie Fondazione 70% garanzie fideiussorie dirette, irrevocabili, incondizionate e a prima richiesta FINANZIAMENTI FINO A € ,00 IMPRESE Accesso al credito Restituzione 3 anni: Euribor + 2% - IRS + 2% Restituzione 7 anni: Euribor + 1,90% - IRS + 1,90% VANTAGGI

78 CONTATTI I consulenti Agisa sono a disposizione dal lunedì al giovedì
venerdì 9.00 – 14.00 Telefonare per appuntamento: 06/ Viale Marco Dino Rossi, 9 – Roma Fermata Metro: Cinecittà

79 L. 108/96 art. 15 Fondo di prevenzione del fenomeno dell’usura:
Beneficiari: imprese ad elevato rischio usura; Condizioni: domanda di credito assistita da una garanzia pari ad almeno il 50% dell’importo del finanziamento stesso e rifiutata da una banca, pur in presenza della disponibilità del Confidi al rilascio della garanzia; Finalità: prevenzione del fenomeno usura; Importo concedibile: fino a €; Erogatore: banca Destinazione Fondo: 70% a Confidi e 30% a Fondazioni ed Associazioni antiusura.

80 LEGGE REGIONALE N. 23/01 ART. 2 ART. 3 – Interventi finanziabili:
2- La gestione del fondo è affidata alla società regionale di garanzia fidi denominata “Unionfidi Lazio”, […]. ART. 3 – Interventi finanziabili: 1- Il fondo di cui all’art.2 è ripartito in due quote […]. 2- Una quota è destinata a finanziare i seguenti interventi: le attività di prestazione di garanzia alle banche, agli istituti di credito ed agli intermediari finanziari che concedono finanziamenti per la prevenzione del fenomeno dell’usura a copertura: della parte del finanziamento non garantita a norma dell’art.15, comma 2 lettera a) Legge n.108/96 e successive modifiche; del finanziamento non garantito, in tutto o in parte, a norma dell’art. 15, comma 6 Legge 108/96.

81 IMPRESE AD ELEVATO RISCHIO FINANZIARIO
Sono considerate ad elevato rischio finanziario le aziende che presentano i seguenti requisiti: situazione di bisogno del richiedente ed esistenza di ragioni morali ed etiche che giustifichino l’atto di solidarietà; esistenza di una precedente delibera di garanzia del Confidi al 50% e conseguente mancata concessione da parte della banca per insufficienti garanzie; capacità di rimborso del prestito da parte dell’azienda, nel nuovo piano finanziario scaturito dall’intervento del fondo antiusura. Queste aziende possono presentare domanda per l’ammissione al Fondo di garanzia antiusura. Sono stati inoltre individuati alcuni criteri di valutazione per l’ammissione delle domande al Fondo di garanzia “antiusura”.

82 CRITERI DI VALUTAZIONE
Possono presentare domanda al Fondo di garanzia “antiusura” anche le aziende che presentino i seguenti requisiti: eventi straordinari negativi (es. morte, o malattia del titolare dell’impresa, infortuni, e calamità occorse, in cui viene meno la capacità di reddito dell’azienda; soggetti protestati che hanno fatto fronte al debito (il protesto deve ritenersi episodio occasionale); imprese in temporanea crisi di liquidità (es. fallimento di un grosso cliente, crediti nei confronti della P.A. non rimborsabili nel breve periodo); neo-imprese, in particolare per le difficoltà che hanno nell’accedere al credito a causa della mancanza di “storia aziendale”; errata conduzione finanziaria dell’impresa legata a casi di commistione tra finanza aziendale e finanza familiare, oppure ad errata scelta delle fonti di finanziamento.

83 PERCHE’ RIVOLGERSI ALLE FONDAZIONI
Per ottenere garanzie sussidiarie Per avere la certezza di usufruire di tassi agevolati e costanti nel tempo Per disporre di prodotti finanziari studiati e realizzati per la piccola impresa Per evitare di usare crediti difettosi

84 EURIBOR (TASSO VARIABILE)
Euro Interbank Offered Rate è il tasso interbancario che da gennaio 1999 ha sostituito il Ribor e tutti i parametri dei paesi che hanno aderito all'euro. È rilevato dalla Banca centrale d'Europa. È il tasso interbancario per i prestiti a breve termine, in altre parole il tasso di interesse medio a cui avvengono le transazioni finanziarie in Euro tra le grandi Banche europee. L'Euribor viene rilevato per durate da 1 settimana a 12 mesi. Si puo’ consultare sull’inserto Finanza e Mercati del Sole 24 ore a pagina 43 EURIRS (TASSO NON VARIABILE) Euro Interest rate swap, cioè "scambio del tasso di interesse", è il costo delle operazioni con cui una banca trasforma un’operazione a tasso fisso in una a tasso variabile. E’ un parametro di indicizzazione che si calcola facendo la media degli IRS delle principali banche dell’unione monetaria europea. Serve quando un istituto di credito concede un mutuo a tasso fisso e vuole garantirsi dai rischi di rialzo dei tassi a lungo periodo. Viene diffuso quotidianamente dalla Federazione Bancaria Europea. L’ IRS viene rilevato per durate da 1 anno a 50 anni. Si puo’ consultare sull’inserto Finanza e Mercati del Sole 24 ore a pagina 43 TASSI

85 CONTRIBUTO IN C\INTERESSI DELLA C.C.I.A.A. DI ROMA
CONTRIBUTI CCIAA CONTRIBUTO IN C\INTERESSI DELLA C.C.I.A.A. DI ROMA La Camera di Commercio di Roma al fine di promuovere e sostenere l’accesso al credito a favore delle piccole e medie imprese di Roma e Provincia eroga contributi in conto abbattimento tassi finalizzati alla riduzione del costo dei finanziamenti per la realizzazione di progetti di ampliamento aziendale e di innovazione tecnologica e\o organizzativa. Le imprese dovranno essere iscritte alla C.C.I.A.A. di Roma, essere in regola con la denuncia di inizio attivita’ ed essere in regola con il pagamento del diritto annuale camerale. MISURA DEL CONTRIBUTO 2,00 PUNTI PERCENTUALI PER LE IMPRESE IN GENERALE 3,00 PUNTI PERCENTUALI PER LE NUOVE IMPRESE, IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE, IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE GIOVANILI 0,50 PUNTI PERCENTUALI AGGIUNTIVI PER LE IMPRESE LOCALIZZATE IN COMUNI PARTICOLARI

86

87

88

89


Scaricare ppt "PER UN USO RESPONSABILE DEL DENARO"

Presentazioni simili


Annunci Google