La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL TRUST 14 MAGGIO 2012 MARINA MANNA Dottore Commercialista e Revisore contabile in Padova 1DELTA ERRE S.P.A.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL TRUST 14 MAGGIO 2012 MARINA MANNA Dottore Commercialista e Revisore contabile in Padova 1DELTA ERRE S.P.A."— Transcript della presentazione:

1 IL TRUST 14 MAGGIO 2012 MARINA MANNA Dottore Commercialista e Revisore contabile in Padova 1DELTA ERRE S.P.A.

2 TRUST NEL TRUST SONO COINVOLTI TRE SOGGETTI: DISPONENTE – CHIUNQUE (PERSONA FISICA O GIURIDICA) SIA TITOLARE DI UN PATRIMONIO TRUSTEE – SOGGETTO AL QUALE VIENE TRASFERITA LA TITOLARITA DEI BENI CON IL DOVERE DI GESTIRLI E AMMINISTRARLI SECONDO LE PRESCRIZIONI CONTENUTE NELLATTO ISTITUTIVO DEL TRUST BENEFICIARI – CHIUNQUE SIA (PERSONA FISICA O GIURIDICA) SCELTA DAL DISPONENTE 2DELTA ERRE S.P.A. DISPONENTE NOMINA CONFERISCE GUARDIANOTRUSTEE CONTROLLA PATRIMONIO CONFERITO IN TRUST CONSERVA E GESTISCE

3 TRUST CONVENZIONE DELLAJA IL TRUST NON HA UNA DISCIPLINA CIVILISTICA INTERNA. LORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO ATTRIBUISCE EFFETTI A DETERMINATE TIPOLOGIE DI TRUST IN SEGUITO ALLA SOTTOSCRIZIONE E ALLA RATIFICA DELLA CONVENZIONE DELLAJA SUL DIRITTO APPLICABILE AI TRUTS ADOTTATA IL 1 LUGLIO 1985 ED ENTRATA IN VIGORE IL 1 GENNAIO AI SENSI DELLART. 2 DELLA CONVENZIONE PER TRUST SI INTENDONO I RAPPORTI GIURIDICI ISTITUITI DA UNA PERSONA, IL COSTITUENTE – CON ATTO TRA VIVI O MORTIS CAUSA – QUALORA DEI BENI SIANO POSTI SOTTO IL CONTROLLO DI UN TRUSTEE NELLINTERESSE DI UN BENEFICIARIO O PER UN FINE SPECIFICO LA CONVENZIONE NON DISPONE SUL TRATTAMENTO FISCALE DEL TRUST CHE RIENTRA NELLE COMPETENZE DEI SINGOLI STATI. DELTA ERRE S.P.A.3

4 TRUST LATTO ISTITUTIVO DI UN TRUST E UN NEGOZIO UNILATERALE PROGRAMMATICO FONDATO SUL RAPPORTO DI FIDUCIA TRA DISPONENTE E GESTORE (TRUSTEE) LATTO DISPOSITIVO CON CUI SI DOTA IL FONDO IN TRUST E UN CONTRATTO, LA CUI CAUSA VA RICERCATA NELLATTO DI TRUST: I BENI SONO TRASFERITI AL TRUSTEE PER LATTUAZIONE DEL COMPITO AFFIDATOGLI I DATI STRUTTURALI DEL TRUST SONO: UN COMPITO ATTRIBUITO AL TRUSTEE, IN FAVORE DI BENEFICIARI O PER IL PERSEGUIMENTO DI UNO SCOPO UN FONDO VINCOLATO ALL ATTUAZIONE DEL COMPITO LA SUA APPARTENENZA AD UN SOGGETTO, IL TRUSTEE LA SUA SEGREGAZIONE NEL PATRIMONIO DEL TRUSTEE UN TERMINE DI DURATA DELTA ERRE S.P.A.4

5 TRUST IN SINTESI GLI EFFETTI GIURIDICI DI UN TRUST SONO: 1.TRASFERIMENTO TITOLARITA DI BENI/DIRITTI DAL DISPONENTE AL TRUSTEE 2.PERDITA TITOLARITA E CONTROLLO SUI DIRITTI SEGREGATI IN TRUST DA PARTE DEL DISPONENTE 3.POTERE-DOVERE DEL TRUSTEE DI AMMINISTRARE E DISPORRE DEI DIRITTI SEGREGATI IN TRUST IN CONFORMITA ALLA LEGGE E ALLE PREVISIONI CONTENUTE NELLATTO ISTITUTIVO (NELLINTERESSE DEI BENEFICIARI, O PER IL RAGGIUNGIMENTO DI UNO SCOPO SPECIFICO) 4.SEPARAZIONE PATRIMONIALE DEI BENI IN TRUST RISPETTO AL PATRIMONIO PERSONALE DEL TRUSTEE E NON AGGREDIBILITA DA PARTE DEI CREDITORI (MASSA PATRIMONIALE AUTONOMA - EFFETTO SEGREGATIVO) DELTA ERRE S.P.A.5

6 TRUST AZIONE REVOCATORIA E POSSIBILE ESPERIRE UNAZIONE REVOCATORIA (EX ART C.C.) NEL CASO IN CUI IL TRUST VENGA UTILIZZATO PER AGGIRARE NORME INDEROGABILI DEL NOSTRO ORDINAMENTO (PRESCRIZIONE IN 5 ANNI). UN CREDITORE DEL DISPONENTE CHE SI CONSIDERI LESO DALLO SPOSSESSAMENTO DI QUESTULTIMO A FAVORE DEL TRUSTEE, PUO CHIEDERE LINEFFICACIA DELLATTO E LINOPPONIBILITA NEI SUOI CONFRONTI. DELTA ERRE S.P.A.6

7 TRUST TRUST INTERNO PER TRUST INTERNO SI INTENDE QUINDI UN TRUST ISTITUITO E OPERANTE IN ITALIA CHE E REGOLATO DA UNA LEGGE STRANIERA. GLI ATTI ISTITUTIVI DEI TRUST INTERNI CONTENGONO SEMPRE UNA CLAUSOLA CHE INDICA DA QUALE LEGGE STRANIERA IL TRUST E REGOLATO. LA LEGGE DI JERSEY E CONSIDERATA TRA LE PIU AVANZATE E SOPRATTUTTO PIU FREQUENTEMENTE USATA NEL MONDO. UN TRUST PER ESSERE VALIDAMENTE RICONOSCIUTO ALLINTERNO DELLORDINAMENTO ITALIANO DEVE NECESSARIAMENTE ESSERE IRREVOCABILE E DISCREZIONALE. DELTA ERRE S.P.A.7 TRUST IRREVOCABILITA DISCREZIONALITA

8 TRUST PERCHE IL TRUST IL TRUST E UN ISTITUTO TANTO FLESSIBILE QUANTO COMPLESSO DA CONCILIARE CON LE SPECIFICITA DEL NOSTRO DIRITTO. IL TRUST COLMA LE LACUNE DEL NOSTRO DIRITTO QUANDO ESSE IMPEDISCONO A INTERESSI MERITEVOLI DI TUTELA DI EMERGERE MA NON OGNI FINE PUO ESSERE CONSEGUITO 8DELTA ERRE S.P.A.

9 TRUST PRIMA DI PROCEDERE ALLA REDAZIONE DI UN ATTO DI TRUST E NECESSARIO QUINDI CHIEDERSI: 1.SE LA FINALITA PERSEGUITA DAL DISPONENTE PUO ESSERE SODDISFATTA CON UN NEGOZIO DI DIRITTO ITALIANO 1.SE LINTERESSE PERSEGUITO DAL TRUST E MERITEVOLE DI TUTELA SECONDO LORDINAMENTO ITALIANO 1.SE IL RAPPORTO GIURIDICO CHE NASCE CON IL TRUST SI PONE IN CONTRASTO CON NORME DI ORDINAMENTO ITALIANO DELTA ERRE S.P.A.9

10 TRUST IL TRUSTEE IL TRUSTEE E TENUTO ALLOSSERVANZA DELLE DISPOSIZIONI DELLATTO ISTITUTIVO LE PRINCIPALI OBBLIGAZIONI DEL TRUSTEE SONO: RENDICONTARE AI BENEFICIARI LA PROPRIA ATTIVITA CONSIDERARE NELLA PROPRIA ATTIVITA SOLO GLI INTERESSI DEI BENEFICIARI ASSICURARE LINTEGRITA DEL FONDO IN GENERALE IL TRUSTEE NON PUO TRARRE ALCUN VANTAGGIO DAL TRUST A PARTE IL PROPRIO COMPENSO. DELTA ERRE S.P.A.10

11 TRUST FINALITA MAGGIORMENTE PERSEGUITE DAI TRUST ITALIANI IN AMBITO FAMILIARE DISTRIBUZIONE E DIVISIONE DEL REDDITO E DEL PATRIMONIO FRA I DISCENDENTI MANTENIMENTO DEL PATRIMONIO DELLA FAMIGLIA UNITO NEL TEMPO TUTELA DEI FIGLI MINORI IN COSTANZA DI SEPARAZIONE O DIVORZIO ASSISTENZA E TUTELA DI SOGGETTI HANDICAPPATI, DEBOLI, MALATI SCOPI BENEFICI 11DELTA ERRE S.P.A.

12 TRUST FINALITA MAGGIORMENTE PERSEGUITE DAI TRUST ITALIANI IN AMBITO COMMERCIALE CONTROLLO DI UN GRUPPO INDUSTRIALE GESTIONE DI PATTI DI SINDACATO GESTIONE DI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO CONGIUNTO IN UNA SOCIETA COSTITUZIONE DI GARANZIE PER I CREDITORI ALIENAZIONE DEI BENI GRAVATI DA PESI INCASSO DI REDDITI E LORO DISTRIBUZIONE 12DELTA ERRE S.P.A.


Scaricare ppt "IL TRUST 14 MAGGIO 2012 MARINA MANNA Dottore Commercialista e Revisore contabile in Padova 1DELTA ERRE S.P.A."

Presentazioni simili


Annunci Google