La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il digital divide Alberto Salarelli Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo Università di Parma Lo stile della biblioteca – Pesaro, 17 gennaio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il digital divide Alberto Salarelli Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo Università di Parma Lo stile della biblioteca – Pesaro, 17 gennaio."— Transcript della presentazione:

1 Il digital divide Alberto Salarelli Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo Università di Parma Lo stile della biblioteca – Pesaro, 17 gennaio 2006

2 Il digital divide Il tema sarà affrontato da tre punti di vista: storico/sociale giuridico biblioteconomico

3 Il digital divide è un problema eminentemente biblioteconomico?

4 Crawford & Gorman There is little that is new about people obtaining information directly – it can be argued that the history of progress in librarianship is one of decreasing the need for mediation. What else are public catalogues, open shelves, accessible reference collections, etc., all about? […] The question therefore is not the presence or absence of mediation but the degree of mediation that is desiderable and affordable.

5 Gabriel Naudé, Advis pour dresser une bibliothèque, Paris, 1627

6 Federico Borromeo, Constitutiones Collegii ac Bibliothecae Ambrosianae, 1610

7 Libraria1947.mpg XVII secolo

8

9 1957

10 The educational paradigm Compulsory Teaching Collective Civil society Sectarian/religious Hierarchies of knowledge Hierarchies of transmission Ordered by age Institutional space

11 The leisure paradigm Voluntary Learning Individual The open market Secular Pick and mix Autodidactic Lifelong Public realm

12 Qualsiasi evoluzione tecnologica porta a una trasformazione sociale

13 Levoluzione di una tecnologia della comunicazione porta a una rifondazione sociale perché muta la natura di base degli oggetti sociali che sono iscritti e idiomatici (Derrida)

14 Paul Veyne il fatto di sapere che alcuni sanno ha unenorme importanza, perché equivale a sapere che si può avere fiducia

15

16 Perché ridurre il gap Pari opportunità di realizzazione personale Crescita economica Non solo grandi mercati ma anche economia alternativa Partecipazione democratica Antiterrorismo

17 Definizioni e cause

18 Il digital divide Pare si debba allex- vicepresidente Al Gore la paternità delluso pubblico dellespressione digital divide: fu in occasione di un discorso tenuto durante una cerimonia in onore delle Blue Ribbon Schools il 29 maggio 1996.

19 digital divide – definizione 1 the gulf between those who have ready access to computers and the Internet and those who do not. (The Concise Oxford English Dictionary. Ed. Catherine Soanes and Angus Stevenson. Oxford University Press, 2004).

20 digital divide – definizione 2 The socio-economic difference between communities in their access to computers and the Internet. The term also refers to gaps between groups in their ability to use ICTs (Information and Communications Technologies) effectively, due to differing literacy and technical skills, and the gap in availability of quality, useful digital content. The divide is seen as a social/political problem. It became an issue among concerned parties, such as scholars, policy makers, and advocacy groups, in the late 1990s. (Wikipedia)

21 Livelli di digital divide 1. technical means (software, hardware, connectivity quality); 2. autonomy of use (location of access, freedom to use the medium for one's preferred activities); 3. use patterns (types of uses of the Internet); 4. social support networks (availability of others one can turn to for assistance with use, size of networks to encourage use); and, 5. skill (one's ability to use the medium effectively). DiMaggio and Hargittai (2001)

22 Cause di digital divide 1. Fattori economici 2. Fattori sociali 3. Fattori geografici 4. Fattori culturali 5. Fattori anagrafici

23 Le dimensioni del fenomeno

24

25

26

27

28 Statistiche EU sul digital divide In Europa luso di Internet è ormai ampiamente maggioritario tra gli studenti di età compresa tra i 16 e i 24 anni: l'85% degli studenti Ue ha utilizzato la rete nei primi tre mesi del In media nell'Ue-25 ad usare Internet è stato nello stesso periodo il 47% della popolazione compresa tra i 16 ed i 74 anni, con differenze molto ampie tra paesi: 82% (Svezia), 76% (Danimarca), 70% (Finlandia), Olanda (69%), Germania (61%).

29 Statistiche EU sul digital divide La minor diffusione del web tra i 16-74enni dell'Unione si registra invece tra la popolazione complessiva di Ungheria (28%), Polonia, Portogallo e Lituania (29%) e Italia (31%). Gli studenti hanno ormai imparato a fare ricorso regolarmente ad Internet con picchi che vanno dal 97% della Finlandia al 96% di Svezia e Danimarca al 94% della Germania. I livelli più bassi sono invece quelli di Irlanda (54%) e Italia (72%).

30 Statistiche EU sul digital divide Il popolo dei pensionati è quello che ha meno dimestichezza con Internet e ne fa un uso molto limitato, 13% nella UE con picchi massimi del 54% in Olanda e del 45% in Svezia. I livelli più bassi sono quelli di Grecia e Lituania (1%), Ungheria e Repubblica ceca (3%), Slovenia (4%), Slovacchia Italia e Spagna (6%). Se si estende l'analisi al solo fattore dell'età (allargando dunque la definizione di studenti e pensionati alle fasce d'età under 24 e 64-74) si evidenzia che usa Internet il 75% degli under 24, contro l'11% del gruppo di età anni.

31 Statistiche EU sul digital divide I dati Eurostat confermano infine le differenze di penetrazione di Internet a seconda del livello di istruzione: - usa il web il 77% degli europei con un alto livello di istruzione, il 52% di quelli con un livello medio e il 25% di quelli con un livello basso.

32 Statistiche EU sul digital divide A gennaio 2005 la banda larga era disponibile per più del 90% della popolazione urbana EU15/EEA, ma solo per il 62% della popolazione rurale

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42 Digital divide in Italia Nellambito della UE l'Italia è uno dei paesi con il più alto divario tra ricchi e poveri in fatto di utilizzo della Rete. Uso del web: Redditi più elevati 71% (77% UE) Redditi medi 51% Redditi bassi 13%

43

44

45 Qual è in assoluto il sito più visitato dagli utenti di Internet in Italia?

46

47 Le linee di azione

48 WSIS

49 La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani Articolo 19 Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.

50 WSIS – Declaration of principles We are fully committed to turning this digital divide into a digital opportunity for all, particularly for those who risk being left behind and being further marginalized.

51 WSIS – Declaration of principles We recognize that building an inclusive Information Society requires new forms of solidarity, partnership and cooperation among governments and other stakeholders, i.e. the private sector, civil society and international organizations. Realizing that the ambitious goal of this Declaration - bridging the digital divide and ensuring harmonious, fair and equitable development for all - will require strong commitment by all stakeholders, we call for digital solidarity, both at national and international levels

52 WSIS – Plan of action Quadro legislativo Partnership pubblico / privato Infrastrutture Digital literacy

53 e-Europe 2005

54 people who are disadvantaged due to limited resources or education, age, gender, ethnicity... (eInclusion policies & activities) people with disabilities (e- Accessibility) and those living in less favoured areas (remote regions policies)

55 i2010

56 an Action Plan on e-Government for citizen- centred services (2006); three quality of life ICT flagship initiatives (technologies for an ageing society, intelligent vehicles that are smarter, safer and cleaner, and digital libraries making multimedia and multilingual European culture available to all (2007); and actions to overcome the geographic and social digital divide, culminating in a European Initiative on e-Inclusion (2008).

57

58 MIT (Ministro per linnovazione e le teconologie)

59 Comitato dei Ministri per la Società dell'Informazione coordinare l'azione delle amministrazioni; assicurare la definizione e realizzazione di una strategia coerente per lo sviluppo della Società dell'Informazione e delle politiche di settore collegate.

60 MIT (Ministro per linnovazione e le teconologie) Il Comitato, presieduto dal Ministro Stanca, è composto dal Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, on. Gianni Letta, e dai Ministri delle attività produttive per l'attuazione del programma di Governo dei beni culturali e delle attività culturali delle comunicazioni dell'economia e delle finanze per la funzione pubblica e il coordinamento dei servizi di informazione e sicurezza dell'interno del lavoro e delle politiche sociali per le politiche comunitarie dell'istruzione, università e della ricerca della salute degli affari esteri degli affari regionali

61 MIT (Ministro per linnovazione e le teconologie) L'Osservatorio Permanente sulla Società dell'Informazione Il Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie, Federcomin, IDC e Nielsen Media Research periodicità semestrale analizza la domanda nei segmenti delle imprese, cittadini ed istituzioni, aggregando i dati intorno a due focus principali: l'utilizzo dell'ICT, come misura della competitività del Paese, e lo sviluppo dei servizi innovativi

62 MIT (Ministro per linnovazione e le teconologie) Accessibilità (Legge 4/2004) Fornitura di hw/sw PC alle famiglie, ai docenti, agli studenti, ai dipendenti pubblici Alfabetizzazione Non è troppo tardi

63 Il Codice dellAmministrazione Digitale Decreto Legislativo n. 82 del 7 marzo 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 16 maggio 2005 n. 112

64 Codice dellAmministrazione Digitale Capo I – Principi generali Sezione II – Diritti dei cittadini e delle imprese Sezione III – Organizzazione delle PA Capo II – Documento informatico e firme elettroniche Sezione I – Documento informatico Sezione II – Firme elettroniche Sezione III – Contratti, pagamenti, libri e scritture

65 Codice dellAmministrazione Digitale Capo III – Formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici Capo IV – Trasmissione informatica dei documenti Capo V – Dati della Pubblica Amministrazione e servizi in rete Sezione I – Dati della PA Sezione II – Fruibilità dei dati Sezione III – Servizi in rete Sezione IV – Carte elettroniche

66 Codice dellAmministrazione Digitale Capo VI – Sviluppo, acquisizione e riuso di sistemi informatici nelle pubbliche amministrazioni Capo VII – Regole tecniche Capo VIII – Disposizioni transitorie, finali e abrogazioni

67 Codice dellAmministrazione Digitale ART. 3 (Diritto all'uso delle tecnologie) 1. I cittadini e le imprese hanno diritto a richiedere ed ottenere l'uso delle tecnologie telematiche nelle comunicazioni con le pubbliche amministrazioni centrali e con i gestori di pubblici servizi statali nei limiti di quanto previsto nel presente codice.

68 Codice dellAmministrazione Digitale ART. 8 (Alfabetizzazione informatica dei cittadini) 1. Lo Stato promuove iniziative volte a favorire l'alfabetizzazione informatica dei cittadini con particolare riguardo alle categorie a rischio di esclusione, anche al fine di favorire l'utilizzo dei servizi telematici delle pubbliche amministrazioni.

69 Codice dellAmministrazione Digitale ART. 9 (Partecipazione democratica elettronica) 1. Lo Stato favorisce ogni forma di uso delle nuove tecnologie per promuovere una maggiore partecipazione dei cittadini, anche residenti all'estero, al processo democratico e per facilitare l'esercizio dei diritti politici e civili sia individuali che collettivi.

70 Le biblioteche

71 The public library service: IFLA/UNESCO guidelines for development The public library should provide material in the appropriate media to support formal and informal learning processes. It should also help the user to make use of these learning resources effectively as well as providing facilities that enable people to study. The ability to access information and make effective use of it is vital to successful education and, where possible, public libraries should co-operate with other educational organizations in teaching the use of information resources

72 Manifesto IFLA per Internet Le biblioteche e i servizi informativi rappresentano punti di accesso fondamentali a Internet. Alcuni vi trovano comodità, orientamento e assistenza, mentre per altri costituiscono gli unici punti di accesso disponibili. Le biblioteche e i servizi informativi forniscono un meccanismo capace di superare le barriere create dal divario di risorse, di tecnologie e di formazione

73 e-Europe 2002 S aranno necessari ulteriori sforzi per affrontare i problemi di quanti rischiano di essere esclusi dalla società dell'informazione e dalla forza lavoro. Si dovrebbero installare terminali Internet in alcuni luoghi pubblici (biblioteche, uffici di collocamento, scuole), e prevedere opportunità di formazione sul posto per offrire un accesso a tutti e per aumentare loccupabilità

74 e-Europe 2005 Entro la fine del 2005, gli Stati membri dovranno mirare a far sì che tutte le scuole e le università dispongano di un accesso a Internet per scopi didattici e di ricerca basato su connessioni a banda larga. Saranno collegati alle reti a banda larga anche i musei, le biblioteche, gli archivi e le altre istituzioni simili che svolgono un ruolo chiave in materia di apprendimento elettronico

75 MIT – MIUR 2003 Biblioteche nelle scuole Progetto MIUR Collegamenti a larga banda nelle scuole con i servizi bibliotecari offerti dal Servizio Bibliotecario Nazionale (materiale cartaceo, siti web, etc.). Formazione dei fruitori (docenti-allievi) mediante e-learning (pacchetto realizzato per la scuola sul sito del MIUR, visibile in rete). Attivazione di altri servizi a valore aggiunto quali : digitalizzazione ed accesso a documenti di particolare interesse storico-culturale conservati nelle biblioteche scolastiche, realizzazione e offerta di percorsi didattici digitali tematici. Offerta di un programma di formazione integrata specifica rivolta a Docenti documentaristi, Bibliotecari scolastici. Risorse finanziarie: Fabbisogno: 18.0 mln - Cofinanziamento richiesto: 8.0 mln

76 MIT – MBAC 2003 Centri di e-Learning nelle biblioteche pubbliche Progetto MBAC Creazione di Internet point presso le biblioteche pubbliche nazionali per l'apprendimento delle tecnologie informatiche di base. Formazione dei bibliotecari e degli operatori delle sale multimediali operanti presso biblioteche, musei, etc. Sviluppo di materiali per la formazione a distanza Certificazione dell'apprendimento. Estensione della rete dei 12 nodi esistenti (1 Piemonte, 2 Lombardia, 2 Emilia-Romagna, 1 Toscana, 2 Lazio, 2 Campania, 1 Basilicata, 1 Calabria) attraverso la creazione di 2-5 nodi per ogni Regione. Realizzazione di nuovi corsi di e-Learning oltre a quelli attualmente sviluppati (16 corsi su tematiche varie), rivolti sia agli operatori che agli utenti delle biblioteche. Risorse finanziarie: Fabbisogno: 5.0 mln - Disponibilità : 3.5 mln Cofinanziamento richiesto: 1.5 mln

77 Linee guida del Piano Telematico della Regione Emilia-Romagna (1999) … promuovere listituzione di punti di accesso gratuito alla rete, possibilmente in luoghi ad accesso pubblico (biblioteche, scuole, centri ricreativi, sedi comunali), che consentano una continuità duso a chi fosse interessato … alfabetizzazione delle comunità residenti, attraverso i laboratori scolastici, le biblioteche, e altri punti di accesso pubblico

78 Biblioteche come punti di accesso alla Rete Biblioteche pubbliche -> alfabetizzazione informativa generalista Biblioteche universitarie -> alfabetizzazione informativa specializzata

79 Ma qual è lo stile della biblioteca?

80 The time was when a library was very like a museum and the librarian a mouser in musty books. The time is when the library is a school and the librarian in the highest sense a teacher. -- Melvil Dewey

81 Far di necessità virtù Library instruction is seriously troubled by the absence of sound philosophical and theoretical foundations upon which to base its programs -- John Mark Tucker Library Trends

82 Far di necessità virtù Information literacy is an issue for librarians, but it is not a «library» issue -- Alan Bundy Australian Academic and Research Libraries

83 Il caos The academic library should be restructured with the intent of establishing it over and beyond its custodial duties and functions and should attain the status of a teaching department -- Edward K. Owusu-Ansah The Journal of Academic Librarianship

84 Il buonsenso Librarians should collaborate frequently with classroom faculty; they should participate in curriculum planning, as well as educational outcomes assessment -- ALA Standards for College Libraries 2000 Edition

85 Progetto Nessuno escluso Biblioteca di Cologno Monzese 1997 Over 60 e portatori di handicap Circa 90 iscritti per corso Formazione di tutor

86 Progetto Lutente indipendente Sistema bibliotecario dellUniversità di Parma 1999 Studenti Circa 130 iscritti per corso suddivisi per aree tematiche Attribuzione di crediti formativi

87 Grazie per lattenzione e buon lavoro


Scaricare ppt "Il digital divide Alberto Salarelli Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo Università di Parma Lo stile della biblioteca – Pesaro, 17 gennaio."

Presentazioni simili


Annunci Google