La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STUDIARE LATINO, OGGI Massimo Gioseffi Liceo Vittorini, Milano 24 marzo 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STUDIARE LATINO, OGGI Massimo Gioseffi Liceo Vittorini, Milano 24 marzo 2010."— Transcript della presentazione:

1 STUDIARE LATINO, OGGI Massimo Gioseffi Liceo Vittorini, Milano 24 marzo 2010

2 PRIMA PARTE

3 Assioma n. 1 Non ci sono generazioni più o meno dotate

4 Assioma n. 2 Non esistono generazioni uguali le une alle altre

5 Un esempio storico Giuseppe Giusto Scaligero Università di Leida, Olanda (post 1572)

6 Qualche dato oggettivo Italiano fortemente ridotto nella sua conoscenza lessicale e di applicazione Mancanza di conoscenze storiche capa- ci di orientare in testi che fanno riferimento a un immaginario che non è quello attuale Lestetica dello zapping

7 Assioma n. 3 Le durate temporali non sono tutte uguali

8 Latino in internet traduzioni curiosità generiche FAQ questioni particolari bibliografie pdf di saggi – articoli o parti di libri e riviste banche dati, soprattutto testi, immagini, siti archeologici

9 Dante, Pg lamoroso canto che mi solea quetar tutte mie… doglie/voglie

10 SECONDA PARTE

11 Due operazioni Ricostruzione filologica Attualizzazione

12 Gli antichi cambiano per acquisizione di nuovi testi per acquisizione di nuovo sapere perché cambiamo noi perché cambiano le domande che poniamo loro perché cambiano le risposte che diamo ai problemi che poniamo loro

13 Virgilio, la prima egloga Titiro e Melibeo sincontrano nel primo meriggio; Titiro sta sdraiato a cantare il suo amore per la bella Amarillide, mentre Melibeo è costretto a trascinare le greggi lontano dai campi che furono suoi e che ora gli sono stati espropriati. Melibeo si stupisce che Titiro possa vivere in tanta pace e gliene chiede ragione; Titiro racconta di come, grazie a un provvidenziale viaggio a Roma, abbia riscattato la propria libertà e conquistato il favore di un iuvenis deus, rimanendo indisturbato sulle proprie terre. A Melibeo, costretto a partire, resta il rimpianto per i beni perduti.

14 Due fatti storici adozione a scuola degli auctores mancato ricambio degli auctores alla fine del tardoantico e nelle epoche seguenti

15 Thomas Mann, Buddenbrooks (1901) Se il senatore Buddenbrook avesse avuto due figli, certamente al secondo avrebbe fatto fare il liceo classico e terminare gli studi. Ma la ditta aveva bisogno di un continuatore, e oltre a ciò, Thomas credeva di fare il bene del ragazzo dispensandolo dalle inutili fatiche del greco.

16 A. Prévost, Histoire du chevalier Des Grieux et de Manon Lescaut (1731) Les lumières que je devais à lamour me firent trouver de la clarté dans quantité dendroits dHorace et de Virgile, qui mavaient paru obscurs auparavant. Je fis un commentaire amoureux sur le quatrième Livre de lÉnéide; je le destine à voir le jour, et je me flatte que le public en sera satisfait.

17 R. Liebermann, Penelope (1954)

18 John Keats 1816 On First Looking into Chapmans Homer 1819 La Belle Dame sans Merci 1820 Lamia

19 1. un viandante (il cavaliere ~ Licio ~ Odisseo ~ Menippo); 2. una figura femminile soprannaturale (la dama ~ Lamia ~ Calipso ~ il fantasma-donna); 3. una dimora isolata (la grotta della dama ~ il palazzo di Lamia ~ la grotta di Calipso ~ la casa della donna/fantasma); 4. lintenzione della donna di tenere il viaggiatore con sé, in eterno isolamento e come sposo; 5. tre volte su quattro lintervento di una figura autorevole che vanifica tale disegno (Apollonio ~ Hermes ~ Apollonio – ne La Belle Dame non cè salvezza ma dannazione).

20 Il banchetto di Lamia (a) 1. una prima parte (vv ) inquadra i pre- parativi della sala, che Lamia cura in solitudine, dirigendo uno stuolo di servi invisibili. 2. una seconda (vv ) descrive larrivo degli ospiti, specie Apollonio, il cui comportamento «filosofico» si distingue da quello degli altri commensali. 3. nella terza (vv ) è descritta la sala apparecchiata e ha inizio il banchetto, con luscita degli ospiti, rinfrescati e ornati, dallanticamera.

21 Il banchetto di Lamia (b) 4. la quarta (vv ) marca il momento in cui il vino esercita il suo effetto, producendo unimpen- nata del volume di voce nei convitati. 5. una quinta (vv ) si apre con il picco delleffetto del vino, e contiene una digressione contro la filosofia (vv ). 6. una sesta (vv ) si apre con Licio che leva una coppa di vino e propone un brindisi, cercando lassenso di Apollonio: questo avvia lepilogo tragico, che si concreta nello «smascheramento» di Lamia, poi nella morte di Licio.

22 Il banchetto di Didone (a) 1. preparativi del banchetto, in assenza degli ospiti, su ordine della regina (vv ). 2. intermezzo divino che culmina con larrivo alla reggia degli ospiti, e in particolare dellospite che causerà la peripezia tragica, Cupido travestito da Ascanio (vv ). 3. gli ospiti, che hanno già preso posto nella sala, ricevono dai servi acqua per rinfrescarsi, pani e stuoie morbide su cui distendersi; descrizione dellopulenza del banchetto.

23 Il banchetto di Didone (b) 4. la comissatio (vv ). 5. Didone prenda uniniziativa di discorso allinterno del banchetto: ciò accade (vv ) con la proposta del brindisi. ( Nec non et vario noctem sermone trahebat / infelix Dido longumque bibebat amorem )


Scaricare ppt "STUDIARE LATINO, OGGI Massimo Gioseffi Liceo Vittorini, Milano 24 marzo 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google