La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Donna e famiglia nel Duemila © 2002, Ingeborg Kanz.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Donna e famiglia nel Duemila © 2002, Ingeborg Kanz."— Transcript della presentazione:

1 Donna e famiglia nel Duemila © 2002, Ingeborg Kanz

2 2 Che cosa vuol dire famiglia? linsieme dei famuliLa parola italiana famiglia deriva dal latino familia, letteralmente linsieme dei famuli, coloro che hanno un rapporto di dipendenza dal capo famiglia, il paterfamilias. diverse generazioni sotto lo stesso tettofamiglia patriarcale: diverse generazioni di parenti abitano sotto lo stesso tetto. gruppo sociale legame matrimonialeepoca postindustriale: la famiglia è un gruppo sociale fondato sul legame matrimoniale. Ha come nucleo i coniugi e i loro figli, ma può estendersi anche ad altri parenti. Si caratterizza per l'esistenza di una rete di vincoli, divieti e diritti affettivi, legali, economici. cellula fondamentale della societàè la cellula fondamentale della società fragile e vulnerabileoggi è molto più fragile e vulnerabile di un tempo

3 © 2002, Ingeborg Kanz3 Nuove forme di vita familiare famiglia di fattoLa famiglia di fatto è formata da genitori non legalmente sposati (libera convivenza) famiglia monoparentaleLa famiglia monoparentale è composta da un solo genitore e dai figli famiglia multipla (allargata)la famiglia multipla (allargata) può comprendere i coniugi, i figli nati dal loro matrimonio e quelli nati da altre relazioni precedenti famiglia mistaLa famiglia mista è intesa come quelle coppie costituite da partner che appartengono a comunità, etnie, razze diverse

4 © 2002, Ingeborg Kanz4 La famiglia tradizionale uomosoldiLuomo va a lavorare e porta a casa i soldi capo della famigliaÈ il capo della famiglia donna sta a casaLa donna sta a casa, fa i lavori domestici e si occupa della casa e dei figli sottomessa all uomoE sottomessa all uomo riproduzioneIl ruolo della donna è caratterizzato dall'accentuazione dell'impegno verso la riproduzione figli maschiI figli maschi sono molto importanti

5 © 2002, Ingeborg Kanz5 La famiglia di oggi uguale dignità umana, morale e giuridicauomini e donne hanno unuguale dignità umana, morale e giuridica, nella famiglia come nella società gli stessi diritti e doveriuomo e donna hanno gli stessi diritti e doveri tutti e duelavoranotutti e due lavorano contribuiscono al sostentamento del nucleo familiareentrambi i coniugi/partner contribuiscono al sostentamento del nucleo familiare condizione irrinunciabileil lavoro della donna è una condizione irrinunciabile per fornire risorse al nucleo familiare uno o due figlile famiglie italiane hanno in genere uno o due figli

6 © 2002, Ingeborg Kanz6 La nuova famiglia Nuovi padri e nuove madri scegliere chi vuole restare a casa –quando nasce un bambino, si può scegliere chi vuole restare a casa –non esistono lavori femminili e maschili si dividono i lavori domesticisi occupano insieme dei figli –marito e moglie si dividono i lavori domestici e si occupano insieme dei figli È ancora unutopia nella maggior parte delle famiglie prevale la disparità

7 © 2002, Ingeborg Kanz7 Lavori domestici e altre responsabilità fare il bucato stirare cucire fare la spesa cucinare lavare i piatti pulire la casa passare laspirapolvere... tagliare lerba lavare la macchina educazione e formazione dei figli sostegno e cura di anziani, malati e disabili

8 © 2002, Ingeborg Kanz8 Donna e lavoro Per la donna nella società del lavoro lavorare significa costruzione della propria identità –Il presupposto per la costruzione della propria identità emancipazione economicapsicologica –Il fondamento per la propria emancipazione non solo economica ma anche, e soprattutto, psicologica cultura della parità –uno strumento attraverso il quale creare le condizioni per concretizzare in famiglia e sul posto di lavoro la cultura della parità rivendicare diritti –e uno strumento fondamentale per rivendicare diritti in altre sfere del quotidiano

9 © 2002, Ingeborg Kanz9 La lavoratrice madre in Italia il 50% delle donne italiane lavora le neomamme lavoratrici usufruiscono di 21 settimane pagate, i padri possono usufruire di un congedo, stipendiato, di 7 mesi fino al compimento degli 8 anni del figlio. 10 i mesi previsti invece per i padri single Solo il 60% dei padri è a conoscenza dellesistenza della legge e di questi solo il 16% ha chiesto di usufruirne sono le mogli e le compagne a sobbarcarsi i costi professionali che comporta la nascita di un figlio. le italiane attualmente fanno 1,2 figli pro-capite

10 © 2002, Ingeborg Kanz10 La lavoratrice madre in Italia donna italianaNel 2002 la donna italiana lavora sei ore e mezza fuori casa e sette ore ed un quarto nella famiglia tredici ore e mezza di lavoro quotidianoQuesto significa tredici ore e mezza di lavoro quotidiano uomoun'ora nove oreL'uomo dedica a case e figli mediamente un'ora ed arriva ad un impegno quotidiano poco più di nove ore livelli elevatissimi di diseguaglianzaLe donne italiane continuano ad avere praticamente solo sulle loro spalle il lavoro domestico e si sono conquistate livelli elevatissimi di diseguaglianza. nuovi padri aspetti più piacevoliLe diverse propensioni da parte dei cosiddetti nuovi padri nei confronti dei bambini si esprimono quasi sempre in relazione agli aspetti più piacevoli della cura dei figli, in particolare nei momenti di gioco

11 © 2002, Ingeborg Kanz11 La lavoratrice madre in Italia I datori di lavoro pensano : mancata democratizzazione situazione insoddisfacente dei servizila causa del calo delle nascite è da attribuire non tanto al boom del lavoro femminile quanto alle condizioni che lo hanno accompagnato (e cioè la mancata democratizzazione della famiglia e la situazione insoddisfacente dei servizi donna = mamma = figli = assenze per motivi di famiglia

12 © 2002, Ingeborg Kanz12 Cambiamenti nella società separazionicrescono le separazioni crescita zerocrescita zero della popolazione italiana madri soleaumento del fenomeno della madri sole coppie de fattoaumento delle coppie de fatto (convivenze al di fuori del matrimonio) etero e omo con tutti i problemi che ne derivano (sono escluse dal diritto alleredità, alla pensione di reversibilità, allassistenza mutualistica e così via) anziani nonautosufficientiil progressivo affermarsi di anziani totalmente o parzialmente non autosufficienti

13 © 2002, Ingeborg Kanz13 Problemi delle madri che lavorano schema della doppia presenzaconciliazione dellattività lavorativa con quella familiare (schema della doppia presenza) orari rigidiorari di lavoro troppo rigidi responsabilità dellimpegno in famigliaalla donna viene attribuita quasi totalmente la responsabilità dellimpegno in famiglia peso dei molteplici ruolideve sopportate il peso dei molteplici ruoli (ruoli di lavoratrice, di madre, moglie e figlia) e doppia responsabilitàsoffre della doppia responsabilità (casa, figli e lavoro) sovraccaricosovraccarico insostenibile di lavoro e di responsabilità poco tempo bambiniha poco tempo per dedicarsi ai bambini deve cercare qualcuno che si occupa dei figli poco tempo per se stessaè stressata e ha poco tempo per se stessa

14 © 2002, Ingeborg Kanz14 Le donne sole (donne capo-famiglia) devono lavoraredevono lavorare a tempo pieno per sopperire ai bisogni della famiglia difficoltà nel mercato di lavorodifficoltà nel mercato di lavoro senso di solitudine e di abbandono (burn out) rischio di povertàpiù soggette a rischio di povertà di quanto non lo siano gli uomini vite lavorative più precarie di quelle maschilistipendi più bassiinterruzioni per maternità o per lavoro di curaLe donne anziane, se non hanno beni propri, devono scontare il fatto di avere avuto vite lavorative più precarie di quelle maschili, caratterizzate non solo da stipendi più bassi, ma da interruzioni per maternità o per lavoro di cura La percentuale più alta di povertà si ritrova fra le donne che oltre che sole, sono anche anziane

15 © 2002, Ingeborg Kanz15 Soluzioni per riconciliare lavoro e famiglia strutture educativestrutture educative quali asili-nido, mamme diurne, foyers, colonie estive, scuole materne, scuole a tempo pieno per ogni fascia detà refezione e dopo-scuolarefezione e dopo-scuola nelle scuole materne, primarie e secondarie Affidamento del bambino ad unaltra persona –Nonna –Babysitter –Ragazza alla pari –COLF

16 © 2002, Ingeborg Kanz16 Soluzioni per riconciliare lavoro e famiglia lavoro part-time, telelavoro, orari flessibili divisione dei compiti domestici e delle responsabilità fra moglie e marito

17 © 2002, Ingeborg Kanz17 Politica familiare - obblighi dello Stato politica del welfarepolitica del welfare –sostegno da parte delle politiche nazionali e locali –sviluppare adeguati servizi che consentano alla donna di mantenere efficacemente il suo ruolo cardinale nella famiglia –evoluzione del settore socio-assistenziale –reti di aiuto familiare accessibile anche sotto laspetto economico-normativo

18 © 2002, Ingeborg Kanz18 Politica familiare - obblighi dello Stato –orari flessibili –orari flessibili compatibili con le esigenze ed i tempi della famiglia –congedo di maternità –congedo di maternità pagato –possibilità di congedi, anche non pagati, in caso di necessità familiari gravi (malattia, ospedalizzazione, ecc.) congedo parentale –offerta pubblica di servizi mirati allinfanzia e ampi programmi di congedo parentale aiuto alle famiglie con prole –intervento statale in aiuto alle famiglie con prole Organizzazione scolasticaOrganizzazione scolastica –servizi sociali –servizi sociali per l'infanzia tempo pieno –scuola di base basata sul tempo pieno

19 © 2002, Ingeborg Kanz19 Politica familiare obblighi dello Stato Cura degli anzianiCura degli anziani –Creazione di strutture e servizi per l'accoglienza ed assistenza di anziani non autosufficienti incoraggiare e promuovere una crescente assunzione di responsabilità familiari da parte degli uomini Politica di conciliazionePolitica di conciliazione –garantire una più solerte condivisione delle responsabilità familiari tra i sessi –consentire alle donne un maggiore inserimento nel mercato del lavoro

20 © 2002, Ingeborg Kanz20 Politica familiare - obblighi dello Stato –Protezione sul lavoro –Protezione sul lavoro - opportunità di tornare al lavoro full-time per le donne che hanno scelto di lavorare part-time dopo la nascita di un bambino coperture assicurative –Posti di lavoro a tempo parziale sia nel settore pubblico che privato, con le dovute coperture assicurative affermazione del valore sociale del lavoro familiare o di curaaffermazione del valore sociale del lavoro familiare o di cura –riconoscimento della funzione sociale ed economica del lavoro della casalinga –riconoscimento per le casalinghe di una qualche forma di contributi previdenziali

21 Grazie per la vostra attenzione


Scaricare ppt "Donna e famiglia nel Duemila © 2002, Ingeborg Kanz."

Presentazioni simili


Annunci Google