La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

3. Le capabilities collettive del lavoro

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "3. Le capabilities collettive del lavoro"— Transcript della presentazione:

1 3. Le capabilities collettive del lavoro
Serafino Negrelli

2 Le capacità “collettive” del lavoro
Capabilities di voice (Capright): Rappresentanza sindacale (riconoscimento) Azione sociale (protesta, sciopero, voice) Contrattazione collettiva Diritti di informazione, consultazione, partecipazione, democrazia deliberativa Capabilities di lavoro (Le trasformazioni del lavoro): Limitazioni del gruppo di lavoro (capitale sociale di solidarietà) Lavoro di gruppo e capacità relazionali (capitale sociale di reciprocità negrelli capitale sociale e lavoro

3 Le dimensioni della struttura contrattuale
Estensione Centralizzazione (livelli, grado di controllo, portata) Profondità (coinvolgimento) Prerogative sindacali negrelli capitale sociale e lavoro

4 capitale sociale e lavoro
Quadro legale/istituzionale 1. Titolarità legale a concludere accordi collettivi Status strutture sindacali: Consigli di azienda titolari (paesi baltici, Ungheria ) Titolarità rinegoziale (Austria, Germania, Olanda, Spagna) Il caso francese negrelli capitale sociale e lavoro

5 capitale sociale e lavoro
Employees’ representatives entitled to conclude collective agreements, employees covered by collective agreements, and extension procedures . Employees’ representatives entitled to conclude collective agreements Employees covered by collective agreements Extension procedures or equivalent Only trade unions Trade unions, works councils and other employees’ representatives Only employees who belong to the parties signatory to the agreement (eg trade union members) All employees working for an employer that is covered by an agreement Austria X* X Yes Belgium Bulgaria Cyprus No Czech Republic (Yes)***** Denmark Estonia Finland X*** France X** Germany Greece Hungary Ireland Italy negrelli capitale sociale e lavoro

6 capitale sociale e lavoro
Employees’ representatives entitled to conclude collective agreements, employees covered by collective agreements, and extension procedures . Employees’ representatives entitled to conclude collective agreements Employees covered by collective agreements Extension procedures or equivalent Only trade unions Trade unions, works councils and other employees’ representatives Only employees who belong to the parties signatory to the agreement (eg trade union members) All employees working for an employer that is covered by an agreement Latvia X Yes Lithuania X**** No Malta Netherlands X* Norway No (limited exception) Poland Romania X***** Slovakia Slovenia Spain Sweden UK * Works councils can renegotiate certain collectively agreed standards at company level, if entitled by sectoral agreements. ** In companies with no union representation, unions can appoint 'mandated employees' to negotiate with the employer, but any agreement has to be confirmed by the union. *** There are agreements with 'normal' applicability covering trade union members only and agreements with erga omnes applicability covering all employees. **** National and sectoral agreements cover only trade union members, while company agreements cover all employees of the company. ***** Until recently extension was possible for multi-employer agreements, but following a ruling by the Constitutional Court, since April 2004 the Czech Republic's legislative provisions on extension of collective agreements have been rescinded. ***** Employee representatives are entitled to conclude collective agreements in companies where employees are not organised in trade unions, but works councils do not yet exist. Source: EIRO. negrelli capitale sociale e lavoro

7 capitale sociale e lavoro
Quadro legale/istituzionale 2. Procedure di estensione contrattazione collettiva: Principi erga-omnes, verso i non iscritti Clausole di estensione, verso imprenditori non iscritti Paesi senza clausole negrelli capitale sociale e lavoro

8 capitale sociale e lavoro
Levels of collective wage bargaining, bargaining coverage and influence of tripartite concertation (latest available figures) . Importance of bargaining levels Collective bargaining coverage Influence of tripartite concertation Tripartite consultation on national minimum wage Intersectoral level Sectoral level Company level Intersectoral bargaining dominant Belgium* XXX X > 90% Yes Finland +/- 90% No Ireland** > 44% Slovenia < 100% Sectoral bargaining dominant Austria 98%-99% Bulgaria 25%-30% Denmark*** +/- 77% Germany**** +/- 70% Greece (XXX) 60%-70% Italy Netherlands +/- 80% Norway XX 70%-77% Spain Slovakia +/- 40% Sweden No bargaining level clearly dominant France negrelli capitale sociale e lavoro

9 capitale sociale e lavoro
Importance of bargaining levels Collective bargaining coverage Influence of tripartite concertation Tripartite consultation on national minimum wage Intersectoral level Sectoral level Company level Company bargaining dominant Cyprus***** . X XXX 27% No Czech Republic 25%-30% Yes Estonia (XXX) 20%-30% Hungary +/- 40% Latvia 10%-20% Lithuania +/- 10% Malta****** +/- 50% Poland Romania******* nd UK < 40% X = existing level of wage bargaining; XX = important, but not dominant level of wage bargaining; XXX = dominant level of wage bargaining; (XXX) = bargaining on national minimum wage. * Consultation on the minimum wage in the sense that the social partners will probably consult the government if they plan to modify the minimum wage. ** There are no figures on Irish bargaining coverage available, but coverage must be above 44.5% (which is the union density rate) since all union members are automatically covered by national agreements, while many non-union employees de facto receive the nationally agreed pay increases. *** There is one main intersectoral agreement covering all manufacturing sectors in Denmark; bargaining coverage refers to private sector only (it is almost 100% in the public sector). **** Bargaining coverage refers to west Germany - in east Germany bargaining coverage is only about 54%. ***** Bargaining coverage refers to Cypriot private sector only (it is almost 100% in the public sector). ****** There is automatic annual adjustment of wages to price developments in Malta; different studies estimate the proportion of employees covered by collective agreements at between 40% and 60%. ******* All employees in Romania are covered by the national agreement on minimum wages; no figures are available on the coverage of sectoral and company agreements, but it is estimated that a large proportion of employees are not covered by these agreements. Sources: EIRO; European Commission, Industrial Relations in Europe 2004. negrelli capitale sociale e lavoro

10 capitale sociale e lavoro
Livello contrattuale dominante Intersettoriale: B, Fi, Ir, Slo (4) Settoriale: A, Bu, Da, Ge, Gr, I, Ol, No, Sp, Slk, Sw (11) Decentrato aziendale: Rep. Ceca, Est, Hu, Lit, Let, Po, Ro, Cy, Mlt, Uk (10) Misto settoriale/aziendale: Francia (1) negrelli capitale sociale e lavoro

11 capitale sociale e lavoro
Estensione Correlata al livello dominante (dal 100% Austria e Slovenia, settore; al 10% Lituania, aziendale); Influenzata da procedure di estensione (Francia, Olanda, Italia), ma con eccezioni paesi Centro-Est Europa (procedure senza effetti!); Influenzata dalla concertazione tripartita a livello nazionale (soprattutto sui salari). negrelli capitale sociale e lavoro

12 capitale sociale e lavoro
Source: European Commission, Industrial Relations in Europe 2004 negrelli capitale sociale e lavoro

13 capitale sociale e lavoro
negrelli Source: European Commission, Industrial Relations in Europe 2004 capitale sociale e lavoro

14 capitale sociale e lavoro
Source: European Commission, Industrial Relations in Europe 2004 negrelli capitale sociale e lavoro

15 capitale sociale e lavoro
Source: European Commission, Industrial Relations in Europe 2004 negrelli capitale sociale e lavoro

16 capitale sociale e lavoro
negrelli capitale sociale e lavoro

17 capitale sociale e lavoro
negrelli capitale sociale e lavoro

18 capitale sociale e lavoro
Rapporti tra livelli (grado di autonomia interna) Nella maggior parte dei paesi rapporti gerarchici secondo principio del favor; Livelli settoriali e intersettoriali definiscono spazi per la contrattazione decentrata integrativa; In molti paesi, clausole opening, hardship, inability to pay, opt-out, drop-out, ecc.; Accordi intersettoriali che fissano livello max incrementi salariali e linee guida per le imprese che vogliono pagare di più. negrelli capitale sociale e lavoro

19 capitale sociale e lavoro
Cambiamenti dagli anni ‘90 Da settore o multi-employer a singole aziende (Uk); Da livello intersettoriale a livello settoriale (Svezia); Tendenze al decentramento ovunque, con eccezioni (Slovenia, in parte Spagna); Copertura stabile per paesi più centralizzati (11), diminuisce in 6 (Bu, Cz, Ge, Po, Slk, Uk), cresciuta in Spagna; Riorganizzazione sindacale (fusioni e concentrazioni) nei paesi Centro-Nord Europa, non al Sud. negrelli capitale sociale e lavoro

20 capitale sociale e lavoro
Strategie future degli attori collettivi Nessun cambiamento (A, B, Cy, Da, Gr, Ir, Mlt, Ol, Po, Sw, Uk); Imprenditori per decentramento (Bu, Rep Ceca, Fi, Ge, No, Ro, Slo); Sindacati contro decentramento (eccezioni Slovenia e Italia). negrelli capitale sociale e lavoro

21 capitale sociale e lavoro
La contrattazione collettiva decentrata in Italia Il livello decentrato aziendale o territoriale: indicatori produttività, qualità, redditività; Il livello decentrato aziendale nel settore privato: 1/3 imprese +20 dip., 50% dei lavoratori industria e servizi Il livello decentrato territoriale: artigianato, edilizia, agricoltura negrelli capitale sociale e lavoro

22 capitale sociale e lavoro
Prospettive comparate Il modello tedesco: contrattazione centralizzata dominata dal settore privato Il modello francese: contrattazione centralizzata dominata dal settore pubblico (sviluppo accordi di intéressement) Il modello inglese: contrattazione decentrata (collettiva, profit sharing, merit pay) Il modello italiano: doppio livello contrattazione centralizzato-decentrato (collettiva, sviluppo superminimi individuali) negrelli capitale sociale e lavoro

23 capitale sociale e lavoro
TERRITORI E POLITICHE SALARIALI sindacati e imprese rispettivamente: potere prevalente sui salari e occupazione; entrambi si comportano come attori razionali; sindacati massimizzano salari reali e occupazione degli iscritti rappresentati; imprese massimizzano profitti con vincoli funzioni domanda date e condizioni di costi marginali crescenti; assenza di comportamenti cooperativi tali che una parte rinunci a sfruttare opportunità offerte dall’altra parte. negrelli capitale sociale e lavoro

24 capitale sociale e lavoro
TERRITORIO E POLITICA SALARIALE Pressioni rivendicative + categoria -- azienda interconf. centralizzazione -- + negrelli capitale sociale e lavoro

25 CONTRATTAZIONE DECENTRATA
TERRITORIO E POLITICHE SALARIALI CONTRATTAZIONE DECENTRATA impresa singola; concorrenza: impossibilità di scaricare gli aumenti retributivi sui prezzi; trade-off salari occupazione severo! negrelli capitale sociale e lavoro

26 CONTRATTAZIONE DI CATEGORIA
L’AGGIUSTAMENTO DELLE POLITICHE SALARIALI CONTRATTAZIONE DI CATEGORIA aumentano possibilità di trasferire sui prezzi parte dell’incremento salariale; controllo degli accessi: union shop (obbligo di iscriversi ai sindacati); closed shop (obbligo di assumere iscritti); trade-off favorevole al sindacato! negrelli capitale sociale e lavoro

27 CONTRATTAZIONE INTERCONFEDERALE
L’AGGIUSTAMENTO DELLE POLITICHE SALARIALI CONTRATTAZIONE INTERCONFEDERALE la possibilità di trasferire sui prezzi aumenti salariali dipende dal quadro istituzionale (apertura internazionale) e dalla politica monetaria; cambi fissi: aumento salariale ha pochi effetti sui prezzi, molti sull’occupazione; politica monetaria accomodante: aumenti salariali si traducono in inflazione; centralizzazione RI: moderazione salariale e rivendicazioni, coinvolgimento grandi attori; trade-off meno severo! negrelli capitale sociale e lavoro

28 TENDENZE NELL’UNIONE EUROPEA
L’AGGIUSTAMENTO DELLE POLITICHE SALARIALI TENDENZE NELL’UNIONE EUROPEA aumenta il grado di centralizzazione della contrattazione collettiva sistemi centralizzati e decentrati più efficienti di quelli intermedi negrelli capitale sociale e lavoro

29 capitale sociale e lavoro
La contrattazione collettiva dei salari nell’Unione Europea Costo orario del lavoro prima della moneta unica (1996, dati Eurostat): media UE 18 euro, 25 Germania, 5 Portogallo Le disparità di paga crescono con l’ingresso dei Paesi dell’Est (2004): euro Germania, Italia, Est (impiegato d’ordine: retribuzione annua fissa+variabile) Gap per genere, classi di età, provenienza extra-comunitaria, meno per lavoro “atipico” Lavoratori low paid e working poors negrelli capitale sociale e lavoro

30 capitale sociale e lavoro
La contrattazione collettiva dei salari nell’Unione Europea Riduzione della quota salari sul valore aggiunto nell’UE dal 76 al 68% nell’ultimo ventennio (in Italia dal 69,8% del 1993 al 65,3% nel 2003): crisi del “rapporto salariale fordista” Onda lunga di reazione imprenditoriale e innovazione tecnologica in risposta alle rivendicazioni sindacali? Fattori di natura macro-economica? Gli accordi di coordinamento della contrattazione salariale Istituzioni e salari: il salario minimo negrelli capitale sociale e lavoro

31 capitale sociale e lavoro
Modelli e tendenze della contrattazione decentrata aziendale e territoriale La riforma del modello contrattuale Le proposte della “Commissione Giugni”: le forme di derogabilità (vedi Germania) Il modello dell’artigianato: produttività e recupero inflazione a livello regionale Il modello dei metalmeccanici: la produttività distribuita a livello nazionale di categoria negrelli capitale sociale e lavoro


Scaricare ppt "3. Le capabilities collettive del lavoro"

Presentazioni simili


Annunci Google