La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA FEDE AI NOSTRI TEMPILA FEDE AI NOSTRI TEMPI Come vivere la fede nel mondo di oggiCome vivere la fede nel mondo di oggi Ritiro Spirituale Pergusa 31.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA FEDE AI NOSTRI TEMPILA FEDE AI NOSTRI TEMPI Come vivere la fede nel mondo di oggiCome vivere la fede nel mondo di oggi Ritiro Spirituale Pergusa 31."— Transcript della presentazione:

1 LA FEDE AI NOSTRI TEMPILA FEDE AI NOSTRI TEMPI Come vivere la fede nel mondo di oggiCome vivere la fede nel mondo di oggi Ritiro Spirituale Pergusa 31 Agosto, 1 e 2 Settembre

2 2012/2013: ANNO DELLA FEDE2012/2013: ANNO DELLA FEDE Cosa vuol dire oggi avere Fede? Affrontare il mondo felici di avere fede Gli scandali Le ultime scoperte scientifiche Mondo privo di valori 2

3 LA FEDE NEL TEMPO PASSATOLA FEDE NEL TEMPO PASSATO Per molti secoli la fede ha trovato la sua ragion dessere proprio nella struttura del mondo che era per lo più sconosciuta. Luomo è un essere religioso. Fino alle scoperte scientifiche tutto era spiegato dallintervento della divinità 3

4 PRESA DI COSCIENZA DEL MONDOPRESA DI COSCIENZA DEL MONDO Seicento, secolo scientifico: Galileo, Newton, Copernico, Nepero, Keplero, Bacone Rogo di Giordano Bruno e la Controriforma Luomo è andato via via affrancandosi dalla sua condizione di dipendenza dallinspiegabile spiegato con la divinità per entrare in una fase in cui comincia a conoscere le leggi della scienza e a spiegare i fatti che gli accadono davanti senza ricorrere sempre e comunque a Dio 4

5 DIETRICH BONHOEFFER: Resistenza e ResaDIETRICH BONHOEFFER: Resistenza e Resa «Il mondo vive e basta a se stesso nella scienza, nella vita della società e dello Stato, nellarte, nelletica e nella religione…. Luomo ha imparato a badare a se stesso in tutte le questioni importanti senza lausilio dellipotesi di lavoro Dio …. Si è visto che tutto funziona anche senza Dio» «Dio, inteso come ipotesi di lavoro morale, politica, scientifica, è eliminato, superato; ma lo è ugualmente come ipotesi di lavoro filosofica e religiosa. Rientra nellonesta intellettuale lasciar cadere questa ipotesi di lavoro, ovvero rimuoverla quanto più completamente possibile» 5

6 DIETRICH BONHOFFERDIETRICH BONHOFFER 6

7 LA FEDE: una tesiLA FEDE: una tesi La fede, per essere vera fede non può essere semplicemente incardinata allobbedienza a una serie di precetti ma piuttosto va vissuta come scelta e come scelta di libertà. La fede ha senso e merita di essere insegnata ai nostri figli solo se li rende più liberi, più veri, più uomini. 7

8 8

9 FONDARE LA FEDE SULLA LIBERTÀFONDARE LA FEDE SULLA LIBERTÀ Libertà e Libero Arbitrio Il libero arbitrio presuppone sempre una visione deterministica delluomo Vito Mancuso: luomo è soggetto a tre catene di dipendenza: cibo, sesso e gloria. 9

10 UNA SCELTA DI LIBERTÀUNA SCELTA DI LIBERTÀ Recidere le tre catene Mettersi effettivamente alla guida del libero arbitrio concessoci da Dio SCELTA DI LIBERTA Due alternative: Investire tutti i miei talenti in me stesso. La legge fondamentale della mia vita è Io=Io Investire tutto quello che ho in qualcosa più grande di me: questa è la FEDE 10

11 FEDE IN GENERALEFEDE IN GENERALE Falcone e Borsellino avevano fede nella giustizia e per essa arrivarono ad immolarsi Se si ha fede in qualcosa, si deve avere consapevolezza che mai si sarà completamente padroni di quella materia. Lesempio di Einstein 11

12 FALLACIA DELLA FEDEFALLACIA DELLA FEDE Se si arriva a capire nella sua totalità loggetto della nostra fede allora non è vera fede O cè la fede, nel senso di uscita di qualcosa di più grande di sé stesso; O cè legoismo nel senso di ritenere che non cè nulla, esistenzialmente, più importante di sé. 12

13 13

14 LA FEDE IN DIOLA FEDE IN DIO La fede in Dio è caratterizzata dal fatto che si ha a cuore lINTERO, la VERITA Larte, la scienza, la politica Chi crede in Dio vuole la verità, vuole aderire a questa verità, vuole fare parte di questa verità 14

15 IL BISOGNO DI DIOIL BISOGNO DI DIO Dio, il concetto di Dio, riguarda tutti perché in esso è racchiuso il destino universale di tutti gli uomini Se Dio non esiste, cosè questo immane mattatoio (Hegel) a cui ci sottopone la natura di generazione in generazione da qualche milione di anni? 15

16 LIBERARSI DEL SOVRAPIÙLIBERARSI DEL SOVRAPIÙ Fare come Gesù che scacciò i mercanti dal tempio Fare pulizia e liberarsi dalle sovrastrutture che opprimono la nostra fede I tanti eccidi in nome della religione, fatti perché Dio lo vuole Già il diavolo aveva tentato Gesù usando le parole della Bibbia 16

17 COSA HA PORTATO GESÙCOSA HA PORTATO GESÙ Gesù ci ha trasmesso una modo di vedere la fede univoco: la fede in Dio nasce per amore, solo per amore. Per amore della verità e amore degli uomini Lunione di queste due cose, verità e amore per gli uomini, ha fatto sorgere il concetto di un Dio personale. 17

18 LE ALTRE RELIGIONILE ALTRE RELIGIONI GIAINISMO e BUDDISHMO Negano che si possa conoscere la verità, in sostanza di conoscere Dio Lavoro sulluomo fatto di meditazione, ascesi e servizio Non vi è fede in Dio ma piuttosto nella capacità delluomo di giungere ad una illuminazione 18

19 LE ALTRE RELIGIONILE ALTRE RELIGIONI ANTICHE RELIGIONI INDUISMO Ritengono di conoscere la verità ma pensano che essa abbia una natura poliforme Più che fede in Dio, si deve parlare di fede nel divino che traluce dalla vita 19

20 LE ALTRE RELIGIONILE ALTRE RELIGIONI EBRAISMO e ISLAM Non ritengono di conoscere la verità ma ritengono di servire la verità con ladesione ai padri e al libro. Sanno qual è la volontà di Dio ma non chi è Dio La fede in Dio è totale è assoluta, trovando poco spazio il rispetto per gli altri uomini Producono unetica relativa, perché tutto è lecito se condotto in nome di Dio. 20

21 LA FEDE DI GESÙ: IL CRISTIANESIMOLA FEDE DI GESÙ: IL CRISTIANESIMO Riteniamo di conoscere la verità perché essa è propria di Dio Sappiamo che è Dio interpretandolo nella sua Trinità Sappiamo cosa vuole, perché essendo amore, Dio non può che volere sempre e solo il bene 21

22 LA FEDE NEL DIO CRISTIANOLA FEDE NEL DIO CRISTIANO 22

23 GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11 Gli Scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero nel mezzo, bene in vista, e gli dissero: Maestro, questa donna è stata colta in flagrante adulterio. Ora Mosè ci ha ordinato nella legge che tali donne siano lapidate: Tu che ne pensi? Parlarono così per tendergli un'insidia e aver poi un pretesto per accusarlo. Ma Gesù si chinò e col dito si mise a scrivere in terra. E poiché quelli insistevano, egli alzò il capo e rispose: Chi di voi è senza peccato scagli per primo la pietra contro di lei. Poi si chinò di nuovo e continuò a scrivere in terra. Udite queste parole, se ne andarono tutti, uno dopo l'altro, cominciando dai più vecchi. Rimasero soltanto Gesù e la donna che continuava a stare lì, in piedi. Allora Gesù, alzatosi, le chiese: Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata? Rispose: Nessuno, Signore. Le disse Gesù: Neppure io ti condanno, va e non peccare più. 23

24 GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11 Siamo a Gerusalemme Ladultera viene colta in flagranza (ma luomo che fine ha fatto?) La pena è evidente: deve essere lapidata, secondo le scritture Non vogliono il parere di Gesù ma lo vogliono mettere alla prova: chi è più importante, la legge o la scrittura? 24

25 GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11 Gesù si rifiuta di giudicare la donna ma non se ne lava le mani Per salvarla deve abbattere un muro Andare oltre la legge e sposare la causa delluomo La religione dellamore va oltre la religione dellobbedienza 25

26 GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11 Chiede di scagliare la prima pietra, a patto che chi lo fa possa tranquillamente affermare di non essere in condizione di non riceverla quella pietra Siamo tutti peccatori, nessuno si salva da solo, ma soltanto lamore di Dio può compiere questo vero e proprio miracolo. 26

27 GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11 Gesù traccia dei segni per terra: che cosa scrive? Le parole scritte nella polvere volano via Soltanto le parole scritte nel cuore sono durature 27

28 GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11GESÙ E LADULTERA: Gv 8,3-11 Dove finiscono tutti quelli che volevano lapidare la povera adultera? Scomparsi!! Gesù assolve la donna (solo lui può farlo) e gli chiede di non peccare più Gesù si fida delluomo, del fatto che cercherà di non cadere nel peccato 28

29 GESÙ E LUOMOGESÙ E LUOMO Gesù fonda il suo credo sul bene delluomo Misericordia io voglio e non sacrifico 29

30 DUE FILOSOFIDUE FILOSOFI SAN TOMMASO «Lo spirito e quindi la persona non è mai mezzo ma sempre fine…. Tutte le realtà possono essere utilizzate; luomo mai, perché luomo è il termine, è il senso.» I. KANT «Agisci in modo da trattare lumanità, sia nella tua persona sia in quella di ogni altro, sempre come fine e mai come mezzo» 30

31 DIETRICH BONHOFFERDIETRICH BONHOFFER «Se non si riesce a condurre luomo a considerare e a designare la sua felcità come una sciagura, la sua salute come malattia, la sua forza vitale come disperazione, allora il latinorum dei teologi non serve più… vedi, questo è latteggiamento spirituale contro il quale voglio oppormi … Gesù non ha fatto come prima cosa di ogni uomo un peccatore … Gesù non ha mai messo in questione la salute, la forza, la felicità di un uomo in quanto tali, né li ha considerati dei frutti bacati; perché altrimenti avrebbe risanato i malati, ridato la forza ai deboli? Gesù rivendica per sé e per il Regno di Dio la vita umana tutta intera e in tutte le sue manifestazioni» 31

32 LA FEDE E LA STORIALA FEDE E LA STORIA 32

33 IL FATTO STORICOIL FATTO STORICO Il Cristianesimo è ladesione totale e totalizzante a una persona – Gesù Cristo – che è Dio fattosi uomo Fatto storico indubitabile Il fatto storico non giustifica in il Cristianesimo 33

34 LA SCELTA PER GEÙLA SCELTA PER GEÙ Lepisodio di Lazzaro: i testimoni si divisero Proprio fra i testimoni cerano anche coloro che poi chiesero e ottennero la messa a morte di Gesù Il tempo non genera leterno Soltanto nella dimensione spirituale si può rintracciare la vera fede Ladesione a Gesù avviene dentro di noi e non su un libro di storia 34

35 LA TRINITÀ DIVINALA TRINITÀ DIVINA Incipit di Giovanni: sin dal principio Gesù si trovava presso Dio ed era Dio Lunione fra Dio e luomo è preesistente persino alla stessa umanità Il Dio Uno e Trino è un Dio per luomo La radice della fede è dentro di noi, è stata creata con noi B. Pascal: Non mi cercheresti se non mi avessi già trovato. 35

36 DOVÈ DIODOVÈ DIO Possiamo trovare Dio individuandolo nelle cose di questo mondo e nelle fatti della storia? Il mondo basta a se stesso e la storia è una convenzione inventata dalluomo stesso Lora di Dio è leternità 36

37 LINUTILITÀ DEL CALCOLOLINUTILITÀ DEL CALCOLO Non si crede per un calcolo, perché in questo modo ci si aspetta una ricompensa (la vita eterna) Invece della retribuzione, il per-donare settanta volte sette 37

38 SAN PAOLO: LA FEDE E LA LEGGESAN PAOLO: LA FEDE E LA LEGGE Condanna le opere della legge e contrappone a esse la fede La prima opera comandata però è proprio la legge Ascolta Israele: il Signore è il nostro Dio, il Signore è uno solo 38

39 SAN PAOLOSAN PAOLO Non condanna delle opere a favore della fede, ma la condanna di chi vive la propria fede nascondendosi dietro la legge Condanna chi vive la fede come opera, la fede come ideologia. 39

40 SAN PAOLOSAN PAOLO Il modello di fede proposto da San Paolo è fondato sullamore Linno della Prima lettera ai Corinzi «E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi lamore, non sono nulla. E se anche distribuissi le ie sostanze e dessi il mio corpo per essere bruciato, ma non avessi lamore, niente mi giova». 40

41 LA POVERTÀ DI SPIRITOLA POVERTÀ DI SPIRITO «Beati i poveri in spirito» Lanima che svuota se stessa, il proprio io, il proprio spirito Lanima che sa che cè qualcosa di più importante di sé 41

42 LUNICA VERA FEDELUNICA VERA FEDE Fare attenzione, perché Satana sa meglio di tutti che Dio esiste e spesso si serve di questa sua conoscenza per le sue seduzioni (Satana=Male) La vera fede è quella che si identifica con un senso di povertà interiore che fa porre il centro di sé, fuori di sé. La vera fede è quella che si identifica con un senso di povertà interiore che fa porre il centro di sé, fuori di sé. Dove? Dove? In Dio. In Dio. Ma dovè questo Dio? Ma dovè questo Dio? Nel bene. Nel bene. Fai il bene e vivrai Fai il bene e vivrai 42


Scaricare ppt "LA FEDE AI NOSTRI TEMPILA FEDE AI NOSTRI TEMPI Come vivere la fede nel mondo di oggiCome vivere la fede nel mondo di oggi Ritiro Spirituale Pergusa 31."

Presentazioni simili


Annunci Google