La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SOCIOLOGIA LAVORO e ORGANIZZAZIONI CAP. 6. le organizzazioni come definirlo LAVORO la sua natura mutevole proprietà e controllo 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SOCIOLOGIA LAVORO e ORGANIZZAZIONI CAP. 6. le organizzazioni come definirlo LAVORO la sua natura mutevole proprietà e controllo 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI,"— Transcript della presentazione:

1 SOCIOLOGIA LAVORO e ORGANIZZAZIONI CAP. 6

2 le organizzazioni come definirlo LAVORO la sua natura mutevole proprietà e controllo 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE2 cambiamenti conflitti disuguaglianze disoccupazione concettisociologici tendenze attuali futuro del lavoro futuro del lavoro MERCATO SINDACATOSTATO FAMIGLIA alienazione dequalificaz identità

3 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Come definire il lavoro3 natura cooperativa natura coflittuale fordismo postfordismo SINDACATO

4 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Come definire il lavoro4 da casa - a luogo di lavoro - a casa più tempo libero cresciuto in forma/dimensione potere sindacale ridotto diminuite le possibilità di lavoro più ripetitivo e fastidioso tempo t. collegatotempoobblighitempo di lavoroal lavorodi vitanon lavor.libero 8 ore 1,5 ore10 ore1,5 ore4 ore t. obbligatot. costrettot.necessitatot. condizionatot. libero un compenso economico ? un periodo di tempo ? un posto ?

5 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Come definire il lavoro5 nelle società industriali il giorno, lanno, la vita divisi in blocchi di tempo compensativo? ECONOMIA FORMALE si lavora ufficialmente per vivere e contribuire allo sviluppo del paese ECONOMIA INFORMALE il lavoro è svolto in maniera non ufficiale anche in forme fraudolente e illegali ECONOMIA DOMESTICA condurre la casa o allevare i figli sono lavori non pagati (fatica e noia sono peggiori della catena di montaggio)

6 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La natura mutevole del lavoro e delloccupazione6 società arcaiche società moderne DISOCCUPAZIONE NUOVA QUALITA LAVORO DURKHEIM un ago ? 40 FASI DI PRODUZIONE ciascuna mansione a un lavoratore ogni lavoratore più specializzato ogni lavoratore più produttivo SMITH TAYLO R

7 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La natura mutevole del lavoro e delloccupazione7 società moderne SMITH TAYLO R DURKHEIM HENRY FORD TAYLORISMO FORDISMO parcellizzazione compiti salario in base al rendimento separazione compiti esecutivi / di concetto tempi cronometrati organizzazione scientifica del lavoro produzione e consumo di massa catena di montaggio standardizzazione

8 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La natura mutevole del lavoro e delloccupazione8 società moderne SMITH TAYLOR DURKHEIM HENRY FORD FORDISMOPOST FORDISMO catena di montaggio prodotto standard costo basso PER le masse insoddisfazione lavoro ? ti pago di più ! se lavoro ripetitivo studiosi e sociologi studiano miglioramento produttività diversità dei prodotti produzione flessibile costo da basso a alto PER il singolo lavoro in gruppo auto-organizzazione lavoro condizioni mutano rapidam. lavoro variabile? lavoratore adattativo e flessibile ! produzione di massa consumo di massa crescita esigenze consumatori identità tramite consumi da attenzione al prodotto a attenzione al cliente minore importanza dei rapporti gerarchici

9 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La natura mutevole del lavoro e delloccupazione9 società moderne SMITH TAYLOR DURKHEIM HENRY FORD FORDISMOPOST FORDISMO > con macchinario fisso, dedicato > controllo elettron., multifunzi. > operaz. integrate verticalmente > subappalto > produzione di massa > produzione per lotti > per mercato/consumo di massa > prodotti diversi, specializzati > relativamente poco costosi > alta qualità > frammentati, poche mansioni > molte mansioni, operai versatili > poca discrezionalità > maggiore autonomia > autorità gerarchica, contr. tecnico > controllo di gruppo > negoziata collettivam.x intero lav. > pagamento su prestaz. individuo > relativamente sicura > sicuro il nucleo, insicuro esterno TECNOLOGIA PRODOTTI PROCESSI CONTRATTAZIONE

10 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La natura mutevole del lavoro e delloccupazione10 Job enlargement Prod. just in time ricomposizione mansioni allargamento dei compiti affidati al singolo lavoratore comunque entro una logica fordista Job enrichment arricchimento contenuti The one best way Total Quality M.S. al lavoratore mansioni diverse, a rotazione, gerarchia semplificata, lavoratore dà idee x migliorare processo produzione programmata e avviata su ordini ricevuti, giacenze ridotte, alta flessibilità del sistema cè solo un modo per ottimizzare organiz. produzione (molti critici specie da teorie razionalità limitata) obiettivo è soddisfazione cliente, che è chi viene dopo di te, dentro la produzione e rispetto al mercato

11 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La natura mutevole del lavoro e delloccupazione11 (a parte il fatto che molti lavoratori svolgono lavori ripetitivi SI OSSERVI IL MONDO DELLA RISTORAZIONE FAST FOOD) PIU FLESSIBILITA PIU GAMMA DI PRODUZIONE ?PRODOTTI ? FORDISMO POST FORDISMO McDONALDIZZAZIONE turnover elevato divisione lavoro anche su mansioni semplici specializz. bassa formazione subitospecializz. bassa METODI DI PRODUZIONE, STILE MANAGERIALE, COMPORTAMENTO DIPENDENTI HANNO CONTAGIATO MOLTE ALTRE SITUAZIONI LAVORATIVE (Mc Donaldizzazione della società)

12 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La natura mutevole del lavoro e delloccupazione12 SOCIETA AGRICOLA ruoli diversi aperti scarsa divisione lavoro SOCIETA INDUSTRIALE ruoli definiti chiusi complessa divisione lavoro + forza fisica - forza fisica donne in casa e figli donne al lavoro fuori DURKHEIM

13 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La proprietà e il controllo del lavoro13 per Marx: SOCIETA PRIMITIVE attività cooperative i beni condivisi nessuna proprietà SOCIETA AGRICOLE proprietà terriera struttura feudale chi + chi - RIVOL. INDUSTRIALE proprietà mezzi di produzione chi mezzi / chi lavoro è noto che nel XIX secolo CONTRASTI BORGHESI PROLETARI POCHI per produrre merci e avere ricchezza utilizzano MOLTIsempre più RICCHIPOVERI capitalismo cadrà (marx) per Marx:

14 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La proprietà e il controllo del lavoro14 CHI SONO I PROPRIETARI ? è noto che nel XX secolo LA PROPRIETA DELLE AZIENDE si frammenta MARX NON LAVEVA PREVISTO LA RIVOLUZIONE MANAGERIALE dei managers salariati gestiscono alla stregua di un lavoro come un altro (o sono dalla parte dei proprietari?) molti con poche azioni pochi con molte azioni

15 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Concetti sociologici e teorie sul lavoro15 perdita di coscienza della propria identità che rende luomo cosa, oggetto ALIENAZIONE TECNOLOGIA E DEQUALIFICAZIONE degradazione del lavoro, minore qualificazione del lavoro, minore potere contrattuale uso di utensili macchinari per rendere il lavoro più facile o più efficace VISIONE MARXISTA VISIONE NON NON MARXISTA è tipica delle società capitalistiche il mancato possesso dei mezzi di produzione = perdita identità è caratteristica di tutti gli aspetti della vita dà crescente senso di insoddisfazione per crescente ricerca profitti porterà al ribaltamento del capitalismo, e al socialismo che non avrà alienazione è legata solo al posto di lavoro come effetto di lavoro monotono/noioso non è causata dal capitalismo, ma da tecnologie e macchine queste trasformano il lavoratore in appendice della macchina sono alienati sia i lavoratori del capitalismo che quelli del socialismo si può compensare con gratificazioni esterne

16 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Concetti sociologici e teorie sul lavoro16 ALIENAZIONE TECNOLOGIA E DEQUALIFICAZIONE MECCANIZZAZIO NE uso di macchinari per aiutare le persone a svolgere il proprio lavoro con maggior efficacia (es.: una escavatrice) si ha quando le macchine rimpiazzano un intero gruppo di lavoratori (es.: un robot) uso di utensili macchinari per rendere il lavoro più facile/efficace AUTOMAZIONE bassa tecnologia media tecnologiaalta tecnologia pre-industrialeindustriale post-industriale attrezzi sempliciutensili e macchinari semplicicomputer e robot soddisfazione artigianato e mestiere alienazione alta intensità M.O.alta intensità di macchinario disoccupazione

17 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Concetti sociologici e teorie sul lavoro17 ALIENAZIONE TECNOLOGIA E DEQUALIFICAZIONE DETERMINISMO TECNOLOGICO la tecnologia è la chiave per spiegare gli atteggiamenti e il coinvolgimento nel lavoro DETERMINISMO SOCIALE per spiegare soddisfazione nel lavoro si guardi atteggiamenti che si portano dallesterno BLAUNER dimensioni alienazione: 1) mancanza di potere 2) mancanza significato 3) isolamento 4) auto-estraniamento (automazione positiva) BRAVERMAN meccanizz./automazione = meno abilità GRINT: critica Blauner GOLDTHORPE se lavoro insoddisfacente perché non si licenziano? (cera piena occupazione) non cè fattore intrinseco ma uno estrinseco, esterno lavoro a catena ben pagato? basse aspettative su lavoro soddisfazione strumentale per standar di vita anni 40 anni 60

18 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Concetti sociologici e teorie sul lavoro18 ALIENAZIONE TECNOLOGIA E DEQUALIFICAZIONE DETERMINISMO TECNOLOGICO la tecnologia è la chiave per spiegare gli atteggiamenti e il coinvolgimento nel lavoro DETERMINISMO SOCIALE per spiegare soddisfazione nel lavoro si guardi atteggiamenti che si portano dallesterno MOLTE VARIAZIONI DANALISI WEDDERBURN e CROMPTON I livelli di insoddisfazione variano nelle diverse situazioni Tecnologie + abilità personali = + soddisfazione GALLIE cè differenza fra operai inglesi (+ soddisfatti) e francesi (meno) MALLET ove operai + professionalizzati, e separati dai managers, più coscienti dunque più classe per sé

19 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Concetti sociologici e teorie sul lavoro19 ALIENAZIONE TECNOLOGIA E DEQUALIFICAZIONE degradazione del lavoro, minore qualificazione del lavoro, minore potere contrattuale H. BRAVERMAN ultimi due secoli ? tecnologia + complessa richiede lavoro con + specializzazioni ? NO, artigiani e operai specializzati erano + qualificati, con + potere rispetto a oggi, quando si osserva che il lavoro è degradante per il lavoratore il lavoro in sé è stato dequalificato SCIENZE MANAGERIALI ? Tentativi per migliorare prod.tà e dequalificare lavoratori PROGRESSI tecnologici tolgono potere a lavoratori (le specializzazioni trasferite sulle macchine) (LE RICERCHE PARE DIANO RAGIONE A BRAVERMAN E NON A BLAUNER) HA RAGIONE BRAVERMAN ??? criticato per eccesso di generalizzazione in realtà molti lavori sono stati riqualificati (es.: impiegata) enfatizza numero di lavoratori professionali e di mestiere (ci sono ancora molti lavoratori non specializzati, manovali, avventizi, ecc.) impatto della dequalificazione è maggiore per le donne che per gli uomini (anzi, la qualificazione è costruita socialmente per favorire i maschi; cosa sono le skill- abilità?) sempre più impieghi a + alti livelli + complessi, a + bassi livelli - qualificati (i primi, guarda caso, sono tipici degli uomini, i secondi delle donne) DI FATTO E VERO CHE effettivamente macchine hanno assunto capacità di molti lavoratori disoccupazione aumentata nella maggioranza economie capitalistiche diffusa insicurezza rispetto al lavoro

20 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Concetti sociologici e teorie sul lavoro20 ALIENAZIONE TECNOLOGIA E DEQUALIFICAZIONE IL LAVORO E CAMBIATO (tutti concordano su ultimi cambiamenti) con produzione sempre più immateriale, lavoro meno fisico e ripetitivo più ricorso a informazione, raccolta e uso dei dati più spazio per polivalenza e iniziativa dei lavoratori tempo dedicato al lavoro notevolmente diminuito (14% su totale vita contro 30% di un secolo fa) da lavoro a tempo pieno e indeterminato si è passati a forme diverse: lavoro part time, lavoro interinale, contratti formazione, ecc. LE MORTI BIANCHE SONO PERO PEGGIORATE nel 2000 ben 1 MILIONE di infortuni sul lavoro morti sul lavoro, invalidi permanenti, costo sociale: 27 mila milioni di

21 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Cambiamenti e conflitti sul lavoro21 condizioni di lavoro sono ocupazioni classe media collegate classe sociale sono più confortevoli casa = posto di lavoro casa = posto di lavoro ? casa non più vicina a p. lavoro CONFLITTI I FATTORI molestie discriminazioni per genere, etnìa, orientamento sex meno salario o più orario modifica condizioni di impiego senza consultazione CONFLITTI LE FORME abbassamento produttività (fare il minimo indispensabile) assenteismo e alto turnover sul lavoro (malattie specie il lunedì; cattivo lavoro? Si licenziano) sabotaggio industriale (deliberata distruzione o danneggiamento dei macchinari o dei prodotti; oppure accidentali rotture) sciopero bianco (solo i compiti prescritti e nel modo esatto con cui sono descritti) uso dei mass media per avere solidarietà del pubblico (strategia recente: lettere a giornali, apparizioni in TV, volantini, marce e dimostrazioni) sciopero (spesso scelto come ultima risorsa; unica forma con cui la produzione cessa totalmente in ITALIA tutelato dalla Costituzione, ora regolato nei servizi pubblici) oggi nel sindacato anche i colletti bianchi ricordi il paradosso di OLSON ?

22 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Disuguaglianze sul lavoro22 SUL LAVORO per classe per genere lavori manuali tipici casse operaia i meno pagati lavori non manuali (più confortevoli) a classe media oggi più lavori di basso livello = più lavoratori non manuali con paghe basse (negozi, ristorazione, ecc.) istruzione e lavoro un limite x donne rispetto a uomini ancora evidenti disparità di impiego crescente trend per donne anche dove cè carriera è negata uguaglianza di opportunità per maschilismo è negata uguaglianza di opportunità per sessismo le donne ? TRIPLO TURNO LAVORATIVO lavoro fuori casa fatiche domestiche e lavoro affettivo (relazioni maschio/femmina e parentali) (sviluppate anche come lavoro fuori casa) femministe

23 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Disuguaglianze sul lavoro23 per genere ESISTE UNA SEGREGAZIONE OCCUPAZIONALE: ORIZZONTALEuomini e donne fanno lavori diversi ma di status equivalente (infermiere? le donne! (poliziotti? gli uomini!) VERTICALEentro la stessa occupazione le donne sono più in basso/con meno prestigio (commessa fast food? la donna! (manager fast food)? luomo!) due teorie per spiegare disuguaglianze maschio / femmina: TEORIA DEL MERCATO DEL LAVORO MdL PRIMARIO: grandi aziende, salari alti, t.pieno lavoro sicuro, prevalgono MASCHI MdL SECONDARIO: aziende piccole e marginali scarsa special.ne, part time; prevale FEMMINA, MINOR. ETNICA, ANZIANI, ecc. TEORIA DELLESERCITO OCCUPAZIONALE DI RISERVA U F SUL LAVORO

24 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Disuguaglianze sul lavoro24 per genere TEORIA DELLESERCITO OCCUPAZIONALE DI RISERVA necessità del capitalismo di avere una riserva di manodopera per fasi di espansione; natura ciclica del capitalismo facilita riserva che viene assunta / licenziata al bisogno e favorisce bassi salari; la riserva specie DONNE MASCHI FEMMINE Ministri 24 2 Parlamentari Ambasciatori OK 0 Occupati13MM 7,5MM In cerca occ.124m 470m oggi molte donne entro carriere manageriali ma cè effetto TETTO DI CRISTALLO (fin lì, ma non più su) …le donne stanno sorpassando i maschi nel titolo di studio; un futuro al femminile SUL LAVORO

25 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Disuguaglianze sul lavoro25 per etnia COLORE DELLA PELLE E ANCORA DISCRIMINAZ. ma i marxisti sostengono che vera ragione è la condizione di IMMIGRATO i neo weberiani indicano fattori storici e culturali (schiavitù e imperialismo) per età DIVIETO DI LAVORO con meno di 16 anni (UE) (e in genere è considerato illegale) se lavorano > occupaz. insicure > sottopagati > a tempo parziale SUL LAVORO DOVE LAVORANO ALBANESI, RUMENI, RUSSI, etc, IN ITALIA ? DIFFICOLTA DI LAVORO se anziani (over 45) perché ha esperienza e costa di più per supposto (falso) assenteismo (di fatto lavorano di più) ostilità verso la vecchiaia ? (la 3.a età!) al pari del racism e sexism cè lAGEISM ! chiunque ha qualche forma di invalidità subisce discriminazioni nonostante leggi a tutela Per invalidità

26 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Le organizzazioni26 i grandi gruppi diventano Organizzazioni FORMALI SVILUPPO DELLE SOCIETA INDUSTRIALIZZATE? AVVENTO DI ORGANIZZAZIONI BUROCRATICHE! ciò era legato al concetto di RAZIONALITA LA BUROCRAZIA è un processo efficiente, simile a un meccanismo, conseguente alla divisione del lavoro nellindustria manifatturiera M. WEBER è lorganizzazione che fa luomo o è luomo che fa lorganizzazione? CARATTERISTICHE IMPERSONALITAgerarchia collegata alle funzioni e non alle persone SUB/SOVRA ORDINAZ.ognuno sa qual è il suo posto NORMEe regolamenti da osservare nessuna flessibilità CONTROLLOmassimo, tutto viene registrato e trascritto

27 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Le organizzazioni27 M. WEBER IL CIRCUITO VIRTUOSO WEBERIANO servizi e competenze rigorosamente fissate da normeCHIAREZZA protezione dei funzionariPROTEZIONE gerarchia delle funzioni (possibilità di appellarsi)RICORSO reclutamento con concorsi, esami, o diplomiCOMPETENZA remunerazione con salari fissi e pensioniSICUREZZA diritto a controllo del lavoro dei subordinatiCONTROLLO avanzamento in base a criteri oggettiviOBIETTIVITA separazione completa tra la funzione e luomoSERVIZIO è una gabbia di ferro i critici contestano che sia la forma più efficiente (oggi BUROCRAZIA = attributo spregiativo) M. CROZIER è UN CIRCOLO VIZIOSO è una gabbia di ferro

28 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Le organizzazioni28 C.GIRAUD uscire dal CIRCOLO VIZIOSO è una gabbia di ferro UGUAGLIANZA formale RAZIONALITA RIGIDITA REGOLE INIZIATIVA FUNZIONE prevale su grado MERITO prevale su anzianità OBBIETTIVI da raggiungere STRATI CONCORRENZA RISCHIO NEGOZIATO

29 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - Le organizzazioni29 MERTONdimensioni eccessive? disfunzionali BURNS-STALKER> org. meccanicistiche linee definitie, regole inflessibili, gerarchia dei ruoli > org. organiche coinvolgimento di tutti su controllo e responsabilità informali, riconoscimento creatività e specializzaz. MERTON-BLAUci sono anche dimensioni nascoste o informali e non si può controllare tutto il comport.amento GOFFMAN MONASTERIMANICOMICASERME le persone vi vivono 24 ore al giorno e significativo il cambio dabito / la divisa è implicito il cambiamento di personalità

30 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La disoccupazione30 le cause industrie mature - perdita di competitività costo del lavoro più basso incremento nelluso della tecnologia dequalificazione / deprofessionalizzazione attutirsi del welfare dopo anni 50 e 60 cresce in europa le più insicure? occup. manuali RICONVERSIONI RISTRUTTURAZIONI LE TIGRI asiatiche DISOCCUPATI? I.L.O.: 1)sprovvisti di impiego, 2) in grado di lavorare, 3)cercare impiego, 4)in cerca di lavoro 1) FRIZIONALEobsolescenza manifatturiera per prodotti più nuovi o per tecnologia obsoleta PROBABILE REIMPIEGO 2) CICLICAper cicli stagionali, settoriali, economici (frutta, edilizia, depres.) 3) STRUTTURALEinevitabilità disoccupazione (crescita di altri paesi, prepension., allungamento scolarizzazione, assenza servizi per sostituire lavoro domestico, ecc.)

31 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La disoccupazione31 disoccupati chi sono ? lav. non specializzati ambito + a rischio i laureati al posto dei diplomati CL. OPERAIAminore la specializzazione maggiore disocc. o probabile lavoro precario o tempor. GIOVANIspesso costretti su lavori part time, insicuri, poco pagati; frequente: studio + lavoro ETA AVANZATAdisoccupazione + elevata per over 60>55>50 spesso nuovo corso di vita x 50enni DONNEè disoccupazione più mascherata; forte concentrazione lavori sottopagati, p.time indotti anche da ruolo famigliare PSICOLOGICI rassegnazione, mancanza di autostima, apatia, vergogna, disperazione, depressione, passività. mancanza di scopi, letargia, indifferenza insonnia, stress, ansia, ubriachezza, violenza in famiglia, tentati suicidi povertà, perdita di status, perdita abitudini, isolamento sociale, furti, vandalismo, comport. antisociali, possibile divorzio FISICI SOCIALI EFFETTI E CONSEGUENZE

32 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La disoccupazione32 NEL LAVORO DOWNSIZING/RIGHTSIZINGcreazione di strutture manageriali più snelle e gruppi di lavoro (giapponesi) (-supervisioni / - manager intermedi) OUTSOURCINGusare una rete di piccole aziende cui affidare parte della produzione DOWNSHIFTINGautolincenziamenti (anche incentivati) x lavori stressante per accettarne altri meno stressanti e stile vita + modesto WORK-RICH/TIME-POORprofessionisti lavorano + del normale tanto tempo x lavoro, poco per se stessi NEW AGE MANAGEMENTTotal Quality MGT, un nuovo ethos: customer e clienti I sociologi del conflitto: sono reazioni a un mercato altamente competitivo e dominato da recessione Sono un mascheramento delle disuguaglianze e dei problemi produttivi Questa cultura applicata anche a insegnanti, medici, assistenti sociali, ecc.

33 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La disoccupazione33 DEL LAVORO (prospettiva funzionalista) (prospettiva marxista e conflittualista) la tecnologia, specie il computer porterà era di libertà, e il lavoro noioso e ripetitivo sarà cancellato più sfumature fra attività e meno lavoro lavoro sarà meno centrale nella vita delle persone più flessibilità e più scelta rispetto al quando e al dove lavorare ottimismi? utopie irraggiungibili! computer beneficierà capitalisti classe dirigente no a nuova società sinchè potere è nelle mani di pochi comunicazione globale riguarderà evasione dalla realtà minoranza ricca e folle di diseredati

34 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La disoccupazione34 DEL LAVORO né ottimisti, né pessimisti concordano su flessibilità e superamento barriere fra lavoro e t.libero dubbiosi se ciò porterà a futuro migliore nelle occupazioni creative + flessibilità e libertà, migliore stile di vita altri diventeranno in misura maggiore degli emarginati donne? sempre più lavoratrici desiderate sempre più importante tempo libero e capacità di spesa degli omosex gli invalidi guadagneranno in libertà grazie a computers

35 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI, DISOCCUPAZIONE - La disoccupazione35 DEL LAVORO visti i trend demografici e di impiego, la forza lavoro: sarà più vecchia con livello di istruzione più elevato con qualifiche professionalmente più rilevanti con crescente presenza femminile sempre più al lavoro autonomo o per piccole imprese più lavoro a livello professionale, tecnico e manageriale molti altri lavori a part time, poco pagati e di basso status


Scaricare ppt "SOCIOLOGIA LAVORO e ORGANIZZAZIONI CAP. 6. le organizzazioni come definirlo LAVORO la sua natura mutevole proprietà e controllo 3CAP. 6 - LAVORO, ORGANIZZAZIONI,"

Presentazioni simili


Annunci Google