La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Daniela Robasto Dipartimento di scienze delleducazione e della formazione Università degli studi di torino Riflessioni sul lavoro compiuto durante il percorso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Daniela Robasto Dipartimento di scienze delleducazione e della formazione Università degli studi di torino Riflessioni sul lavoro compiuto durante il percorso."— Transcript della presentazione:

1 Daniela Robasto Dipartimento di scienze delleducazione e della formazione Università degli studi di torino Riflessioni sul lavoro compiuto durante il percorso formativo Marzo 2011 SantAmbrogio

2 La definizione di competenza (le Boterf, 1994) Ci porta ad individuare 3 ordini di saperi: 1. CONOSCENZE (Teorie, nozioni) 2. CAPACITA (funzioni necessarie cognitive/motorie + possibilita poter fruire di «buoni» esempi) 3. ABILITA (mettere in forma espressa ciò che si è capaci di fare ) Le definizioni complete sono presenti nel materiale della prima lezione

3 Cosa abbiamo appreso? Individuare 3 ordini di saperi ci porta a scomporre ogni competenza in 3 fasi Inoltre tale scomposizione ci porta a capire che alcune volte parliamo di competenze in termini impropri… CONOSCENZE + CAPACITA + ABILITA = COMPETENZA

4 Non facile… I tre ingredienti devono essere affrontati in termini OPERATIVI e non in termini GENERICI DIFFICOLTA (tre gli ordini di scuola) di riappropriarsi di una terminologia operativa e non generica

5 MA… Costruire modelli di certificazione delle competenze generici risulta: poco utile, poco oggettivo, poco corretto nei confronti dei ragazzi/famiglie Perché farlo?

6 Dal punto di vista sociale Parlare di competenze sociali in termini generici Non ci aiuta a focalizzare bene i problemi (di ordine di conoscenze, capacità o abilità? Non ci aiuta ad individuare linee di intervento operative (cosa devo insegnare a questi ragazzi per comportarsi meglio? Come?) A volte non ci consente di valutare correttamente le reali competenze sociali di ragazzi (chi è veramente problematico e chi magari solo vivace?)

7 Sforzo necessario Lavorare per competenze «operative» ci porta ad individuare obiettivi di apprendimento «operativi » esempio - Conoscere le date di inizio e fine delle tre guerre mondiali - Essere capace di ricondurre linzio/fine delle guerre mondiali a delle cause principali - Essere abile nel costruire un continuum (grafico/orale) storico in cui si inseriscano guerre; avvenimenti principali; trattati etc (OBIETTIVO GENERICO: - CONOSCERE GLI AVVENIMENTI STORICI + IMPORTANTI)

8 EFFETTI SUL COLLEGIO DOCENTI… Programmare per obiettivi di apprendimento operativi richiede necessariamente di Mettersi daccordo (come team docente disciplinari e trasversali) del significato da assegnare ai termini Mettersi daccordo su quali c+c+a siano indispensabili per raggiungere un livello di uscita: Elementare/Medio/Avanzato (o Eccellente) Mettersi daccordo sulladottare criteri di valutazione oggettivi e praticabili da tutti i docenti C+C+A = conoscenze, capacità, abilità

9 ALTRI EFFETTI Esplicitare i propri criteri di valutazione: Conduce linsegnante ad interrogarsi su propri criteri impliciti Porta lalunno a potersi auto-valutare (importante almeno a partire dalla scuola secondaria di primo grado!) Aiuta linsegnante nel difendere /sorreggere le proprie valutazioni sulla base di dati oggettivi

10 Percorso lungo e di team Programmare in termini operativi c+c+a Organizzare moduli di lavoro c+c+a Organizzare prove di valutazione c+c+a Inizialmente: - Potrei farlo su un paio di «macro-argomenti» per anno scolastico. - Potrei dividere i macro-argomenti con i miei colleghi al fine spartire il lavoro e con lobiettivo di scambiarci i materiali (funzione critica costruttiva)

11 Un nuovo percorso… - Da procedure meramente burocratiche (programmazione, modelli di certificazione etc.) a prassi utili nel proprio lavoro concreto con i ragazzi - Da team di facciata a team di fatto - Da una scuola che lavora su sistemi impliciti ad una scuola che lavora su sistemi espliciti

12

13 Dubbi a distanza? Dipartimento di Scienze dellEducazione e della Formazione Università degli Studi di Torino skype: daniela.robasto


Scaricare ppt "Daniela Robasto Dipartimento di scienze delleducazione e della formazione Università degli studi di torino Riflessioni sul lavoro compiuto durante il percorso."

Presentazioni simili


Annunci Google