La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

YUNUS IL BANCHIERE DEI POVERI. Nato nel 1940 a Chittagong (Bengala Orientale).

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "YUNUS IL BANCHIERE DEI POVERI. Nato nel 1940 a Chittagong (Bengala Orientale)."— Transcript della presentazione:

1 YUNUS IL BANCHIERE DEI POVERI

2 Nato nel 1940 a Chittagong (Bengala Orientale).

3 Laurea in Economia Riceve una borsa di studio che lo porta a studiare nel 1965 a Nashville.

4 Professore di Economia presso la Middle Tennessee State University, U.S.A. È stato direttore del Dipartimento di Economia presso lUniversità di Chittagong (Bangladesh) dal 1972 al 1989.

5 La situazione economica Il 40% della popolazione non riesce a soddisfare I bisogni alimentari minimi giornalieri Il paese è periodicamente devastato da calamità naturali

6

7 Fenomeno storico che riguarda gli ultimi due secoli ed è causato dallo sviluppo di alcuni paesi a scapito di altri, in seguito alla rivoluzione industriale. Fenomeno storico che riguarda gli ultimi due secoli ed è causato dallo sviluppo di alcuni paesi a scapito di altri, in seguito alla rivoluzione industriale.

8 I Paesi ricchi costringono i PVS (Paesi in Via di Sviluppo) ad un modello di sviluppo economico che li vede alla totale dipendenza degli stessi.

9 LAUMENTO DEI TASSI DINTERESSE DEGLI USA Anni 80: aumento esponenziale dei tassi da parte degli USA I paesi ricchi pagano meno le materie prime provenienti dal Terzo Mondo I Paesi a mono economia precipitano in una crisi profonda.

10 Tagli delle spese pubbliche Per poter fronteggiare laumentato debito i Paesi del Terzo Mondo tagliano molto la spesa pubblica 6 milioni di persone vivono in condizione di assoluta povertà.

11 Tutto il mondo è indebitato! Il debito mondiale è di miliardi di US$. Tutto il mondo è indebitato! Il debito mondiale è di miliardi di US$.

12 Una spesa di 80 miliardi dollari per 10 anni garantirebbe a tutti: una educazione scolastica assistenza sanitaria cibo, acqua potabile servizi di ostetricia

13 Il paese più indebitato è rappresentato dagli USA che, da solo, detiene oltre il 50% del debito mondiale.

14 A fronte di questo il debito del Terzo Mondo è poco meno del 5%.

15 Nel mondo, ogni anno, vengono spesi miliardi di dollari in pubblicità, 780 miliardi per le spese militari …

16

17 Utilizzo delle tecnologie Il commercio equo e solidale La liberalizzazione dei commerci Condono del debito estero Lutilizzo delle biotecnologie Il controllo delle nascite Non coinvolgimento in guerre locali La democratizzazione Le politiche per listruzione

18

19 Verso la metà del 1974 il Bangladesh fu colpito da una violenta inondazione, a cui seguì una forte carestia. Questa comportò la morte PER FAME di centinaia di migliaia di persone. Si può morire in tanti modi ma la morte per fame è la più inaccettabile, lenta e terribile. (Yunus).

20 Yunus così decise che avrebbe girato le case dei poveri per capire le cause specifiche della povertà. Si fermò davanti ad una casa completamente diroccata in cui cera una donna intenta a costruire uno sgabello di bambù. Era Sufia Begum.

21 a. I poveri sono vittima degli usurai che finiscono in un circolo vizioso da cui si viene fuori solo con la morte

22 b. I poveri, se non ricorrono agli usurai, sono vittima dei rivenditori dai quali ricevono la materia prima e per pagare il debito restituiscono il prodotto finito ricevendo pochi centesimi, che non bastano per il fabbisogno di una sola persona.

23 La difficoltà di accedere al prestito bancario tradizionale è data : -dallassenza di garanzie reali delle persone povere - dalle dimensioni delle attività, ritenute troppo ridotte dalle banche tradizionali.

24 Dalla conversazione con Sufia Begum, Yunus capì quali erano le cause della povertà. LE CAUSE DELLA POVERTA I poveri erano vittima degli usurai perché non avevano un capitale iniziale con cui acquistare le materie prime e vendere i loro prodotti ad un prezzo più alto sul mercato. COME RISOLSE IL PROBLEMA Decise di prestare i soldi ai poveri e inventò così il microcredito IL MICROCREDITO Basato sulla fiducia e senza richiesta di garanzie consiste nel concedere ai poveri piccole quantità di denaro che servono per avviare una piccola attività economica. La povertà era dovuta anche allo scarso aiuto delle Istituzioni.

25 Passaggio dalla logica del DONO alla logica del PRESTITO. Fiducia nei soggetti e rispetto della loro dignità. Stimolo allattività delle piccole imprese. Sviluppo di una ECONOMIA INDIPENDENTE, AUMENTO DELLOCCUPAZIONE, CIRCOLAZIONE DELLE RISORSE ed INCREMENTO DEGLI INVESTIMENTI.

26 Prestando personalmente i soldi ai poveri non aveva risolto definitivamente il problema. Era necessario risolverlo istituzionalmente. Yunus allora riuscì a convincere una banca della sua regione ad aprire una linea di crediti minuscoli

27 Nel 1976 Yunus fonda in Bangladesh la Grameen Bank o Banca villaggio

28 Concede prestiti e supporto organizzativo ai più poveri, riuniti in gruppo (Solidarity Group) tradizionalmente esclusi dal sistema creditizio. (Solidarity Group) (Solidarity Group)

29 Nel gruppo, composto da 5 a 8 persone, ogni partecipante risponde del credito degli altri membri in proporzione alla quota del proprio prestito.

30 Il 97% dei beneficiari di Grameen è rappresentato dalle donne ritenute più affidabili degli uomini e che in Bangladesh sono le più povere e le più emarginate.

31 Con questi prestiti assicurano un futuro migliore a se stesse e ai loro familiari.

32 Oggi ci sono famiglie che grazie al microcredito riescono a vivere modestamente. Il microcredito allevia anche lanalfabetismo. Lo sviluppo dal basso aiuta a far crescere la democrazia e i diritti umani.

33 Dati aggiornati al 2006 § 6.6. milioni di clienti § dipendenti § $ 5 miliardi impiegati in prestiti § 98,8% la quota di restituzione

34 Il microcredito è uno strumento di sviluppo economico, che permette alle persone in situazione di persone in situazione di povertà ed emarginazione di aver accesso a servizi finanziari, attraverso dei prestiti.

35 Il contributo del microcredito alla lotta alla povertà è ora riconosciuto dalle Istituzioni mondiali.

36 Washington 2-4 febbraio 1997 primo Microcredit Summit

37 18 dicembre 1997 risoluzione ONU: microcredito come strumento per sradicare la povertà.

38 Questi programmi si sono rivelati determinanti nel processo globale di sviluppo umano e sociale.

39 Avendo come target di riferimento i poveri, i programmi di microcredito prevedono, oltre a servizi di carattere finanziario, anche una combinazione di servizi di supporto alla microimpresa, come…

40 -Formazione tecnico gestionale -Creazione di reti commerciali -Condizioni per la raccolta di risparmio più efficienti Progetti di di M icrofinanza.

41 Oggi un miliardo di persone che costituisce il 20% più povero della popolazione produce l'1% del risparmio mondiale. Questa fascia di popolazione riceve appena lo 0,2% del credito mondiale. Dati REALI

42 Dati REALI Secondo i dati dellUNDP il 20% più ricco della popolazione mondiale ottiene il 95% del credito complessivamente erogato nel mondo.

43 Europa: il concetto di microcredito è legato a quello di FINANZA ETICA

44 Il Sistema Banca etica è composto da diverse strutture integrate tra loro che condividono i valori di uno sviluppo sostenibile e solidale.

45 LIDEA: Banca Etica nasce per attuare le iniziative socio- economiche che si ispirano ai princìpi di un modello di ssss vvvv iiii llll uuuu pppp pppp oooo u u u u mmmm aaaa nnnn oooo e e e e ssss oooo cccc iiii aaaa llll eeee s s s s oooo ssss tttt eeee nnnn iiii bbbb iiii llll eeee....

46 I PRINCIPI … IL CREDITO, IN TUTTE LE SUE FORME, È UN DIRITTO UMANO

47 Il profitto ottenuto dal possesso e scambio di denaro, deve essere conseguenza di attività orientate al bene comune I PRINCIPI …

48 L'istituzione che accetta i princìpi della finanza etica deve orientare, secondo tali criteri, l'intera sua attività

49 RISPETTO AMBIENTALE TRASPARENZA SOLIDARIETA PARTECIPAZIONE EFFICIENZA nel LAVORO PARI OPPORTUNITA I VALORI A GARANZIA DI UN ECONOMIA ATTENTA AI BISOGNI DELLUOMO E DELLAMBIENTE

50

51 Anni 70 Italia: costituzione MAG ( Mutue Auto Gestione) per la raccolta fondi per progetti di economia sociale e cooperazione internazionale ONG (Organizzazioni Non Governative)

52 Padova istituzioni per microcredito e finanza etica

53 I DESTINATARI PRINCIPALI DEI FINANZIAMENTI IMPRESE DI PICCOLE O PICCOLISSIME DIMENSIONI

54 Operano in aree economicamente depresse

55 In Italia il microcredito è concesso alle imprese senza richiedere garanzie reali. A seconda delle dimensioni va dai a Euro Negli ultimi quattro anni sono stati erogati allincirca in microfinanziamenti.

56 Tra Puglia e Albania è stato stipulato un progetto di microcredito (Dic. 2006) Destinatari: imprenditori pugliesi che operano in Albania cittadini albanesi che vogliono avviare attività economiche in Puglia

57

58 Sono persone giuridiche private senza fini di lucro. Introdotte con la legge n. 218 del 1990, la c.d. legge-delega Amato-Carli, con lo scopo di perseguire valori collettivi e finalità di utilità generale

59 di carattere sociale, culturale o umanitario.

60 Origine storica Le fondazioni bancarie trovano origine sin dalle antiche casse di risparmio, associazioni private nate nell'Europa centrale ed affermatesi in Italia agli inizi del XIX secolo.

61 Nei primi anni Novanta il settore è stato riformato.

62 Per tutti gli anni Novanta prevale una ambiguità di fondo: attività bancaria e finalità istituzionali sono ancora piuttosto confuse, anche perché le fondazioni bancarie da un lato devono controllare la banca, dalla quale derivano e che ha scopo di lucro e dall'altro devono perseguire scopi non di lucro.

63 L'evoluzione normativa degli anni seguenti ha proiettato le fondazioni bancarie nel mondo del non profit

64 Possono fornire un impulso socialmente decisivo al tema dellimprenditoria nascente.

65 Le recenti disposizioni, comprese quelle della Finanziaria 2007, hanno rimosso il vincolo che imponeva alle Fondazioni di possedere più del 30% delle azioni di una banca.

66 Luci e ombre di unistituzione che gestisce quasi 40 miliardi di euro...

67 Investono prevalentemente in arte e cultura, ma anche in ristrutturazioni di palazzi antichi, istruzione, ricerca scientifica, biodiversità, risparmio energetico, restauro di parchi e palazzi storici, progetti di educazione allambiente. Sanità, assistenza sociale, volontariato.

68 Ma mentre i loro utili provengono da tutto il territorio nazionale gli investimenti avvengono quasi sempre al nord (80%). E questa non è lunica contraddizione!

69 Non imponendo alle banche criteri di gestione etica, corrono infatti il rischio di sostenere iniziative sociali con somme provenienti da operazioni implicate nella violazione dei diritti umani o nella distruzione ambientale.

70 IN CONCLUSIONE… e opportuno riportare alcune frasi di Yunus, tratte dal suo libro: Yunus, il banchiere dei poveri Ed. Feltrinelli

71 "Il microcredito permette ai poveri e agli scalzi di accedere a una opportunità che di solito è esclusivo appannaggio dei ricchi. Accade così che quegli aspetti della società che sembravano rigidi, fissi e inamovibili cominciano a diventare più fluidi, e attraverso lo sviluppo economico le persone si affrancano da tutto un insieme di ingiunzioni e regole". (Muhammad Yunus, Grameen Bank)

72 Mi piacerebbe che nel 2050 il mondo si fosse finalmente lasciato alle spalle la povertà; che non ci sia più neanche un essere umano che possa essere definito povero. Allora la parola povertà non avrà più alcuna attinenza con il presente, si intenderà soltanto in relazione al passato. I nostri figli dovranno andare nei musei per trovarne ancora le testimonianze. E quando le scolaresche andranno con i loro insegnanti a visitare i musei della povertà, inorridiranno alla vista della miseria e dellindegnità, nella quale per tanto tempo sono stati tenuti gli esseri umani, e biasimeranno i loro padri per aver tollerato un flagello così vasto e crudele fino agli albori del XXI secolo.

73 Yunus ha ricevuto il Premio Nobel per la pace perché il credito è stato riconosciuto come diritto umano. Una pace duratura comincia ad esserci quando un paese riesce ad alleviare la propria condizione di povertà.

74 …Che lattività di Yunus ispiri altre iniziative affinché un giorno potremo vivere in un mondo in cui tutti potranno avere lindispensabile per vivere e… magari essere più felici.

75 Il lavoro è stato svolto dalla IV C/P a seguito del progetto di lettura del testo Yunus, il banchiere dei poveri, edito dalla Feltrinelli, integrato dal lavoro realizzato dalla V C/P ed è stato discusso nella conferenza-dibattito che si è tenuta presso lI.T.C. Tannoia il 22 febbraio 2007, alla quale hanno partecipato rappresentanti della Banca etica e della Banca tradizionale. Docente referente: Prof.ssa Isabella Ventura

76

77


Scaricare ppt "YUNUS IL BANCHIERE DEI POVERI. Nato nel 1940 a Chittagong (Bengala Orientale)."

Presentazioni simili


Annunci Google