La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ufficio di Firenze 1 GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI PER LINIZIO DI UNA ATTIVITA Novembre 2004 a cura di Rotundo Vincenzo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ufficio di Firenze 1 GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI PER LINIZIO DI UNA ATTIVITA Novembre 2004 a cura di Rotundo Vincenzo."— Transcript della presentazione:

1 Ufficio di Firenze 1 GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI PER LINIZIO DI UNA ATTIVITA Novembre 2004 a cura di Rotundo Vincenzo

2 PREMESSA Questa breve guida ha lo scopo di illustrare in maniera chiara gli adempimenti necessari per linizio di una attività di lavoro autonomo o di impresa. E specificatamente rivolta alle persone che hanno terminato il corso da estetista e ha lo scopo di fornire utili informazioni per leventuale esercizio dellattività. Gli argomenti scelti sono quelli che maggiormente possono interessare tali soggetti e, sono volutamente affrontati con linguaggio semplice e diretto. È stata ideata con lintento di facilitare questa particolare tipologia di utenza al colloquio diretto con LAmministrazione Finanziaria che si pone in qualità di consulente e non solo come soggetto attivo del rapporto tributario

3 Sommario INIZIO ATTIVITA PARTITA IVA CODICE ATTIVITA REGIME FISCALE AGEVOLATO ASSISTENZA E TUTORAGGIO OBBLIGHI CONTRIBUTIVI LAVORO DIPENDENTE DICHIARAZIONE DEI REDDITI

4 Inizio Attività Quando si inizia unattività economica, autonoma o imprenditoriale occorre comunicarlo allAgenzia delle Entrate entro 30 gg dallinizio della stessa. Il modello da utilizzare per le persone fisiche è lAA9/7.

5 Il modello può essere presentato o trasmesso (tramite raccomandata) presso qualsiasi ufficio locale dellAgenzia delle Entrate. Come moltissimi atti, anche linizio di attività può essere inviato telematicamente tramite il servizio Internet (fisconline) o avvalendosi di intermediari abilitati. Servizio Fisconline: Tramite un computer e un codice PIN possono essere effettuati numerosissimi adempimenti restando comodamente a casa. Inizio Attività

6 Se si intraprende una attività in forma autonoma occorre chiedere il numero di partita IVA. Esso si ottiene immediatamente presentando il modello sopra menzionato, debitamente compilato e un documento didentità del titolare. Il numero di partita Iva può essere richiesto attraverso Entratel a cura di un intermediario (es.commercialista). Eventuali cessazioni dellattività o variazione dei dati vanno comunicate con gli stessi mezzi e sempre entro 30 giorni. Partita IVA

7 Codice Attività In relazione a quelle che sono le caratteristiche dellattività professionale che si intende avviare occorre che nel modello AA9/7 sia indicato il codice attività che individua quella effettiva. Eventuali variazioni del codice attività devono essere sempre comunicate entro 30 gg. Lesatta indicazione del codice è importante per la corretta applicazione degli studi di settore o dei parametri. In relazione a quelle che sono le caratteristiche dellattività professionale che si intende avviare occorre che nel modello AA9/7 sia indicato il codice attività che individua quella effettiva. Eventuali variazioni del codice attività devono essere sempre comunicate entro 30 gg. Lesatta indicazione del codice è importante per la corretta applicazione degli studi di settore o dei parametri.

8 Codice Attività I codici attività elencati nella classificazione nella nuova tabella delle attività economiche (ATECOFIN 2004) sono: I codici attività elencati nella classificazione nella nuova tabella delle attività economiche (ATECOFIN 2004) sono: Estetica del viso (estetista) B Estetica del viso (estetista) B Estetica del corpo (saune, solarium, fitness, massaggi, ecc.) Estetica del corpo (saune, solarium, fitness, massaggi, ecc.)

9 Regime Fiscale Agevolato Per chi intraprende un attività in proprio, autonoma o di impresa, vi è la possibilità di optare per un regime fiscale agevolato introdotto dalla legge 388/2000, e chiedere allAgenzia delle Entrate lassistenza per gli adempimenti fiscali.

10 Regime Fiscale Agevolato In particolare, il regime agevolato consente di pagare una imposta sostitutiva dell Irpef e relative addizionali pari al 10% per i primi tre anni di attività. Comporta la semplificazione degli adempimenti fiscali che si sostanziano nella non tenuta dei registri contabili, nel pagamento annuale dellIVA, nellesonero dal versamento degli acconti IRPEF (tranne IRAP). Limposta sostitutiva, consente la non concorrenza del reddito conseguito alla formazione del reddito complessivo e conseguente eliminazione della progressività delle aliquote.

11 Regime Fiscale Agevolato Vi e il solo obbligo della conservazione della documentazione emessa e ricevuta. La comparazione tra i due regimi di tassazione (ordinaria e sostituiva) deve essere considerata caso per caso anche alla luce dellintroduzione dellart. 10-bis del T.U.I.R. (no tax area), che ha modificato la tassazione ordinaria dellIRPEF. Pertanto la scelta di tale regime è frutto di una valutazione complessiva che deriva soprattutto dalla possibilità di usufruire dellassistenza gratuita dellAgenzia delle Entrate.

12 Assistenza e tutoraggio Infatti, optando per questo regime agevolato, si può chiedere lassistenza al TUTOR dellAgenzia delle Entrate per i vari adempimenti contabili e dichiarativi. Chi si avvale dellassistenza del tutor ha diritto ad un credito di imposta per lacquisto di apparecchiature informatiche necessarie alla connessione con il sistema informativo dellAgenzia delle Entrate. Lassistenza e il regime sostitutivo si richiedono presentando un apposita istanza. La stessa deve essere presentata anche per la richiesta di revoca del regime o per la rinuncia allassistenza nel corso del triennio.

13 Assistenza e tutoraggio La mancata o tardiva opzione del regime sostitutivo, non preclude la possibilità di avvalersene, in base al principio generale, chiarito nel caso specifico con Risoluzione n. 185/2002, che lopzione o la revoca dei regimi di determinazione dellimposta o dei regimi contabili si desumono da comportamenti concludenti del contribuente o dalle modalità di tenuta delle scritture contabili. Diversamente, lassistenza deve essere chiesta entro 30 gg dalla data di presentazione della dichiarazione di inizio attività

14 Assistenza e tutoraggio o per le annualità successive alla prima, entro 30 gg dallinizio del periodo di imposta (30 gennaio). Trattandosi di un regime analitico, benché sostitutivo, si rende applicabile la normativa dei parametri o degli studi di settore. Anche per tali adempimenti, il tutor fornisce ladeguata assistenza per la compilazione dei dati richiesti da tali strumenti di accertamento analitico-presuntivi e per lassolvimento degli obblighi relativi al sostituto di imposta per i compensi corrisposti a terzi.

15 Obblighi contributivi Lesercizio dellattività professionale richiede liscrizione allINPS. Lattività artigiana prevede principalmente la produzione di beni o la prestazione di servizi ad esclusione delle attività commerciali o agricole. Caratteristica fondamentale è che deve essere svolta prevalentemente con il proprio lavoro e quello dei familiari coadiuvanti che prestino la loro opera nellimpresa in maniera abituale e prevalente. Liscrizione può avvenire presso le sedi dellINPS, delle Camere di Commercio, dellINAIL, della Commissione provinciale per lartigianato.

16 Obblighi contributivi La decisione sulliscrivibilità del lavoratore nellapposito albo spetta alla Commissione provinciale per lartigianato. Per la gestione commercianti e artigiani, la base contributiva è rappresentata da una parte fissa (cosiddetto minimale) e da una parte variabile (reddito che eccede il minimale). Per il 2003 è stabilito ai fini contributivi un limite minimo di ,00 su cui si applica laliquota contributiva del 16,80%. Se il reddito è inferiore, i contributi da versare devono essere comunque calcolati sul minimale.

17 Lavoro dipendente Se si instaura un rapporto di lavoro dipendente, ovviamente, non si è soggetti a nessuno degli adempimenti qui descritti. Sia le ritenute IRPEF che quelle relative ai contributi sono effettuate direttamente dal datore di lavoro.

18 Con questo tipo di reddito non esiste lobbligo di presentare la dichiarazione dei redditi, in quanto la tassazione del reddito corrisposto viene effettuata dal datore di lavoro tramite ritenute alla fonte (direttamente in busta paga) e certificate con il rilascio del modello CUD. Tuttavia vi sono casi in cui anche per questo tipo di reddito vi è lobbligo di presentare la dichiarazione (mod. Unico o 730). Se si è lavorato presso un unico datore di lavoro e non si posseggono altri redditi si è esonerato dalla presentazione del mod.Unico o 730 e quindi occorre soltanto conservare il CUD Se invece si percepiscono redditi corrisposti da più datori di lavoro o si possiede altri tipi di reddito si è obbligati alla presentazione della dichiarazione. Lavoro dipendente

19 Dichiarazione dei redditi Se ci si avvale dellassistenza dellAgenzia delle Entrate per gli adempimenti fiscali connessi allesercizio dellattività professionale, non cè da preoccuparsi in quanto il software utilizzato e fornito gratuitamente (Regimi Fiscali Agevolati RFA 2004) e lausilio del tutor consentono di ottemperare agevolmente a tale obbligo. Se ci si avvale dellassistenza dellAgenzia delle Entrate per gli adempimenti fiscali connessi allesercizio dellattività professionale, non cè da preoccuparsi in quanto il software utilizzato e fornito gratuitamente (Regimi Fiscali Agevolati RFA 2004) e lausilio del tutor consentono di ottemperare agevolmente a tale obbligo.

20 Dichiarazione dei redditi Se invece non ci si avvale del regime agevolato, oppure si opta per lo stesso ma non ci si avvale dellassistenza del TUTOR occorre adempiere da soli agli adempimenti fiscali richiesti avvalendosi eventualmente dellassistenza di un professionista. Si tenga presenta che i soggetti obbligati alle tenuta delle scritture contabili (lavoratori autonomi e imprese) sono, in ogni caso obbligati a presentare le dichiarazioni. (Redditi, IVA, IRAP, 770) Se invece non ci si avvale del regime agevolato, oppure si opta per lo stesso ma non ci si avvale dellassistenza del TUTOR occorre adempiere da soli agli adempimenti fiscali richiesti avvalendosi eventualmente dellassistenza di un professionista. Si tenga presenta che i soggetti obbligati alle tenuta delle scritture contabili (lavoratori autonomi e imprese) sono, in ogni caso obbligati a presentare le dichiarazioni. (Redditi, IVA, IRAP, 770)

21 Quali orari Il nostro Ufficio è aperto tutti i giorni: dal Lunedì al Venerdì dalle dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8,30 alle ore 8,30 alle Martedì e Giovedì anche Martedì e Giovedì anche dalle 14,30 alle 16,30 dalle 14,30 alle 16,30


Scaricare ppt "Ufficio di Firenze 1 GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI PER LINIZIO DI UNA ATTIVITA Novembre 2004 a cura di Rotundo Vincenzo."

Presentazioni simili


Annunci Google