La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le Pari Opportunità di genere nelle politiche comunitarie Le esperienze quadriennali dei progetti PON misura 7, azione 7.2 presso lI.P.S.S.S. Sandro Pertini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le Pari Opportunità di genere nelle politiche comunitarie Le esperienze quadriennali dei progetti PON misura 7, azione 7.2 presso lI.P.S.S.S. Sandro Pertini."— Transcript della presentazione:

1 Le Pari Opportunità di genere nelle politiche comunitarie Le esperienze quadriennali dei progetti PON misura 7, azione 7.2 presso lI.P.S.S.S. Sandro Pertini di Cagliari A cura di: Dott.ssa Maria Giuseppa Contu

2 M. G. Contu2 Le Pari Opportunità: concetti fondamentali La conferenza Mondiale delle Nazioni Unite sulla donna (Pechino, settembre 1995) invita i governi a inserire la prospettiva di genere in tutte le politiche ed in tutti i programmi, in modo da far sì che, prima di qualsiasi decisione, venga effettuata unanalisi sugli effetti che ne possano derivare per le donne e per gli uomini. Il trattato di Amsterdam del 1997 (firmato da 15 stati dellUnione Europea, fra cui lItalia, ed entrato in vigore nel 1999), stabilisce che lUnione Europea mira ad eliminare le ineguaglianze nonché a promuovere la parità fra donne e uomini, inoltre predispone provvedimenti opportuni per combattere le discriminazioni fondate sul sesso, rendendo sistematico il principio del mainstreaming.

3 M. G. Contu3 Le Pari Opportunità: concetti fondamentali Nel giugno del 2000 la Commissione Europea delle Pari Opportunità fra donne e uomini, adotta una nuova strategia quadro caratterizzata da 5 obiettivi: 1) promuovere la parità nella vita economica; 2) promuovere la partecipazione e rappresentanza in condizioni di parità; 3) promuovere la parità di accesso e il pieno godimento dei diritti sociali da parte di uomini e donne; 4) promuovere la parità nella vita civile; 5) promuovere levoluzione dei ruoli e il superamento degli stereotipi legati la genere allinterno delle politiche comunitarie interessate e per mezzo delle stesse.

4 M. G. Contu4 Le Pari Opportunità nella scuola: i progetti PON azione 7, misura 7.2 Allinterno delle sedi formative, come la scuola, le pari opportunità sono maggiormente sviluppate nellambito dei progetti PON La scuola per lo sviluppo, che definiscono un sistema di obiettivi rispetto al tema delle pari opportunità incentrato prevalentemente sul sostegno e la promozione delle scelte scolastiche e formative, mirate a migliorare laccesso e la partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Il problema delle pari opportunità interessa il settore dellistruzione in riferimento alla continua e forte tendenza ad effettuare scelte formative, da parte delle donne, riconducibili a percorsi tradizionalmente riservati ad esse, con la conseguente sostanziale esclusione da percorsi che conducono a esiti professionali innovativi o di alto livello.

5 M. G. Contu5 Le Pari Opportunità nella scuola: i progetti PON azione 7, misura 7.2 La misura 7.2 del PON, che ha come obiettivo la Promozione di scelte scolastiche e formative mirate a migliorare laccesso e la partecipazione delle donne al mercato del lavoro, è articolata su tre azioni, di cui la seconda ha come finalità la promozione e lo sviluppo degli interessi della popolazione femminile verso gli indirizzi tecnico scientifici, attraverso percorsi che orientino alle prospettive ed agli aspetti operativi delle discipline, per promuovere scelte consapevoli di studio e di lavoro. Lazione, inoltre, favorisce lacquisizione di conoscenze competenze specifiche e di skill trasversali, che facilitino la transizione scuola-lavoro e la promozione dellimprenditorialità, anche mediante percorsi di simulazione e/o esperienze dirette nel mondo del lavoro.

6 M. G. Contu6 Le Pari Opportunità nellIPSSS S. Pertini: le esperienze sui progetti realizzati I progetti hanno come obiettivo principale quello di far emergere potenzialità degli studenti e delle studentesse che, non immediatamente evidenti, talvolta non vengono individuate e valorizzate da una scuola che privilegia il momento della trasmissione dei contenuti rispetto a quello dellorientamento e della formazione. Partono dal presupposto che la conoscenza di sé e delle modalità con le quali leggere il proprio contesto sociale di appartenenza rappresentano una condizione indispensabile per realizzare scelte consapevoli dei propri percorsi formativi e per favorire orientamenti adeguati nelle scelte professionali nonché dalla constatazione che la maggior parte degli studenti, soprattutto quelli frequentanti il biennio, evidenzia proprio in questo campo grosse difficoltà (vedi i percorsi scolastici incerti, dispersione scolastica, drop-out, ecc.).

7 M. G. Contu7 Le Pari Opportunità nellIPSSS S. Pertini: le esperienze sui progetti realizzati I progetti hanno come finalità di intervenire nel sistema istruzione, occasione unica per apprendere la parità, per favorire lo sviluppo di una educazione non sessista, sviluppare un atteggiamento critico verso gli stereotipi tradizionali sui ruoli delle donne e degli uomini e combattere i pregiudizi e i luoghi comuni nella comunicazione interpersonale e di massa. Si propongono di favorire il riconoscimento e il miglioramento del proprio stile comunicativo e delle proprie caratteristiche personali al fine di usare in modo efficace e produttivo le relazioni interpersonali nella vita cooperativa soprattutto attraverso lindividuazione di obiettivi, risorse, soluzioni miranti a pianificare unattività o a risolvere un problema.

8 M. G. Contu8 Le Pari Opportunità nellIPSSS S. Pertini: le esperienze sui progetti realizzati Lutilizzo dellapproccio di genere consentirà alle giovani generazioni di esercitare le proprie scelte in modo consapevole e non sulla base di persistenti stereotipi sessisti che individuano come naturalmente legati al genere alcuni percorsi scolastici e professionali indipendentemente sia dalle caratteristiche reali ed attuali di quelle professioni, sia di competenze, desideri, tendenze, che ragazzi e ragazze possono esprimere

9 M. G. Contu9 Le esperienze Psicologichesui progetti realizzati Le esperienze realizzate dal punto di vista psicologico hanno riguardato i seguenti argomenti: 1) Bilancio di Competenze (concetto di competenza, interesse, ecc.) 2) Comunicazione (elementi di base della comunicazione) 3) Lavoro di gruppo (elementi di base del lavoro di gruppo ed in gruppo)

10 M. G. Contu10 Le esperienze Psicologichesui progetti realizzati Bilancio di Competenze Che cosa è? Un percorso di orientamento che serve a realizzare scelte e/o cambiamenti rispetto alla propria vita professionale. A cosa serve? 1) a valorizzare le esperienze professionali e personali; 2) a valorizzare ciò che si conosce e si sa fare ; 3) a comprendere dove si possono trasferire le proprie competenze e abilità; 4) a utilizzare meglio le proprie potenzialità;

11 M. G. Contu11 Le esperienze Psicologichesui progetti realizzati Bilancio di Competenze Il bilancio è un intervento strutturato di consulenza di orientamento che aiuta i ragazzi a definire con precisione le proprie capacità, competenze e aspirazioni professionali, al fine di progettare e mettere in atto percorsi professionali pienamente soddisfacenti nell'arco della propria vita. Strutturato significa che non ci si limita a una serie di interventi, ma: 1. vengono utilizzati prove/strumenti specifici, tarati ad hoc sullutenza, (schede psico-pedagogiche, questionari di auto-valutazione, analisi di esperienze passate, test, simulazioni, ecc.). Una grande attenzione è attribuita all'individuazione e alla descrizione delle capacità e competenze non certificate, cioè dimostrate o acquisite al di fuori dei percorsi formativi istituzionali, e all'esplicitazione di capacità e competenze che i ragazzi non sono cosciente di avere. 2. I risultati di ciascuna attività vengono raccolti su apposite schede che alla fine, vanno a costituire un fascicolo (portfolio) che rimane al cliente.

12 M. G. Contu12 Le esperienze Psicologichesui progetti realizzati Cosa sono le competenze? Sono un insieme di elementi/dimensioni che concorrono allefficacia di un comportamento professionale ed e finalizzata allazione ed e intrecciata alla conoscenza delle situazioni e dei contesti si divide in : 1) competenze di base (conoscenze/abilità//risorse personali non specifiche di un contenuto lavorativo, ma rilevanti perla formazione e la preparazione professionale della persona) 2) competenze tecnico/professionali (conoscenze/abilità/risorse personali specifiche di una mansione lavorativa, che possono avere un contenuto teorico tecnico o pratico-applicativo) 3) competenze trasversali (conoscenze/abilità/risorse personali utili ai fini di un comportamento lavorativo e organizzativo efficace)

13 M. G. Contu13 Le esperienze Psicologichesui progetti realizzati Bilancio di Competenze Alcuni esempi di schede utilizzate per il Bilancio sono: 1) I miei Interessi 2) I miei valori 3) Testa, Cuore, Mano 4) Gli aggettivi 5) Il grafico della mia vita 6) Inventario delle acquisizioni 7) Mappa descrittiva del se 8) Saper fare, Poter fare, Voler fare

14 M. G. Contu14 Le esperienze Psicologichesui progetti realizzati Comunicazione 1) Elementi di Psicologia della Comunicazione: gli assiomi 2) Comunicazione verbale e non verbale 3) Larte comunicativa 4) Lintelligenza sociale 5) La competenza linguistica, latto linguistico, le funzioni del linguaggio 6) La comunicazione ambigua 7) Le relazioni psicologiche 8) Lanalisi drammaturgica 9) Le relazioni psicologiche: il controllo delle impressioni, il macchiavellismo, lautopresentazione, il comportamento strategico

15 M. G. Contu15 Le esperienze Psicologichesui progetti realizzati Comunicazione 10) Il controllo delle strategie relazionali 11) Le massime della comunicazione: qualità, relazione, quantità, modo 12) Le condizioni per migliorare la chiarezza comunicativa 13) Le condizioni per migliorare la strutturazione comunicativa 14) I turni di conversazione 15) La pausa ed il silenzio 16) LAscolto Attivo 17) La comunicazione nellimpresa post-industriale 18) Stili di comunicazione e differenze di genere 19) La comunicazione organizzativa

16 M. G. Contu16 Le esperienze Psicologichesui progetti realizzati Lavoro di gruppo (elementi di base del lavoro di gruppo ed in gruppo) 1 ) Le basi della Sociologia e Psicologia di gruppo 2) Rapporti intergruppo e confronto sociale 3) Processi e strutture nei gruppi di lavoro: interdipendenza ed obiettivi di gruppo 4) Differenziazione di ruolo e conflitto fra ruoli e intraruolo 5) Gruppi e potere 6) Modelli di sviluppo gruppale 7) La leadership: origine e teorie 8) Le dinamiche di gruppo: concetto di interfaccia 9) Difese, episodi e fenomeni di gruppo 10) La dinamica dei gruppi ottimali

17 M. G. Contu17 Le Pari Opportunità nellIPSSS S. Pertini: gli esperti coinvolti nella quadriennalità Psicologo esperto in psicologia della comunicazione e conduzione di gruppi o di comunità Psicologo del lavoro Esperto del mercato del lavoro Esperto in diritto del lavoro Consigliere di pari opportunità Esponenti del mondo del lavoro Esperti nella microimprenditorialità femminile e giovanile


Scaricare ppt "Le Pari Opportunità di genere nelle politiche comunitarie Le esperienze quadriennali dei progetti PON misura 7, azione 7.2 presso lI.P.S.S.S. Sandro Pertini."

Presentazioni simili


Annunci Google