La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

…è il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante… ABILITA E COMPETENZE SPECIFICHE DEL DOCENTE TUTOR: dal rapporto con.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "…è il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante… ABILITA E COMPETENZE SPECIFICHE DEL DOCENTE TUTOR: dal rapporto con."— Transcript della presentazione:

1 …è il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante… ABILITA E COMPETENZE SPECIFICHE DEL DOCENTE TUTOR: dal rapporto con limpresa al monitoraggio degli esiti WORKSHOP Dott. Girolamo DAlleo Psicologo del lavoro Esperto gestione e sviluppo risorse umane

2 Da qualche anno nella normativa relativa alle azioni di formazione destinate al personale della scuola si evince una nuova idea di formazione in servizio: - gli interventi formativi sono caratterizzati da percorsi completi che vanno dall'analisi dei bisogni sino alla valutazione dei risultati - le azioni sono diversificate rispetto alle differenti necessità di carattere organizzativo, specialistico/disciplinare o di settore - i percorsi formativi vengono integrati delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione - vengono promosse nuove figure professionali nel campo della formazione FORMAZIONE DOCENTI

3 IL DOCENTE PROFESSIONISTA Si sta assistendo al passaggio da modelli di input basati sulle competenze degli insegnanti a modelli di output centrati sul docente inteso come: - un professionista colto, il quale domina i nuclei fondanti delle discipline (conoscenze dichiarative: quadri concettuali, connessioni, linguaggi; conoscenze procedurali, metodologiche, immaginative, rappresentative) - un professionista riflessivo, che ritorna periodicamente sulle esperienze quotidiane per cogliere relazioni, possibili rapporti, dinamiche profonde, conflitti, fantasie che animano gli studenti - un professionista creativo, in grado di combinare in modo originale le variabili delle situazioni educative, adattando le alle proprie strategie comunicative - un tecnico che dimostra padronanza delle strategie di trasmissione culturale, di informazione e comunicazione, di sviluppo della relazione educativa. Le azioni formative devono svilupparsi attraverso programmazioni caratterizzate da continuità e sistematicità che permettano agli insegnanti di trasferire quanto appreso nella pratica educativa e didattica. Nascono così nuove figure professionali destinate ad occuparsi di questi processi in modo continuativo e competente, come il tutor, già esistente nel sistema formativo aziendale e citato da qualche tempo anche nei documenti del MIUR che si occupano di formazione. FORMAZIONE DOCENTI

4 IL TUTOR

5 Il termine, nell'accezione dominante, si rifà alle istituzioni scolastiche britanniche, ma è di origine latina. Deriva, infatti, dal verbo tutari, che significa proteggere, difendere, custodire. Proprio per sottolineare la dimensione forte del termine, esso viene usato in botanica per indicare il sostegno a cui si appoggiano le giovani piante, per garantirne e indirizzarne la crescita. TUTOR TUTOR

6 tutor aziendale, tutor scolastico, tutor universitario, web-tutor, tutor di rete, studenti tutor, tutor di classe, tutor di stage, tutor della formazione,... Il tutor, qualunque sia la sua collocazione, è quell'operatore che agisce in sistemi di apprendimento nel senso di facilitatore delle dinamiche individuali o all'interno del gruppo, di guida per il processo di apprendimento, di orientatore nel percorso formativo, di assistente al percorso formativo individuale, di agevolatore dei rapporti con nuovi oggetti formativi o in nuovi percorsi. Il termine, che rimanda alle funzioni educative antiche del mentore, è oggi meno "guida affettiva" e più "guida pragmatica": conoscendo nel dettaglio il sistema in cui opera consiglia lo studente nel suo percorso riducendo le possibilità di dispersione. TUTOR

7 Diversi sono i luoghi e i momenti della formazione in cui è presente il tutor: 1)nelle Università di diversi paesi stranieri è da tempo presente una figura di tutor. (Legge 19 Novembre 1990 n° 341 "riforma degli ordinamenti didattici universitari) (professori, ricercatori, peer tutoring). 2)nei collegi privati e in quelli statali. Il tutor cura la persona, è il suo consulente, la sua guida e il suo sostegno. 3)Nella formazione a distanza il percorso didattico, agito per lo più in situazione di autoapprendimento, è supportato da funzioni tutoriali a sostegno della motivazione, della comunicazione didattica, del consolidamento dell'apprendimento. 4)Nelle aziende è assai diffuso l'impiego del tutor nei corsi di formazione volti a qualificare, aggiornare, riconvertire personale interno. TUTOR

8 Il tutor è una figura funzionale ad assicurare il necessario raccordo tra lapprendimento sul lavoro e la formazione esterna (D.M. Lavoro 8/4/98). In Italia lattività di tutoraggio non è novità assoluta, lo prevedeva già lart.16 della legge n. 196 del Negli anni seguenti alcuni assessorati alla formazione hanno introdotto la figura del Tutor nei corsi di formazione professionale rivolti ai giovani che hanno concluso la Scuola dellObbligo. Questa figura innovativa e significativa ha determinato una svolta culturale; infatti, operando sulla crescita e la valorizzazione del giovane, ha spostato lattenzione della didattica dallinsegnante allallievo. Il giovane è divenuto soggetto protagonista del proprio percorso formativo/educativo, quindi progressivamente critico e consapevole del percorso realizzato e delle possibili scelte future. Il tutor tra scuola, formazione professionale e azienda

9 Lidea di introdurre la figura del Tutor è nata come risposta pedagogica per affrontare, sul piano relazionale ed educativo, il disagio dei giovani allievi e dei loro insegnanti; nel tempo però tale figura si è andata connotando anche come elemento risolutivo per superare gli ostacoli che si frappongono ai processi di apprendimento. Il Tutor è un moltiplicatore di risorse didattiche, una risorsa da utilizzare per acquisire direttamente, attraverso una progettazione concordata, competenze tecniche di insegnamento e programmazione. Il tutor tra scuola, formazione professionale e azienda

10 La figura del tutor aziendale in paesi come Francia, Danimarca, Germania e Austria è uno dei punti fondamentali dei loro sistemi formativi. In questi paesi infatti, esiste una lunga esperienza di apprendistato. In Francia cè una distinzione ben precisa tra maestri di apprendistato (che giuridicamente appaiono nel contratto di lavoro) e tutore in tutti gli altri contesti della formazione. In Germania e Austria ci sono tre livelli di tutoraggio: responsabile di formazione, maestro di apprendistato e tutore ausiliare. Sono previsti, legittimandone la figura, albi professionali per le figure del tutor. Il ruolo del Tutor è complesso poiché gioca contemporaneamente su tutti i fronti che compongono listituzione formativa, ponendosi come elemento di collegamento tra di essi. Si occupa di coinvolgere le famiglie, si confronta e collabora con le Istituzioni, le Associazioni e le forme di aggregazioni che si occupano dei giovani, contribuendo inoltre allorientamento e allo sviluppo individuale dei giovani facilitando forme autonome di rilettura e ridefinizione di se. Il tutor tra scuola, formazione professionale e azienda

11 Legge n° 144 del maggio 1999 Con lintroduzione del Nuovo Obbligo Formativo il tutor è divenuto una figura professionale centrale, di riferimento e di raccordo per i ragazzi, per le famiglie e per gli Insegnanti, segue il giovane dal momento dellaccoglienza nel centro di formazione fino allinserimento nel mondo del lavoro, attraverso un progetto personale che viene aggiornato progressivamente, parallelamente al processo di apprendimento e professionalizzazione. Il tutor tra scuola, formazione professionale e azienda

12 ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Orientare gli studenti attraverso la conoscenza del mondo del lavoro Far acquisire competenze attraverso esperienze nel mondo del lavoro Lattività di tirocinio presso le Aziende è finalizzata a far acquisire competenze non solo tecniche e professionali, ma anche competenze di base e trasversali. Lalternanza scuola – lavoro è intesa, infatti, come integrazione di due modi diversi di apprendere.Il tirocinio in azienda è da intendersi, dunque, nelleccezione di learning by doing

13 Progettazione delle visite con il tutor dazienda Preparazione, in classe, alla visita degli studenti attraverso la presentazione dellAzienda Visita aziendale Somministrazi- one di un questionario per rilevare il feed – back da parte degli studenti Visite aziendali in presenza del tutor aziendale e del tutor scolastico Incontri in Azienda con rappresentati delle diverse figure professionali in presenza del tutor aziendale e del tutor scolastico Conosce le attività delle Aziende e delle Imprese del settore afferenti al loro corso di studio Conosce le figure professionali impiegate nelle attività delle Aziende e le relative competenze Orientarsi nel mercato del lavoro MetodologiaAttivitàEsiti formativiCompetenze ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO IPSIA Via Monte Grappa, 1 MONZA

14 ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Individuare le aziende afferenti al settore di specializzazione Individuare i tutor: aziendali e scolastici Definire le figure professionali interessate al progetto Disaggregare il profilo professionale per individuare gli ambiti di attività ed enucleare le competenze di base, trasversali e professionali Aggregare le competenze in relazione allambito di attività Progettare unità formative per lacquisizione delle competenze attraverso un percorso integrato scuola – mondo del lavoro Definire le attività proprie della scuola e quelle proprie delle aziende Monitoraggio delle attività e verifiche in situazione Lezioni in classe Attività presso le Aziende Tirocini Legge tabelle e grafici Costruisce tabelle e grafici Conosce le procedure necessarie per accedere al mercato del lavoro e i soggetti che facilitano lincontro tra domanda e offerta Conosce le principali caratteristiche del mercato del lavoro Distingue le caratteristiche principali dei contratti di lavoro Conosce diritti e doveri delle parti nel rapporto di lavoro subordinato Interpretare le principali voci presenti in un documento retributivo Lavorare in èquipe Accettare le opinioni altrui dimostrando disponibilità al confronto Rispettare le regole e i tempi Custodire ed utilizzare in modo appropriato il proprio materiale di lavoro Utilizzare il linguaggio appropriato alla situazione comunicativa Scegliere ed utilizzare gli strumenti di lavoro più idonei Elaborare, schematizzare e comunicare dati e informazioni Orientarsi nel mondo del lavoro MetodologiaAttivitàEsiti formativiCompetenze IPSIA Via Monte Grappa, 1 MONZA

15 Legge n° 53 del 28 marzo 2003 (art. 4) ALTERNANZA SUOLA-LAVORO 1.Nei percorsi in alternanza il sistema tutoriale è preordinato alla promozione delle competenze degli studenti e al raccordo tra listituzione scolastica o formativa, il mondo del lavoro e il territorio. Lassistenza tutoriale personalizzata per gli studenti in alternanza è svolta dal tutor formativo interno e dal tutor esterno. 2.Il tutor formativo interno, designato dallistituzione scolastica o formativa, svolge il ruolo di assistenza e guida degli studenti che seguono percorsi in alternanza scuola- lavoro e verifica, con la collaborazione del tutor esterno, il corretto svolgimento del percorso in alternanza. 3.Il tutor formativo esterno favorisce linserimento dello studente nel contesto operativo, lo assiste nel percorso di formazione sul lavoro e fornisce allistituzione scolastica o formativa ogni elemento atto a verificare e valutare le attività dello studente e lefficacia dei processi formativi. Lo svolgimento dei predetti compiti non comporta comunque oneri a carico dellistituzione scolastica o formativa. 4.I compiti svolti dal tutor interno sono riconosciuti, ai fini del relativo specifico compenso, in sede di contrattazione collettiva. 5.La previsione del sistema tutoriale, relativamente alla formazione professionale, rappresenta norma di principio per la legislazione regionale. Il tutor tra scuola, formazione professionale e azienda

16 LE COMPETENZE SPECIFICHE

17 Conoscenza della normativa vigente sullobbligo scolastico e formativo Conoscenza sulle offerte degli altri sistemi formativi Conoscenza della normativa inerente al tirocinio Conoscenza degli aspetti legislativi del rapporto di lavoro e sulla sicurezza Conoscenze di base di informatica Conoscenze per preparare e gestire un progetto formativo Conoscenze di base inerenti ad una certificazione di qualità (es.crediti formativi, Attestati) Possedere una cultura di base riguardo alle dinamiche di gruppo COMPETENZE TECNICO-PROFESSIONALI

18 Capacità di curare gli aspetti organizzativo–didattici Capacità di predisporre e rispettare gli adempimenti amministrativi relativi alle attività formative Saper riprogettare un piano formativo in relazione ad esigenze particolari, eventi esterni, necessità contingenti Sapere gestire il tempo di lavoro per ottimizzare l'efficienza Essere in grado di utilizzare tecniche di monitoraggio e valutazione nelle diverse fasi di apprendimento COMPETENZE ORGANIZZATIVE

19 AREA DELLE MOTIVAZIONI PSICOLOGICHE Essere ben inserito nel contesto scuola Possedere un orientamento allaggiornamento delle proprie competenze professionali Saper esercitare azioni di cambiamento e di innovazione Inclinazione e disponibilità ad interessarsi ai problemi di terzi in situazioni di svantaggio e/o di difficoltà Saper favorire l'instaurarsi di un rapporto di fiducia con l'altra persona Essere in grado di rispettare la reciprocità delle aspettative COMPETENZE RELAZIONALI

20 AREA DELLA COMUNICAZIONE E DELLA RELAZIONE Saper interagire costruttivamente nei rapporti allinterno e allesterno della scuola Saper interagire efficacemente con persone in situazioni professionali e di ruolo molto diverse Possedere padronanza della comunicazione verbale e non verbale Sapere ascoltare Saper interpretare i bisogni di formazione e sapervi rispondere in modo efficace Saper motivare, animare, dirigere, gratificare Essere in grado di creare un clima piacevole per lapprendimento Essere in grado di creare un rapporto empatico Essere in grado di attivare strategie operative che creino consenso Essere in grado di fornire un efficace feed-back verso il tirocinante COMPETENZE RELAZIONALI

21 ATTIVITA FINALITA Prevenire la dispersione scolastica e formativa in conformità alla normativa sullobbligo scolastico ed obbligo formativo Valorizzare le esperienze personali dellalunno in un clima di fiducia e reciproco scambio Stimolare nellalunno i processi personali di scelta, lautovalutazione delle competenze, la ridefinizione di modalità comportamentali poco efficaci, la rimotivazione personale Il tutor tra scuola, formazione professionale e azienda Fare la diagnosi della domanda e dei bisogni individualizzati dello studente Fornire informazioni mirate alle esigenze e alle caratteristiche individuali Valutare il livello di competenze apprese e approfondite dallo studente allinizio del progetto Procedere alla stesura di un piano formativo Controllo, verifica, valutazione continua

22 ATTIVITA FINALITA Facilitare il passaggio dei giovani allinterno del nuovo sistema integrato fra istruzione e formazione professionale Potenziare nellalunno competenze trasversali per favorire passaggi tra i diversi canali formativi Il tutor tra scuola, formazione professionale e azienda Conoscere tutte le possibili offerte formative presenti ed operanti sul territorio Interagire efficacemente con le organizzazioni e i rappresentanti del mondo del lavoro (istituzioni ed attori locali, agenzie formative, enti pubblici, associazioni di categoria) Determinare definizioni comuni: competenze, finalità, obiettivi, strategie Stimolare le relazioni tra i partecipanti al progetto esterni ed interni Gestire il controllo dei contenuti e della congruenza delle varie fasi di scambio scuola-lavoro Prendere decisioni in merito alle eventuali riprogrammazioni didattiche e/o formative-professionali Facilitare il superamento di un eventuale psicologico legato al cambiamento dellambito formativo Agire efficace sostegno nelle fasi di transizione e di forte disorientamento dello studente

23 RAPPORTI INTERNI RAPPORTI CON I COLLABORATORI RAPPORTI CON I COLLABORATORI Instaurare un rapporto di fiducia/collaborazione attraverso frequenti incontri Essere guida e riferimento nei confronti dei colleghi che condividono il piano di progetto Condivisione del sistema complessivo della valutazione e certificazione

24 RAPPORTI INTERNI RAPPORTI CON I TIROCINANTI RAPPORTI CON I TIROCINANTI Assistere lo stagista nella fase di presentazione del progetto Proporsi come guida, punto di riferimento e di supporto Proporsi come risolutore di conflitti personali ed interpersonali Guidare lo stagista nelle modalità di apprendimento Affiancare lo stagista nel superamento delle problematiche

25 RAPPORTI ESTERNI RAPPORTI CON IL TUTOR AZIENDALE RAPPORTI CON IL TUTOR AZIENDALE Instaurare rapporti di fiducia e di estrema collaborazione Condividere lattuazione delle varie fasi del progetto Verificare lapplicabilità dei sistemi di valutazione e certificazione

26 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE

27 VALUTAZIONE EX-ANTE DOCENTE TUTOR TUTOR AZIENDALE Precisa ANALISI DELLA MANSIONE Efficace ANALISI DEI BISOGNI FORMATIVI Verifica COERENZA INTERNA DEL PROGETTO

28 VALUTAZIONE IN ITINERE DOCENTE TUTOR TUTOR AZIENDALE Definizione CALENDARIO e modalità svolgimento ATTIVITA SCHEDA MONITORAGGIO e VALUTAZIONE DELLAPPRENDIMENTO Definizione (ri-definizione) PIANO DI LAVORO con obiettivi e risultati intermedi SCHEDA MONITORAGGIO CRITICITA E DISFUNZIONI DEL PROCESSO Al fine di controllare l'andamento e i risultati intermedi: utilizzo di questionari, test di profitto, al fine di valutare la metodologia utilizzata e il livello di apprendimento raggiunto.

29 VALUTAZIONE FINALE TUTOR AZIENDALE SCHEDA VALUTAZIONE TIROCINANTE SCHEDA VALUTAZIONE DOCENTE TUTOR SCHEDA VALUTAZIONE Al termine dell'intervento Al termine dell'intervento, da realizzare come confronto fra le finalità e gli obiettivi dell'intervento e i risultati ottenuti per valutare la qualità delle attività svolte e dei prodotti, l'acquisizione di abilità, lo sviluppo di nuovi atteggiamenti. lungo termine La valutazione degli effetti a lungo termine richiede la raccolta di dati a distanza nel tempo per approfondire e valutare gli effetti dellapprendimento, nonché le ricadute nel lungo periodo

30 I COMPITI DEL TUTOR

31 PRIMA DELLO STAGE Tutor internoTutor aziendale Conosce e condivide obiettivi e finalità Stima le aspettative dei partecipanti Raccoglie e promuove direttamente offerte formative da parte delle aziende Organizza la fase operativa con il tutor aziendale Controlla che le aziende disponibili siano in grado di sostenere le proposte formative Definisce gli obiettivi aziendali Definisce gli obiettivi formativi personalizzando l'esperienza Partecipa al gruppo di progetto Pianifica le operazioni aziendali Predispone

32 DURANTE LO STAGE Tutor internoTutor aziendale Presenta gli alunni alle aziende coinvolte Si assicura che lo studente si inserisca adeguatamente nell'attività lavorativa Controlla l'andamento dell' attività svolta dallo studente Mantiene rapporti con il tutor aziendale Accoglie l'allievo e lo propone all'azienda Affianca e controlla l'attività dello studente Assegna le attività Propone soluzioni alternative ai problemi Evidenzia i responsabili dell'azienda Discute il lavoro svolto dall'allievo Responsabilizza l'allievo

33 DOPO LO STAGE Tutor internoTutor aziendale Collabora alla valutazione dell'esperienza Controlla il raggiungimento delle aspettative Coinvolge l'intero gruppo sull'esperienza complessiva Redige la relazione finale Prende parte alla verifica sia sommativa che formativa Organizza gli schemi di verifica insieme al tutor scolastico: - comportamento rispetto alle regole - sapersi porre di fronte alle persone ed ai problemi


Scaricare ppt "…è il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante… ABILITA E COMPETENZE SPECIFICHE DEL DOCENTE TUTOR: dal rapporto con."

Presentazioni simili


Annunci Google