La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Scuola Primaria - Accadia A.S. 2009 - 2010 Classe IV^ A Progetto Un mondo da leggere, un mondo da amare Leggiamo la nostra storia Lassedio di Accadia del.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Scuola Primaria - Accadia A.S. 2009 - 2010 Classe IV^ A Progetto Un mondo da leggere, un mondo da amare Leggiamo la nostra storia Lassedio di Accadia del."— Transcript della presentazione:

1 Scuola Primaria - Accadia A.S Classe IV^ A Progetto Un mondo da leggere, un mondo da amare Leggiamo la nostra storia Lassedio di Accadia del 1462 Insegnante: De Bellis Concetta Dirigente Scolastico Dott. L. Lorenzo Cerrato

2 Leggiamo la nostra storia Lassedio di Accadia 9-19 Agosto 1462 Lepisodio è stato riprodotto su due dei sei riquadri in bronzo della porta del Maschio Angioino di Napoli. Negli ultimi due pannelli è infatti raffigurata leroica resistenza di Accadia durante e dopo lattacco aragonese. Fu lo stesso Ferrante a volerne la realizzazione dopo la vittoria, di fatto riconoscendo il valore degli Accadiesi. A ricordo dellepisodio fu collocato un bassorilievo in marmo sulla Torre dellOrologio di Accadia sul quale è scolpito in latino il seguente distico che inneggia e riconosce il valore degli Accadiesi AQUADIAM FORTEM CEPIT REX FORTIOR URBEM ANDEVAGOS PELLENS VIRIBUS EXIMIIS (Accadia forte città un re più forte la prese sloggiandone gli angioini pur con le loro ingenti milizie) Il 12 agosto del 1987 nella Fontana monumentale del paese furono apposti due pannelli in bronzo che riproducono i pannelli della porta bronzea del Maschio Angioino che racconta questo episodio. Nel 1462 Re Ferrante dAragona,vittima di una congiura ordita da alcuni baroni del regno, a capo dei quali cera il Principe di Taranto,i quali avevano offerto la corona al duca dAngiò, mosse guerra contro i ribelli distruggendo e depredando uno a uno i loro feudi Il re cercò di espugnare tutti i castelli del suo rivale, dalla Campania allIrpinia, fino a Grottaminarda da cui poi partì in direzione di Accadia allo scopo di riconquistare la Puglia

3 Il sovrano aragonese si accampò a poca distanza dalla città e inviò degli emissari per trattare la resa. Affidò il messaggio ad una lettera da consegnare allunico che sapesse leggere, il cancelliere Ranuccio Zannella. Fu proprio Zannella ad esortare gli Accadiesi a resistere al nemico confidando nellaiuto degli Angioini Accadia oppose uneroica resistenza: il piccolo presidio militare, circondato da mura, resistette per molti giorni allassedio dellesercito aragonese guidato dallo stesso re Ferrante I° dAragona, coadiuvato dai due contingenti alleati: il milanese capitanato da Alessandro Sforza e il pontificio al comando di Antonio Piccolomini, nipote del Pontefice Pio II°. Poco prima della mezzanotte di lunedì 9 agosto 1462, la porta più importante, attraverso la quale si entrava in paese, Porta di Capo, cadde sotto i martellanti colpi dellartiglieria aragonese. Si sperimentò in quelloccasione luso della bombarda che aveva un nome leggiadro: Madama di Forlì che aprì un varco nelle mura dal quale potè entrare lesercito aragonese che distrusse e incendiò il paese. > (Ex felicissimis castris regis prope Aquadiam, die VIIII° Augusti 1462, hora XXIII. Celsitudinis Vestrae Servus Antonius de Tricio) Gli abitanti che avevano resistito eroicamente e non avevano voluto arrendersi dovettero chinarsi dinanzi al re vittorioso. Custodire, far rivivere e consegnare alle giovani generazioni la memoria della nostra storia, serve a far riflettere per costruire un mondo migliore allinsegna della pace e del dialogo tra i popoli.

4 Ecco come il Pontano,segretario del re, descrive labbattimento della facciata della torre: … essendo percossa giorno e notte da reiterati colpi, la parte anteriore della torre rovinò a terra. Gli accadiesi si dettero a puntellare la parte posteriore della torre mentre altri tenevano lontano gli assalitori con ogni genere di proiettili. Il re comanda lassalto finale:Dato quindi il via e levate alte grida si procede verso le fosse con tanto impeto che,superato il vallo e accostate le scale, si combatte accanitamente sotto e a ridosso delle mura. I difensori del castello scagliano pietre, rompono le scale, feriscono molti aragonesi. Gli assalitori accorrono con altre scale, ritentano la scalata delle mura. Anche il re è sotto le mura: girando per le posizioni e mostrandosi or qua or là, rimpiazza i feriti, esorta i combattenti con la presenza e con la parola. Allimprovviso un colpo di artiglieria centra il muro che sovrasta la porta di Capo che rovina con gran fragore, travolgendo e tramortendo i soldati ed i cittadini che stavano nelle difese. Negli scontri che seguirono allirruzione, parte dei difensori furono uccisi, gli altri, in buon numero, gettate le armi, furono presi vivi. Quando Ferrante domandò ai cittadini perché avessero opposto così fiera resistenza, essi risposero che tale era stato lordine del loro principe e, per giustificarsi, gli presentarono la lettera di lui. Allora si conobbe che il cancelliere aveva mentito,perciò fu preso, legato ad un tronco di quercia e quindi ucciso. Così morì il Cancelliere Ranuccio Zannella. Poi i soldati si diedero a depredare e devastare il Castello. Ma vi era scarso bottino, così il re ordinò che si appiccasse il fuoco ai tetti e ad altri luoghi. Dopo la distruzione del borgo, il re con tutto lesercito si trattenne quattro giorni ad Accadia e poi si diresse verso Ascoli e Candela.

5 Notizie tratte da: Storia, arte e latino nella bronzea porta di Castel Nuovo a Napoli di Erminio Paoletta Lassedio di Accadia del 1462 di Vincenzo Maulucci Ferrante I d' Aragona Portale di Castel Nuovo – Napoli Pannello bronzeo che celebra lentrata dellesercito aragonese in Accadia (9 Agosto 1462)

6 Il racconto dellassedio nei disegni dei bambini La vita nel piccolo paese si svolgeva in modo tranquillo e sereno

7 Re Ferrante, con tutte le sue truppe,è sotto le mura del castello

8 Il Cancelliere Ranuccio Zannella confida nellaiuto del Duca di Taranto che è accampato con le sue truppe nelle vicinanze di Accadia

9 Gli Accadiesi, riuniti nella piazzetta, decidono sul da farsi.

10 Re Ferrante, con i colpi della bombarda, distrugge le mura ed entra in Accadia incendiando tutte le case

11 È una splendida notte dagosto. Il cielo è punteggiato di stelle luminose e laria è ferma, immobile, calda. Il pianto di un bimbo,labbaiare di un cane e il frinire delle cicale spezzano a tratti il silenzio. Lontano i richiami dei comandanti delle truppe aragonesi accampate sotto le mura e pronte alla conquista del piccolo ma importante presidio militare di proprietà degli Angioini. Le ginestre e i tigli della piazza spandono un profumo intenso di cui nessuno degli abitanti riesce a goderne per la preoccupazione e lincertezza di ciò che avverrà. I cittadini sono riuniti nella piccola piazzetta del paese poco distante dalla chiesa. I più anziani sono seduti sulle scale delle case mentre i ragazzini giocano ignari poco distante;al centro della piazza,seduto su una grossa pietra, ai piedi di un olmo, il cancelliere Ranuccio Zannella.

12 > >conclude il cancelliere. E tutti pensierosi e fiduciosi nel domani raggiungono le loro case mentre gli uomini di guardia alle torri sorvegliano e controllano le mosse del nemico. (Lavoro cooperativo della classe quarta.)

13 Porta di bronzo del Castel Maschio Angioino di Napoli dove è raffigurato lassedio di Accadia del 1462

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40


Scaricare ppt "Scuola Primaria - Accadia A.S. 2009 - 2010 Classe IV^ A Progetto Un mondo da leggere, un mondo da amare Leggiamo la nostra storia Lassedio di Accadia del."

Presentazioni simili


Annunci Google