La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PLANTARE ORTHOTECH Biomeccanico e Biomeccanico Propriocettivo Realizzato sulla dinamica del passo Dott. Giovanni Martini Resp. U.O. Riabiltazione A.S.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PLANTARE ORTHOTECH Biomeccanico e Biomeccanico Propriocettivo Realizzato sulla dinamica del passo Dott. Giovanni Martini Resp. U.O. Riabiltazione A.S."— Transcript della presentazione:

1 IL PLANTARE ORTHOTECH Biomeccanico e Biomeccanico Propriocettivo Realizzato sulla dinamica del passo Dott. Giovanni Martini Resp. U.O. Riabiltazione A.S. N° 4 Cosenza Dott. Piero Galasso Resp. Centro Ricerche Diasu Roma

2 Il piede è un capolavoro di architettura e biomeccanica….. 26 ossa 26 ossa 33 articolazioni 33 articolazioni 20 muscoli 20 muscoli ….struttura ad elica superspecializzata a contatto con il suolo Paparella Treccia Luomo e il suo moto

3 PRINCIPALE ORGANO DI SENSO E DI MOTO …le afferenze corticali sono più numerose per il piede per il costante controllo antigravitario, mentre le efferenze, per il costante controllo antigravitario, mentre le efferenze, quindi lattività motoria, ha maggiore rilevanza nella mano….. In termini di afferenza/efferenza definiremo la mano mirabile strumento di lavoro e il piede mirabile strumento di sostegno… HOMUNCULUS DI PENFIELD E RASMUSSEN G. Pisani Trattato di chirurgia del piede sensitiva motoria

4 LA POSIZIONE DELLO SCHELETRO CONDIZIONA LA POSTURA DEL PIEDE LA POSIZIONE DEL PIEDE CONDIZIONA IL RESTO DELL APPARATO LOCOMOTORE A. Viladot

5 Doppio ruolo: Rende edotti i centri superiori della posizione del corpo al suolo Rende edotti i centri superiori della posizione del corpo al suolo ORGANO PROPRIOCETTIVO Esegue i comandi provenienti dai centri superiori Esegue i comandi provenienti dai centri superiori ORGANO DI MOTO E SOSTEGNO C. Villani

6 Il piede è divenuto lorgano di controllo antigravitario tale da trasformare la forza di gravità, elemento instabile, in un meccanismo efficiente di stabilità nella stazione eretta e nella deambulazione G. Pisani PIEDE POSTURA Appoggio podalico C. Villani

7 PIEDE PUNTO DARRIVO PUNTO DI PARTENZA C. Villani

8 PIEDE DISTURBO POSTURALE PIEDE C. Villani

9 -CAUSATIVO : RESPONSABILE DELLO SQULIBRIO POSTURALE -ADATTATIVO: FUNGE DA SISTEMA TAMPONE O VITTIMA B.BRICOT LA RIPROGRAMMAZIONE POSTURALE GLOBALE SI PUO CONSIDERARE IL PIEDE COME…..

10 PLANTARE BIOMECCANICO Lesperienza di oltre 20 anni nella baropodometria elettronica ha permesso di valutare limportanza del piede durante la deambulazione, con parametri di valutazione quali- quantitativi. Lesperienza di oltre 20 anni nella baropodometria elettronica ha permesso di valutare limportanza del piede durante la deambulazione, con parametri di valutazione quali- quantitativi. Lo studio dinamico mette in evidenza gli effettivi ipercarichi del paziente, poco apprezzabili nellimpronta ortostatica. Lo studio dinamico mette in evidenza gli effettivi ipercarichi del paziente, poco apprezzabili nellimpronta ortostatica.

11 ACQUISIZIONE DATI DELLA DINAMICA Lesame viene eseguito più volte sulla piattaforma con il paziente che svolge il passo sulla pedana, camminando avanti ed indietro. Lesame viene eseguito più volte sulla piattaforma con il paziente che svolge il passo sulla pedana, camminando avanti ed indietro.

12 ACQUISIZIONE DATI DELLA DINAMICA Un software dedicato permette di effettuare la media delle varie dinamiche che ricomprende i punti di carico maggiormente espressi durante ciascun appoggio. Un software dedicato permette di effettuare la media delle varie dinamiche che ricomprende i punti di carico maggiormente espressi durante ciascun appoggio.

13 PRESENTAZIONE DELLIMPRONTA MORFOLOGICA SOVRAPPOSTA ALLA MEDIA DELLE DINAMICHE PER VERIFICA DELLE CORREZIONI AUTOMATICHE Limmagine media è sovrapposta ad un perimetro, corrispondente a quello della calzatura del paziente (dima) Limmagine media è sovrapposta ad un perimetro, corrispondente a quello della calzatura del paziente (dima)

14 IL CALCO PRESSORIO Le pressioni vengono calate in un calco, definito calco pressorio, a depressione variabile definita dalla distanza dei singoli punti rispetto al suolo. Le pressioni vengono calate in un calco, definito calco pressorio, a depressione variabile definita dalla distanza dei singoli punti rispetto al suolo. I punti di minor contatto saranno sostenuti (e viceversa), assicurando uno scarico assolutamente personalizzato I punti di minor contatto saranno sostenuti (e viceversa), assicurando uno scarico assolutamente personalizzato

15 IL CALCO E PERSONALIZZABILE (AUMENTANDO LAREA DI MAGGIOR CONTATTO DI CIRCA 1 MM.) PER UN MAGGIOR CONTROLLO MEDIALE/LATERALE

16 E MODULABILE ANCHE LA STABILIZZAZIONE CALCANEARE

17 LE CORREZIONI POSSONO ESSERE ULTERIORMENTE PERSONALIZZATE INTEGRANDO AREE DELLIMPRONTA MORFOLOGICA SU QUELLA PRESSORIA

18 IN CASO DI ECCESSIVA SUPINAZIONE VIENE ADOTTATA UN CUNEO LATERALE (5 MM.) AVAMPODALICO A CONTROLLO DI EVERSIONI

19 LA REALIZZAZIONE E AFFIDATA AD UNA TECNOLOGIA CAD-CAM

20 PRINCIPI DEL PLANTARE Il plantare Biomeccanico agisce con lo stesso principio che si ottiene quando si cammina sulla sabbia, in quanto porta il suolo al piede. Il plantare Biomeccanico agisce con lo stesso principio che si ottiene quando si cammina sulla sabbia, in quanto porta il suolo al piede. E comunemente indicato per instabilità dellarto inferiore, a seguito di intervento chirurgico o di microtraumi. E comunemente indicato per instabilità dellarto inferiore, a seguito di intervento chirurgico o di microtraumi. Si dimostra utile come trattamento terapeutico di pazienti sottoposti a cure riabilitative (algie lombari, algie dellarto inferiore) Si dimostra utile come trattamento terapeutico di pazienti sottoposti a cure riabilitative (algie lombari, algie dellarto inferiore) Consente un rafforzamento della muscolatura ed impedisce disequilibri podalici Consente un rafforzamento della muscolatura ed impedisce disequilibri podalici In questi casi dovrebbe essere rimosso al termine della terapia fisica In questi casi dovrebbe essere rimosso al termine della terapia fisica

21 Offre una completa stabilizzazione delle teste metarsali, favorendo la postura anatomica fisiologica Offre una completa stabilizzazione delle teste metarsali, favorendo la postura anatomica fisiologica Offre una completa verticalizzazione del retropiede, favorendo il controllo di instabilità sovrasegmentarie Offre una completa verticalizzazione del retropiede, favorendo il controllo di instabilità sovrasegmentarie Il plantare Biomeccanico non è adottabile su piedi con gravi deformità podaliche Il plantare Biomeccanico non è adottabile su piedi con gravi deformità podaliche PLANTARE BIOMECCANICO

22 Recupero della propriocezione con particolare stimolo della muscolatura dellarto inferiore Recupero della propriocezione con particolare stimolo della muscolatura dellarto inferiore Rispetta la morfologia del piede Rispetta la morfologia del piede Stabilizza il carico al suolo Stabilizza il carico al suolo verticalizzando fisiologicamente verticalizzando fisiologicamente il retropiede e distribuendo il retropiede e distribuendo equamente lappoggio plantare equamente lappoggio plantare Moderato sostegno della Moderato sostegno della volta plantare volta plantare

23 PLANTARE BIOMECCANICO PROPRIOCETTIVO Inserimento di elementi a stimolo propriocettivo (controllo antero/posteriore e mediale laterale)

24 Una stimolazione sotto- capitata porta in avanti il centro di pressione Una stimolazione sotto- calcaneare porta in dietro il centro di pressione (Fujiwara 1992) LA STIMOLAZIONE PROPRIOCETTIVA

25 PLANTARE BIOMECCANICO PROPRIOCETTIVO Diminuizione del dolore (VAS) Diminuizione del dolore (VAS) Aumento della capacità deambulatoria (V.W.T.) Aumento della capacità deambulatoria (V.W.T.) Aumento dellEnpowerment del paziente Aumento dellEnpowerment del paziente Può divenire parte integrante del programma individuale riabilitativo Può divenire parte integrante del programma individuale riabilitativo Riduzione dei TEMPI e del NUMERO di sedute di F.K.T. e di R.P.G. (Rieducazione Posturale Globale) Riduzione dei TEMPI e del NUMERO di sedute di F.K.T. e di R.P.G. (Rieducazione Posturale Globale)

26 CONTROLLO DEL PIEDE CALZATO Per il collaudo delle ortesi si adottano indicatori basati su esperienze soggettive, spesso ricorrendo a quesiti rivolti al paziente. Per il collaudo delle ortesi si adottano indicatori basati su esperienze soggettive, spesso ricorrendo a quesiti rivolti al paziente. Risulta importante osservare una rigorosa metodologia per verificare la corretta funzionalità di un presidio. Risulta importante osservare una rigorosa metodologia per verificare la corretta funzionalità di un presidio.

27 PIEDE E CALZATURA Il piede infatti risulta modificato dal semplice indossamento della calzature in maniera più o meno evidente, sia in ortostasi che durante la deambulazione. Il piede infatti risulta modificato dal semplice indossamento della calzature in maniera più o meno evidente, sia in ortostasi che durante la deambulazione.

28 CALZATO E CALZATO CON ORTESI Gli indicatori IBP, rilevabili con lo studio baropodometrico, consentono di constatare leffettiva correzione o riduzione del deficit funzionale evidenziato sia con calzature che con calzature con plantare


Scaricare ppt "IL PLANTARE ORTHOTECH Biomeccanico e Biomeccanico Propriocettivo Realizzato sulla dinamica del passo Dott. Giovanni Martini Resp. U.O. Riabiltazione A.S."

Presentazioni simili


Annunci Google