La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Socializziamo con le Scienze Sociali… Incontriamo lEtologo Un progetto del Laboratorio delle Scienze Sociali in collaborazione con il Prof. Stefano Malavasi,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Socializziamo con le Scienze Sociali… Incontriamo lEtologo Un progetto del Laboratorio delle Scienze Sociali in collaborazione con il Prof. Stefano Malavasi,"— Transcript della presentazione:

1 Socializziamo con le Scienze Sociali… Incontriamo lEtologo Un progetto del Laboratorio delle Scienze Sociali in collaborazione con il Prof. Stefano Malavasi, Università Ca' Foscari - Venezia

2 UNA BREVE PRESENTAZIONE Il progetto Socializziamo con le scienze sociali… si inserisce nellambito delle attività del laboratorio delle Scienze Sociali ed è stato promosso dalla Prof.ssa Maurizia Camurani. Nell'anno scolastico 2005/2006 il primo ciclo di incontri ha riguardato l'Etologia ed è stato realizzato in collaborazione con il Prof. Stefano Malavasi, docente di Etologia presso lUniversità Ca Foscari di Venezia. Questa esperienza è stata rivolta a tutte le classi prime del Liceo allo scopo di iniziare gli alunni allo studio delle discipline delle Scienze Sociali, incontrando direttamente docenti universitari.Gli incontri sono così stati mirati a far conoscere agli alunni particolari aspetti delle Scienze Sociali che contribuiscono a fornire una visione più articolata ed interdisciplinare degli studi che stanno per intraprendere già nel biennio.

3 Perché interessarsi di una disciplina, che spesso viene liquidata come la scienza che studia il comportamento degli animali, che pur gode di una certa popolarità?

4 LETOLOGIA e la sua DIVULGAZIONE chi non conosce gli esperimenti di Tinbergen sui comportamenti istintivi con gli spinarelli e le vespe?

5 Gli studi di Von Frish sulle api per conoscere le loro modalità comunicative?

6 Chi non conosce quelli di Lorenz sullimprinting con le oche, tanto che lepisodio dellochetta Martina tratto da Lanello di Re Salomone viene spesso inserito nelle antologie letterarie della scuola media?

7 LA DIFFUSIONE MASSMEDIATICA Superquark di Piero Angela, con i documentari commentati da Mainardi Riviste Specializzate (Focus, Superquark, Darwin) Quotidiani Corriere della Sera, La Stampa con Tuttoscienze In televisione:Sulla stampa:

8 conoscenza ancorata ad un livello superficiale, che rischia di isolare letologia dal contesto delle discipline scientifiche esplorare letologia in tutti i suoi crismi, creando un terreno fertile su cui intrecciare solide relazioni con le scienze sociali, la psicologia, lantropologia e la sociologia.

9 Proponendo questo progetto ho voluto quindi: far incontrare un ricercatore, attivo in questo caso nellambito della etologia, per illustrare attraverso la sua esperienza i punti nodali di una disciplina delle scienze sociali

10 far riflettere sul fatto che letologia ha aperto nuove prospettive allo studio delluomo, ha prodotto un patrimonio di conoscenze molto interessanti ad esempio su cure parentali, aggressività, comportamenti sociativi e modalità metodologiche come etogramma, osservazione comparata, presupposti per studi in altre discipline

11 riaffermare linterdisciplinarietà che è basilare nel corso di scienze sociali il cui obiettivo è di condurre lo studente ad imparare a muoversi tra le varie discipline lavorando intorno a temi e problemi concreti

12 iniziare a costruire quella mentalità che porta ad avere una visione problematica della condizione umana e a superare la dicotomia tra scienze naturali e scienze sociali

13 sviluppare il tema della complessità, scelto dallassociazione Passaggi, le scienze sociali in classe per il seminario Letologia è senza dubbio scienza della complessità in quanto contribuisce a studiare quelle caratteristiche specie-specifiche che rendono, in questo caso, luomo così diverso dagli altri animali che occupano gradini più bassi della scala evolutiva

14 La comprensione del comportamento umano investe problemi infinitamente più complessi di quelli presenti nello sbarco delluomo sulla luna o nella comprensione della struttura delle molecole complesse. Per risolverli dobbiamo attingere a tutte le fonti a disposizione. Lo studio degli animali è una di queste Robert Hinde

15

16 Le buone pratiche sono state: Visita nella biblioteca di Scienze delleducazione interna al Liceo per avere una documentazione libraria

17 incontri con letologo Nel primo incontro (17 dicembre2005 dalle ore 8,15 alle 10,15) si è introdotto attraverso una presentazione powerpoint ed alcuni filmati di ricerche presso luniversità di Venezia, letologia classica, la storia, gli studi ed i contributi dei padri fondatori - Lorenz. Tinbergen, Von Frish Nel secondo incontro (17 febbraio dalle ore 8,15 alle ore 10,15) sempre attraverso una presentazione powerpoint si è discusso di etologia umana, gli studi di Eibl-Eibesfeldt, il processo di ominazione e di etologia applicata

18 Nel laboratorio multimediale si sono cercate immagini, siti, si sono costruite delle slides

19 In classe si è lavorato sulla base dei materiali raccolti sotto forma di appunti, si è utilizzato il manuale in adozione che dedica una parte alletologia, attività queste collettive, guidate dall insegnante.

20 A livello di piccoli gruppi sono stati distribuiti articoli tratti dallinserto del quotidiano La stampa, sempre di carattere etologico: sono stati letti, riassunti, sono state individuate parole/concetti chiave significativi e riconducibili al vocabolario delletologia che si stava costruendo.

21 Da ultimo si è dato spazio alla lettura diretta di testi classici Lochetta Martinail valore dellesplorazione

22

23 La realizzazione di cartelloni, di una tavola sinottica, la costruzione di una brochure, di un powerpoint hanno segnato la fine dellintero percorso

24 ETOLOGIA ETOLOGIA UMANA ETOLOGIA APPLICATA ETOLOGIA - PSICOLOGIA ETOLOGIA - ANTROPOLOGIA ETOLOGIA - SOCIOLOGIA DefinizioniDefinizioneBiofiliaRiflessiEvoluzioneBranco Etogramma BiodiversitàSegnali infantiliOminazioneGruppo Osservazione etologica Osservazione etologica: cinepresa a specchio BioparcoCure parentaliFilogenesiFamiglia AddomesticamentoInnato/AppresoOntogenesi Osservazione comparata AllevamentoEsplorazione * Cultura EsperimentoBenessere animaleCuriosità ZimbelliDiritti degli animali Imprinting Fase sensibilePeriodo critico Schemi fissi dazione Schemi fissi dattivitàRiflessi Innato/AcquisitoSegnali infantili CoospecificiSpecie nidicola Aggressività Aggressione Strategia r/k Monogamia Poligamia

25 La dicotomia tra Innato e Appreso Invarianza Spontaneità Fissità Specie-specifico Programma genetico Variabilità legata al contesto ambientale Condizionamento Plasticità universale Ambiente Innato Appreso

26 Ominazione Perfezionamento della mano Aumento della neocorteccia e delle dimensioni del cervello Stazione eretta

27 I SEGNALI INFANTILI Lorenz nel 1943 individuò nei giovani di uccelli e di mammiferi caratteristiche corporee che evocano il comportamento parentale Esse sono: testa grossa rispetto al tronco, fronte arcuata e convessa, cranio molto grosso rispetto al viso, occhi grandi, estremità corte e grassocce, forme del corpo arrotondate, guance paffute, rotonde e prominenti, epidermide soffice, vocalizzazioni, andatura goffa ed incerta.

28 La brochure raccoglie: interviste che vennero fatte ai maggiori rappresentanti delletologia poco dopo il riconoscimento ufficiale della stessa nel panorama scientifico. una selezione di letture tratte da testi significativi ed articoli divulgativi.


Scaricare ppt "Socializziamo con le Scienze Sociali… Incontriamo lEtologo Un progetto del Laboratorio delle Scienze Sociali in collaborazione con il Prof. Stefano Malavasi,"

Presentazioni simili


Annunci Google