La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FAMIGLIA Il sistema famiglia è da intendersi come un organismo complesso: in altre parole si potrebbe dire che è molto di più della semplice somma dei.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FAMIGLIA Il sistema famiglia è da intendersi come un organismo complesso: in altre parole si potrebbe dire che è molto di più della semplice somma dei."— Transcript della presentazione:

1

2 FAMIGLIA Il sistema famiglia è da intendersi come un organismo complesso: in altre parole si potrebbe dire che è molto di più della semplice somma dei singoli individui o dei singoli gruppi che lo compongono

3 FAMIGLIA Le azioni attuate da uno dei membri della famiglia determinano in un altro familiare, sempre e ogni volta, una particolare reazione.

4 ladolescente con problematiche di dipendenza patologica è un membro della famiglia che manifesta dei sintomi.

5 Cosa accade in una famiglia in cui il figlio ha una dipendenza patologica? Le famiglie fanno convergere le loro emozioni negative sugli adolescenti che hanno una dipendenza patologica Latteggiamento di negatività dei familiari influenza direttamente il comportamento patologico delladolescente Questo fatto a sua volta aumenta la negatività dei familiari. Queste interazioni bloccano la famiglia

6 Alcuni adolescenti appartengono a famiglie che manifestano problematiche antecedentemente ai problemi di dipendenza patologica (Szapocznik e Coatsworth 1999). Altre famiglie possono aver sviluppato problemi come risposta ai comportamenti problematici delladolescente (Santisteban et al.)

7 Dal momento che i problemi familiari sono una parte sostanziale del profilo delladolescente che ha una dipendenza patologica e sono connessi allesordio ed al mantenimento di tale patologia, è necessario migliorare le condizioni nel contesto (relazioni familiari)

8 Terapia familiare nelle dipendenze La terapia familiare è un intervento indicato per il trattamento di adolescenti con problematiche di dipendenza patologica. NIDA National Institute on Drug Abuse (Therapy manuals for Cocaine Addiction) Consideriamo la famiglia come unità paziente e sofferente (Palazzoli Selvini) perché il sintomo di queste patologie determina una sofferenza in tutti i componenti della famiglia

9 Perché la terapia familiare? Aiuta ciascuno dei componenti della famiglia a condividere la propria sofferenza, da qui la possibilità che emerga una comunicazione più efficace che possa portare a ristabilire un nuovo equilibrio in famiglia.

10 Come in tutte le dipendenze patologiche la dipendenza da internet provoca un forte disagio in tutto il sistema familiare. La vita dei genitori e dei fratelli spesso ruota intorno a colui che manifesta questo sintomo.

11 Terapia familiare Non colpevolizza nè i familiari né il paziente Attiva le risorse del paziente e dei familiari

12 Famiglia come risorsa Alfredo Canevaro: Quando volani i Cormorani La nostra esperienza dimostra che il coinvolgimento dei familiari di un paziente richiedente, se fatto nel modo e nel momento giusto, può abbreviare la lunghezza della terapia ed migliorarne lefficacia

13 Ambulatorio Terapia Familiare Ser.T. Prato Come corpo ognuno è singolo, come anima mai. (Hermann Hesse, Il lupo della steppa) Famiglia Medici.

14 Storia di una famiglia: i Toscani* La famiglia Toscani vive in un piccolo comune vicino a Prato. E' composta da cinque persone: il padre Maurizio, 53 anni, disegnatore tessile; la madre Maria, 50 anni, contabile amministrativa e i tre figli: Libero di 22 anni, Andrea di 17 ed Erica, 15. Il padre si è rivolto al Ser.T chiedendo esplicitamente e con decisione la possibilità che il figlio secondogenito Andrea, studente del terzo anno di un istituto tecnico, venisse curato per una dipendenza da internet. * Il cognome ed i nomi propri dei pazienti sono naturalmente fittizi per la tutela della loro privacy.

15 Nostro figlio Andrea è malato: va male a scuola (ha quasi 18 anni e sta ripetendo per la seconda volta la 3°a classe) e nonostante questo non si impegna, perché sta tutto il giorno al PC, dal primo pomeriggio a notte inoltrata.

16 - il padre era disoccupato ormai da diversi anni e riferiva di essere depresso ed ansioso; inoltre, era molto preoccupato per il figlio Andrea perchè non studiava né lavorava e trascurava la sua persona per stare sempre di fronte al PC; - la madre vedeva il suo posto di lavoro a rischio ed anche lei si mostrava molto preoccupata per Andrea e per la generale immaturità dei suoi figli; - il figlio maggiore Libero, iscritto al II anno di università era andato fuori corso e non riusciva a riprendere gli esami; - la piccola Erica, anche lei studentessa, non brillava per impegno scolastico ed il suo rendimento non era soddisfacente. Dalle sedute iniziali emerse che:

17 Presentavano difficoltà da parte dei genitori rispetto a quelle che noi psicoterapeuti definiamo competenze genitoriali. Di fatto, accadeva che: - i genitori accompagnavano i figli in tutte le attività che richiedevano responsabilità proprie di un figlio: andare a scuola, prendere il treno per luniversità, il dentista, ecc. - i figli si muovevano in modo autonomo per le attività ricreative. - Tutti e tre i figli erano di fatto completamente esonerati da qualsiasi compito domestico dalla madre che, a discapito di continue recriminazioni, provvedeva comunque autonomamente.

18 Rapporti familiari: Tempi minimi per spazi condivisi di confronto e partecipazione alla vita familiare: ciascun membro della famiglia consumava in fretta e spesso individualmente il proprio pasto per poter riprendere l'attività precedente. Maurizio basava la sua modalità di comunicazione con i figli su rimproveri e squalifiche; Maria mostrava insofferenza verso il marito e una notevole preoccupazione generale; Libero si arrogava compiti genitoriali di controllo, divieto e rimprovero dei fratelli minori, dove venivano a mancare papà e mamma; Andrea manifestava, dietro chiusura e diniego, rabbia ma anche malcelata preoccupazione per la situazione lavorativa paterna; Erica era estremamente permalosa e mostrava comportamenti molto infantili per la sua età.

19 Sulla dipendenza da Internet Gaming di Andrea: Risultava un comportamento molto intenso di IG, ma non emergevano i correlati della dipendenza: egli poteva tranquillamente evitarne luso in favore di attività che lo interessavano maggiormente. Per contro, emergeva inoltre il peculiare rapporto dei Toscani con i computer e la tecnologia: tutti possedevano un proprio pc ed ogni piano e stanza della casa era sotto copertura wifi, grazie all'impianto appositamente disposto dal babbo. Maurizio consultava Internet alla ricerca di informazioni di qualunque tipo; Maria amava passare i suoi momenti di relax giocando a Farmville; Libero era spesso assorto nella visione di film e serie TV; Erica si svagava giocando con console e pc (off-line).

20 Diagnosi sistemica: Non una dipendenza da internet di A, ma un'intera famiglia bloccata sulla crescita dei figli, in un momento delicato in cui si devono cambiare le regole della famiglia in funzione dei cambiamenti delletà dei suoi membri.

21 Maurizio e Maria avevano dovuto lottare duro per stare insieme e difendere il loro rapporto dall'avversione e dagli attacchi della famiglia di origine di Maurizio. All'inizio della loro storia insieme, Maria aveva sopportato aspre critiche ed angherie per stare con l'uomo che lei voleva e che aveva, a sua volta, rinunciato per lei al remunerativo ed appagante incarico da dirigente nell'azienda di famiglia, scegliendo coraggiosamente un salto nel vuoto per amore. Ma la famiglia Toscani possedeva anche risorse insospettabili e punti di forza dimenticati. Primo fra tutti il grande bene che li aveva comunque tenuti insieme a dispetto di tutto e forse anche salvati da un destino di solitudine.

22 Effetti della TF Nelle sedute successive, abbiamo condotto tutti i componenti della famiglia Toscani a prendere consapevolezza di come i loro rapporti, ormai bloccati, non permettevano loro di progredire nella crescita della famiglia.

23 Conclusioni: Andrea (PD)......ha protratto per un po' quel comportamento ambivalente verso le tecnologie che tanto preoccupava i genitori. È bocciato, ma perché la sua situazione scolastica era irrecuperabile. Si è iscritto ad un corso di grafico pubblicitario, un lavoro obiettivamente più attinente ai suoi gusti e alle sue capacità. Quindi, sta ancora molto al PC, ma anche per studio e non manifesta nessun tipo di problema a fare altro nel fine settimana o in ferie, lasciando a casa il suo portatile.

24 Libero ed Erica......Libero è meno presente in casa, avendo aumentato la frequenza universitaria e uscendo sempre più spesso con la fidanzata... alleggerito finalmente da indebiti doveri di sostituto genitore. Erica, che rischiava anch'essa la bocciatura, ha invece superato i corsi di recupero ed accederà alla classe successiva. Adesso esce di più con gli amici.

25 Maurizio e Maria... … Maurizio, pur non avendo dichiarato del tutto accantonata la sua... ipotesi diagnostica di dipendenza da Internet del figlio, ha dovuto ammettere ai suoi familiari, ai terapeuti e, cosa più importante a sé stesso, che tutta la sua rabbia e le sue ansie non dipendono interamente dal tempo presente, dalle vicende di Andrea e dei fratelli ed ha accettato che, probabilmente, ha bisogno di un supporto psicoterapeutico individuale. Maria si è sentita finalmente libera di dichiarare la propria stanchezza all'interno del rapporto coniugale e di aver sempre protetto il marito esonerandolo dalla gestione della famiglia, perchè potesse tranquillamente occuparsi di far tornare i suoi conti con la propria famiglia d'origine. E di rivendicare adesso qualcosa di diverso per sé stessa...

26 Questo caso NON è un caso di dipendenza da Internet. Vuole essere semplicemente stimolo ed occasione per evidenziare quanto difficile può essere, a volte, riuscire a leggere tra le righe della domanda, affinché l'opportuna risposta terapeutica possa essere sufficientemente tempestiva, congrua e realmente efficace per il miglioramento del benessere delle persone della cui salute ci facciamo carico, almeno per un periodo della loro vita. Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nellavere nuovi occhi. (Marcel Proust)

27 Ambulatorio terapia familiare Ser.T. Prato La necessità di incontrare le famiglie dei pazienti con dipendenza patologica nellambito di un setting specifico e con obiettivi chiari ha fatto si che 16/06/2011 prendesse lavvio lambulatorio di terapia familiare.

28 Terapia familiare casistica dal giugno 2011 al giugno 2013 Legenda Setting: F= Terapia familiare C= Terapia di coppia

29 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "FAMIGLIA Il sistema famiglia è da intendersi come un organismo complesso: in altre parole si potrebbe dire che è molto di più della semplice somma dei."

Presentazioni simili


Annunci Google