La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

06 06 FEBBRAIO 2009 SAN MARTINO SULLA MARRUCINA Evento di lancio: Credere nel territorio! Presentazione di Angelo Radica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "06 06 FEBBRAIO 2009 SAN MARTINO SULLA MARRUCINA Evento di lancio: Credere nel territorio! Presentazione di Angelo Radica."— Transcript della presentazione:

1 06 06 FEBBRAIO 2009 SAN MARTINO SULLA MARRUCINA Evento di lancio: Credere nel territorio! Presentazione di Angelo Radica

2 LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 1)INCENTIVI ALLE ATTIVITA AGRICOLE E DIVERSIFICAZIONE - PSR ABRUZZO 2007 – ASSE 3 - ASSE 1 - ASSE 2 2)NUOVO PROGETTO STRATEGICO NEL SETTORE COMMERCIO – LEGGE 266/1997 2)INCENTIVI NEL SETTORE TURISTICO – L. R. 77/2000 4)FORMAZIONE RISORSE UMANE E VALORIZZAZIONE PRODOTTI TIPICI – POR FESR E FSE

3 ASSE 3 PSR OBIETTIVI SPECIFICI: 1 Miglioramento dellattrattività dei territori rurali per le imprese e la popolazione; 2 Mantenimento e/o creazione di nuove opportunità occupazionali in aree rurali SETTORI DINTERVENTO SVILUPPO RURALE

4 AZIONI SPECIFICHE MISURA 3.1.1: DIVERSIFICAZIONE IN ATTIVITA NON AGRICOLE DESCRIZIONE DELLA MISURA 1 Investimenti in azienda agricola dedicata allattività agrituristica, comprendenti: lammodernamento, la manutenzione straordinaria, la ristrutturazione e il restauro di fabbricati già a servizio dellazienda agricola al fine di realizzare ed allestire con arredi: alloggi agrituristici, punti di ristoro agrituristico; piazzole di sosta per caravan e camper; abbattimento delle barriere architettoniche; sistemazione di spazi esterni allazienda agrituristica (parcheggi autovetture, giardini, illuminazione, sistemazione viabilità aziendale) al fine di facilitare la fruizione da parte degli ospiti alloggiati; laboratori polifunzionali, dispense, locali per la degustazione dei prodotti aziendali offerti ai visitatori; sviluppo di attività didattiche, culturali, sportive, ricreative, di artigianato rurale non agricolo, escursionistiche, di ippoturismo, svolte nel mondo rurale a favore di utenti diversamente abili, bambini in età prescolare ed anziani

5 2. Investimenti per la realizzazione di attività sociali in campo agricolo, di servizi di piccolo commercio, artigianato locale e di servizi turistico-ricreativi, attraverso: a) Investimenti per la ristrutturazione di fabbricati esistenti da destinare: alla piccola attività ricettiva (alloggio e ristorazione, B&B); ad attività didattiche a favore di utenti diversamente abili, bambini in età prescolare ed anziani o ad attività di assistenza ed animazione sociale a favore di utenti diversamente abili, bambini in età prescolare ed anziani realizzate nellambito dellazienda agricola; Sono ammesse le spese per lacquisizione e lesecuzione degli interventi di ristrutturazione dellimmobile e per la dotazione funzionale dello stesso (attrezzature ed arredi) compreso lacquisto di attrezzature informatiche (hardware e software). b) Investimenti per la ristrutturazione di fabbricati rurali esistenti nonché acquisto di attrezzature ed arredi (comprese attrezzature informatiche, hardware e software) da destinare ad attività artigianali non agricole, con esclusivo riferimento a quelle proprie delle aree rurali abruzzesi e della cultura e tradizione contadina (lavorazione del legno,del ferro, del ricamo, dei filati etc.), ivi compresa la realizzazione di punti vendita dei prodotti.

6 3. Energia da fonti alternative - Interventi per la realizzazione di impianti per la produzione, utilizzazione e vendita di energia e/o calore, destinata a scopi ed utilizzazioni sociali, compresi gli investimenti per lallaccio alle reti di distribuzione, quali: centrali termiche con caldaie alimentate prevalentemente a cippato o a pellets e di potenza massima di 1 MW; microimpianti per la produzione di biogas dai quali ricavare energia termica e/o elettrica (compresa cogenerazione) e con potenza massima di 50 KW elettrici; microimpianti per la produzione di energia eolica di potenza massima di 30 KW; microimpianti per la produzione di energia solare di potenza massima di 30 KW; microimpianti per la produzione di energia idrica (piccoli salti) di potenza massima di 30 KW; BENEFICIARI Membro della famiglia agricola, nella forma di impresa individuale o società agricola, nonché nella forma di cooperativa agricola.

7 LOCALIZZAZIONE La misura sarà applicata prioritariamente nelle macroaree C e D, ad esclusione della macroarea A. Per gli investimenti di aziende agricole ubicate nelle macroaree C e D è previsto il massimo dellintensità dellaiuto, mentre nelle restanti aree si applica una intensità dellaiuto inferiore, limitatamente a criticità accertate strutturali o sociali a livello dellazienda beneficiaria.

8 MISURA 3.1.2: SOSTEGNO ALLA CREAZIONE E SVILUPPO DI MICRO-IMPRESE DESCRIZIONE DELLA MISURA La misura è articolata nelle seguenti azioni, che possono essere attivate anche singolarmente: 1.Sviluppo delle attività artigianali tradizionali: tale azione sostiene i processi di sviluppo delle microimprese artigiane esistenti e la creazione di nuove microimprese del settore, con particolare riferimento a quelle direttamente collegate alla produzione primaria agricola e forestale. A tal fine sono considerate ammissibili le seguenti tipologie di spesa: a) Acquisizione immobilizzazioni materiali: Macchinari, strumenti e attrezzature; opere murarie, arredi ed impianti, necessarie al funzionamento dei beni se funzionalmente correlate agli investimenti sopraindicati; ristrutturazione/ adeguamento di immobili (con il limite del 30% dellinvestimento complessivo ammissibile).

9 b) Acquisto immobilizzazioni immateriali comprese consulenze tecniche: - brevetti e licenze (incluso software); - know-how o conoscenze tecniche non brevettate. 2. Sviluppo delle attività commerciali: Tale Azione persegue lobiettivo di integrazione del sistema economico rurale con strutture commerciali di microimprese, nonché attraverso la creazione di nuove microimprese e/o lo sviluppo e/o laggregazione stabile e/o la qualificazione di quelle esistenti. Lazione opera con agevolazioni agli investimenti materiali ed immateriali effettuati dallimpresa, con particolare riferimento a quelle direttamente collegate alla produzione primaria agricola e forestale. A tal fine sono ammesse a finanziamento le seguenti tipologie di spesa: a)Adeguamento/restauro/recupero dimmobili (opere murarie, arredi ed impianti), con il limite del 30% dellinvestimento complessivo ammissibile;

10 b) Acquisto di macchinari, impianti, attrezzature varie ed arredi, ivi compresi quelli necessari allattività amministrativa dellimpresa, mezzi mobili funzionali allo svolgimento dellattività ammissibile, e utilizzati a servizio dellunità locale interessata dal progetto da agevolare, spese per la realizzazione di impianti per la sicurezza; c) Acquisto di software, tecnologie, servizi e consulenze necessarie alla realizzazione del progetto di investimento ed alla riqualificazione del sistema distributivo tra cui progettazioni dei fabbricati e degli impianti, sia generali sia specifici, direzione dei lavori, studi di fattibilità e di valutazione di impatto ambientale, collaudi di legge, prestazioni di terzi per lottenimento delle certificazioni di qualità e ambientali secondo standard e metodologie internazionalmente riconosciuti; d) Adeguamento e miglioramento delle strutture ed attrezzature allo scopo di uniformarsi ai requisiti richiesti in materia di normativa igienico – sanitaria, accesso ai portatori di handicap, sicurezza nei luoghi di lavoro, antisismica,protezione dellambiente;

11 BENEFICIARI Microimprese, come definite ai sensi della Raccomandazione della Commissione 2003/361/CE del , - imprese che occupano meno di 10 persone e realizzano un fatturato annuo o un totale di bilancio non superiore a 2 milioni di euro - anche di nuova costituzione, operanti nei seguenti settori Imprese artigiane; Imprese commerciali. ENTITA E INTENSITA DELLAIUTO Il sostegno è concesso in forma di contributo a fondo perduto fino al 50% del costo totale ammissibile. Il presente sostegno è concesso alle condizioni previste dalla normativa de minimis.

12 LOCALIZZAZIONE La misura sarà attivata nelle Macroaree C e D del territorio regionale. MISURA 3.1.3: INCENTIVAZIONE ALLE ATTIVITA TURISTICHE DESCRIZIONE DELLA MISURA Il sostegno è concesso per le seguenti tipologie di investimenti: a) Realizzazione di strutture su piccola scala, per la valorizzazione e la fruizione degli itinerari turistici ed enogastronomici:

13 chioschi informativi sui percorsi, sulle tradizioni (non sono ammesse promozioni di prodotti aziendali); realizzazione della segnaletica con riferimenti territoriali (non aziendali), di sentieristica attrezzata e di punti sosta; realizzazione ed arredo di locali per la conoscenza e la degustazione di prodotti tipici locali b) infrastrutture ricreative che permettono laccesso ad aree naturali, con servizi di piccola ricettività: interventi di recupero di manufatti di proprietà pubblica e privata, da destinare ad attività di supporto alla fruizione ed alla piccola ricettività; c) supporto alla promozione e alla commercializzazione di pacchetti e servizi turistici inerenti il turismo rurale attraverso i nuovi strumenti della ICT: supporti informatici e multimediali (acquisizione hardware e software); costituzione di reti immateriali funzionali ai servizi turistici territoriali o di altri servizi di diversificazione dellazienda agricola ed in particolare sviluppo di reti di transazione commerciale con esclusione dei costi di gestione.

14 reti internet per illustrazione itinerari turistici agricoli, agro- gastronomici tipici, prodotti tipici, agriturismi, manifestazioni agricole, eventuale installazione di totem informatici nelle azienda agricole che partecipano alliniziativa. BENEFICIARI - Associazioni agrituristiche operanti nel territorio della Regione Abruzzo; - Enti pubblici e Privati proprietari dei manufatti da recuperare (Linea di azione A); - Organismi di gestione di: strade del vino, dei sapori, etc.; - Comuni, Associazioni di Comuni, Comunità montane. ENTITA E INTENSITA DELLAIUTO Gli aiuti erogati ai sensi della presente misura sono concessi nellambito della vigente disciplina degli aiuti de minimis. Laiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale: - per i Soggetti privati, fino al 60% della spesa ammessa; - per i Soggetti pubblici, fino all80% della spesa ammessa.

15 MISURA 3.2.1: SERVIZI ESSENZIALI PER LECONOMIA E LA POPOLAZIONE RURALE DESCRIZIONE DELLA MISURA Il sostegno è concesso per lavviamento di servizi essenziali per leconomia e le popolazioni residenti nelle zone rurali abruzzesi, con riferimento ad uno o più villaggi/borghi rurali, mediante il finanziamento di strutture ed attrezzature per il loro esercizio. Per villaggi/borghi rurali, si intendono comuni e/o frazioni di piccole dimensioni, con un numero di abitanti non superiori a 1000, rientranti nella classificazione di comuni rurali in base alla densità di popolazione inferiore a 100 abitanti /Kmq, dove esistono sistemi sociali organizzati.Le dotazioni strutturali devono riguardare prioritariamente i servizi primari, quali ad esempio lassistenza socio- sanitaria domiciliare integrata, con particolare attenzione agli anziani ed ai portatori di handicap e lassistenza ai giovani per laccesso e la fruizione dei servizi scolastici e formativi.

16 Le categorie di servizio a cui fanno riferimento le tipologie per investimenti e avvio finanziabili dalla misura comprendono: A. Integrazione dei trasporti locali (limitatamente allacquisto dei mezzi di trasporto); B. Creazione di piccole reti di telecomunicazioni (ICT); C. Servizi di accoglienza per anziani (centri di aggregazione multifunzionali e territoriali) e per linfanzia (asili nido): riadattazione e rifunzionalizzazione di immobili esistenti, realizzazione di strutture e acquisto attrezzature per lo sport ed il tempo libero, ludoteche, biblioteche, etc.; D. Servizi per il riscaldamento di edifici pubblici e privati, limitatamente alla realizzazione di piccole reti di teleriscaldamento o di semplice distribuzione del calore a più fabbricati in connessione alla realizzazione delle centrali termiche sotto descritte mediante la realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili: realizzazione di centrali termiche con caldaie alimentate a cippato o a pellets (di potenza inferiore ad 1MW);

17 E. Servizi per il vettoriamento di energia elettrica, prodotta da aziende agro- forestali mediante impianti di trasformazione di fonti rinnovabili: realizzazione di cabine e connessione elettriche per lallaccio alla rete di distribuzione territoriale esistente; F. Interventi volti a migliorare le piccole reti acquedottistiche locali nelle aree rurali per usi civili (sono esclusi gli interventi per uso irriguo e zootecnico), comprendenti: Formazione di piccoli invasi di accumulo in terra di capacità non superiore a 500 metri cubi; Realizzazione di piccoli serbatoi destinati ad utenze rurali; Collegamento tra reti acquedottistiche esistenti per un utilizzo integrato e compensativo fra più centri; Ampliamento, adeguamento e risanamento delle reti di distribuzione alle utenze, con particolare attenzione alla limitazione delle perdite e al miglioramento della qualità, nonché eventuali interventi per il trattamento delle acque per i nuovi impianti.

18 BENEFICIARI Comuni (singoli o associati). ENTITA E INTENSITA DELLAIUTO Gli aiuti erogati ai sensi della presente misura sono concessi nellambito della vigente disciplina degli aiuti de minimis. Laiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale, fino al 100% della spesa ammessa. LOCALIZZAZIONE Il campo di applicazione sarà definito sulla base delle aree regionali interessate dallazione dei Gruppi di Azione Locale attivati nellambito delle strategie di intervento per lo sviluppo locale (piani di azione locale) previste dallAsse 4 del presente programma.

19 MISURA 3.2.2: RIQUALIFICAZIONE E SVILUPPO DEI VILLAGGI A. Recupero di edifici rurali tipici da adibirsi ad attività collettive e di servizio tramite risanamento conservativo, sistemazione e adeguamento di: fabbricati rurali ai fini della creazione di siti di sosta, di degustazione dei prodotti locali, di illustrazione del territorio lungo percorsi di interesse turistico, agrituristico ed eno-gastronomico e dellillustrazione di procedimenti tradizionali di lavorazione dei prodotti agricoli e artigianali locali; fabbricati rurali o di interesse storico o culturale o ambientale ai fini della valorizzazione dei prodotti tipici o locali e delle attività connesse e per la creazione di siti di valorizzazione turistica e culturale. B. Predisposizione in edifici rurali tipici dei servizi mancanti. C. Recupero di piccole strutture rurali a uso collettivo. BENEFICIARI -Province, Comuni, Consorzi di Comuni, Comunità Montane, proprietari degli immobili oggetto di intervento; -Proprietari di fabbricati singoli o associati nelle forme previste dal Codice Civile.

20 ENTITA E INTENSITA DELLAIUTO Gli aiuti erogati ai sensi della presente misura sono concessi nellambito della vigente disciplina degli aiuti de minimis. Laiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale fino al 50% della spesa ammessa per interventi a titolarità privata e fino al 70% della spesa ammessa per interventi a titolarità pubblica. LOCALIZZAZIONE La misura viene applicata limitatamente alle macro-aree di intervento C (Collina interna) e D (Aree montane), B1 (Collina Litoranea) in quanto la situazione orografica induce a tutelare tali zone, che hanno una presenza urbana e storica formata da piccoli borghi e villaggi rurali che caratterizzano il paesaggio; priorità degli interventi localizzati nelle macroaree C e D.

21 MISURA 3.2.3: TUTELA E RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO RURALE DESCRIZIONE DELLA MISURA La Misura prevede due distinte tipologie di azione: Azione A – Azione B Azione B) Interventi di riqualificazione di edifici e beni di pregio storico- architettonico, di proprietà pubblica, legati alle tradizioni ed alla cultura delle zone rurali, finalizzati esclusivamente alla realizzazione di spazi funzionali alla diffusione delle conoscenze del territorio, della sua storia e cultura e delle sue produzioni tipiche.

22 BENEFICIARI Azione B): Comuni, Province. ENTITA E INTENSITA DELLAIUTO Contributo fino al 100% dei costi sostenuti e ammissibili. LOCALIZZAZIONE Per lAzione B, Macroaree C e D del territorio regionale

23 OBIETTIVI SPECIFICI Promozione dellammodernamento e dellinnovazione nelle imprese e dellintegrazione lungo le filiere; Consolidamento e sviluppo della qualità della produzione agricola e forestale; Miglioramento capacità imprenditoriale e professionale degli addetti al settore agricolo e forestale e sostegno al ricambio generazionale. SETTORI DINTERVENTO FORMAZIONE E QUALITA DELLE PRODUZIONI AGRICOLE ASSE 1 PSR

24 MISURA 111: AZIONI NEL CAMPO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELLINFORMAZIONE BENEFICIARI: Possono accedere ai benefici della presente misura, gratuitamente, gli imprenditori agricoli, singoli o associati, coadiuvanti e dipendenti di aziende agricole, con priorità per i giovani che intendono insediarsi per la prima volta in una azienda agricola e forestale e per i richiedenti lattestato di imprenditore agricolo professionale (IAP). AREE TEMATICHE FORMATIVE SPECIFICHE: -Sviluppo delle competenze imprenditoriali (gestione strategica, marketing, innovazione tecnologica, ICT); -Uso sostenibile delle risorse agro-forestali delle risorse naturali e rispetto delle norme in materia ambientale e di sicurezza alimentare; -Sviluppo relazioni di filiera nei settori agricolo, alimentare e forestale.

25 TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ FORMATIVE DA REALIZZARE: Sviluppo di servizi di formazione con durata di 150 ore per i giovani imprenditori e 40/50 ore per gli altri corsi. Sono previste lezioni in aula e visite guidate presso aziende agricole. Per ogni attività formativa devono essere indicati, per il controllo di conformità al presente bando: a) descrizione dettagliata del servizio, b) eventuali prodotti, c) la durata, d) il personale impiegato, e) la localizzazione, f) il costo del servizio. Il sostegno per la realizzazione di interventi formativi prevede delle spese riconosciute suddivise in quattro categorie, rispettando per ogni categoria la % ad essa attribuita con uno scostamento massimo del 20% nellambito della categoria e 10% tra le categorie: A - spese insegnati 50%; B - spese allievi 15%; C - spese di funzionamento e gestione 15%; D - altre spese 20%;

26 SOGGETTI ABILITATI ALLEROGAZIONE DELLA FORMAZIONE: Le attività formative devono essere proposte e realizzate in modo esclusivo da Enti di formazione professionale riconosciuti ed accreditati dalla Regione Abruzzo che dimostrino di aver svolto attività di formazione per i settori agricolo e/o forestale negli ultimi 3 anni.

27 MISURA 1.2.1: INTERVENTI DI AMMODERNAMENTO NELLE AZIENDE AGRICOLE La misura riguarda le attività di produzione, lavorazione, trasformazione, conservazione e commercializzazione dei seguenti prodotti agricoli: Animali vivi, carni, e altri prodotti primari di origine animale;Latte e prodotti lattiero caseari; Legumi; Cereali e prodotti trasformati;Uve e vino; Olive e olio doliva; Semi oleosi; Ortofrutticoli e patate; Colture industriali (comprese quelle per la produzione di biomassa);Piante officinali e aromatiche; Miele e altri prodotti dellapicoltura; Florovivaismo;Piccoli frutti e funghi;Tabacco. BENEFICIARI: Giovani agricoltori titolari di partita IVA e iscritti al Registro delle Imprese della Camera di Commercio (sezione speciale imprenditori agricolio sezione coltivatori diretti); Società e cooperative agricole di conduzione purché il legale rappresentante della società abbia i requisiti soggettivi del giovane agricoltore ed il capitale sociale sia posseduto per almeno il 50% da giovani imprenditori agricoli titolari di partita IVA, iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio;

28 Imprenditori agricoli titolari di partita I.V.A., iscritti al Registro delle Imprese della Camera di Commercio (sezione speciale imprenditori agricoli o sezione coltivatori diretti), in possesso della qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (I.A.P.) oppure siano imprenditori agricoli ai sensi dellarticolo 2135 del Codice Civile; Società di persone o di capitale e cooperative agricole di conduzione. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA: Le imprese agricole singole e/o associate devono: effettuare investimenti sul territorio regionale; presentare un piano di investimenti coerente con gli obiettivi del bando; soddisfare il requisito del miglioramento del rendimento globale dellazienda; impegnarsi alla conduzione dellazienda oggetto dellintervento per un periodo pari almeno al vincolo degli investimenti; impegnarsi a non distogliere dal previsto impiego per almeno 5 anni gli investimenti relativi a impianti, macchine, macchinari e attrezzature e 10 anni per gli investimenti strutturali;

29 INVESTIMENTI AMMISSIBILI: Sono considerati ammissibili gli investimenti che migliorano il rendimento globale nellazienda agricola e che siano conformi alle norme comunitarie applicabili allinvestimento interessato. Gli investimenti possono riguardare: la produzione agricola; le attività complementari svolte dallazienda agricola per la raccolta, la lavorazione, la trasformazione, la conservazione e la commercializzazione di prodotti agricoli di provenienza aziendale per almeno due terzi; la produzione, derivante dallutilizzo di prodotti o processi aziendali (per non meno i 2/3 del fabbisogno) e da fonti rinnovabili, di energia termica o elettrica destinata interamente allutilizzo allinterno dei cicli produttivi agricoli aziendali compreso i fabbricati ad uso abitativo; investimenti materiali di tipo immobiliare e mobiliare (costruzione e ristrutturazione di immobili); acquisto di impianti, macchine, macchinari e attrezzature; spese per investimenti immateriali connessi agli investimenti precedenti; Interventi realizzati in economia direttamente dallimprenditore

30 DISPONIBILITA FINANZIARIE: La misura si suddivide in 2 fasce di spesa, A e B, che danno luogo a 2 distinte graduatorie per tutte le filiere produttive. Fascia di Spesa A: limite minimo euro; massimale ammissibile: Fascia di Spesa B: limite minimo euro, senza limite massimo di spesa. Le risorse previste ammontano a di euro di spesa pubblica, destinate per l80% alla fascia A e per il 20% alla fascia B.Laiuto è erogato sotto forma di contributo in conto capitale sulla spesa ammissibile. Lintensità del contributo pubblico è definita in base alla natura del soggetto proponente (giovani agricoltori al primo insediamento e altri imprenditori agricoli) ed allubicazione aziendale.

31 MISURA 1.2.4: COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEI SETTORI AGRICOLO, ALIMENTARE E FORESTALE DESCRIZIONE DELLA MISURA La Misura concede un sostegno per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nel settore agricolo, alimentare e forestale, da realizzarsi attraverso la definizione e lattuazione di accordi di collaborazione tra differenti soggetti e segmenti delle filiere produttive, contrattualmente definiti. LOCALIZZAZIONE La Misura si applica su tutto il territorio regionale. BENEFICIARI Laiuto viene accordato a soggetti costituiti sotto forma associativa riconosciuta secondo la normativa vigente e che comprendono almeno produttori agricoli e trasformatori dei prodotti e soggetti portatori dei risultati della ricerca. Coerentemente con la strategia di riferimento, la fase agricola, sarà rappresentata prioritariamente da soggetti giuridici di natura associazionistica.

32 SETTORI Vitivinicolo, olio doliva, ortofrutta fresca compresala patata, ortofrutta trasformata compresa la patata, forestazione produttiva, foraggere, carni (bovine, ovicaprine, suine, avicole), lattiero caseario e derivati, cereali, oleoproteaginose, florovivaismo, sementi, cunicoli, equidi, miele e altri prodotti apistici, uova, con priorità per le oleoproteaginose, i prodotti ortofruttutticoli, i prodotti funzionali e le piante officinali. ENTITA E INTENSITA DELLAIUTO Contributo in conto capitale calcolato su una spesa massima ammissibile. I progetti che fruiscono dell'aiuto ai sensi della presente Misura debbono avere una dimensione minima di spesa ammissibile di ed un importo massimo di spesa ammissibile di ,00.

33 MISURA 1.3.2: PARTECIPAZIONE DEGLI AGRICOLTORI AI SISTEMI DI QUALITA ALIMENTARE DESCRIZIONE DELLINTERVENTO La misura prevede lerogazione di un incentivo annuo il cui importo è determinato in funzione dellammontare dei costi fissi che sono legati alla partecipazione ai sistemi di qualità. Per costi fissi si intendono i costi sostenuti per laccesso al sistema di qualità alimentare e che riguardano il contributo annuale di partecipazione allo stesso, ivi incluse le spese sostenute per i controlli richiesti per verificare lottemperanza con le specifiche del sistema. Il sostegno è concesso solo per prodotti agricoli destinati al consumo umano e soltanto se il prodotto sia stato ufficialmente riconosciuto. LOCALIZZAZIONE La Misura è attivata su tutto il territorio regionale.

34 BENEFICIARI: Imprenditori agricoli singoli o associati (con una priorità per questi ultimi) che partecipano ai sistemi di qualità considerati dalla Misura. ENTITA E INTENSITA DELLAIUTO: L'aiuto è concesso fino ad un massimo di 3.000,00 Euro all'anno per azienda per un periodo massimo di 5 anni. L'aiuto non può superare il 70% dei costi fissi effettivamente sostenuti e ritenuto ammissibili per la partecipazione al sistema di qualità.

35 ASSE 2 PSR OBIETTIVI SPECIFICI: 1.Conservazione della biodiversità e tutela e diffusione dei sistemi agro-forestali ad alto valore naturalistico; 2.Tutela qualitativa e quantitativa delle risorse idriche superficiali e profonde; 3.Tutela del territorio. SETTORI DINTERVENTO UTILIZZO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO. Le misure da prendere in considerazione: MISURA 2.2.1: IMBOSCHIMENTO DI TERRENI AGRICOLI; MISURA 2.2.3: IMBOSCHIMENTO DI SUPERFICI NON AGRICOLE

36 PROGETTO STRATEGICO NEL SETTORE DEL COMMERCIO Il Progetto strategico nel settore del commercio, per il triennio ,in attuazione della Legge n. 266/97, si articola in due linee di azione: 1. Valorizzazione dell'offerta commerciale nei contesti "fragili: Tale azione mira al mantenimento e alla rivitalizzazione del tessuto commerciale in aree deboli, attraverso il finanziamento delle piccole imprese commerciali e dei Centri di assistenza tecnica, a fronte di investimenti che prevedano le seguenti spese ammissibili: progettazioni e direzione lavori; opere di riqualificazione e di ammodernamento dei singoli punti vendita, finalizzati anche al risparmio energetico; attivazione di esercizi polifunzionali; azioni di marketing e promozionali; costi di integrazione e coordinamento per l'attuazione del progetto. Il contributo a fondo perduto sarà concesso nella misura minima del 20% delle spese ammissibili e massima del 50%, fino ad un massimo di euro per le singole imprese e di euro per gli organismi associativi.

37 2. Valorizzazione commerciale di centri storici, aree urbane centrali e zone a forte vocazione commerciale: L'azione prevede il finanziamento di progetti promossi da Amministrazioni comunali ed imprese commerciali associate, che prevedano i seguenti interventi: gestione di servizi comuni; azioni di marketing e promozione; opere di riqualificazione e di ammodernamento dei singoli punti vendita, anche attraverso l'introduzione di innovazioni di processo, di prodotto ed organizzativa; azioni coordinate ai fini dell'adeguamento dell'offerta commerciale e del miglioramento del servizio al consumatore; progettazioni e direzione lavori; costi di integrazione e coordinamento per l'attuazione del progetto; miglioramento dell'arredo urbano e dell'illuminazione pubblica; recupero di piazze e spazi pubblici da destinare ad aree mercatali per l'attività di commercio su aree pubbliche; recupero di edifici già di proprietà comunale da destinare in tutto o in parte ad attività commerciali; interventi sulla mobilità e accessibilità, nella regolamentazione della soste, sul trasporto pubblico, abbattimento barriere architettoniche, purché strettamente funzionali all'area e al miglioramento delle sue performance. Per le imprese ed i C.A.T., il contributo - in regime "de minimis" - sarà concesso nella misura minima del 20% delle spese ammissibili e massima del 50%, fino ad un massimo di euro; per gli Enti pubblici il contributo è concesso nella misura massima del 20% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di euro.

38 INCENTIVI NEL SETTORE TURISTICO LEGGE DI RIFERIMENTO L.R. 77/2000 La presente legge è finalizzata ad ammodernare e qualificare il patrimonio turistico- ricettivo esistente nella Regione, a realizzare nuove strutture ricettive alberghiere, extralberghiere e all'aria aperta e a potenziare l'offerta turistico- balneare. Soggetti beneficiari sono: le imprese turistiche (compresi gli operatori agrituristici) e gli Enti no profit che svolgono attività di gestione delle strutture ricettive ed annessi servizi turistici; le altre imprese che gestiscono stabilimenti balneari, impianti termali e altre attività a supporto del turismo e del tempo libero (ristoranti, discoteche, impianti sportivo-ricreativi, ecc.). Al momento della presentazione della domanda le imprese devono essere già iscritte al registro delle imprese ovvero impegnarsi ad iscriversi entro la rendicontazione a consuntivo delle spese. Il soggetto richiedente deve dimostrare la piena disponibilità del suolo o dellimmobile oggetto di intervento.

39 PROGETTI AMMISSIBILI: REALIZZAZIONE DI NUOVA RICETTIVITA: limitatamente alle seguenti tipologie: alberghi, motels, villaggi-albergo, residenze turistico - alberghiere, affittacamere, campeggi, villaggi, turistici, ostelli per la gioventù, case e appartamenti per vacanze. RICONVERSIONE E RECUPERO DI STRUTTURE EDILIZIE PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVA RICETTIVITA: Acquisto, riconversione e recupero di strutture edilizie esistenti, i cui lavori siano stati conclusi prima del 31/12/2005. RIQUALIFICAZIONE RICETTIVITA ESISTENTE: Interventi di ampliamento, ristrutturazione e ammodernamento di strutture alberghiere ed extralberghiere, anche mediante il loro acquisto. INTERVENTI FINALIZZATI ALLOSPITALITA PER DISABILI INTERVENTI SU STRUTTURE TURISTICHE NON DESTINATE ALLA RICETTIVITA: Realizzazione, ampliamento, ammodernamento e riqualificazione delle costruzioni fisse adibite a stabilimenti balneari.

40 Realizzazione, ristrutturazione, ampliamento e riqualificazione di strutture, impianti e attrezzature per il turismo e il tempo libero, di uso pubblico, quali ristoranti, discoteche, sale da ballo, sale congressuali, parchi acquatici, impianti sportivo-ricreativi, approdi turistici, punti di ormeggio marini e lacustri, attrezzature e servizi per la nautica, spiagge attrezzate, servizi termali, impianti di risalita o di innevamento, piste da sci, strutture per scuole di sci e centri ippici, centri benessere escluse le palestre. ACQUISTO DI ARREDI, MACCHINARI E ATTREZZATURE MOBILI IMPIANTI TECNOLOGICI: Realizzazione, ammodernamento e adeguamento di impianti tecnologici fissi a servizio delle attività svolte dai soggetti beneficiari. MISURA DELLE AGEVOLAZIONI La soglia di investimento minimo è fissata in ,00. Il finanziamento del programma comporta limposizione del vincolo assoluto di destinazione turistica per un periodo pari alla durata dellintervento regionale e comunque non inferiore a 10 anni

41 Lagevolazione consiste nella concessione di un contributo in c/interessi sul finanziamento concesso dalla banca, indicata dallimpresa, e di durata massima decennale, per interventi riferiti a stabilimenti balneari, impianti turistico - ricreativi non annessi a strutture ricettive o ad acquisto di arredi e attrezzature, e quindicennale per tutti gli altri interventi. La misura del contributo è pari allabbattimento dei 2/3 del tasso di interesse di riferimento. Tale abbattimento è incrementato al 100% nel caso di iniziative riferite a stabilimenti balneari;imprese in possesso di certificazione di qualità o ambientale;interventi ricadenti nei comuni interessati dai Giochi del Mediterraneo 2009;interventi localizzati nelle Comunità Montane. Il contributo in c/interessi può essere convertito in contributo in c/capitale a richiesta dellimpresa. Laiuto è concesso a titolo della regola de minimis e, pertanto, non può superare limporto di su tre anni.

42 Sostegno a programmi di investimento delle PMI per progetti di innovazione tecnologica, di processo e della organizzazione dei servizi ATTIVITA I.2.1. POR FESR BENEFICIARI: PMI; società consortili, costituite da PMI che presentino domanda di finanziamento per la linea A, ossia per i progetti di investimento finalizzati a introdurre rilevanti innovazioni nel processo produttivo. NATURA DEL FINANZIAMENTO: contributo in c/capitale sulla spesa ammissibile; la spesa minima ammissibile è di Euro ,00 (linea A); il contributo massimo richiesto non può essere superiore al 50% dei costi ammissibili del progetto fino ad un massimo di Euro ,00, nel rispetto della regola de minimis. TIPOLOGIE DI INTERVENTO AMMISSIBILI: Innovazioni di processo che possano migliorare significativamente il metodo di produzione o distribuzione delle PMI. Innovazioni organizzative che aumentino le prestazioni dellimpresa riducendo i costi di gestione, di organizzazione e di transazione anche grazie a strumenti ICT. Innovazioni di marketing che comportino cambiamenti nella promozione prodotti o nelle politiche di prezzo.

43 B) La formazione di risorse umane da destinare alla valorizzazione dei prodotti tipici e delle risorse turistiche in genere, può essere realizzata attraverso il POR FSE attivato dalla Provincia di Chieti. Il piano prevede lattivazione di una serie di strumenti finalizzati al miglioramento delle competenze dei lavoratori, dei titolari delle imprese e dei disoccupati. Vi sono 2 azioni: 1. Asse Adattabilità che si prevede laggiornamento di manager, dipendenti e titolari allinterno delle PMI aventi sede nella provincia di Chieti attraverso con percorsi di formazione da 50 a 100 ore. Bando: Marzo 2009 – Risorse: POR FSE Euro ,00, legge 236/93 Euro ,00 2. Asse Occupabilità: - realizzazione di 4 corsi di formazione + circa 200 tirocini a qualifica per diplomati, + circa 300 tirocini formativi per diplomati dai 18 ai 29 anni sprovvisti di qualifica; i beneficiari potranno svolgere tirocini in aziende private, pubbliche, associazioni, società, cooperative e riceveranno un rimborso spese per circa 6/12 mesi di 400/500 Euro; - realizzazione di corsi di formazione e tirocini destinati a disoccupati di lunga durata, lavoratori CIG, lavoratori CIGS senza indennità; questi riceveranno un rimborso spese per 6/12 mesi di 400/500 Euro. Inoltre, sono disponibili anche Euro a fondo perduto, per avvio di nuove imprese. FORMAZIONE CONTINUA


Scaricare ppt "06 06 FEBBRAIO 2009 SAN MARTINO SULLA MARRUCINA Evento di lancio: Credere nel territorio! Presentazione di Angelo Radica."

Presentazioni simili


Annunci Google