La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Open day Scuola primaria Plesso di Lallio a.s. 2011/2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Open day Scuola primaria Plesso di Lallio a.s. 2011/2012."— Transcript della presentazione:

1 Open day Scuola primaria Plesso di Lallio a.s. 2011/2012

2 Cosè lopen day? Lopen day è una giornata di scuola aperta durante la quale la scuola presenta la propria organizzazione educativo/didattica e gestionale. Lopen day è una giornata dedicata ai genitori; i bambini verranno accolti in altre giornate appositamente predisposte per loro durante le quali conosceranno la nuova realtà scolastica. A settembre, il sabato prima dellinizio delle lezioni, durante unassemblea, i genitori conosceranno gli insegnanti in servizio sulle classi prime, con i quali condivideranno nello specifico il patto educativo di corresponsabilità e la programmazione educativo/ didattica/metodologica delle classi prime.

3 Una scuola che sappia trovare la ragione della propria esistenza nel successo formativo degli studenti. Una scuola che sappia comunicare, proporsi come risorsa ma riconoscere limportanza delleducazione non formale e informale; Una scuola che sappia essere coinvolgente e inclusiva, una scuola delle pari opportunità: di genere, di cultura, di disabilità. Una scuola che sappia essere luogo dincontro e di condivisione per costruire alleanze educative tra docenti, genitori, associazioni del territorio, amministrazioni comunali, operatori sociali, per costruire una comunità educante. Una scuola che sappia innovare e proporsi come servizio; sia formativa e non selettiva, in grado di valorizzare gli studenti, i docenti e tutto il personale, e sappia riconoscere nel rapporto costruttivo con gli studenti e le famiglie un valore fondante. Una scuola che si riconosca nel metodo della ricerca, premessa indispensabile per governare i problemi. Una scuola che sappia evitare di essere autoreferenziale.

4 EDUCARE ISTRUENDO PER IL SUCCESSO SCOLASTICO DI TUTTI IN UNA SCUOLA INTESA COME LUOGO DI INCONTRO E DI CRESCITA INSIEME PER DARE SENSO AGLI APPRENDIMENTI E ALLE ESPERIENZE DOVE PERSONE SONO GLI ALUNNI/E E PERSONE SONO GLI INSEGNANTI Lambiente di apprendimento

5 Finalità cognitive Promuovere, nel rispetto delle diversità individuali, lacquisizione di diversi tipi di linguaggio, un primo livello di padronanza dei quadri concettuali e delle abilità, delle modalità dindagine essenziali alla comprensione del mondo umano, naturale e artificiale (alfabetizzazione culturale).

6 Finalità sociali Aiutare il fanciullo a superare i punti di vista egocentrici e soggettivi, favorendo i rapporti interpersonali e promuovendo la partecipazione, limpegno e la collaborazione (educare alla convivenza democratica).

7 Finalità affettive Favorire la maturazione dellidentità personale, rafforzando la fiducia nelle proprie possibilità, lautostima e il sapersi percepire come valore. Sviluppare il senso di responsabilità e lautonomia. Favorire la formazione del pensiero critico.

8 Scuola – Alunno/a – Famiglia sottoscrivono il seguente Patto educativo di corresponsabilità COME CONDIVISIONE DELLE FINALITÁ EDUCATIVE quale strumento di trasparenza attraverso il quale i docenti esprimono la propria proposta formativa, gli alunni/e e le famiglie sono resi consapevoli e partecipi del progetto educativo e didattico che la scuola elabora per loro.

9 IMPEGNO DELLISTITUZIONE SCOLASTICA Presentare in modo chiaro il Piano dellOfferta Formativa. Progettare percorsi finalizzati al successo formativo nel rispetto delle potenzialità di ogni alunno/a. Garantire il rispetto dellorario scolastico e lo svolgimento regolare delle lezioni. Garantire che tutto il personale scolastico metta in atto comportamenti conformi alle finalità educative dellIstituto. Garantire la trasparenza e il miglioramento continuo del sistema. Promuovere rapporti interpersonali positivi fra alunni ed insegnanti, stabilendo regole certe e condivise. Garantire la trasparenza della valutazione.

10 IMPEGNO DEI DOCENTI Rispettare il proprio orario di servizio. Creare a scuola un clima di serenità, cooperazione e armonia. Favorire lintegrazione scolastica di tutti gli alunni. Promuovere con ogni singolo alunno un clima di confronto e di reciprocità per accoglierne il vissuto, gli stili di apprendimento e per motivarlo allapprendimento. Realizzare i curricoli disciplinari, le scelte organizzative e le metodologie didattiche elaborate nel Piano dellOfferta Formativa. Controllare assenze, ritardi, giustifiche. Comunicare costantemente con le famiglie, informandole sullandamento didattico-educativo degli studenti. Ricevere i genitori negli orari fissati e compatibilmente con il proprio orario di servizio (mai durante lingresso degli alunni).

11 IMPEGNO DEGLI ALUNNI/E Rispettare le diversità personali e culturali, la sensibilità altrui. Rispettare le persone che operano nella scuola e i compagni della propria e delle altre classi. Rispettare le cose proprie e altrui. Rispettare lambiente scolastico. Essere puntuali alle lezioni e frequentarle con regolarità. Svolgere regolarmente il lavoro assegnato a scuola e a casa. Portare tutto e solo il materiale richiesto per le attività didattiche e per ladempimento dei propri doveri. Non portare a scuola telefono cellulare, fotocamere, videocamere o registratori vocali e qualsiasi altra apparecchiatura elettronica.

12 IMPEGNO DEI GENITORI Instaurare un dialogo costruttivo con i docenti. Conoscere e condividere il Piano dellOfferta Formativa e il Regolamento dellIstituto, impegnandosi a evidenziarne limportanza ed il rispetto con i propri figli. Rispettare lorario dingresso a scuola delle lezioni mattutine e pomeridiane, evitando i ritardi e di lasciare con troppo anticipo i figli davanti alle scuole. Giustificare sempre le assenze. Controllare quotidianamente il diario e il quaderno delle comunicazioni scuola-famiglia. Attivarsi, in caso di assenza del figlio/a, per conoscere le attività svolte e i compiti assegnati. Controllare attraverso un contatto frequente con i docenti che lalunno rispetti: le persone che operano nella scuola, i compagni della propria e delle altre classi, le cose proprie e altrui, lambiente scolastico. Aiutare i figli a pianificare e ad organizzarsi, controllando che lalunno/a curi lesecuzione dei compiti e le attività di studio con attenzione, serietà e puntualità. Collaborare al progetto formativo partecipando a riunioni, assemblee, consigli di classe e colloqui. Riconoscere lautorità della scuola nellassunzione di provvedimenti disciplinari e condividere le strategie di recupero dei comportamenti scorretti.

13 INSEGNANTI – assemblea di classe – assemblea per lelezione dei rappresentanti dei genitori – colloqui individuali - colloqui individuali per consegna scheda di valutazione - assemblea per genitori di alunni in ingresso alla scuola primaria – consiglio di interclasse RAPPRESENTANTI – assemblea di classe – assemblea con i rappresentanti – assemblea con i genitori – colloquio con léquipe – consiglio di interclasse GENITORI – assemblea di classe - assemblea per lelezione dei rappresentanti dei genitori – colloqui individual - colloqui individuali per consegna scheda di valutazione – assemblea per genitori di alunni in ingresso alla scuola primaria COMITATO GENITORI – assemblea dei genitori eletti nei Consigli di Classe e di Interclasse, dei genitori eletti nel Consiglio di Istituto e dei genitori disponibili TERRITORIO – contatti con le agenzie educative del territorio Patto educativo

14 La valutazione degli alunni/e La cosa peggiore che si può dire ad un bambino, ad un ragazzo, ad un figlio, ad un alunno, è dirgli: hai sbagliato! La cosa migliore è chiedergli: come hai fatto? Ernst von Glaserfeld D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122 La valutazione è parte integrante della progettazione, non solo come controllo degli apprendimenti, ma come verifica dellintervento didattico al fine di operare con flessibilità sul progetto educativo. I docenti pertanto hanno nella valutazione lo strumento privilegiato che permette loro la continua e flessibile regolazione della progettazione educativo/didattica.

15 Valutazione diagnostica come analisi della situazione iniziale dei prerequisiti di base per affrontare un compito di apprendimento. Prove (concordate per classi parallele a livello distituto) Osservazioni sistematiche e non Libere elaborazioni Colloquio individuale con le famiglie per comunicare la situazione iniziale nel primo bimestre. Valutazione formativa per una costante verifica della validità dei percorsi formativi. Serve ai docenti per monitorare il percorso di apprendimento in itinere e scegliere le soluzioni migliori, riprogettando eventualmente il percorso: osservazioni sistematiche e non libere elaborazioni verifiche oggettive degli obiettivi intermedi e finali analisi della congruenza tra obiettivi e risultati Valutazione periodica (intermedia) e annuale (finale) Fa un bilancio consuntivo degli apprendimenti degli alunni/e, mediante lattribuzione di voti numerici espressi in decimi, e delle competenze acquisite a livello di maturazione culturale e personale mediante un giudizio analitico. Essa svolge una funzione comunicativa non solo per lalunno/a ma anche per le famiglie. Valutazione orientativa Favorisce unaccurata conoscenza di sé in vista delle scelte future. La valutazione degli alunni/e

16 Art. n° 3 Valutazione del rendimento scolastico degli studenti 1: Dallanno scolastico 2008/2009, nella scuola primaria la valutazione valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti è degli alunni è effettuata mediante ilattribuzione di voti numerici voti numerici espressi in decimi e illustrate con giudizio analitico sul livello globale di maturazione raggiunto dallalunno raggiunto dallalunno. Il comportamento degli alunni/e viene valutato attraverso un giudizio circa il rispetto delle regole di convivenza civile (rispetto delle persone, delle cose, delledificio scolastico). Legge 169 del

17 Gli insegnanti della scuola primaria valutano il comportamento degli alunni/e mediante un giudizio sintetico. Ottimo Rispetta, in modo costante e responsabile, le persone che operano nella scuola, i compagni/e della propria e delle altre classi, le cose e lambiente scolastico. Distinto Rispetta le persone che operano nella scuola, i compagni/e della propria e delle altre classi, le cose e lambiente scolastico. Buono Nel complesso rispetta le persone che operano nella scuola, i compagni/e della propria e delle altre classi, le cose e lambiente scolastico. Sufficiente A volte ha un comportamento poco corretto nei confronti delle persone che operano nella scuola, dei compagni/e della propria e delle altre classi, e/o delle cose e/o dellambiente scolastico. Insufficiente Ha un comportamento poco corretto nei confronti delle persone che operano nella scuola, (e/o) dei compagni/e della propria e delle altre classi, e/o delle cose, e/o dellambiente scolastico.

18 La valutazione periodica e annuale terrà conto, oltre che dei risultati delle singole prove oggettive, interrogazioni, esercitazioni, libere elaborazioni, anche dellaspetto formativo nella scuola di base, ossia dei percorsi di apprendimento e dei progressi ottenuti da ciascun alunno/a rispetto alla situazione iniziale e la maturazione globale, senza fermarsi esclusivamente allesito delle singole verifiche. Si valuteranno altresì le competenze chiave di cittadinanza trasversali (competenze-chiave di cittadinanza – DM 139 e successive modifiche): imparare ad imparare (saper organizzare il proprio apprendimento in funzione delle proprie strategie di studio, saper spiegare il come e il perché si è arrivati ad una determinata soluzione, conoscere gli stili cognitivi);progettare; sviluppo di competenze comunicative ed espressive, partecipazione alla vita democratica; agire in modo autonomo e responsabile; risolvere problemi formulando e verificando ipotesi; individuare collegamenti e relazioni tra fenomeni anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari; acquisire ed interpretare criticamente le informazioni. Valutazione delle discipline sulla scheda di valutazione Voto in decimi Valutazione delle verifiche quadrimestra li Voto in decimi Valutazione delle verifiche in itinere Voto in decimi Valutazione di produzioni quotidiane, di esercitazioni in classe, di compiti a casa Giudizi descrittivi

19 COSÈ UNA COMPETENZA? Capacità di far fronte ad un compito, o un insieme di compiti, riuscendo a mettere in moto e ad orchestrare le proprie risorse interne, cognitive, affettive e volitive, e a utilizzare quelle esterne disponibili in modo coerente e fecondo. Pellerey, 2004

20 GiudizioDescrittore del Significato del VotoVoto decimale Ottimo Ha raggiunto tutti gli obiettivi con ottima padronanza e con alta capacità di trasferimento e di elaborazione di ciò che ha appreso. 10/10 Distinto Ha raggiunto tutti gli obiettivi con piena padronanza e con buona capacità di trasferimento e di elaborazione di ciò che ha appreso. 9/10 Buono Ha raggiunto tutti gli obiettivi con buona padronanza e con iniziale capacità di trasferimento e di elaborazione di ciò che ha appreso. 8/10 Discreto Ha raggiunto tutti gli obiettivi con discreta padronanza. 7/10 Sufficiente Ha raggiunto tutti gli obiettivi con sufficiente padronanza. 6/10 Non sufficiente Ha raggiunto solo in parte gli obiettivi proposti, evidenziando una non sufficiente padronanza. 5/10

21 Art. n° 3 Valutazione del rendimento scolastico degli studenti 1 bis: nella scuola primaria i docenti con decisione assunta allunanimità, possono non ammettere lalunno alla classe successiva solo in casi Eccezionali e comprovati da specifica motivazione Legge 169 del

22 ARTICOLAZIONE ORGANIZZATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA La scuola primaria,della durata di cinque anni, è articolata in un primo anno, raccordato con la scuola dellinfanzia e teso al raggiungimento delle strumentalità di base, e in due periodi didattici biennali…. ( art. 4 comma 2 D.Lgs n°59) RACCORDO SCUOLA DELLINFANZIA 1°ANNO 1° BIENNIO 2° BIENNIO

23 PROPOSTE ORARIO A.S. 2011/2012 CLASSI PRIME I diversi modelli orari verranno attivati solo nel caso in cui le richieste delle famiglie permetteranno la formazione almeno di una classe (15 alunni).

24 Lallio Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato ORE 30 ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato ore nei limiti dellorganico assegnato Mensa: lunedì e mercoledì (non obbligatoria)

25 Cosè il Servizio extra – scuola? Il Comune ha incaricato una cooperativa per la gestione del servizio nei giorni in cui non è previsto il rientro pomeridiano. Tale servizio, a richiesta delle famiglie, comprende momenti che prevedono lo svolgimento dei compiti e attività ludico-ricreative (martedì, giovedì e venerdì fino alle ore presso la scuola di Lallio, per gli alunni frequentanti la scuola di Lallio).

26 Le attività di ampliamento dellofferta formativa (30 ore) si svolgeranno il lunedì e il mercoledì pomeriggio. Nel caso in cui la scelta del tempo scuola è di 30 ore per tutti gli alunni, i laboratori opzionali potranno trovare anche unaltra collocazione oraria.

27 TEMPO PIENO a.s. 2010/ °Q classi prima e seconda - sezione B Lunedì MENSA Martedì MENSA Mercoledì MENSA Giovedì MENSA Venerdì MENSA ore comprensive del tempo-mensa, la mensa è obbligatoria perché è tempo-scuola, quindi non è facoltativa rispetto alle altre opzioni.

28 TEMPO PIENO a.s. 2011/2012 Si può ipotizzare una classe prima a 40 ore (tempo pieno) se il numero di alunni è sufficiente (numero minimo 15 alunni), nei limiti dellorganico assegnato, compatibilmente con la disponibilità dei servizi comunali e subordinata allautorizzazione dellUfficio Scolastico Provinciale (USP)

29 Il tempo-scuola declinato in 27 o 30 ore per le classi prime prevede un insegnante prevalente di riferimento o un insegnante per ambito disciplinare: linguistico, storico/geografico e matematico. Il tempo pieno prevede due insegnanti di riferimento.

30 Con un articolazione oraria di 30 ore È possibile potenziare il curricolo e diversificare lofferta formativa. Le attività offrono opportunità sia di recupero e approfondimento che di potenziamento e sviluppo della sfera artistico-espressiva e/o corporeo-espressiva nonché la conoscenza dei linguaggi informatici. Le modalità di coinvolgimento degli alunni possono essere a classi aperte, a piccolo gruppo o a classe intera, con durate diverse nellarco dellanno, a seconda dellattività proposta e sulla base dei bisogni formativi osservati negli alunni dagli insegnanti. Le finalità e gli obiettivi educativi perseguiti interessano, in modo trasversale, diverse abilità sia cognitive che affettivo-relazionali.

31 Obiettivi trasversali con un tempo-scuola di 30 ore Area cognitiva Sviluppare la capacità di pensare secondo uno scopo, attraverso la ricerca di soluzioni in situazioni problematiche sviluppare la capacità di trasferimento delle informazioni in un altro contesto Area affettivo- relazionale sviluppare la coscienza di sé in rapporto al mondo esterno, attraverso lo sviluppo delle capacità percettive sviluppare le capacità relazionali Area dellautonomia del lavoro sviluppare la capacità di ascoltare e di ascoltarsi sviluppare le capacità collaborative allinterno di un gruppo sviluppare la capacità di integrare le diversità

32 DISCIPLINE E AREE DISCIPLINARI I traguardi per lo sviluppo delle competenze sono raggiunti attraverso obiettivi di apprendimento per ciascuna disciplina e area disciplinare AREA LINGUISTICO-ARTISTICO- ESPRESSIVA: ITALIANO LINGUA STRANIERA MUSICA ARTE E IMMAGINE CORPO MOVIMENTO SPORT AREA STORICO GEOGRAFICA: STORIA GEOGRAFIA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO- TECNOLOGICA. MATEMATICA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI TECNOLOGIA RELIGIONE CATTOLICA DISCIPLINE E AREE DISCIPLINARI I traguardi per lo sviluppo delle competenze sono raggiunti attraverso obiettivi di apprendimento per ciascuna disciplina e area disciplinare AREA LINGUISTICO-ARTISTICO- ESPRESSIVA: ITALIANO LINGUA STRANIERA MUSICA ARTE E IMMAGINE CORPO MOVIMENTO SPORT AREA STORICO GEOGRAFICA: STORIA GEOGRAFIA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO- TECNOLOGICA. MATEMATICA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI TECNOLOGIA RELIGIONE CATTOLICA DISCIPLINE E AREE DISCIPLINARI I traguardi per lo sviluppo delle competenze sono raggiunti attraverso obiettivi di apprendimento per ciascuna disciplina e area disciplinare: AREA LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA: ITALIANO LINGUA STRANIERA MUSICA ARTE E IMMAGINE CORPO, MOVIMENTO E SPORT AREA STORICO GEOGRAFICA: STORIA GEOGRAFIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE (TRASVERSALE) AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA. MATEMATICA SCIENZE TECNOLOGIA (la valutazione degli obiettivi di informativa è contenuta nella disciplina tecnologia) RELIGIONE CATTOLICA O MATERIA ALTERNATIVA O STUDIO CON INSEGNANTE O ESONERO

33 Oltre allinsegnamento di Cittadinanza e Costituzione previsto allinterno del percorso storico/geografico, ogni plesso della scuola primaria attiva progetti che hanno come argomenti temi trasversali relativi alleducazione alimentare, ambientale, stradale, alla cittadinanza, alla salute, allaffettività, alla sicurezza che trovano la sintesi nelleducazione alla convivenza civile. Tali educazioni si propongono in primo luogo di instaurare nella scuola un clima positivo e in alcuni casi si avvalgono delle agenzie operanti sul territorio e/o di esperti scelti secondo le competenze e in base alle tematiche e finalità prescelte. Ogni gruppo-classe per promuovere leducazione alla convivenza civile attua percorsi formativi a partire dalla singolarità e dalla complessità di ogni persona che apprende, per poi aprirsi alla relazione con i vari ambiti sociali di riferimento. Tali finalità vengono perseguite attraverso la collaborazione con le agenzie educative del territorio (Comune, Servizi Sociali, Biblioteca e associazioni varie).

34 ITALIANO 7 MATEMATICA 6 STORIA 2 GEOGRAFIA 2 SCIENZE 2 MUSICA 1,5* ARTE ED IMMAGINE 1,5* TECNOLOGIA attività trasversale CORPO, MOVIMENTO E SPORT 2* RELIGIONE CATTOLICA 2 CITTADINANZA E COSTITUZIONE attività trasversale INGLESE 1 * Il monte ore delle educazioni può essere flessibile per garantire lorario a 27 ore. IPOTESI DI RIPARTIZIONE ORARIO a 27 ore classe prima

35 ITALIANO 6 MATEMATICA 6 STORIA 2 GEOGRAFIA 2 SCIENZE 2 MUSICA 1,5* ARTE ED IMMAGINE 1,5* TECNOLOGIA attività trasversale CORPO, MOVIMENTO E SPORT 2* RELIGIONE CATTOLICA 2 CITTADINANZA E COSTITUZIONE attività trasversale INGLESE 2 * Il monte ore delle educazioni può essere flessibile per garantire lorario a 27 ore. IPOTESI DI RIPARTIZIONE ORARIO a 27 ore classi seconde e terze

36 ITALIANO 6 MATEMATICA 6 STORIA 2 GEOGRAFIA 2 SCIENZE 2 MUSICA 1,5* ARTE ED IMMAGINE 1,5* TECNOLOGIA attività trasversale CORPO, MOVIMENTO E SPORT 1* RELIGIONE CATTOLICA 2 CITTADINANZA E COSTITUZIONE attività trasversale INGLESE 3 * Il monte ore delle educazioni può essere flessibile per garantire lorario a 27 ore. IPOTESI DI RIPARTIZIONE ORARIO a 27 ore classi quarte e quinte

37 PROGETTI DISTITUTO

38 Servizio socio- psicopedagogico (progetto sperimentale) Il supporto psicopedagogico opera al servizio della crescita dei livelli di benessere allinterno dellorganizzazione scolastica e si rivolge in particolare a: alunni, per conoscere meglio se stessi e le proprie potenzialità, docenti, per facilitare la gestione dei processi psicosociali e pedagogici legati allapprendimento famiglie, per impostare una collaborazione operativa su obiettivi educativi condivisi con i docenti e per potenziare le risorse genitoriali nella gestione delle problematiche dei figli. Le aree dintervento riguardano larea socio-affettiva, cognitivo- emotiva,motivazionale-orientativa.

39 Progetto psicomotricità Le classi prime delle scuole primarie da diversi anni si avvalgono dellintervento di psicomotriciste al fine di sviluppare le capacità comunicative, motorie, percettive, creative e gli aspetti emotivo-relazionali degli alunni/e e, in unottica di continuità con la scuola dellinfanzia, facilitarne i processi di inserimento nel nuovo contesto scolastico.

40 Progetto accoglienza Progetto accoglienza scuola infanzia- primaria; scuola primaria-scuola secondaria Il raccordo tra scuole permette a tutti i soggetti coinvolti di vivere momenti, fasi, scambi, relazioni e di avvicinarsi alla nuova realtà scolastica in modo graduale e flessibile, allinterno di un itinerario didattico progettato e condiviso tra gli ordini di scuola.

41 Progetto alunni/e diversamente abili LIstituto Comprensivo, per garantire a ciascun alunno/a il rispetto dei propri ritmi e stili di apprendimento, opera scelte, progetta percorsi educativi e didattici con strumenti e metodologie opportunamente predisposti.

42 Progetto alunni/e non nativi Percorsi formativi personalizzati finalizzati allintegrazione di alunni/e non nativi, utilizzando laboratori di alfabetizzazione e laiuto di mediatori culturali di madrelingua. Si possono allestire laboratori interculturali finalizzati a promuovere sensibilità interculturale, capacità di ascolto, attenzione reciproca e scambio di conoscenze.

43 PROGETTI IN COLLABORAZIONE CON IL COMUNE, I SERVIZI SOCIO- EDUCATIVI E LE AGENZIE DEL TERRITORIO

44 Attraverso forme di collaborazione con il Comune, i Servizi Socio-Educativi e le associazioni presenti sul territorio è possibile realizzare esperienze formative di dialogo tra le generazioni che possano riconoscersi nel loro territorio e creare una comunità educante capace di generare condizioni di benessere, di scambio e di incontro.

45 ALCUNI RACCORDI CON IL TERRITORIO Tutte le classi partecipano ai GIOCHI della GIOVENTÚ proposti dal Comune. Progetto di valorizzazione della Chiesa di S. Bernardino

46 Il consiglio comunale dei ragazzi Nellambito delleducazione alla cittadinanza attiva è stato attivato nellanno scolastico 2010/2011 il consiglio comunale dei ragazzi per gli alunni della scuola secondaria di Lallio e per le classi quinte della scuola primaria di Lallio.

47 PROGETTI DI POTENZIAMENTO DEL CURRICOLO

48 Essi si propongono di potenziare ed arricchire lofferta formativa attraverso attività motivanti che potenzino le abilità strumentali di base, le competenze trasversali e disciplinari. In alcuni casi si avvalgono delle agenzie operanti sul territorio e/o di esperti scelti secondo le competenze e in base alle tematiche e finalità prescelte. Possono riguardare le diverse aree: linguistico- artistico-espressiva; storico-geografica- cittadinanza e costituzione; matematico-scientifico-tecnologica. In particolare i progetti relativi a CITTADINANZA E COSTITUZIONE, affrontano temi trasversali relativi alleducazione alla cittadinanza, alla legalità, alla salute, allaffettività/sessualità, alla sicurezza, alimentare, ambientale, stradale.

49 Convenzione con luniversità Milano-Bicocca Alcune insegnanti ospitano studenti del corso di laurea in Scienze della formazione primaria- Milano Bicocca per le attività di tirocinio.

50 PER GLI APPROFONDIMENTI SI RIMANDA ALLA LETTURA DEL POF INTEGRALE (approvazione entro il 15 dicembre di ogni anno ) PUBBLICATO SUL SITO DELLISTITUTO


Scaricare ppt "Open day Scuola primaria Plesso di Lallio a.s. 2011/2012."

Presentazioni simili


Annunci Google