La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto watercycle comune di Campobasso Campobasso 6 marzo 2008 Giuliana Carano Tavola rotonda.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto watercycle comune di Campobasso Campobasso 6 marzo 2008 Giuliana Carano Tavola rotonda."— Transcript della presentazione:

1 Progetto watercycle comune di Campobasso Campobasso 6 marzo 2008 Giuliana Carano Tavola rotonda

2 Progetto watercycle Progetto e stato di attuazione

3 Progetto watercycle

4 Evoluzione demografica Abitanti censiti

5 Progetto watercycle La città: Campobasso città capoluogo di regione con circa abitanti residenti ma molti di più effettivi Altitudine:700 s.l.m. Superficie: 55 Kmq Abitanti: Densità: 930,5 ab./Kmq Frazione: Santo Stefano

6 Progetto watercycle Depuratori: S. Pietro bacino del Biferno che serve una popolazione di abitanti equivalenti Con un tipo di fognatura mista Scarafone bacino del Fortore che serve una popolazione di abitanti equivalenti Con un tipo di fognatura mista Per entrambi tecnologia a biodischi

7 Progetto watercycle Azione 1: una sperimentazione relativa alle varie utenze possibili che potranno usufruire delle acque recuperate del ciclo di depurazione Le acque depurate possono essere utilizzate per varie utenze: Uso Irriguo: per lirrigazione di colture destinate sia alla produzione di alimenti per il consumo umano ed animale sia ai fini non alimentari, nonché per lirrigazione di aree destinate a verde o ad attività ricreative e sportive. Uso civile: per il lavaggio delle strade nei centri urbani, per lalimentazione di sistemi di riscaldamento raffreddamento, per lalimentazione di reti duali, separate da quelle potabili, con esclusione dellutilizzo diretto di tale acqua nelle abitazioni private ad eccezione degli scarichi dei servizi igienici e della irrigazione del verde. Uso industriale: come acqua antincendio, di lavaggio, di processo per i cicli termici dei processi industriali con lesclusione di usi che comportano il contatto tra queste acque e alimenti, prodotti farmaceutici e cosmetici.

8 Progetto watercycle Azione 2. Per quel che concerne i fanghi si è prevista unazione di studio (sperimentazione) relativo alla verifica del campo danalisi e campo di applicazione per arrivare alla definizione di aree idonee per lutilizzo dei fanghi. Lo studio punta, tra laltro: Alla definizione area di trasporto (che va dallimpianto fino alla zona di utilizzo o di stoccaggio ) Alla definizione area di utilizzo (campi agricoli in cui avviene lo spandimento e in cui si esplica la funzione fertilizzante e ammendante ) Alla conferma del valore agronomico dei fanghi, dei valori di inquinamento al di sotto di quelli previsti dalla normativa con la definizione del prodotto privo di elementi chimici di fertilizzazione Allutilizzo dei fanghi in relazione dellattitudine del suolo allo spandimento ed alle tipologie colturali. Al confronto con altre tipologie di fertilizzanti cosiddetti tradizionali. Allapplicazione dei dati ad una azione sperimentale nel territorio di Campobasso Ad una proposta di legge regionale sullutilizzo dei fanghi

9 Progetto watercycle Azione 3. Disseminazione dei risultati e campagna di sensibilizzazione, di comunicazione e formazione dei futuri utenti ivi compresi i tecnici operatori

10 Progetto watercycle Chi partecipa al progetto: Comune di Campobasso: Giuliana Carano, Stelvio Bagnoli, M.Antonietta Liguori, Nicola Villani ARPAM Agenzia Regionale per lAmbiente del Molise: Eduardo Patroni, Carla Aufiero Istituto per lAgricoltura e lAmbiente di Campobasso: Antonio Santopolo Dondi spa Società che gestisce i depuratori comunali Area Europa: Giulio Campana, Francesca Verna

11 Progetto watercycle Siamo partiti dal presupposto che le azioni previste nel quadro del progetto Watercycle, dati i tempi e le complessità innescate, dovranno avere come obiettivo quello di: 1. implementare le linee guida sull'utilizzo vantaggioso dei fanghi reflui e delle acque da depurazione, relativamente a quanto trattato dal depuratore, già dotato delle autorizzazioni necessarie 2. sperimentare i contenuti delle linee guide attraverso una applicazione di fanghi reflui all'agricoltura (come ammendante), grazie alla cooperazione con l'Istituto Professionale per lAgricoltura di Campobasso 3. sperimentare l'utilizzo delle acque provenienti dal depuratore, per il lavaggio delle strade ed altri utilizzi secondari, sempre grazie alle indicazioni contenuti nelle linee guida di cui sopra

12 Progetto watercycle I temi fondamentali l'uso sostenibile delle risorse naturali Limpianto di depurazione diventa una risorsa anche con il riutilizzo dei suoi prodotti considerati di scarto o di defluimento e reimmissione La città di Campobasso non presenta insediamenti industriali di grossa entità né insediamenti artigianali tali da produrre reflui particolarmente inquinanti: i reflui in ingresso ai nostri depuratori sono essenzialmente acque di rifiuto domestico e presentano rischi limitati per la salute delluomo, degli animali, dei vegetali e per lambiente.

13 Progetto watercycle

14

15

16

17 Ottobre contratti e protocolli tra Istituto di Agricoltura e Comune di Campobasso relativamente a sopralluoghi congiunti e singoli per analisi dei terreni, per la preparazione/lavorazione dei terreni, per la preparazione della vasca di stoccaggio, firma del protocollo prima strutturazione/impostazione delle linee guida per la sperimentazione a cura di ARPAM

18 Progetto watercycle Novembre - dicembre effettuazione analisi dei fanghi reflui e delle acque, ARPAM riunione del gruppo di lavoro preparazione dei terreni, stoccaggio fanghi nelle vasche Incarichi professionali Acquisti macchinari, strumenti finalizzati allattività Affidamento lavori allIstituto per lAgricoltura

19 Progetto watercycle dicembre -gennaio analisi preventiva dei terreni sperimentali di proprietà della scuola, per verificarne la compatibilità con ammendanti quali i fanghi reflui dei terreni preparazione/lavorazione dei terreni preparazione della vasca di stoccaggio verifiche sull'utilizzo delle acque provenienti dal depuratore prima stesura delle linee guida per lutilizzo dei fanghi Analisi dei fanghi della depurazione

20 Progetto watercycle entro febbraio- marzo inizio sperimentazione utilizzo acque, verifiche delle utilizzazioni possibili e costi di utilizzo ristrutturazione della serra di proprietà dellIstituto al fine di dare continuità alle sperimentazioni sullutilizzo dei fanghi in qualità di ammendante per coltivazioni sotto serra Ristrutturazione della vasca di stoccaggio Autorizzazioni necessarie inizio pratiche di monitoraggio sull'efficacia dei fanghi Linee guida definitive

21 Progetto watercycle Marzo-aprile ed a seguire spargimento fanghi in vigneto e frutteto presso i terreni di proprietà dellIstituto Utilizzo fanghi nella serra Utilizzo delle acque per lavaggi strade e irrigazione del vigneto Analisi di controllo Verifiche continue creazione di una pubblicazione sul corretto uso dell'acqua, descrizione delle potenzialità di utilizzo dell'acqua proveniente dal depuratore

22 Progetto watercycle realizzazione seminario informativo su strumenti, tecnologie e buone prassi di riutilizzo agronomico di fanghi reflui coinvolgimento di stampa e TV locale Proposta di legge regionale distribuzione della pubblicazione sull'acqua (URP, giornalai, bollette dell'acqua) Disseminazione dei risultati Verifica della possibilità di ampliamento del progetto per la prosecuzione ed ampliamento della sperimentazione

23 Progetto watercycle In Italia il 50-60% delle risorse idriche disponibili vengono consumate in agricoltura: risulta evidente limportanza della possibilità di riutilizzare le acque depurate per irrigare i campi. La restante percentuale, fra laltro, viene utilizzata per fini civili. In particolare ogni persona, giornalmente produce, in funzione della società in cui è inserita, una quantità di acqua reflua che può arrivare a 70 mc. per persona allanno. Il 99,9 % di questo refluo è acqua e solo lo 0,15 % è costituito da materiale sospeso e colloidale

24 Progetto watercycle Cosa ci aspettiamo Rendere il nostro territorio, rispetto ai territori limitrofi, un laboratorio ambientale allaperto per il riciclo e riutilizzo, in questo caso delle acque e dei reflui, ma anche per la creazione di attività innovative che portino lavoro ed integrazione sociale

25 Progetto watercycle Risultati attesi: Con il riutilizzo si ha un risparmio generale in termini ambientali ed ecologici oltre che economici e nellambito di un uso più razionale delle risorse. Infatti: lacqua depurata può avere un costo molto basso i fanghi sostituiscono i fertilizzanti chimici che, oltre che dannosi, sono costosi il riutilizzo determina un risparmio per lamministrazione per gli alti costi di smaltimento si evita che i fanghi riempiano le discariche ricettive si sensibilizzano i cittadini ad un uso più attento delle risorse riciclabili Si innesca un circolo virtuoso per il riciclaggio, riutilizzo, recupero e risparmio delle risorse

26 Progetto watercycle grazie


Scaricare ppt "Progetto watercycle comune di Campobasso Campobasso 6 marzo 2008 Giuliana Carano Tavola rotonda."

Presentazioni simili


Annunci Google