La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La strategia per il programma di sviluppo rurale 2007-2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La strategia per il programma di sviluppo rurale 2007-2013."— Transcript della presentazione:

1 La strategia per il programma di sviluppo rurale

2 ELEMENTI CENTRALI DELLA RIFORMA SULLO SVILUPPO RURALE Istituzione del Fondo Unico per lo Sviluppo Rurale (FEASR) Un solo sistema di programmazione, gestione finanziaria e controllo finanziario, con il Leader inserito nella programmazione dello sviluppo rurale Nuovo approccio alla programmazione: Orientamenti strategici comunitari (OSC) Piano strategico nazionale (PSN) Programma di sviluppo rurale (PSR regionale)

3 RIFORMA SVILUPPO RURALE / approccio strategico Priorità strategiche comunitarie (conclusione dei consigli di Goteborg e Lisbona sulla competitività e lo sviluppo sostenibile): il trasferimento della conoscenza e dellinnovazione nel settore agroalimentare, attraverso investimenti sul capitale fisico ed umano la prevenzione della biodiversità, degli habitat naturali e del sistema forestale, delle acque e dei cambiamenti climatici la creazione di opportunità di impiego il miglioramento della governance locale

4 RIFORMA SVILUPPO RURALE/ struttura PSR Articolazione del programma in Assi Prioritari, per perseguire i seguenti obiettivi strategici : ASSE I - Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale; ASSE II - Miglioramento dellambiente e del paesaggio rurale ASSE III - Miglioramento della qualità della vita e diversificazione delle aree rurali ASSE IV - Integrazione dei programmi Leader

5 Aspetti finanziari Criterio del Bilanciamento delle risorse Quota di risorse minime da attribuire per Asse (art 17 Reg. 1698/05): ASSE I - 10% (PSN = 35%) ASSE II - 25% (PSN = 40%) ASSE III - 10% (PSN = 15%) ASSE IV - 5% Introduzione della regola del disimpegno automatico (n+2)

6 Prospettive finanziarie 2007/2013 Importo complessivo per UE 25 per II° pilastro miliardi euro (accordo già raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione UE) Ripartizione tra Stati Membri – in corso di discussione stime del Ministero = - 13% per lItalia rispetto al periodo 2000/2006 Ripartizione tra Regioni – dopo assegnazione Stati Membri dotazione minima per le 4 Regioni Obiettivo Convergenza stima riduzione per Regione Lazio – 15÷25% Definizione del cofinanziamento nazionale Rischio di un ulteriore abbattimento per una minore partecipazione dello Stato al finanziamento

7 CALENDARIO DEI LAVORI A livello nazionale e comunitario II° semestre 2005 – Approvazione del Consiglio Europeo del regolamento per il sostegno allo sviluppo rurale ed accordo dei Capi di Stato sulle prospettive finanziarie 2007/2013 Febbraio 2006 – Approvazione degli Orientamenti Strategici Comunitari (OSC); Aprile 2006 – Presentazione alla UE della bozza del Piano Strategico Nazionale (documento tecnico) predisposto dal MiPAF di concerto con le Regioni Maggio 2006 – Approvazione del PSN da parte del Comitato Tecnico Permanente (Assessori regionali) e della Conferenza dei Presidenti; I° semestre 2006 – Approvazione dei regolamenti della Commissione UE che completano il quadro normativo di riferimento (regolamenti di transizione, applicativi, controlli, monitoraggio e valutazione) I° semestre Ripartizione delle risorse finanziarie tra gli Stati membri e, successivamente, tra le Regioni ; 30 giugno ÷ 30 settembre 2006 – Presentazione alla UE dei Programmi di Sviluppo Rurale Regionali; II° semestre Approvazione dei PSR da parte della Commissione UE (max 6 mesi dopo inoltro UE).

8 CALENDARIO DEI LAVORI A livello regionale fase prima - stesura di un primo documento per la definizione delle strategie e le linee di indirizzo regionale - dicembre 2005; fase seconda - Svolgimento del partenariato con le forze socio-economico ed istituzionali (Tavolo Verde, Tavolo del Partenariato regionale, Tavoli di filiera, Osservatorio socio-economico e rurale, ecc.) per la condivisione delle linee di indirizzo regionale e la coerenza con le strategie comunitarie e nazionali fase terza – Definizione di una bozza del programma e prosecuzione delle attività partenariali, anche a livello provinciale, con le forze socio-economico ed istituzionali operanti a livello territoriale. Contestuale attivazione di un contatto con la Commissione Europea per verificare la eleggibilità delle iniziative prospote – maggio - giugno 2006 fase quarta – Approvazione da parte della Giunta e del Consiglio Regionale della versione definitiva del Programma Regionale di Sviluppo Rurale da inviare alla UE - luglio 2006 (e comunque entro il termine max del 30 settembre 2006). fase quinta – Avvio del negoziato con la Commissione Europea per lapprovazione definitiva del PSR – Max 6 mesi dallinvio UE fase sesta – Contestuale definizione delle disposizioni operative e delle procedure per la raccolta delle domande (Avvisi pubblici) – I° trimestre 2007

9 PIANO STRATEGICO NAZIONALE / Analisi del contesto ed individuazione dei fabbisogni Dallanalisi di base effettuata a livello nazionale, emerge: una perdita di competitività da parte del settore agro-alimentare e foresteale nel suo complesso; la presenza di forti potenzialità legate allagricoltura professionale e di qualità, alla tipicità della produzione e più in generale, ai molteplici legami di natura culturale e produttiva tra agricoltura,, ambiente e territorio; La crescente importanza della tutela e della valorizzazione delle risorse ambientali nel loro complesso per lo sviluppo dellagricoltura e della silvicoltura, e prima ancora, per la loro stessa sopravvivenza; La crescita dei legami tra agricoltura e altre attività economiche allinterno dei territori rurali; Il ruolo determinante della capacità amministrativa e progettuale nel condizionare lefficienza e lefficacia dei PSR

10 Limpianto strategico generale / la filosofia di base Centralità delle aree rurali, divenute strategiche per il raggiungimento di percorsi di sviluppo equilibrati e sostenibili del territorio. Ruolo multifunzionale dellagricoltura visione dello sviluppo territoriale, attraverso il rafforzamento degli interventi multisettoriali e di sistema, Integrazione verticale ed orizzontale delle imprese agricole ed agroindustriali, per fare sistema e concentrare i volumi produttivi, attraverso un maggiore coordinamento ed una facilitazione di accesso ai servizi coordinamento il miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale il miglioramento dellambiente e del paesaggio rurale il miglioramento della qualità della vita la diversificazione delleconomia rurale il rafforzamento delle capacità dellagire locale

11 Gli indirizzi strategici regionali Favorire i percorsi di progettazione integrata. Lobiettivo è quello di favorire la coerenza tra programmazione e declinazione operativa degli indirizzi strategici, riducendo il peso delle inefficienze prodotte da fenomeni di sovrapposizione istituzionale, dallasincronia che spesso caratterizza gli interventi, favorendo un maggior grado di complementarietà degli stessi ed il protagonismo degli attori e delle reti economiche e sociali locali Favorire la concentrazione delle risorse. Lindividuazione di obiettivi sistemici, legati al superamento di problemi strutturali, necessita di livelli maggiori di concentrazione delle risorse, sugli obiettivi definiti prioritari della programmazione. Favorire la selettività delle iniziative dai concetti di programmazione integrata, progettazione integrata e concentrazione delle risorse,consegue lesigenza di selezionare le iniziative favorendo il legame con alcune priorità di ordine generale, funzionali al raggiungimento degli obiettivi strategici che presiedono i tre assi della programmazione: sostenere la progettazione integrata e le iniziative collegate sostenere la presenza attiva delle diverse componenti produttive e/o territoriali sostenere il ruolo degli attori collettivi (partnerariati) di filiera e/o territoriali

12 La strategia regionale/ integrazione La coerenza e la complementarietà si garantisce attraverso: integrazione interna al Programma di sviluppo rurale, tra obiettivi, assi e misure, assumendo quali principali tipologie sistemiche sulle quali intervenire, quella settoriale e quella territoriale. integrazione esterna tra le diverse politiche che insistono sui territori rurali e/o che interessano i rapporti di scambio tra questi e le aree urbane. In tal senso è obiettivo di questa programmazione ricercare la complementarietà e la coerenza tra le diverse politiche regionali, ed in particolare con quelle relative alle politiche di coesione (nuovi fondi strutturali).

13 La strategia regionale – integrazione interna al PSR Una possibile definizione: E un innovativo strumento di gestione che si realizza attraverso nuove procedure che consentiranno un accesso combinato alle varie misure di intervento del PSR. Quali sono gli strumenti operativi per attuarla? Progetti integrati in ambito aziendale (pacchetto giovani/donne, qualità, ambiente, montagna, ecc.) Progetti integrati di filiera, che coinvolgono i diversi attori della filiera (agricoli, agro-industriali e della commercializzazione, fornitori di servizi, ecc.) che operano a livello locale, costituiti in parternship. Dovranno essere preliminarmente individuate le principali filiere produttive regionali, specificati i fabbisogni e definite le azioni chiave per il loro rilancio o definitiva affermazione; Progetti integrati di area, che coinvolgono i diversi attori di un territorio, tra loro organizzati in un sistema di relazione, che operano a livello locale.

14 La strategia regionale integrazione esterna al PSR Coerenza e complementarietà con le politiche di coesione: Coerenza con le politiche agricole nazionali (contratti di filiera, contratti di programma, politiche di qualità, ecc.) Coerenza con il primo pilastro della PAC (disaccoppiamento e disattivazione aziendale, art.69 sulla qualità, condizionalità) Coerenza con le OCM (ortofrutta, vitivinicola, olio doliva, ecc.)

15 La strategia regionale / Coerenza e complementarietà con le politiche di coesione I regolamenti sullo sviluppo rurale e sulle politiche di coesione richiedono che vi sia coerenza e complementarietà tra le due programmazioni Necessità di definire i campi di azione ed individuare i criteri di demarcazione Sia il PSN che il QSN evidenziano la necessità e lopportunità di ricercare percorsi di integrazione, fermo restando il ruolo istituzionale delle Regioni che, in accordo con il partenariato, è responsabile della programmazione operativa Ambiti di intervento e campi di azione interessati allintegrazione: Competitività (infrastrutture e logistica nei settori produttivi, ricerca e innovazione, formazione, ecc) Ambiente (Aree natura 2000, infrastrutture irrigue, difesa del suolo, bioenergie, ecc.) Sviluppo locale (infrastrutture materiali e immateriali per laccessibilità e latratività dei territori, servizi per migliorare la qualità della vita)

16 La zonizzazione \ obiettivi, criteri per lindividuazione e finalità fornire un patrimonio informativo per offrire una chiave di lettura territoriale dettagliata con cui individuare gli specifici fabbisogni in tema di politiche di sviluppo e di coesione socio-economica, in base alle quali definire le linee di intervento; contribuire alla definizione degli obiettivi e degli strumenti dintervento con cui sostenere e stimolare processi di sviluppo rurale endogeno. definizione di una metodologia scientifica per selezionare tipologie territoriali omogenee funzionali allattività di programmazione, attraverso la i ndividuazione di una griglia molto articolata di indicatori socio-economici e strutturali; specificazione di priorità territoriali, spesso a carattere preferenziale e solo in taluni casi preclusivo definizione dei rapporti urbano-rurale, per uno sviluppo equilibrato dei territori e per cogliere le opportunità che la vicinanza del mercato romano può offrire, in termini di competitività, salvaguardia dellambiente e del paesaggio, funzione ricreativa, ecc.

17 La zonizzazione \ orientamento strategico Ricondurre il territorio regionale a categorie concettuali omogenee risulta una premessa indispensabile per la formulazione di politiche di sviluppo rurale, e consente una migliore finalizzazione delle risorse finanziarie, inferiori rispetto al precedente periodo di programmazione.

18 La zonizzazione\ classificazione delle aree Il territorio regionale, al fine di individuare specifici fabbisogni e definire alcune priorità territoriali, è suddiviso nelle seguenti zone : –aree urbane ; –aree rurali a rilevanza agricola e agroindustriale; –aree rurali con caratteri di integrazione; –aree rurali marginali;

19 Gli indirizzi strategici regionali / indirizzi asse I GLI ORIENTAMENTI Favorire la concentrazione degli interventi in una logica territoriale e di filiera, sulla base della zonizzazione del piano ed integrando quanto più possibile i diversi strumenti disponibili, in una logica di sistema Contrastare il fenomeno della disattivazione aziendale Favorire il ricambio generazionale Favorire la valorizzazione del rapporto tra qualità e competitività dellagricoltura regionale, ricca di elementi qualitativi e distintivi che, associati alla vicinanza di importanti mercati di consumo, possono costituire una leva fondamentale su cui poggiare crescita competitiva da un lato e ruolo di servizio verso il consumatore e la collettività dallaltro Favorire la partecipazione a sistemi di qualita, tracciabilità e certificazione ambientale Investire sulla conoscenza per elevare la qualità del capitale umano Favorire lintegrazione allinterno del sistema agro - alimentare Favorire il trasferimento delle attività di ricerca e sviluppo, linnovazione tecnologica e organizzativa, il trasferimento dellinnovazione Favorire lo sviluppo delle bioenergie Sostenere il sistema dellagricoltura biologica

20 La strategia nazionale / obiettivi prioritari Asse I NellAsse I gli obiettivi prioritari sono: 1.Consolidamento e sviluppo della qualità della produzione agricola e forestale; 2.Promozione dell ammodernamento e dell innovazione nelle imprese e dell integrazione delle filiere ; 3.Creazione e/o miglioramento delle dotazioni infrastrutturali ; 4.Miglioramento della capacità imprenditoriale e professionale anche della manodopera.

21 Gli indirizzi strategici regionali / indirizzi asse II GLI ORIENTAMENTI Orientamento al partnerariato locale ed alla territorializzazione delle iniziative Incentivare progettualità e iniziative comprensoriali da realizzare attraverso la figura del land manager Concentrare gli interventi nelle aree sensibili Premiare lattivazione di sinergie tra le diverse misure di carattere ambientale contrastare il fenomeno della disattivazione aziendale valorizzare il ruolo multifunzionale dellazienda agricola Premiare il collegamento con laccesso alle azioni di formazione e diffusione delle conoscenze tecniche, compreso laccesso ai sistemi di certificazione e tracciabilità Incentivare le iniziative tese ad incrementare il valore ricreativo delle aree di pregio ambientale Incentivare i benefici ambientali prodotti dallagricoltura biologica sostenere il sistema forestale

22 La strategia nazionale / obiettivi prioritari Asse II NellAsse II gli obiettivi prioritari sono: 1.Conservazione della biodiversità e tutela e diffusione di sistemi agro-forestali ad alto valore naturalistico; 2.Diffusione di pratiche agricole e forestali compatibili con la tutela qualitativa e quantitativa delle risorse idriche superficiali e profonde; 3.Riduzione dei gas serra; 4.Tutele della risorsa suolo.

23 Gli indirizzi strategici regionali / indirizzi asse III GLI ORIENTAMENTI saranno incentivati i programmi volti a potenziate e incentivate le iniziative di sostegno alla valorizzazione integrata del patrimonio e del sistema produttivo locale delle aree rurali, che sostengono strategie di crescita su base multisettoriale, e orientano le risorse alla valorizzazione del concetto di multifunzionalità territoriale che si estrinseca negli obiettivi di: –assicurare lintegrita del patrimonio naturalistico e ambientale dei territori rurali –arrestare i processi di degrado ambientale –favorire la valorizzazione sostenibile delle risorse in chiave turistica Saranno favorite quelle iniziative, che allinterno del prioritario obiettivo della crescita occupazionale sostenibile, orientate alla implementazione di scambi reciprocamente positivi con le aree urbane Saranno incentivate le attività di diversificazione delle attività produttive inserite in programmi territoriali (ad esempio per il miglioramento dellofferta e di sviluppo turistico delle aree rurali) Saranno incentivati i programmi infrastrutturali per laccesso a servizi innovativi, in particolare quelli relativi alla diffusione dellITC.

24 La strategia nazionale / obiettivi prioritari Asse III NellAsse III gli obiettivi prioritari sono: 1.Miglioramento dell'attrattività dei territori rurali per le imprese e la popolazione; 2.Mantenimento e creazione di nuove opportunità occupazionali in aree rurali.

25 Gli indirizzi strategici regionali / indirizzi asse IV Le strategie per lAsse Leader porre in essere strumenti per la valorizzazione del metodo Leader, valutando lipotesi di una rivisitazione degli ambiti territoriali che già hanno beneficiato dei contributi durante la programmazione LEADER II e LEADER +, prevedendo anche un possibile ampliamento delle aree rispetto allattuale periodo di programmazione. valorizzare lacquisizione di competenze e animazione prevista dallart. 52 lettera d) del Regolamento quale strumento per superare talune difficoltà di programmazione locale e di gestione dei piani (sia a favore dei GAL che di altre forme di partenariato). I piani di sviluppo locale in ambito LEADER potrebbero concorrere al raggiungimento degli obiettivi dellasse III, ma anche a quelli degli Assi I e II del programma.

26 PSR OPPORTUNITA E CRITICITA OPPORTUNITA sistema di programmazione unico (PSR+Leader), inclusa la gestione di finanziamenti regionali integrativi (AIUTI DI STATO AGGIUNTIVI), per la definizione di un quadro strategico coerente della politica di sviluppo regionale; gestione integrata delle politiche a favore dellimpresa agricola, anche attraverso lerogazione di servizi (e non solo investimenti materiali) approccio strategico e unitario nel settore agroalimentare (integrazione della filiera), anche con iniziative volte a promuovere la conoscenza, il trasferimento delle innovazioni, limplementazione di sistemi di qualità; definizione di nuove politiche per il miglioramento dellambiente e dello spazio rurale, per una valorizzazione del ruolo multifunzioanle dellagricoltura esaltazione del principio di strategia di sviluppo locale per una maggiore territorializzazione degli interventi ed un rafforzamento del partenariato socio-economico, sia nella programmazione che nella gestione del piano, anche attraverso logiche di sviluppo di tipo distrettuale CRITICITA individuazione di adeguati meccanismi finanziari per la riduzione del rischio del disimpegno automatico (overbooking, trascinamento della spesa da attuale programmazione, adeguato compromesso tra qualità della spesa ed efficienza finanziaria) complementarietà e coerenza con altre politiche Definizione di un nuovo sistema gestionale per una maggiore efficienza ed una semplificazione delle procedure


Scaricare ppt "La strategia per il programma di sviluppo rurale 2007-2013."

Presentazioni simili


Annunci Google