La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il programma pluriennale di promozione economico e sociale del Parco dei Castelli Romani.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il programma pluriennale di promozione economico e sociale del Parco dei Castelli Romani."— Transcript della presentazione:

1 1 Il programma pluriennale di promozione economico e sociale del Parco dei Castelli Romani

2 2 Un quadro descrittivo del PPPES Gli elementi significativi del Programma Pluriennale di Promozione Economica e Sociale (PPPES) sono i seguenti: i compiti del PPPES secondo la Legge Regionale 29 del 1997 il processo di costruzione del Programma Pluriennale di Promozione Economico Sociale del Parco dei Castelli Romani analisi delle macrotendenze del territorio dei Castelli Romani la metodologia del DPSIR i temi centrali del PPPES i progetti significativi del PPPES

3 3 I compiti del PPPES secondo la legge regionale Il PPPES, secondo quanto disposto dallarticolo 30 comma 5 della Legge Regionale 29 del 1997, dovrebbe prevedere: sovvenzioni a privati o enti locali per il mantenimento ed il ripristino delle caratteristiche ambientali e paesaggistiche dei luoghi tutelati e delle tipologie edilizie; la predisposizione di attrezzature, di impianti di depurazione e per il risparmio energetico, di servizi e strutture di carattere turistico-naturalistico da gestire in proprio o concedere in gestione a terzi sulla base di specifiche convenzioni; lagevolazione o la promozione di forme di associazionismo cooperativo tra residenti nellambito dellarea naturale protetta per lesercizio di attività tradizionali, artigianali, agroforestali, culturali, di restauro, di servizi sociali e di biblioteche ed iniziative che favoriscano il turismo ecocompatibile; la gestione di speciali corsi di formazione, in conformità del piano regionale di formazione professionale al termine dei quali è rilasciato il titolo ufficiale ed esclusivo di guida dellarea naturale protetta.

4 4 Lobiettivo del PPPES dei Castelli Romani Lobiettivo principale del Programma Pluriennale di Promozione Economica e Sociale è quello di trasformarsi in un laboratorio delle idee nuove e dei sentieri della sostenibilità, costruire una rete delleconomia sostenibile e prendersi la responsabilità di una vera e propria sperimentazione territoriale. Linsieme delle proposte di azioni e di progetti per un futuro sostenibile del territorio contenute nel PPPES del Parco dei Castelli Romani deriva da unanalisi del territorio, che ha coinvolto tutte le parti interessate, relativa ai principali settori dinteresse: sociale, demografico, economico, agricolo forestale, turistico, artistico-culturale, ambientale, istituzionale e con particolare riferimento agli interventi pubblici. I progetti del PPPES tendono a rafforzare la produzione economica locale orientata alla sostenibilità ed alla produzione di ricchezza ecologica, che contribuisce allo sganciamento dalleccessiva dipendenza dalleconomia globale ed investe localmente anche in risorse di tipo finanziario, naturale ed umano, con lobiettivo di produrre una quota significativa del proprio fabbisogno di beni, servizi, alimenti ed energia.

5 5 Processo di costruzione del PPPES Analisi del territorio, analisi SWOT ed individuazione dei macrotrends Individuazione delle idee forza per il miglioramento del territorio Individuazione e selezione delle parti interessate dal PPPES Incontri con le parti interessate dal PPPES Obiettivi e progettualità delle parti interessate Sulla base dellanalisi DPSIR Sulla base dellanalisi dei progetti e delle attività in corso (rilevazione delle capacità progettuali) Progetti del PPPES ripartiti per le quattro aree: Territorio dellabitare Beni Comuni Economia Locale Sostenibile Miglioramento delle capacità umane Temi centrali del PPPES: miglioramento paesaggio agricoltura sostenibile patrimonio boschivo giacimento biodiversità tutela risorse idriche prodotti tipici locali turismo locale sostenibile capitale sociale-relazionale Comunità del Parco Programma Pluriennale di Promozione Economico Sociale

6 6 Incontri con le parti interessate Per costruire il PPPES: sono stati realizzati sette incontri nel corso dei quali sono stati incontrati tutti e 15 i comuni ed oltre 60 soggetti economici e sociali; ogni singolo incontro è stato preceduto da una lettera di convocazione dellEnte Parco, nel quale veniva comunicato lordine del giorno, ovvero la raccolta della progettualità esistente e le proposte di nuove azioni e progetti nel corso della riunione sono state distribuite delle schede di rilevazione dei progetti, che hanno permesso di segnalare progetti e iniziative (finanziati, in corso, proposte di progetti, iniziative culturali) utili ai fini del PPPES; le amministrazioni locali ed i soggetti sociali ed economici sono stati ricontattati in diverse occasione per sollecitare linvio dei propri progetti; le progettualità sono state raccolte e classificate nei successivi tre mesi.

7 7 Rilevazione delle capacità progettuali Le riunioni con gli stakeholders hanno permesso di rilevare le capacità progettuali dei soggetti istituzionali, sociali ed economici presenti sul territorio attraverso delle Schede di Rilevazione, che sono state somministrate e raccolte nel corso delle riunioni: tipologia dintervento asse tematico dintervento titolo proponente soggetti coinvolti luogo / ambito dintervento proprietà descrizione sintetica stato davanzamento canali di finanziamento importo sinergie attivate criticità

8 8 Le macro-tendenze individuate dal PPPES Analisi delle principali tendenze del territorio del Parco dei Castelli Romani: Criticità ambientali: sistema delle acque e produzione di rifiuti Paesaggi, patrimonio e boschi Aspetti demografici ed economici Sistemi agricoli ed agroalimentari Sistemi di trasporto Domanda ed offerta turistica Servizi per migliorare le capacità umane

9 9 Le tendenze: criticità ambientali Aumento della produzione dei rifiuti Abbassamento del livello piezometrico della falda idrica e del livello dei laghi a causa del sovra- sfruttamento e qualità delle acque minacciata dallinadeguatezza dei sistemi comunali di depurazione delle acque reflue.

10 10 Le tendenze: paesaggi, patrimonio e boschi Difficoltà crescenti nella tutela e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e archeologico presente nei centri storici e, più in generale, nei comuni dei Castelli Romani. Territorio caratterizzato da una forte presenza del patrimonio boschivo, ancora scarsamente valorizzato Una gestione territoriale orientata alla promozione economica e sociale dovrebbe conservare e migliorare il funzionamento del buono stato ecologico del territorio come un tutto e non solo conservare una serie di spazi naturali isolati

11 11 Le tendenze: aspetti demografici ed economici Riduzione delle unità locali e degli addetti, nel periodo 1991 e il 2001, nei settori agricolo e di estrazione di minerali e aumento in altri settori legati alle caratteristiche di residenzialità dellarea. Dimensione medio-piccola delle unità locali, tendenti alla conduzione familiare. Costante e considerevole incremento demografico e degli insediamenti, a partire dagli anni 80 e tuttora in atto.

12 12 Le tendenze: sistemi agricoli ed agroalimentari Scarsa capacità di creazione e promozione di un sistema agro- alimentare integrato e di un pacchetto turistico integrato. Sistema delle aziende agricole fortemente parcellizzato, elevata diffusione della coltura della vite (e dellulivo) e 47% dei terreni ad uso agricolo non utilizzato ma costituito da terreni abbandonati o da aree destinate ad attività ricreative. PRODOTTI CERTIFICATI Vini DOCCastelli Romani Bianco; Castelli Romani Rosato; Castelli Romani Rosso; Colli Albani; Colli lanugini; Frascati; Genazzano Marino; Montecompatri Colonna; Velletri; Zagarolo Prodotti alimentari DOPPecorino romano; Ricotta romana; Salamini italiani alla cacciatora Prodotti alimentari IGTKiwi di Latina Casareccio di Genzano Strutture per la tutela e la valorizzazione dei prodotti agroalimentari Consorzio Tutela Vino DOC Frascati; Consorzio Tutela Vino DOC Colli Lanuvini; Consorzio Pane IGP Genoano; Strada del Vino dei Castelli Romani; Distretto delle Eccellenze dei Castelli Romani e Monti Prenestini; Centro di Ricerca per l'Enologia di Velletri Strutture per la valorizzazione e promozione del territorio Istituto Regionale per le Ville Tuscolane (I.R.Vi.T.) Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini Parco di Castelli Romani

13 13 Le tendenze: i sistemi di trasporto Inadeguatezza del trasporto ferroviario che oltre a non collegare tutti i comuni dei Castelli Romani è a binario unico non consentendo lintroduzione di ulteriori corse al fine di mitigare lattuale situazione di saturazione delle linee esistenti. Forte aumento della densità di autovetture, come mostrato dalla graduatoria dellindicatore densità da autovetture (veicoli circolanti per kmq) che mostra sette comuni dellarea del Parco in cima alla graduatoria relativa ai comuni del Lazio e conseguente aumento delle fonti di inquinamento dellaria Tabella: Graduatoria comuni del Lazio per densità autovetture. Anno 2005 Comune Densità autovetture Ciampino1920,64 Roma1417,41 Albano Laziale889,03 Marino861,53 Genzano di Roma751,52 Frosinone697,85 Mentana688,83 Ladispoli681,58 Monte Porzio Catone656,20 Ariccia643,63 Grottaferrata641,34 Colonna622,00 Anzio612,32 Frascati568,94 Guidonia Montecelio540,73 Monterotondo493,04 Isola del Liri459,31 Colleferro446,22 ……………………….. ……………………….. Micigliano2,16 Fonte: Area Statistica Regione Lazio

14 14 Le tendenze: offerta e domanda turistica Maggior peso, in termini di offerta di posti letto, delle strutture alberghiere rispetto ad altre strutture ricettive Prevalenza di un turismo giornaliero e scarsa capacità di intercettare flussi turistici su catene lunghe della distribuzione. Forte concentrazione del flusso di turisti (in termini di arrivi e presenze) in alcune aree quali Frascati, Albano Laziale, Rocca di Papa, Grottaferrata e Genzano di Roma.

15 15 Le tendenze: servizi per migliorare le capacità umane Scarsa organizzazione e presenza, rispetto allaumento delle funzioni residenziali dellarea, dei servizi per il miglioramento delle capacità umane, dei servizi per la qualità della vita e dei servizi culturali. Tabella: Strutture per attività culturali e strutture sanitarie nel Parco dei Castelli Romani e popolazione Comune Offerta culturale 2008 (n.)Strutture sanitarie 2008 (n.) Popolazione 2007 Bibliote che Cinema Circoli culturali MuseiTeatri Case di cura ClinicheIstitutiOspedali Albano Ariccia Castel Gandolfo Frascati21 (8 sale) Genzano di Roma 1 (3 sale) Grottaferrata Lanuvio Lariano Marino Monte Compatri Monte Porzio Catone Nemi Rocca di Papa Rocca Priora Velletri11 (4 sale) Fonte:

16 16 Con il DPSIR si trovano le risposte Determinanti Pressioni Stato Impatto Risposte Regolano, modificano, sostituiscono, eliminano abbattano, riducono, prevengono migliorano, ripristinano, influenzano determinano influenzano, alterano provocano stimolano richiedono mitigano analisi territoriale, analisi SWOT, individuazione delle macrotendenzaModello DPSIRProgetti e PPPES

17 17 Le risposte sono i progetti del PPPES Per risolvere i problemi che derivano da: Determinanti (edilizia, trasporti, turismo, agricoltura, etc.) che provocano problemi ambientali e sociali nellarea del territorio; Pressioni (inquinamento del suolo, dellaria, dellacqua, rifiuti, etc.) sullambiente che dipendono dalla quantità delle forze determinanti e dalleco-efficienza; Qualità dello stato dellambiente (paesaggio, laghi, suolo, boschi, etc), che presenta elementi di degrado; Impatti sulleconomia (riduzione fertilità suoli agricoli, perdita di reddito generata da possibili attività agricole, riduzione dei ricavi da flussi turistici dovuta al peggioramento del paesaggio, etc) e sulla società (peggioramento dello stato di salute per inquinamento dellaria e dellacqua, etc) Il PPPES ha individuato delle idee forza e dei progetti da avviare o da rafforzare (complessivamente 77), che rappresentano le risposte ai problemi, individuati con la metodologia DPSIR

18 18 Le idee forza del PPPES (1) Miglioramento del paesaggio e del buon stato ecologico del territorio Temi centrali del PPPES: miglioramento paesaggio agricoltura sostenibile patrimonio boschivo giacimento biodiversità tutela risorse idriche prodotti tipici locali turismo locale sostenibile capitale sociale-relazionale Lobiettivo dovrebbe essere quello di conservare e migliorare il funzionamento ecologico della matrice territoriale e non unicamente di conservare una serie di spazi naturali isolati: le risorse e i servizi territoriali sono un patrimonio comune insostituibile, con una capacità limitata che non potrà mai sostenere una crescita illimitata, né tantomeno venire rimpiazzata una volta subiti danni irreversibili. Una nuova cultura del territorio deve avere come priorità frenare il consumo del suolo, la produzione di cemento, riorientando la crescita urbana verso un altro modello basato su una rete di centri più densi, misti e polifunzionali, socialmente integratori, in cui si riduca significativamente limpronta ecologica del metabolismo collettivo, riducendo le importazioni di materiali ed energia da luoghi molto lontani. E questo che permette il miglioramento del paesaggio, che è la percezione umana del territorio, e la sua configurazione diviene lespressione territoriale del nostro metabolismo sociale. Per una nuova cultura del territorio tutti i paesaggi devono venir intesi come uno specchio che riflette la gamma di relazioni che la nostra società mantiene con la natura.

19 19 Le idee forza del PPPES (2) Rafforzamento e promozione dellagricoltura sostenibile Temi centrali del PPPES: miglioramento paesaggio agricoltura sostenibile patrimonio boschivo giacimento biodiversità tutela risorse idriche prodotti tipici locali turismo locale sostenibile capitale sociale-relazionale Occorre adattare al meglio i sistemi di produzione agricola alle condizioni ecologiche locali privilegiando la crescita e lo sviluppo delle piante selezionate senza sconvolgere gli ecosistemi di origine, né combattere eccessivamente i parassiti ed agenti patogeni, traendo profitto dai cicli del carbonio, dellazoto e degli elementi minerali. Una politica agricola ecologica deve permettere agli agricoltori di valorizzare le diversità dei territori e le caratteristiche ecologiche del paese, associando agricoltura, allevamento, trasformazione locale dei prodotti e loro commercializzazione locale e migliorando la durevolezza della produzione con il riciclaggio dei residui organici allinterno delle imprese, lo stoccaggio del carbonio nel suolo, la massima copertura vegetale dei terreni, prati arricchiti di leguminose, rotazioni di colture che comprendono leguminose da foraggio e coltivazioni proteiniche, economie dacqua, ricostituzione ed ampliamento dei terreni boscosi. La ristorazione collettiva (mense comunali, scolastiche, universitarie, ospedaliere, aziendali, catering), attraverso lintroduzione dei criteri ecologici e sociali nei capitoli di acquisto (green public procurement), le associazioni di solidarietà ed i mercati dei contadini, potrebbero favorire lagricoltura durevole di qualità, biologica e biodinamica, ed a km zero possono favorire tale percorso.

20 20 Le idee forza del PPPES (3) Tutela e valorizzazione del patrimonio boschivo e delle sue funzioni ecosistemiche ed economiche Temi centrali del PPPES: miglioramento paesaggio agricoltura sostenibile patrimonio boschivo giacimento biodiversità tutela risorse idriche prodotti tipici locali turismo locale sostenibile capitale sociale-relazionale Il PPPES assegna un ruolo fondamentale al patrimonio boschivo affermando i diritti di sovranità sulle risorse forestali ed il loro uso sostenibile. Fra le problematiche più discusse in campo forestale vi sono: lespansione della superficie forestale in seguito allabbandono delle attività agricole, linnalzamento del limite del bosco, il miglioramento del patrimonio forestale, le funzioni svolte dal bosco da privilegiare, linquinamento dellaria e il riflesso sulle foreste, il pascolo in bosco, labbondanza di fauna selvatica, gli attacchi parassitari, gli incendi, la parcellizzazione esasperata della proprietà, lerosione del suolo ecc.. LEnte Parco può favorire le attività volte a: certificare i boschi; promuovere larboricoltura; promuovere la sperimentazione di nuovi prodotti da scarti del legno. Inoltre una delle funzioni ecologiche fondamentali delle foreste è la loro capacità di sequestrare carbonio dallatmosfera: una funzione fondamentale, in quanto le emissioni antropiche di anidride carbonica in atmosfera sono aumentate a livelli tali da alterare in maniera significativa lequilibrio naturale del ciclo del carbonio e divenendo causa fondamentale del problema dei cambiamenti climatici. LEnte Parco può promuovere schemi di compensazione delle emissioni e rilascio di crediti compatibili con i meccanismi flessibili di Kyoto

21 21 Le idee forza del PPPES (4) Tutela e gestione del giacimento di biodiversità e dei suoi valori ecosistemici ed economici Temi centrali del PPPES: miglioramento paesaggio agricoltura sostenibile patrimonio boschivo giacimento biodiversità tutela risorse idriche prodotti tipici locali turismo locale sostenibile capitale sociale-relazionale La costante erosione della biodiversità minaccia di indebolire la catena di beni e servizi gratuiti che gli ecosistemi offrono alle persone, risorse semplici e vitali come la fornitura dacqua potabile, la depurazione delle acque e dellaria, la protezione contro le calamità naturali ed i rischi ambientali, la tutela del suolo. I problemi relativi alla tutela della natura devono quindi integrarsi in una vera e propria strategia e non venire trattate autonomamente, in modo marginale o secondario. Tra le sfide che si aprono oggi per la gestione della biodiversità nel Parco, va ricordato: l'inventario della biodiversità animale e vegetale; il monitoraggio di specie minacciate per conoscere lo status delle loro popolazioni ed identificare gli interventi di conservazione; lo studio delle caratteristiche dei corridoi ecologici; l'identificazione delle fratture nella continuità ecologica del paese e degli interventi infrastrutturali necessari ad eliminarle; l'identificazione di tecniche di gestione naturalistica degli ecosistemi tipici in grado di conciliare la salvaguardia degli ecosistemi con il loro sfruttamento agro-silvo- pastorale; la creazione di orti botanici e vivai in grado di conservare la biodiversità floristica.

22 22 Le idee forza del PPPES (5) Tutela del patrimonio idrico e della qualità delle acque Temi centrali del PPPES: miglioramento paesaggio agricoltura sostenibile patrimonio boschivo giacimento biodiversità tutela risorse idriche prodotti tipici locali turismo locale sostenibile capitale sociale-relazionale Nel territorio dei Castelli Romani i corpi idrici caratterizzanti sono il Lago di Albano e il Lago di Nemi, i cui livelli si sono abbassati. Laumento della richiesta idrica nel campo idropotabile, industriale e agricolo da parte dei comuni ricadenti nel territorio ha determinato un aumento del numero delle perforazioni, un aumento dei volumi di portata delle singole opere con conseguente depauperamento progressivo del volume di acqua delle falde idriche. Inoltre laumento dellemungimento da pozzi unito a una diminuzione dellinfiltrazione efficace, hanno comportato condizioni di sovrasfruttamento degli acquiferi, con gravi conseguenze sulla quantità e qualità della risorsa idrica (forte riduzione della portata e talvolta il prosciugamento delle principali sorgenti). Infine si è evidenziato un inquinamento chimico e microbiologico con la presenza di sostanze organiche, ioni ammonio e nitroso, nitrati e metalli pesanti e la diffusione di indici di contaminazione fecale. Il patrimonio idrico dei Castelli Romani va tutelato perché questo rappresenta non solo un fattore fondamentale per la qualità della vita ed il benessere dei cittadini e dei turisti ma anche per il paesaggio naturale e storico dei Castelli.

23 23 Le idee forza del PPPES (6) Tutela, valorizzazione promozione dei giacimenti enogastronomici locali Temi centrali del PPPES: miglioramento paesaggio agricoltura sostenibile patrimonio boschivo giacimento biodiversità tutela risorse idriche prodotti tipici locali turismo locale sostenibile capitale sociale-relazionale Il Parco deve orientare la politica agricola in modo da fare emergere le potenzialità mostrate dai prodotti tipici; ciò garantisce uneffetto leva nei confronti di altri prodotti e nella crescita del livello qualitativo medio dei prodotti agroalimentari locali e della loro immagine, chiave di volta di un progetto di valorizzazione. È necessario dare voce e forma a quei prodotti che sono in minoranza per la dimensione economica dei loro produttori-artigiani e per la difficoltà di arrivare a mercati e di essere conosciuti. Tali prodotti sono veri e propri giacimenti, per il loro contenuto artistico-manuale, per la ritualità che esprimono, per la loro storia e tradizione, per le valenze comunicativo-economiche di medium che contengono, in grado di rispondere ai marchi, alle marche e alle etichette dei prodotti globali. Nelle aree dei Castelli Romani lartigianato alimentare è indissolubilmente legato allagricoltura e si manifesta in prodotti di assoluto valore, anche se quantitativamente scarsi. Sono prodotti che possono sopravvivere solo se il territorio circostante vive integro e salubre, se il consumatore intelligente impara ad apprezzarli e se è disposto a pagarli il giusto prezzo. Promuovere le produzioni tradizionali rappresenta il modo più saggio ed efficace per garantire tutela dellambiente, promozione culturale e qualità dello sviluppo.

24 24 Le idee forza del PPPES (7) Promozione del turismo locale sostenibile e responsabile Temi centrali del PPPES: miglioramento paesaggio agricoltura sostenibile patrimonio boschivo giacimento biodiversità tutela risorse idriche prodotti tipici locali turismo locale sostenibile capitale sociale-relazionale La risorsa naturale é la variabile più importante, insieme al tempo libero, qualità del servizio, viaggio, sicurezza, organizzazione e accoglienza, che incide sulla scelta della destinazione turistica e le motivazioni della partenza. Oggi il Parco deve cogliere è lesplosione delle micro vacanze, vacanze responsabili e sostenibili. Il micro vacanziere chiede di visitare il frantoio, di capire come si sceglie il vitigno, come si produce il pane di Lariano o la porchetta di Ariccia, cerca di mangiare in luoghi dove si possono gustare i sapori di una volta, antichi e quindi preziosi. Il micro vacanziere riporta a casa il paesaggio, le passeggiate, i luoghi naturali, larte, ma anche i prodotti tipici locali ed artigianali, e i prodotti piccoli, rari e nascosti. Il Parco, data la vicinanza con Roma, è il classico luogo delle microvacanze, se riesce a giocare un ruolo fondamentale dato che solo la conservazione del territorio permette una crescita della consapevolezza del valore natura sia nei fruitori che negli abitanti e negli operatori locali, a cui può essere consentito di continuare a vivere e lavorare sul proprio territorio. A tal fine il Parco ha intenzione di avviare la sperimentazione di un marchio di qualità ambientale, su base di adesione volontaria, e limplementazione dei principi dellecoturismo con lapplicazione della Carta europea del turismo durevole nelle aree protette.

25 25 Le idee forza del PPPES (8) Rafforzamento del capitale culturale, sociale e relazionale per migliorare le capacità umane Temi centrali del PPPES: miglioramento paesaggio agricoltura sostenibile patrimonio boschivo giacimento biodiversità tutela risorse idriche prodotti tipici locali turismo locale sostenibile capitale sociale-relazionale Migliorare la capacità umana significa aumentare – attraverso leducazione, la formazione e la cultura – la capacità degli individui di trasformare i beni di cui si dispone in soddisfacimento dei bisogni. Migliorare i beni relazionali significa investire sulla coesione sociale, sulla trama sociale, le reti fiduciarie, desertificate dalla mercatizzazione e dallurbanizzazione della vita. È indispensabile investire sul miglioramento delle capacità umane, ovvero su ciò che le persone sono effettivamente in grado di fare e di essere, avendo come modello il proposito di una vita meritevole della dignità che spetta agli esseri umani. Cè bisogno di azioni e progetti che tutelino e promuovano i diritti e di politiche abilitanti le capacità delle persone, perché è attraverso lesercizio delle capacità che le persone possono autorealizzarsi. Il Parco non può agire direttamente, ma attraverso le reti, che può promuovere, per rafforzare il capitale sociale, fiduciario e relazionale delle comunità dei residenti: il territorio dei Castelli Romani deve quindi essere considerato non solo un luogo lontano dagli stress cittadini ma anche un luogo dove vivere bene, dove promuovere le proprie capacità ed avere la possibilità di migliorare la propria integrità personale.

26 26 I progetti per lasse territorio dellabitare Criticità: Elevata densità abitativa; Popolazione nuova non legata al territorio; Sovra-sfruttamento delle risorse naturali e eccessiva produzione di rifiuti ed emissioni; Deboli politiche per ridurre i rifiuti. Opportunità: Stimolare leconomia locale con micro interventi di miglioramento urbanistico e urbano; coinvolgimento della popolazione per valorizzare idee e proposte di cittadini ed operatori; finanziamenti per lambiente. Progetti (12): Interventi di microurbanistica partecipata Potenziamento delle isole ecologiche Compost-iamo insieme Ri-nuovo Non disperdere nellambiente dopo luso Attivazione e promozione del car pooling Aumento delle piste ciclabili Cittadino in poltrona Concorso Storia al Centro Acquisizione, sistemazione e istituzione del Parco comunale di Ponticello Centri storici in fiore

27 27 I progetti per lasse beni comuni (1) Criticità: Deboli politiche energetiche per lefficienza energetica; Condizioni critiche dei laghi (a rischio quantità e qualità); Pressione ambientale dovuta allaumento demografico; Risorse forestali poco valorizzate e scarsamente fruite; Assenza di una visione e di un progetto comune di valorizzazione. Opportunità: Incentivazione del solare termico e fotovoltaico e pratiche di risparmio energetico negli edifici; Mantenere le condizioni vitali dei bacini idrici; Gestione sostenibile e certificazione dei boschi; Attivazione di iniziative ricreative (sentieri, eventi sportivi, attività socialmente utili ecc.) per far vivere i boschi ai cittadini. Progetti (26): Regolamenti edilizi per favorire lefficienza energetica degli edifici Illuminazione pubblica Edifici efficienti Il calore della Terra Campagna di sensibilizzazione La vera energia rinnovabile è quella che non si consuma Premio Scuole virtuose Giornate senza auto Pubblicazione dei dati sulla qualità dellaria Salviamo i laghi: promozione e diffusione dellacquisto di dispositivi per il risparmio idrico Promozione del riutilizzo dellacqua piovana e delle acque grigie

28 28 I progetti per lasse beni comuni (2) Progetti (26 cont.): Campagna Mi lavo di meno Obbligatorietà di norme per il risparmio idrico allinterno dei regolamenti edilizi Depuratori in regola Potenziamento delle attività di controllo dei pozzi Boschi e acqua Comuni contro il dissesto idrogeologico Boschi vivi Non scherzate col fuoco Biomonitoraggio della qualità dellaria del Parco dei Castelli Romani Adotta il sapere Riqualificazione delle Ville Rinascimentali di Frascati e inserimento in un percorso eco-turistico No effetto serra forest Acquisizione dellarea boschiva a Monte Ceraso Lacqua è un bene prezioso Recupero casali Mezzaposta e Capanna Bruciata Riqualificazione ambientale del Ninfeo Bergantino

29 29 Progetti per lasse economia locale sostenibile (1) Criticità: Parcellizzazione delle imprese agricole; Presenza di terreni agricoli non utilizzati; Piccole imprese a conduzione familiare; Offerta turistica non omogenea tra i diversi comuni dellarea; Scarsa offerta di bed & breakfast e agriturismo; Scarsa immagine unitaria e coordinata dei Castelli Romani nei 15 comuni. Opportunità: Rivitalizzazione delle attività agricole con accorpamento; Creazione di un distretto verde dei Castelli Romani caratterizzato da attività di alta qualità ed eco-compatibili; Vicinanza con Roma: ampio bacino di utenza, possibilità di intercettare i flussi turistici; Nuove possibilità legate al turismo ambientale e culturale; Parco come promotore di iniziative comuni; Crescente attenzione verso la tipicità e le tradizioni locali. Progetti (21): Promozione dei sistemi di gestione ambientale e delle certificazioni di prodotto Censimento delle attività tradizionali locali Salvaguardia tecnologie a basso impatto ambientale Promozione e sviluppo delle attività legate al territorio Istituzione di un marchio di filiera corta per prodotti da agricoltura biologica (Bio a km zero) Mercati biologici locali Introduzione di prodotti biologici e a filiera corta nelle mense scolastiche Promozione del turismo sostenibile Osteria o Enoteca del Parco

30 30 Progetti per lasse economia locale sostenibile (2) Progetti (21 cont.): I Castelli per tutti Coltivazioni agricole per la produzione di biomasse e creazione filiera Accorpamento proprietà agricole Itinerario equestre, compatibile con il Piano di assetto per le zone di riserva generale Sportello eco-sociale Sentieri interattivi Promozione e diffusione del Green Public Procurement Calendario di sagre e feste tradizionali Corso in Tecniche di Comunicazione, metodi e strumenti per la gestione delle visite guidate Portale Meridionale del Parco dei Castelli Romani Mangialonga Cose mai viste

31 31 I progetti per lasse capacità umane (1) Criticità: Scarsa concertazione tra gli enti locali; Iniziative di integrazione sociale fragili e con scarso supporto istituzionale; Saturazione delle risorse per le visite scolastiche e guidate. Opportunità: Messa in rete delle iniziative di integrazione sociale presenti; I Castelli Romani come distretto della ricerca e dello sviluppo; Formazione di nuovi operatori; Parco come promotore della partecipazione e delle iniziative locali: definizione di obiettivi condivisi e coinvolgimento attivo di attori esterni agli enti pubblici Progetti (18): La salute nei Castelli Romani Alfabetizzazione e scambio culturale estivo per ragazzi Sport senza frontiere e senza barriere Nati per leggere Campagna di comunicazione sulla legalità Programmi liberi Laboratorio Musicalambiente Riqualificazione ambientale del Centro federale di canoa Parco diffuso delle scienze astronomiche e geofisiche

32 32 I progetti per lasse capacità umane (2) Progetti (18 cont.): Lavandiamo Collina degli Asinelli per i non vedenti Museo del bosco Nel bosco tra i patriarchi Per fare un frutto.. Formazione permanente agli stili di vita sostenibili La barca elettrica del Parco Collina degli Asinelli Didattica nelle scuole


Scaricare ppt "1 Il programma pluriennale di promozione economico e sociale del Parco dei Castelli Romani."

Presentazioni simili


Annunci Google