La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C.A.S.A. AGRITURISMO SOCIALE ABBIAMO UN bi - SOGNO GLH Marconi maggio 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C.A.S.A. AGRITURISMO SOCIALE ABBIAMO UN bi - SOGNO GLH Marconi maggio 2012."— Transcript della presentazione:

1 C.A.S.A. AGRITURISMO SOCIALE ABBIAMO UN bi - SOGNO GLH Marconi maggio 2012

2 Corriere della Sera / 2010 tre articoli che fanno riflettere LA FATTORIA DIVENTA SOCIALE Lagricoltura per curare e recuperare L AGRICOLTURA HA MESSO IL TURBO Mentre industria e servizi non crescono è boom per leconomia legata alla terra EUROPA NO-PROFIT, 2 MILIONI DI IMPRESE Approvato il Rapporto sulleconomia sociale della UE Terzo settore in crescita ovunque. Occupati in aumento

3 CHI SIAMO Familiari e parenti di persone con disabilità di diversa tipologia e gravità. A questo iniziale nucleo promotore si sono aggiunte nel tempo altre persone e realtà organizzate: Cooperativa sociale Cascina Bianca Poli in rete : progetto illab,laboratorio dellabitare Fondazione I care, Ancora Coordinamento Persone Con Disabilità Sud Milano Ageha onlus (ass famiglie per la tutela dei diritti delle PcD

4 IL BISOGNO Dalla famiglia alla comunità residenziale: percorsi di avvicinamento alla residenzialità e soluzioni di residenzialità assistita per persone con disabilità medio-grave. Dalla famiglia allautonomia: percorsi assistiti di autonomia lavorativa e abitativa per persone con disabilità lieve.

5 LA RISPOSTA Attivare una struttura sperimentale di tipo residenziale per disabili adulti gravi e medi, chiamata C.A.S.A. (Comunità per lAccoglienza, la Salute e lAssistenza), in vista della separazione dai genitori e del dopo di noi o in situazioni di crisi della famiglia di origine. Creare un nuovo modello di fattoria / agriturismo sociale a carattere polifunzionale, recuperando una cascina dismessa o riconvertendone una ancora attiva.

6 IL SOGNO Costruire un modello integrato di housing sociale, che preveda un mix abitativo (disabili, famiglie economicamente fragili, famiglie consapevoli) e un mix funzionale (servizi alla persona, servizi di accompagnamento allabitare, commercio, spazi pubblici, attività culturali e animative).

7 LE LINEE GUIDA DEL PROGETTO deve essere in grado di autofinanziarsi e deve essere inserito nella normale dinamica di mercato, non deve essere una realtà che può sopravvivere solo grazie a sovvenzioni; deve essere inserito a pieno titolo nel tessuto sociale, economico e del territorio, non deve essere un isola felice, ma separata e totalmente avulsa dalla normalità; deve essere una soluzione concreta e praticabile, non deve essere un esempio irripetibile e frutto di uno straordinario sforzo volontario. Intende essere una realtà economicamente sostenibile, inserita nelle dinamiche ormai mixed del welfare: sostegno pubblico (rette e sovvenzioni), mercato e privato sociale/volontariato

8 LA SOSTENIBILITA A. Le rette dei servizi residenziali o semi-residenziali B. Gli introiti dellAzienda agrituristica: ristorante, accoglienza agrituristica, commercializzazione prodotti C. Gli affitti degli appartamenti in locazione

9 IL PROGETTO IN SINTESI Lidea è di creare un modello di FATTORIA / AGRITURISMO polifunzionale. Recuperare una cascina dimessa o intervenire su una ancora in attività ubicata nel PARCO AGRICOLO SUD MILANO per destinarla a divenire: centro di riferimento per i prodotti a marchio PARCO AGRICOLO SUD MILANO, dotarla di un ristorante di qualità, Slow Food sta già collaborando con il Parco sul tema dei prodotti tipici e dei gusti della nostra pianura, renderla un luogo da proporre ai milanesi per conoscere, nel tempo libero, la realtà della campagna, una cascina didattica da proporre alle scuole come centro servizi per lo sviluppo di progetti di istruzione che mettano lambiente al loro centro, una casa famiglia autosufficiente, per disabili in grado di sviluppare una attività lavorativa, impegnandoli nelle attività sopra descritte, un centro di intervento integrato per la disabilità, in particolare per le attività collegate allesperienza dellippoterapia, ma non solo.

10 IL MODELLO La marginalità al centro: costruire un luogo di senso e di relazioni significative per chi vi abita a partire dalle situazioni di fragilità Il volontariato la risposta integrata alle situazioni di non-autosufficienza, parziale o totale

11 LA FATTIBILITA / economica compatibilità del piano economico: scenario competitivo specificità di offerta del progetto investimenti piano di rientro degli investimenti redditività attesa

12 LA FATTIBILITA / sociale compatibilità del piano di intervento sociale coerenza del progetto con le reali necessità dei soggetti a cui è destinato equilibrio economico tra linvestimento richiesto e i servizi forniti capacità di rispondere in modo significativo alle esigenze di un bacino dutenza individuato.

13 UN PROGETTO WIN WIN per i proprietari dellarea individuata: lopportunità di valorizzare il piano di recupero possibilità di ottenere dagli enti pubblici coinvolti migliori condizioni di perequazione sul piano di recupero per gli enti pubblici: opportunità di sviluppare un piano di intervento sulle categorie deboli a costi marginali loccasione di segnalarsi come ente virtuoso attraverso un progetto innovativo e replicabile rendere produttivo il territorio in modo socialmente e ambientalmente positivo e compatibile per chi partecipa al progetto dal punto di vista imprenditoriale: la possibilità di poter attivare iniziative commerciali in ambiti normalmente non disponibili per le famiglie di soggetti disabili poter contare su uniniziativa che risponda ad una delle loro esigenze più forti: individuare una soluzione per la vita autonoma dopo il percorso scolastico poter contare su uniniziativa che si autofinanzi e che chieda alle famiglie un intervento economico basato sui servizi erogati Per concludere è banale far notare come questa idea si inserisca nelle linee guida di EXPO 2015

14 Un esempio vicino a noi Come fonte di ispirazione del presente progetto, si cita lesperienza milanese del Villaggio Barona che, sperimentando nuove soluzioni in tema di housing sociale, si articola su cinque principali ambiti funzionali: Attività di servizio alla persona (inaugurato fine 2008). Qui trovano posto le iniziative di assistenza e di accompagnamento sociale Nuove residenze (inaugurate nel 2003). Le abitazioni sono 82, prevedono due fasce di canone di affitto agevolato Le attività commerciali (12) (inaugurate nel 2003) sono collocate allinterno del complesso e aperte alla città. Pensionato sociale integrato (inaugurato nel 2005). È una struttura con 120 posti letto gestita da una cooperativa sociale Parco ad uso pubblico (in fase di completamento, il primo pezzo è stato aperto nel 2006). Occupa circa mq

15 Lo stato dellarte Il progetto è stato presentato a: REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO PRESIDENZA PARCO AGRICOLO SUD MILANO COMUNE DI CORSICO La sede individuata ad oggi è: Cascina Guardia di Sotto – Corsico ( proprietà famiglia Brivio Sforza)

16 Guardia di Sotto

17

18 Un progetto di rete Il progetto non può e non deve fermarsi qui, deve invece creare una rete: Luoghi di autonomia temporanea, es. Buccinasco Castello Luoghi di residenzialità, es. recupero immobili nellambito delle cascine del Parco Sud Luoghi di lavoro, es. attività collegate allaccoglienza nellambito di EXPO 2015

19 Come si va avanti 25/5/2012 ORE / presso IL BALZO via Ceriani, 14 - Baggio Riunione operativa di tutte le realtà del sud Milano interessate al progetto, obiettivo organizzare una CONVENTION sul tema AUTONOMIA e FUTURO Ottobre 2012 CONVENTION AUTONOMIA e FUTURO

20 GRAZIE PER TUTTO QUANTO CI AIUTERETE A FARE PER REALIZZARE IL NOSTRO bi - SOGNO UNA VOLTA TANTO CON LORGOGLIO DELLA DIVERSA ABILITA

21 C.A.S.A AGRITURISMO SOCIALE ABBIAMO UN bi -SOGNO maggio 2012


Scaricare ppt "C.A.S.A. AGRITURISMO SOCIALE ABBIAMO UN bi - SOGNO GLH Marconi maggio 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google