La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cosè il telelavoro. Attitudini e giornata-tipo del telelavoratore Patrizio Di Nicola Coordinatore Nazionale Progetto ETD.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cosè il telelavoro. Attitudini e giornata-tipo del telelavoratore Patrizio Di Nicola Coordinatore Nazionale Progetto ETD."— Transcript della presentazione:

1 Cosè il telelavoro. Attitudini e giornata-tipo del telelavoratore Patrizio Di Nicola Coordinatore Nazionale Progetto ETD

2 22 Cosè il Telelavoro n n Conosciuto nei paesi di lingua inglese come Telework o Telecommute può essere definita come una modalità di lavoro indipendente dalla localizzazione geografica dellufficio o dellazienda che prevede limpiego di sistemi informatici e telematici. E' applicabile sia ai lavoratori dipendenti che al lavoro autonomo e a una vasta gamma di professioni o lavori.

3 33 Possiamo distinguerlo in: n n Telelavoro da casa n n Telelavoro da telecentro n n Telelavoro mobile n n Telelavoro Office-to-Office n n Ufficio e Azienda Virtuale

4 4 La storia del telelavoro. Gli anni 60: lutopia n n La disponibilità di grandi computer, terminali e reti di collegamento porta alcuni futurologi americani a parlare della possibilità di lavorare da casa; n n Alcuni si spingono oltre e prevedono il ritorno dellindustria casalinga pre-industriale, con il computer al posto del filatoio.

5 55 La storia del telelavoro. Gli anni 70: la necessità n n La crisi petrolifera impone la riduzione dei consumi energetici n n Jack Nilles conia il termine telecommuting per indicare lo spostamento telematico del lavoro anziché quello fisico dei lavoratori; n n AT&T, Bell e altre compagnie telefoniche americane e canadesi iniziano a sperimentare internamente il telelavoro, spesso come test per la commercializzazione di nuovi prodotti e servizi;

6 66 La storia del telelavoro. Gli anni 80: loblio n n Passati i motivi che lo rendevano appetibile, il telelavoro rimane nei pensieri degli studiosi e delle aziende di informatica; n n Intanto la disponibilità di computer personali e casalinghi aumenta e con esso il numero delle persone, spesso lavoratori autonomi, che hanno lufficio in casa (home-office); n n Le grandi aziende, grazie a Internet, iniziano ad aprire le reti interne a chi vuole lavorare da casa oltre lorario dufficio;

7 La storia del telelavoro. Gli anni 90: la rinascita n n Si moltiplicano gli studi e le sperimentazioni del telelavoro, nascono i primi telecentri e le associazioni di telelavoratori; n n I governi americani e europei lanciano programmi di finanziamento e incentivazione del telelavoro; n n Internet permette il telelavoro a basso costo e alla portata di molte piccole imprese; n n Sono disponibili software per il telelavoro (Groupware, Tele e Video comunicazione)

8 Oggi: il concetto si espande n n Telelavoro n n Telecommercio n n Telecooperazione Lavoro in rete

9

10 10 Cosa si richiede ai telelavoratori a domicilio n Dalla standardizzazione delle conoscenze alla polivalenza n Dalladesione ai modelli formali alla predisposizione al cambiamento n Dalla fedeltà alla creatività n Dallattitudine comunicativa monodirezionale a quella pluri- direzionale

11 11 Formazione e carriera dei telelavoratori n La formazione da strumento per risolvere problemi aziendali o lacune individuali diviene strumento idoneo a favorire il cambiamento e lo sviluppo organizzativo n Dalla formazione in aula a quella a distanza autogestita n La carriera dalla co-optazione alla valutazione dei potenziali evolutivi

12 12 La valutazione dei telelavoratori n Impossibilità della valutazione informale n Criticità della sola valutazione formale / posizionale / burocratica n Dalla valutazione dei comportamenti a quella dei risultati n Larte di fissare i compiti e valutare i risultati ….

13 13 Una difficile transizione tra due stili di management n By View –Controllo formale –Supervisione gerarchica –Compiti a breve –Interazioni frequenti –Formazione limitata –Gerarchia posizionale n By Vision –Controllo sui risultati –Supervisione orientativa, milestones –Compiti complessi –Formazione continua –Coaching

14 14 Le principali richieste aggiuntive per i capi n Organizzare il lavoro tra chi è dentro e chi è fuori n Gestire gruppi di lavoro distanti e autoregolati n Supporto nel superamento delle nuove difficoltà (familiari e lavorative) dei telelavoratori

15 15 Innescare un processo sistemico n n Cosa evitare: – –la semplice delocalizzazione del posto di lavoro – –il trasferimento dellorologio segna tempo dallufficio a casa – –lequivalenza telelavoro=benessere dei disabili – –lincertezza del management – –linattività del lavoratore n n Cosa ricercare: – –un nuovo metodo per gestire i dipendenti n n processi di auto- attivazione dei lavoratori n n ruolo di coach dei manager – –un nuovo metodo per costruire progetti e VALUTARNE i risultati – –Un nuovo metodo per il lavoro cooperativo – –La soddisfazione nel lavoro….

16 16 Il controllo della prestazione n Caso1: Terminalista –Determinazione del carico di lavoro a breve –Determinazione dei processi di trasferimento dati –Ritorni periodici per socialità –Controllo di qualità n Caso2: Ricercatore –Definizione gruppo di lavoro –Determinazione obiettivi collettivi/individuali –Contrattazione tempi –Verifica obiettivi e tempi –Ritorni periodici funzionali

17 17 Sopravvivere a casa….

18 18 Concetti: Ruolo - Status Ruolo Ruolo –I l ruolo è l'aspetto dinamico di una posizione sociale. Sebbene sia indistinguibile dallo status, che ne rappresenta invece l'aspetto strutturale, il concetto di ruolo mette in rilievo il fatto che ad una posizione sociale è connesso un modello organizzato di aspettative relative a compiti, condotte, atteggiamenti, valori e relazioni reciproche che devono essere mantenute dalle persone che occupano posizioni specifiche all'interno di un gruppo. –I l ruolo è l'aspetto dinamico di una posizione sociale. Sebbene sia indistinguibile dallo status, che ne rappresenta invece l'aspetto strutturale, il concetto di ruolo mette in rilievo il fatto che ad una posizione sociale è connesso un modello organizzato di aspettative relative a compiti, condotte, atteggiamenti, valori e relazioni reciproche che devono essere mantenute dalle persone che occupano posizioni specifiche all'interno di un gruppo.

19 19 Concetti: Ruolo - Status Status Status –Lo status è l'aspetto strutturale di una posizione sociale. Il concetto di status mette in rilievo il fatto che ad una posizione sociale sono connessi dei modelli culturali che ne definiscono l'insieme dei diritti e doveri a prescindere da coloro che concretamente occupano tale posizione. Uno status, a seconda del sistema di relazioni sociali dal quale è definito, può essere determinato dalla nascita in base a particolari qualità o caratteristiche dell'individuo (status ascritto), come il sesso, l'età, la famiglia di appartenza, la razza, ecc.; oppure può essere aperto alla competizione e quindi conseguito volontariamente dall'individuo in base al possesso di determinate capacità o abilità funzionali (status acquisito). n

20 20 Riferimento teorico: la teoria drammaturgica di Goffman Goffman, Erving La vita quotidiana come rappresentazione, Il Mulino, Bologna, 1969 [ed. or. 1959]

21 21 n Alla base della teoria vi è la constatazione che, nella vita quotidiana, ciascuno tende a comportarsi come se fosse un attore: "interpreta una parte" e chiede a chi lo osserva "di prendere sul serio quanto vedranno accadere sotto i propri occhi", cioè la recita n Nello stesso modo si comportano anche gruppi strutturati di persone (le equipes), che trasmettono, con la loro rappresentazione, le caratteristiche del compito svolto anzichè quelle del singolo attore.

22 22 n Ogni soggetto è, in momenti separati della sua giornata, attore su più palcoscenici: nel posto di lavoro, in famiglia, con gli estranei. Ognuno di questi poggia su regole peculiari che, di solito, non costringono l'attore a contraddirsi. n Appartenere ad un'equipe, secondo Goffman, modifica sensibilmente i rapporti nel lavoro: "là dove i diversi status dello staff e della line tendono a dividere un'organizzazione, le equipes di attori possono tendere verso l'integrazione delle varie unità organizzative"

23 23 n Ciò non implica che tra gli attori si instauri davvero un rapporto organico, nè che questo si sviluppi nel tempo. Esiste invece una intimità senza calore, cioè un rapporto formale offerto e accettato automaticamente al momento dell'ingresso nell'equipe. n E' uno scambio che l'individuo può controllare agevolmente, in quanto dispone, a priori, degli elementi di base per calarsi nella recita: "quando un individuo assume una nuova posizione nella società e gli vien data una nuova parte da recitare, è probabile che non riceva chiare indicazioni sul come comportarsi, nè che i fatti della nuova situazione saranno fin dagli inizi così pressanti da determinare automaticamente la sua condotta"

24 24 Le conseguenze n Il telelavoro rompe gli schemi della rappresentazione. L'individuo, da attore di un'equipe, diviene equipe a sua volta. Il palcoscenico cambia e si trasferisce, nel caso del telelavoro a domicilio, in un posto ove viene normalmente interpretato un ruolo diverso, basato sull'affettività.

25 25 n Il Ruolo basato sullaffettività ancora esiste, come in passato, ma è modificato dalla coesistenza con l'altro. n Il pubblico che assiste alla recita si espande e si diversifica: dapprima soltanto i colleghi o i superiori, poi anche il nucleo familiare, il network amicale. n La sovrapposizione tra recite rende per l'attore estremamente più complessa la rappresentazione della vita quotidiana.

26 26 La casa….. n Come Ufficio –Ruolo –Status n Come ambiente domestico n Con chi telelavoriamo ? n I diritti degli altri….

27 27 Un nuovo patto in famiglia ? n Distinzione tra lavoro e non lavoro –Fisica, Temporale, Affettiva n Due tipologie da evitare: lubriaco di lavoro, il lavoratore casuale n Prendere tempo, stupire gli altri: evitare la sindrome del pesce rosso n Venire interrotti non è un dramma

28 28 Sopravvivere al lavoro n Il lavoro su misura n Rispettare le scadenze, ma con realismo n Nel dubbio, comunicare n Lisolamento: come evitarlo –Familiari, vicini, lavoro di gruppo, ritorni periodici in ufficio n Coinvolgere i colleghi non telelavoratori

29 29 Di tanto in tanto...

30 30 Case Study: il servizio 12 n A casa, si è, non ci sono le distrazioni e le dellufficio, cè maggiore, si fanno meno e si lavora con maggiore e. n Inoltre i non rappresentano più una difficoltà

31 31 Il controllo n (…) il peggior lavoratore Telecom del 12 svolgendo lo stesso, identico, preciso lavoro a casa cambia in meglio minimo del 50% in più, perché non si vede ossessionato dal capoturno, non si sente dire: non devi uscire a fumare la sigaretta, dove vai adesso, sei andato in bagno, di nuovo vai in bagno… uno stando in casa sua, sa che è anche controllato e quindi si regola su quello che deve fare.

32 32 La carriera n (…) il Servizio 12 limita un po le possibilità di carriera perché rimani un po emarginato. E un servizio che limita, perché non dà possibilità di crescita professionale, poi se si aggiunge anche il telelavoro … n (…) credo che limiti un po la carriera, perché si è un po esclusi dal reparto. Siccome a me non è mai interessato niente mi va bene così, ma uno che vuole fare carriera credo che essendo a casa venga un po escluso.

33 33 La sfera affettiva n Dopo i primi momenti di assestamento, i familiari si sono e abituati alla novità costituita dalla postazione di lavoro in casa e hanno imparato a con le, facendo attenzione a con lattività lavorativa, ad esempio controllando il, evitando di parlare a voce alta o irrompere rumorosamente nella stanza di lavoro. n Sono diventati anche con i familiari, e sono pronti a riconoscere leffetto benefico costituito da una e con ritmi anche di più regolari.

34 34 I coniugi n I coniugi, ma sarebbe meglio dire le mogli, mostrano soddisfazione per la maggiore tranquillità e serenità che mostra il partner n Ci si sente meno soli in casa, anche se la presenza in casa di una persona che lavora condiziona alcune attività: ad esempio luso di elettrodomestici rumorosi come laspirapolvere, o la possibilità di ascoltare la musica.

35 35 n Laspetto più critico rimane adeguare i ritmi dei pasti al particolare turno del giorno, se la pausa pranzo non capita in orari proprio improponibili (il turno che inizia alle 7.30 prevede la pausa pranzo alle del mattino). n Sia i mariti che le mogli apprezzano notevolmente la possibilità di potere uscire insieme, sia per fare spese che per incontrare gli amici, e sono convinti che anche i figli siano più contenti di questa situazione.

36 36 Laspetto sociale


Scaricare ppt "Cosè il telelavoro. Attitudini e giornata-tipo del telelavoratore Patrizio Di Nicola Coordinatore Nazionale Progetto ETD."

Presentazioni simili


Annunci Google