La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TECNICHE NEURORADIOLOGICHE APPLICATE ALLE METODICHE TC, RM e ANGIORADIOLOGIA ROCCHE PETROSE E NERVI CRANICI www.aitnr.it.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TECNICHE NEURORADIOLOGICHE APPLICATE ALLE METODICHE TC, RM e ANGIORADIOLOGIA ROCCHE PETROSE E NERVI CRANICI www.aitnr.it."— Transcript della presentazione:

1 TECNICHE NEURORADIOLOGICHE APPLICATE ALLE METODICHE TC, RM e ANGIORADIOLOGIA ROCCHE PETROSE E NERVI CRANICI

2 Autori e Relatori: Caposio Luciana (Istituto Neurologico Besta - Milano) Pagani Gilberto (Casa di Cura Beato Palazzolo - Bergamo) Chiodini Stefano (Ospedali Papa Giovanni XXIII - Bergamo) ROCCHE PETROSE E NERVI CRANICI Dalla clinica alla diagnosi passando per lanatomia Studio fMRI 3T con stimolazione dolorosa trigeminale in pazienti Emicranici Autori e Relatori: Paccone Antonella (Istituto di Diagnosi e Cura "Hermitage Capodimonte - NA)

3 « I giovani non sono vasi da riempire ma fiaccole da ardere» Marco Flavio Quintiliano 7

4 Autori: Quesito clinico (visita medico curante e/o specialista) Protocollo Diagnostico (definire gli esami diagnostici) Protocollo tecnico o tecnica di studio (Rx,Us,MR,CT,ect..) DIAGNOSI DR CT MR 6

5 Prof. Schuller Il padre della neuroradiologia 5

6 4

7 CON LA RADIOGRAFIA SOLO SEGNI INDIRETTI Calcificazioni Lesione erosiva 3

8 1964 2

9 1931 CRANIOSTATI PER LO STUDIO DETTAGLIATO DEL CRANIO

10 Proiezione sub-mento-vertice (studio base cranio e forami) Proiezione di Mayer (studio rocca e mastoide) 6

11 Proiezione di Stenvers (studio rocca petrosa) Proiezione di Schuller (studio meati acustici interni) 5

12 STRATIGRAFIA LINEARE POLIDIREZIONALE 4

13 Nervi Cranici Funzione motoria: IV, VI, XI, XII Funzione sensitiva: I, II, VIII Funzione mista: III, V, VII, IX, X I nervi cranici o encefalici sono 12 paia, hanno origine nellencefalo e si distribuiscono ai differenti organi attraversando fori posti alla base del cranio. Sono pari e simmetrici e si denominano con la numerazione romana Possono essere di vario tipo motori trasmettono impulsi dai centri verso la periferia sensitivi trasmettono stimoli da periferia verso i centri misti trasmettono e ricevono stimoli 3

14 2

15 Origine apparente Origine reale 1

16 Nervi Cranici I N. olfattorio II N. ottico III N. oculomotore IV N. trocleare V N. trigemino VI N. abducente 11

17 Nervi Cranici VII N. facciale VIII N. vestibolo-cocleare IX N. glossofaringeo X N. vago X N. vago XI N. accessorio XII N. ipoglosso 10

18 Nervi Cranici – fori uscita basi-cranio I N. olfattorio (lamina cribia etmoide) 9

19 Nervi Cranici – fori uscita basi-cranio V N. trigemino (V1-V2 forame lac.ant) V3 forame rotondo 8

20 Nervi Cranici – fori uscita basi-cranio VII N. faciale (meato acustico interno e forame stilomastoideo) Caudal view 7

21 Nervi Cranici – fori uscita basi-cranio VIII acustico-cocleo-vestibolare (meato acustico interno) 6

22 Nervi Cranici – fori uscita basi-cranio IX N. glossofaringeo (forame giugulare) 5

23 Nervi Cranici – fori uscita basi-cranio X N. vago (forame giugulare) 4

24 Nervi Cranici – fori uscita basi-cranio XI N. accessorio spinale (forame giugulare) 3

25 Nervi Cranici – fori uscita basi-cranio XII N. ipoglosso (canale ipoglosso) 2

26 Nervi Cranici – foro giugulare e canale dellipoglosso 1


Scaricare ppt "TECNICHE NEURORADIOLOGICHE APPLICATE ALLE METODICHE TC, RM e ANGIORADIOLOGIA ROCCHE PETROSE E NERVI CRANICI www.aitnr.it."

Presentazioni simili


Annunci Google