La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GEORGE B. PALERMO, M.D. Director Center Forensic Psychiatry and Risk Assessment Clinical Professor Psychiatry & Neurology Medical College of Wisconsin.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GEORGE B. PALERMO, M.D. Director Center Forensic Psychiatry and Risk Assessment Clinical Professor Psychiatry & Neurology Medical College of Wisconsin."— Transcript della presentazione:

1 GEORGE B. PALERMO, M.D. Director Center Forensic Psychiatry and Risk Assessment Clinical Professor Psychiatry & Neurology Medical College of Wisconsin Adjunct Professor of Criminology Marquette University

2 OMICIDIO Lomicidio riflette il carattere dellomicida e lo stato socio-economico e morale della società. Statistiche hanno dimostrato che gli uomini sono più propensi a violenza omicidiaria. Soltanto il 10%-20% di tutti gli omicidi sono commessi da donne.

3 VITTIMIZZAZIONE USA 2002 Casi riportati - 23 milioni Crimini contro la proprietà (17.5 milioni) Crimini contro la persona (5.3 milioni)

4 OMICIDI NEGLI STATI UNITI , , , , , , , , (gennaio - agosto) Chicago (648 in 2002) New York (584 in 2002) (FBI statistiche)

5 CASI DI VIOLENZA RISOLTI 2000 Omicidio - 63% Aggressione grave – 65.5% Stupro – 44.5% (Bureau of Justice Statistics, 2003)

6 OMICIDI RISOLTI (CLEARANCE) 1958 – Wolfgang 90% su 6,435 omicidi (18 città) 2000 – FBI statistiche 63% su 16,000 omicidi (USA)

7 OMICIDIO USA – 2002 STATISTICHE DEMOGRAFICHE Vittime Uomini percentuale più alta Bianchi (49.1%) Afro-Americani (46.9%) Criminali Uomini (90%) Adulti (92%) Persone sconosciute (24%) Conosciute dalla vittima (77%)

8 TEORIE SOCIOLOGICHE SUTHERLAND E CRESSEY (1959) La violenza si apprende dai violenti MASLOW (1960) Teoria dei basic needs LORENZ (1963) Meccanismi di liberazione scatenano laggressività Modello idraulico Importanza della casa

9 TEORIE SOCIOLOGICHE WOLFGANG E FERRACUTI (1967) Sottocultura della violenza ARDREY (1970) Teoria dello spazio adeguato (importanza della casa) WILSON (1984) Teoria del Right Man (luomo giusto)

10 TEORIE SOCIOLOGICHE LANGEVIN E HANDY (1987) Indiziati di omicidio hanno una percentuale di matrimoni inferiore del 50% della popolazione DALY E WILSON (1988) Rapporto fra omicidio e parentela BERKOWITZ (1989) La frustrazione di un desiderio

11 FATTORI CONTRIBUENTI ALLA VIOLENZA Urbanizzazione Famiglia disfunzionale Disoccupazione Basso livello culturale Mancanza di training Gangs Droge ed alcol Armi da fuoco

12 ABRAHAM MASLOW BASIC NEEDS (Maturità Sociale) Fisiologici Affettivi Sicurezza personale Dignità personale (onore)

13 TEORIA DELLONORE E DELLINSULTO La persona oggetto di insulto lo vive come una minaccia alla propria reputazione sociale. Ciò è più frequente al sud che al nord (USA e Italia).

14 TEORIE NEUROBIOLOGICHE Amigdala – ippocampo – ipotalamo – lobi frontali – area preottica – regione mid- temporale Sindrome disfunzionale dei lobi frontali Sostanze stupefacenti Neurotrasmettitori (serotonina, ecc.)

15 SINDROME DISFUNZIONALE DEI LOBI PREFRONTALI Impulsività Mancanza di controllo Incapacità di modificare o inibire il proprio comportamento di un corretto giudizio Incapacità di anticipare le conseguenze del proprio operato

16 FATTORI DEMOGRAFICI, SITUAZIONALI, AMBIENTALI Vivere in una zona popolare caotica Appartenenza ad una banda (gang) Uso di sostanze oppiodi Abuso di alcolici Disoccupazione

17 KARL MENNINGER OMEOSTASI SINDROME DEL DISCONTROLLO

18 EMOZIONI NEGATIVE Odio e Rabbia Ansia e Paura Frustrazione e Disperazione Gelosia e Depressione Umiliazione e Vendetta Senso di Grandiosità Idee Persecutorie e Deliri Mistici

19 Gruppi Caratteriali Personalità Antisociale Labilità Emotiva Dipendenza Impulsività Personalità Psicopatica Egocentricità Narcisismo Sadismo Aggressività

20 Gruppi Caratteriali Personalità Paranoide Impulsività Egocentricità Personalità Borderline Ossessivo-Compulsivo Impulsività Labilità Emotiva Aggressività Ambivalenza

21 OMICIDA Difficoltà in rapporti affettivi/intimi Meno legami matrimoniali Forma di protesta sociale Maschilismo sfrenato (machismo)

22 OMICIDIO Difficoltà affettive Matrimoni - Rivendicazione o protesta sociale Macismo

23 ,151 vittime in USA 2005 Milwaukee (88 in 2004) New York City – 540 Chicago – 447 Philadelphia – 377 Detroit – 357 Baltimore – 268 Boston - 75

24 OMICIDIO NON-SERIALE Reattivo Affettivo/Interpersonale Spesso coniugato anni

25 PARRICIDIO Omicido di entrambi i genitori, genitori adottivi, nonni, od altri parenti Abuso psicologicol/fisico/sessuale Omicida Drogato Sottoposto ad abuso grave Figli con grave malattia mentale Figlio antisociale e pericoloso

26 PATRICIDIO Omicidio del padre da figlio o figlia Padre ritenuto punitivo, limitante libertà, non-affetuoso Padre spesso abusivo nel passato (fisico, psicologico, sessuale) Motivazione Rabbia - Benefici economici Omicida giovane, passivo-aggressivo, a volte schizofrenico o depresso

27 MATRICIDIO Omicidio della madre da parte figlio o figlia Figlio – relazione simbiotica con made (Complesso di Edipo) Liberarsi da stato dipendenza Figlia – ambivalente, gelosa (Complesso di Elettra)

28 FIGLIOCIDIO Neonaticidio (entro 24 ore di nascita) Infanticidio (24 ore ad 1 anno) Filicidio In prima età (1-12 anni) Adolescenza (12-18 anni) Omicida Depressa – sia madre che padre o parenti adottivi Droga/alcol

29 UXORICIDIO Parte della violenza domestica Vittime (marito o moglie) 4,000 donne Americane ucciso ogni anno dallo sposo o amico intimo Abuso psicologico o fisico di vecchia data Omicida Paranoide Abuso di alcol e droga

30 OMICIDO DA PARANOIA DI GELOSIA Omicida sospettoso, sfiducioso Sospetti si basano su premesse incorrette Deliri Assuefazione a droga e alcol Spesso si suicida

31 OMICIDA NON SERIALE Reattivo Affettivo-interpersonale Spesso sposato Età anni

32 OMICIDA MULTIPLO Spree killer Omicida di massa Omicida-suicida Omicida seriale

33 Serial Killer Caratteristiche Social Tipo Organizzato Intelligente Primogenito o secondogenito Padre lavoro stabile Disciplina paterna inconsistente Competenza sociale Competenza sessuale

34 Serial Killer Caratteristiche Sociali (cont.) Coabita con partner Lavoro tecnico Usa alcol Frequente cambio lavoro e residenza (mobilità) Curioso di fatti criminosi in TV

35 Serial Killer Caratteristiche Psicologiche Difficoltà nel relazionare Senso di solitudine e isolamento Ambivalenza Mancanza di capacità empatica Difficoltà nel mentalizing Reificazione delle vittime Fantasie stimolanti (devianti sessuali)

36 Serial Killer Caratteristiche Psicologiche (cont.) Narcisismo Grandiosità Sentimenti e atteggiamenti paranoidi

37 SERIAL KILLER Visionario Missionario Controllo Edonista Lussurioso Organizzato Disorganizzato Misto

38 SERIAL KILLER MISSIONARIO Compito di protezione sociale Pseudo-religioso Pseudo-politico Pseudo-culturale Razziale Sessuologo moralista

39 SERIAL KILLER LUSSURIOSO Usa simile tecnica Uccide più di 3 vittime Vittime simili fisicamente Luogo di crimine simile Tecnica del crimine simile Ted Bundy-John Wayne Gacy-Jeffrey Dahmer

40 SERIAL KILLER SADICO Ritualismo settario Mafioso Di guerra

41 SERIAL KILLER MODUS OPERANDI Stress precipita il crimine Pianifica il crimine Calmo durante il crimine Vittima è sconosciuta Accattivante la vittima Controlla la vittima

42 SERIAL KILLER PARTICOLARITÀ Antropofagia Sindrome di Reinfield (vampirismo) Usa manette Nasconde il corpo vittima Mancanza di arma delitto alla scena del crimine Usa pornografia

43 SERIAL KILLERS FAMOSI NELLA STORIA Gilles de Rais Madame Bartheley Jack the Ripper

44 RECENTI SERIAL KILLERS AMERICANI Theodore Bundy John Gacy Richard Ramirez (Los Angeles Night Stalker) Jeffrey Dahmer (Il mostro di Milwaukee) Gary Ridgway (Green River Killer)

45 TIPI DI OMICIDIO PRETERINTENZIONALE COLPOSO (NEGLIGENZA) DOLOSO (VOLONTARIO)

46 PSICOSI Schizofrenia (paranoide) Disturbo paranoide con delirio Breve comportamento psicotico Psicosi isterica Psicosi esplosiva intermittente

47 PSYCHOPATHY CHECKLIST (PCL-R) Fattori 1 Tratti affettivi/interpersonali Fattori 2 Tratti di devianza antisociali

48 CARATTERISTICHE DI PERSONE A RISCHIO (VIOLENTI) EgocentrictàImpulsività NarcisismoParanoia Ossessività Compulsività SadismoAggressività AmbivalenzaLabilità Emotiva

49 SADISMO Un comportamento crudele, umiliante, aggressivo, e distruttivo sul soggetto assalito sessualmente Kraft-Ebing - sadismo Sigmund Freud – spinta a dominare Erich Fromm – aggressività maligno

50 SERIAL KILLER TIPOLOGIA Visionario Missionario Edonista Lussurioso Organizzato/Disorganizzato

51 SERIAL KILLER

52 Use similar technique More than 3 victims Victim physical/demographic similarities Ted Bundy – John Gacy – Jeffrey Dahmer Richard Ramirez (Night Stalker) Gary Ridgway (Green River Killer) Dennis Nilsen – Andrei Chikatilo

53 Sense of social isolation Preference for autoerotic activities/fetishes Rebellious Aggressive Chronic liars Lack of trust/commitment Fantasy life

54 Anthropophagia Reinfield Syndrome (vampirism) No weapon at scene of crime Hides/disposes of body of victim Signature

55 CARATTERISTICHE IN USA Razza: Bianca (84%); Afro-Americana (16%) Sesso: uomini (90%); donne (10%) Q.I. – media o al di sopra della media Famiglia – disunita/abusiva Genitori – madre dominatrice odio genitori In fanciulezza problemi psichiatrici piromania enuresi (60%)

56 Mappa Cognitiva I Sente il mondo come ostile Incapace di interazione con gli altri Introspettivo Necessità stimuli abnormi Tende ad isolarsi Fantasie omicide Fantasie sessuale

57 Mappa Cognitiva II Grandiosità Narcisistica Si crede al di sopra di valori sociomorali medi Impulsivo/programmato Basso concetto di sé/senso di rifiuto

58 JEFFREY DAHMER

59 Nato a Milwaukee 31 anni quando scoperto Celibe Intelligenza media + 1 anno di college 2 anni di servizio militare volontario

60 Sperimentato con: marijuana alcol ashish Bevitore (fine settimana)

61 FAMIGLIA Relazioni tense Padre rigido Madre comportamento cambievole Comportamenti litigiosi

62 OMICIDI Ohio -- 1 a 18 anni (1979) Milwaukee -- 2 a 30 anni (1990) viveva con la nonna Milwaukee --1 a 30 anni (1990) in unalbergo Milwaukee – 13 a 30/31 (1990/1991) nel suo appartmento

63 CARATTERISTICHE Solitario, timido Senso di non essere accettato Senso di essere diverso Tendenza omosessuale Attratto a giovani muscolosi (18-25) Fantasie ossessivi narcisistiche Fantasie omosessuali Tendenze distruttive antisociali

64 TRATTI PSICOLOGICI Mentitore Seduttivo Calcolatore/programmato In controllo Feticista (foto) Robotizzazione delle vittime Strangolamento o arma da taglio Semembramento

65 Diagnosi Disturbo di Personalità NOS, grave (già Disturbo Misto di Personalità) Antisociale/Ossessivo-Compulsivo Sadistico/feticistico/narcisistico Borderline e tratti necrofilici Lust Killer non socializzato e organizzato

66 LA SENTENZA 15 carceri a vita consecutivi Ucciso in prigione da Christopher Scarver


Scaricare ppt "GEORGE B. PALERMO, M.D. Director Center Forensic Psychiatry and Risk Assessment Clinical Professor Psychiatry & Neurology Medical College of Wisconsin."

Presentazioni simili


Annunci Google