La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

OBIETTIVO: CITTADINANZA EUROPEA LA SCUOLA COME MOTORE DELLO SVILUPPO CULTURALE, ECONOMICO E SOCIALE DEL TERRITORIO Stefana Corsei, IPSCTPS G. Falcone,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "OBIETTIVO: CITTADINANZA EUROPEA LA SCUOLA COME MOTORE DELLO SVILUPPO CULTURALE, ECONOMICO E SOCIALE DEL TERRITORIO Stefana Corsei, IPSCTPS G. Falcone,"— Transcript della presentazione:

1

2 OBIETTIVO: CITTADINANZA EUROPEA LA SCUOLA COME MOTORE DELLO SVILUPPO CULTURALE, ECONOMICO E SOCIALE DEL TERRITORIO Stefana Corsei, IPSCTPS G. Falcone, Palazzolo s/O

3 NORMATIVA VIGENTE Legge 59 art 21 sullautonomia delle istituzioni scolastiche ( 1997) e D.P.R. 275 applicativo della Legge 59 ( 1999) Sperimentazione dellautonomia dal 1998 al 2001 Leggi sullObbligo di Istruzione ( 9/1999), Diritto – dovere allistruzione – formazione, ( 53/ 2003), Nuovo Obbligo di Istruzione e Formazione ( 2006) Legge 144 sullObbligo Formativo art e D.P.R. N. 257/ 2000

4 PROGETTO VALORI DELLA DEMOCRAZIA NELLA SCUOLA

5 FINALITA: SCAMBIO DI ESPERIENZA DIDATTICA TRA SCUOLE PARTNER EUROPEE TEMATICA CANTRALE: LA SCUOLA COME AMBIENTE DI APPRENDIMENTO DEI DOVERI E DEI DIRITTI DI CITTADINNAZA SCUOLE PARTNER: ITALIA, AUSTRIA, ROMANIA

6 NEL PROGETTO SONO STATI IMPLICATI DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE: 36 INSEGNANATI DEI GRUPPI DI PROGETTO DA 200 A 250 ALUNNI OGNI ANNO IL PERSONALE AMMINISTRATIVO ( LE SEGRETERIE, I TECNICI E I COLLABORATIRI) IMPLICATO NELLORGANIZZAZIONE E NELLA REALIZZAZIONE DELLE VARIE AZIONI GENITORI, RAPPRESENTANTI DELLE INSTITUZIONI E DEGLI ENTI LOCALI DI TUTTE LE SCUOLE PARTNER

7 CHE COSA HA SIGNIFICATO PER IL NOSTRO ISTITUTO? APERTURA VERSO LA COMUNITA LOCALE, VERSO IL TERRITORIO A LIVELLO PROVINCIALE, REGIONALE, NAZIONALE ED EUROPEO CAMBIAMENTI METODOLOGICI: AFFRONTARE IL PROCESSO DIDATTICO PARTENDO DALLE ESPERIENZE VISSUTE CAMBIAMENTI NELLA CULTURA ORGANIZZATIVA DELLISTITUTO

8 CHE COSA HA RESO POSSIBILE IL CAMBIAMENTO ? UN GRANDE NUMERO DI DOCENTI HA PRESO PARTE AGLI INCONTRI ANNUALI DI PROGETTO PIU DI 300 ALUNNI HANNO VISITATO VIENNA, PRAGA, ROMA CITTA SCELTE COME METE DEL PROGETTO LE VISITE DEI PROFESSORI E DEGLI ALUNNI DELLE SCUOLE PARTNER A PALAZZOLO HANNO CONTRIBUITO ALLA VALORIZZAZIONE DEL PROPRIO TERRITORIO

9 INNOVAZIONE DIDATTICA OPERATIVA LAVORI DI GRUPPO IL DOCENTE DIVENTA PARTE DEL PROCESSO EDUCATIVO PARTECIPAZIONE DEI GENITORI E DELLA COMUNITA LOCALE ALLE ATTIVITA DELLA SCUOLA PARTECIPAZIONE DLLA SCUOLA AGLI EVENTI DELLA COMUNITA LOCALE

10 BENEFICI FACILITA NEL PERCEPIRE LUNITA DEL SAPERE GRAZIE AL TAGLIO INTERDISCIPLINATE DELLE ATTIVITA ESTENSIONE DELLA RELAZIONE EDUCATIVA ANCHE FUORI DALLAMBIENTE SCOLASTICO LAPERTURA DELLA SCUOLA VERSO LA COMUNITA APRE LA PORTA VERSO LE SUE RISORSE EDUCATIVE

11 VALORI PROMOSSI E COMPORTAMENTI INDOTTI ATTRAVERO IL PROGETTO 1. RAFFORZAMENTO DELLA FIDUCIA RECIPROCA PRATICANDO LA LEALTA 2. AFFERMAZIONE DEL RISPETTO RECIPROCO ATTRAVERSO LA PRATICA DELLA TOLERANZA 3. PROMOZIONE DI COMPORTAMENTI RESPONSABILI DI CURA, CONSIDERAZIONE, AMABILITA, COMPASSIONE VERSO GLI ALTRI

12 VALORI PROMOSSI E COMPORTAMENTI INDOTTI ATTRAVERO IL PROGETTO 4. RAFFORZAMENTO DEL SENSO DELLA GIUSTIZIA CON COMPORTAMENTI IMPRONTATI ALLIMPARZIALITA, ALLEQUITA E ALLA COERENZA 5. PROMOZIONE,, TRA LE VIRTÙ CIVICHE, DELLA PROTEZIONE DELLAMBIENTE E DEL RISPETTO DELLA LEGALITÀ

13 SVILUPPO DELLISTITUZIONE SCOLASTICA La nostra scuola è diventata un sistema aperto che interagisce con lesterno e si adatta rapidamente al cambiamento Effetti benefici secondari indotti dalla partecipazione al progetto di tutte le componenenti: dal gruppo dirigenziale al personale nel suo complesso.

14 CHE COSA E STATO FATTO IN SEGUITO ? PROPOSTI ALTRI PROGETTI EUROPEI (Il cibo nel terzo millenio, Una scuola aperta allEuropa e La didattica dello sviluppo sostenibile) SVILUPPATI PROGETTI DISTITUTO SULLA BASE DELLESPERIENZA ACUMULATA MANTENUTA LAPERTURA VERSO LESTERNO PER FAR VIVERE IN MODO CONCRETO LA DIMENSIONE EUROPEA DELLEDUCAZIONE

15 PROGETTO UNA SCUOLA APERTA ALLEUROPA DEL DOMANI ( ) FINALITÀ: CONOSCERE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE TEMATICHE: STORIA DELLUNIONE EUROPEA, RUOLO DELLE ISTITUZIONI, DIRETTIVE EUROPEE METODOLOGIA: VISITE DI PROGETTO ALLE SEDI ISTITUZIONALI EUROPEE, COLLABORAZIONE CON LE RAPPRESENTANZE ITALIANE DELLU.E., ADESIONE A PROGETTI ISTITUZIONALI SUL TEMA, CONCORSI INTERNI ED ESTERNI, VISITE A GRANDI MOSTRE E A MUSEI

16 Agli adolescenti di oggi, cittadini di domani, servono dei punti di riferiemnto, serve una bussola per orientarsi… … attraverso il confronto, praticato da posizioni di parità, gli adulti trovano questi punti di riferimento e possono trasmetterli ai giovani FAR VIVERE I VALORI DELLA DEMOCRAZIA NELLA SCUOLA AIUTA LINTEGRAZIONE DEI NOSTRI STUDENTI NELLA COMUNITÀ IN CUI VIVONO E CONTRIBUISCE ALLINTEGRAZIONE FUTURA IN UNA COMUNITÀ PIÙ ESTESA E CON MAGGIORI VINCOLI: LUNIONE EUROPEA

17


Scaricare ppt "OBIETTIVO: CITTADINANZA EUROPEA LA SCUOLA COME MOTORE DELLO SVILUPPO CULTURALE, ECONOMICO E SOCIALE DEL TERRITORIO Stefana Corsei, IPSCTPS G. Falcone,"

Presentazioni simili


Annunci Google