La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved. Capitolo 3 (Deitel) Lo sviluppo di programmi strutturati Indice degli argomenti 3.1 - Introduzione 3.2 -

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved. Capitolo 3 (Deitel) Lo sviluppo di programmi strutturati Indice degli argomenti 3.1 - Introduzione 3.2 -"— Transcript della presentazione:

1 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved. Capitolo 3 (Deitel) Lo sviluppo di programmi strutturati Indice degli argomenti Introduzione Gli algoritmi Lo pseudocodice Le strutture di controllo La struttura di selezione If La struttura di selezione If/Else La struttura di iterazione While Formulare algoritmi: ciclo controllato da un contatore Formulare algoritmi: ciclo controllato da un valore sentinella Formulazione degli algoritmi: processo top-down a raffinamenti successivi Strutture di controllo annidate Gli operatori di assegnamento Gli operatori di incremento e decremento

2 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Introduzione Prima di scrivere un programma è importante: –Aver capito bene il problema da risolvere (analisi dei requisiti) –Evitare di buttarsi a scrivere direttamente il codice applicativo –Avere un approccio pianificato con cura per risolvere il problema –Spesso torna molto utile risolvere prima il problema su carta Mentre si scrive un programma è importante: –Sapere quali sono i mattoni elementari disponibili per costruirlo –I mattoni sono dati dai costrutti e dalle funzioni principali offerte dal linguaggio di programmazione scelto per scrivere il programma –Oltre a conoscere la sintassi del linguaggio, è bene fare uso di buoni principi di programmazione (programmazione strutturata)

3 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Gli algoritmi Problemi computazionali –Qualsiasi problema può essere risolto eseguendo una determinata sequenza di azioni in un ordine specifico Un algoritmo è una procedura risolutiva, cioè un metodo per risolvere un problema –Un algoritmo viene visto in termini di: Un insieme di azioni da eseguire Un ben definito ordine in cui tali azioni vanno eseguite –In questa ottica risulta molto simile una ricetta di cucina –Permette di ottenere il risultato desiderato eseguendo in un certo ordine un insieme di istruzioni elementari Definire il controllo di un programma –Significa specificare lordine in cui le istruzioni devono essere eseguite

4 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Lo pseudocodice Pseudocodice: –E un linguaggio artificiale e non formale che aiuta durante lo sviluppo degli algoritmi –È un linguaggio molto simile alla nostra lingua scritta odierna –E indipendente dalla sintassi di qualsiasi linguaggio di programmazione –Non può essere effettivamente eseguito dai calcolatori (non è compilabile) –Viene scritto con un livello di dettaglio molto simile a quello dei comuni linguaggi di programmazione –Aiuta a sviluppare lalgoritmo da realizzare e successivamente a formalizzarlo mediante un linguaggio di programmazione: Consente di pensare il programma ancora prima di scriverlo E facile da tradurre in un programma C corrispondente Consiste solo di istruzioni eseguibili

5 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Le strutture di controllo (1/3) Esecuzione sequenziale di un programma –Si ha quando le istruzioni vengono eseguite nellordine in cui sono scritte Trasferimento del controllo –Si ha quando la nuova istruzione eseguita non è quella successiva nella sequenza fisica di istruzioni scritte nel programma –Luso eccessivo uso di istruzioni goto (salti espliciti, non condizionali) può creare numerosi problemi: Gli algoritmi diventano troppo complessi e poco leggibili Luso esplicito del goto è considerato indice di cattiva programmazione, non errata ma inutilmente complessa Per alterare il flusso sequenziale è necessario fare dei salti, ma è bene farli in modo più controllato, semplificando così la struttura del programma Strutture di controllo –Sono particolari istruzioni che permettono di alterare in modo controllato il normale flusso di esecuzione, dove normale significa sequenziale I salti così ottenuti non complicano la leggibilità del codice dei programmi Ogni linguaggio di programmazione moderno ha le proprie strutture di controllo

6 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Le strutture di controllo (2/3) Teorema di Bohm-Jacopini: tutti i programmi possono essere scritti usando le 3 seguenti strutture di controllo –Strutture di sequenza: si eseguono le istruzioni nella sequenza scritta In C le istruzioni dei programmi sono eseguite sequenzialmente di default –Strutture di selezione: si eseguono 2 o più blocchi di istruzioni in modo alternativo in base al verificarsi di specifiche condizioni In C ce ne sono di 3 tipi: if, if/else e switch (parole chiave/riservate del C) –Strutture di iterazione: si ripete ciclicamente lesecuzione di un blocco di istruzioni fino al verificarsi di una determinata condizione In C ce ne sono di 3 tipi: while, do/while, e for (parole chiave del C) E un teorema fondamentale –Dimostra che ogni algoritmo può essere implementato combinando blocchi di istruzioni sequenziali con salti condizionali (strutture di selezione e cicli) –Prova che con unattenta scrittura del codice si evita di ricorrere ai goto –Pose le basi della programmazione strutturata, che scompone i problemi in sottoproblemi meno complessi evitando luso di salti non condizionali

7 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Le strutture di controllo (3/3) Diagramma di flusso (o a blocchi) –E un linguaggio formale per rappresentare graficamente gli algoritmi Fornisce uno schema del flusso di esecuzione del programma Viene costruito usando un insieme di opportuni simboli grafici (blocchi) connessi tra loro tramite frecce, chiamate linee di flusso –I rettangoli servono ad indicare qualsiasi tipo di azione, tra cui rientrano anche i parallelogrammi per specificare operazioni di I/O –Gli ovali indicano i punti di inizio e di fine di un programma o di una sezione di codice (nel caso, sono circolari) –I rombi segnalano la presenza di strutture di controllo: Si usano sempre e solo le strutture di selezione I cicli si rappresentano usando in modo opportuno i blocchi di selezione Per creare strutture complesse si fa uso di vari blocchi di selezione in cascata Strutture di controllo a singola-entrata e singola-uscita –Ogni uscita di una struttura di controllo è collegata con lingresso della successiva (pila di strutture di controllo) I rombi hanno 2 uscite, ma sono mutuamente esclusive a livello di flusso –In questo modo diventa semplice sviluppare concettualmente i programmi

8 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved La struttura di selezione If (1/2) Costrutto di selezione in C: –In generale If è usata per scegliere tra 2 sequenze di azioni alternative –Nel caso di If semplice, lalternativa consiste nel non fare nulla, che significa proseguire con il normale flusso di esecuzione sequenziale –Esempio in pseudocodice: Se il voto dello studente è maggiore o uguale a 60 scrivi: Promosso Se la condizione è vera (true) –Si esegue la stampa dellaffermazione e si passa alla prossima fase –Se invece è false, non si esegue la stampa dellaffermazione e si passa allistruzione successiva, ignorando quella di stampa Pseudocodice tradotto in C if ( voto >= 60 ) printf(Promosso\n"); –Come si può notare, il codice C corrispondente è davvero molto vicino allo pseudocodice che esprime istruzione –Nel codificare le strutture di controllo, fare uso di rientri e spazi rende i programmi più semplici da leggere Comunque il compilatore C ignora rientri e spazi bianchi

9 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved La struttura di selezione If (2/2) vero falso voto >= 60 scrivi Promosso Una decisione può essere presa considerando qualsiasi espressione ma il risultato sarà sempre di tipo Vero/Falso (2 rami). In caso di espressioni aritmetiche: zero - falso Non zero - vero Esempio: (3 – 4) dà vero Con i diagrammi di flusso: –Si usa il blocco a rombo (simbolo di decisione), per indicare che a questo punto del flusso di esecuzione si deve prendere una decisione –Allinterno del simbolo è contenuta una espressione logica con cui si rappresenta una condizione che può essere vera o falsa –Il flusso prosegue seguendo lopportuna linea di flusso in uscita dal rombo –Luscita da seguire dipende dal verificarsi o meno della condizione –If è comunque una struttura a singola entrata e singola uscita Come si nota, i 2 percorsi alternativi conducono al medesimo punto di uscita

10 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved La struttura di selezione If/Else (1/5) if –Svolge un blocco di istruzione solo se la condizione è vera Altrimenti lo ignora e prosegue con lesecuzione del resto del codice if/else –Esegue sequenze di azioni differenti qualora la condizione sia vera o falsa Esegue uno dei due blocchi di codice, il caso non faccio nulla qui non esiste A fine esecuzione del blocco di istruzioni scelto, riprende col resto del codice Esempio in pseudocodice: Se il voto dello studente è maggiore o uguale a 60 scriviPromosso altrimenti scrivi Bocciato Traduzione nel codice C corrispondente: if ( voto >= 60 ) printf("Promosso\n"); else printf(Bocciato\n"); % –Anche in questo caso, notare luso opportuno di spazi e rientri del codice

11 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved La struttura di selezione If/Else (2/5) Operatore condizionale ternario ( ?: ) –E un costrutto C equivalente per esprimere una struttura di selezione –Prende tre argomenti (condizione, valore se è vera, valore se è falsa ) –Il codice C equivalente allif/else precedente può essere scritto come segue: printf("%s\n", voto>=60 ? Promosso" : Bocciato" ); oppure voto >= 60 ? printf(Promosso\n): printf(Bocciato\n); verofalso BocciatoPromosso Voto >= 60 Diagramma di flusso corrispondente: –I rettangoli rappresentano le azioni e il rombo la decisione da prendere

12 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved La struttura di selezione If/Else (3/5) Strutture di if/else annidate –Si controllano diverse condizioni in cascata utilizzando una serie di strutture di selezione if/else annidate (una dentro laltra) –Nellordine in cui sono scritte, non appena si incontra una condizione vera, si esegue il relativo blocco di istruzioni e si salta tutto il resto Lesecuzione poi riprende da dove finisce la serie di if/else annidati –Esempio in pseudocodice: Se lo studente ha un voto maggiore o uguale a 90 scriviA altrimenti Se lo studente ha un voto maggiore o uguale a 80 scrivi B altrimenti Se lo studente ha un voto maggiore o uguale a 70 scrivi C altrimenti Se lo studente ha un voto maggiore o uguale a 60 scrivi D altrimenti scrivi F –Rientri del codice così profondi in genere non si usano nella pratica –Non va usata come tecnica per implementare strutture di selezione in cui la condizione ha più valori discriminanti, esiste un apposito costrutto C

13 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved La struttura di selezione If/Else (4/5) Istruzioni composte: –Le istruzioni da eseguire in base allesito della condizione di If/Else possono essere anche più di una –In tal caso la sequenza di istruzioni sta allinterno di due parentesi graffe –Esempio: if ( voto>= 60 ) printf( Promosso.\n" ); else { printf( Bocciato.\n" ); printf( Devi ripetere il corso.\n" ); } –Nellesempio, se le parentesi graffe venissero omesse, listruzione printf( Devi ripetere il corso.\n" ); verrebbe automaticamente eseguita comunque, indipendentemente dallesito del test della condizione –Se il gruppo di istruzioni tra le graffe comprende anche dichiarazioni di variabili, si parla di blocco di istruzioni (non più di istruzione composta)

14 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved La struttura di selezione If/Else (5/5) Spesso nello scrivere strutture di controllo si fanno errori Errori di sintassi: –Causati da una scrittura errata del codice a livello sintattico –Vengono rilevati dal compilatore –Impediscono fisicamente lesecuzione del programma, non si arriva neanche a generarne il codice oggetto (.out) Errori logici: –Il codice è scritto correttamente a livello sintattico, ma la sequenza di istruzioni è mal progettata (concettualmente) –Se ne vedono gli effetti solo durante lesecuzione (il compilatore da lok) –Se sono fatali, il programma termina prematuramente (ovvero non riesce ad eseguire tutte le istruzioni previste dal codice) ed in modo anomalo –Se non sono fatali, il programma funziona comunque, ma non restituisce loutput desiderato/atteso –Creando cicli mal controllati, possono anche verificarsi dei loop infiniti

15 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved La struttura di iterazione While E una struttura iterativa –While consente al programmatore di specificare un azione che viene ripetuta finché una determinata condizione rimane vera –Più in generale, While crea un ciclo (loop) di esecuzione di un blocco di istruzioni da cui è possibile uscire solo quando la condizione diventa falsa –Quando si esce dal ciclo, si riprende con lesecuzione del resto del codice –Esempio in pseudocodice: Finché ci sono articoli sulla mia lista della spesa compra larticolo successivo e cancellalo dalla mia lista Esempio (diagramma di flusso e codice C): prodotto=2*prodotto prodotto<=1000 vero falso int prodotto = 2; while ( prodotto <= 1000 ) prodotto = 2 * prodotto;

16 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Formulare algoritmi: ciclo controllato da un contatore (1/3) Iterazione controllata tramite contatore –E una tecnica comunemente usata per risolvere un certo tipo di problemi e fa uso del costrutto While –Si usa una variabile, detta contatore, per specificare il numero di iterazioni –Il ciclo viene ripetuto finché il contatore non raggiunge il valore designato –E uniterazione definita: il numero di ripetizioni del ciclo è noto a priori –Esempio di applicazione ad un problema: Una classe di 10 studenti sostiene un esame. Conoscendo le votazioni (numeri interi da 0 a 100), determinare la media della classe in questo esame. Soluzione in pseudocodice: Inizializza il totale a zero Inizializza il contatore dei voti a uno Finché il contatore dei voti resta minore o uguale a 10 Acquisisci in input il prossimo voto Aggiungi il voto al totale Aggiungi uno al contatore Assegna alla media il totale dei voti diviso 10 Visualizza la media

17 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Formulare algoritmi: ciclo controllato da un contatore (2/3) 1/* Fig. 3.6: fig03_06.c 2 Programma per il calcolo della media di una classe 3 tramite un ciclo controllato da un contatore */ 4#include 5 6int main(){ 7 int contatore, voto, totale, media; 8 9 totale = 0; /* fase di inizializzazione */ 10 contatore = 1; while ( contatore <= 10 ) {/* fase di elaborazione */ 13 printf( Inserisci il voto: " ); 14 scanf( "%d", &voto ); 15 totale = totale + voto; 16 contatore = contatore + 1; 17 } media = totale / 10;/* fase di terminazione */ 20 printf( La media della classe è %d\n", media ); return 0; /* indica che il programma e` terminato con successo */ 23} 1. Inizializzazione delle variabili 2. Esecuzione del ciclo 3. Output del risultato

18 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Formulare algoritmi: ciclo controllato da un contatore (3/3) Inserisci il voto: 98 Inserisci il voto: 76 Inserisci il voto: 71 Inserisci il voto: 87 Inserisci il voto: 83 Inserisci il voto: 90 Inserisci il voto: 57 Inserisci il voto: 79 Inserisci il voto: 82 Inserisci il voto: 94 La media della classe è 81 Visualizzazione del programma

19 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Formulare algoritmi: ciclo controllato da un valore sentinella Variante del problema precedente: Sviluppare un programma per il calcolo della media di una classe, che elabori un numero arbitrario di votazioni ogni volta che il programma viene eseguito. –In questo caso non si conosce a priori il numero di studenti/voti –Come fa il programma a sapere quando termina linserimento dei voti? Si deve usare un valore sentinella –Anche chiamato valore di segnalazione, dummy (fittizio) o flag (bandiera) –Qui serve ad indicare esplicitamente la fine dellimmissione dei dati –Il numero di iterazioni da compiere non è noto a priori per cui il ciclo termina solo quando viene inserito in input tale valore –Il valore sentinella deve essere scelto in modo da non essere confuso con un valore di input accettabile ( -1 è adeguato per questo esempio)

20 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Formulazione di algoritmi: processo Top-Down a raffinamenti successivi (1/4) Tecnica Top-down (dallalto in basso) –Si inizia con una rappresentazione in pseudocodice del top (istruzione con cui si specifica il requisito principale del programma) Determina la media della classe per lesame –Si divide il top in una serie di attività più piccole e semplici da realizzare, elencate nellordine in cui vanno eseguite (processo di raffinamento): Inizializza le variabili Acquisisci i valori di input, somma e conta i voti dellesame Calcola e visualizza la media della classe Molti programmi consistono di tre fasi principali: –Inizializzazione: dichiara ed inizializza le variabili del programma –Elaborazione: acquisisce i dati in input e aggiorna i valori delle variabili in gioco sulla base dati acquisiti –Terminazione: calcola e visualizza i risultati finali (output) –Questo regola generale aiuta a scomporre i programmi applicando la tecnica del processo top-down per raffinamenti successivi

21 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Formulazione di algoritmi: processo Top-Down a raffinamenti successivi (2/4) Raffinamento della fase di inizializzazione: –Scomponendo listruzione Inizializza le variabili si ottiene: Inizializza il totale a zero Inizializza il contatore a zero Raffinamento della fase di elaborazione: –Scomponendo listruzione Acquisisci i valori in input, somma e conta i voti dellesame si ottiene: Aquisisci in input il primo voto (che potrebbe già essere il valore sentinella) Finchè lutente non ha ancora inserito il valore sentinella Aggiungi il voto al totale corrente Aggiungi uno al contatore dei voti Aquisisci in input il prossimo voto (che potrebbe essere il valore sentinella) Raffinamento della fase di terminazione: –Scomponendo listruzione Calcola e visualizza la media della classe si ottiene: Se il contatore dei voti non è uguale a zero Imposta la media con il totale diviso per il contatore dei voti Visualizza la media altrimenti Visualizza Non è stato inserito nessun voto

22 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Formulazione di algoritmi: processo Top-Down a raffinamenti successivi (3/4) 1/* Fig. 3.8: fig03_08.c 2 Programma per il calcolo della media di una classe 3 tramite un ciclo controllato da un valore sentinella */ 4#include 5 6int main(){ 7 float media; /* nuovo tipo di dato */ 8 int contatore, voto, totale; 9 10 totale = 0;/* fase di inizializzazione */ 11 contatore = 0; /* fase di elaborazione */ 14 printf( Inserisci il voto, -1 per terminare: " ); 15 scanf( "%d", &voto ); 16 while ( voto != -1 ) { 17 totale = totale + voto; 18 contatore = contatore + 1; 19 printf( Inserisci il voto, -1 per terminare: " ); 20 scanf( "%d", &voto ); 21 } 1. Inizializzazione delle variabili 2. Acquisizione del primo valore in input 3. Esecuzione del ciclo (solo se il primo input non è già il flag)

23 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Formulazione di algoritmi: processo Top-Down a raffinamenti successivi (4/4) 4. Calcolo della media 5. Output dei risultati /* fase di terminazione */ 25 if ( contatore != 0 ) { 26 media = ( float ) totale / contatore; 27 printf( La media della classe è %.2f", media ); 28 } 29 else 30 printf( Non è stato inserito nessun voto\n" ); 31 return 0; /*indica che il programma è terminato con successo*/ 32} Inserisci il voto, -1 per terminare: 75 Inserisci il voto, -1 per terminare: 94 Inserisci il voto, -1 per terminare: 97 Inserisci il voto, -1 per terminare: 88 Inserisci il voto, -1 per terminare: 70 Inserisci il voto, -1 per terminare: 64 Inserisci il voto, -1 per terminare: 83 Inserisci il voto, -1 per terminare: 89 Inserisci il voto, -1 per terminare: -1 La media della classe è Visualizzazione del programma Nota: se si omette (float) davanti alla divisione, essa ritornerà un numero intero, invece che con virgola, ovvero float, come desiderato nellesempio

24 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Strutture di controllo annidate (1/5) Altra variante del problema iniziale –Un college ha la lista dei risultati (1 = promosso, 2 = bocciato) degli esami di 10 suoi studenti –Si vuole scrivere un programma che analizzi i risultati e, se più di 8 studenti sono stati promossi, scriva Si devono aumentare le tasse! Va notato che: –Il programma deve processare 10 risultati desame Sarà quindi necessario usare un ciclo controllato da un contatore –Si possono usare due contatori separati Uno che conta il numero di promossi, laltro per il numero di bocciati –Ogni esito desame consiste in un numero (1 oppure 2) Quindi se tale numero non è 1, allora si suppone che sia un 2 –Il problema può essere risolto annidando tra loro diversi tipi di strutture di controllo (while e if/else) –Si può anche usare un solo contatore e ottenere il numero dei bocciati come differenza rispetto ai 10 risultati totali (o viceversa)

25 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved. Rappresentazione in pseudocodice del top: Analizza i risultati dellesame e decidi se vanno aumentate le tasse scolastiche Esito del primo raffinamento (standard) Inizializza le variabili Acquisisci in input le dieci valutazioni dellesame e conta il numero di promossi e di bocciati Visualizza un riassunto dei risultati desame e decidi se aumentare o meno le tasse scolastiche Raffinamento della fase di inizializzazione –Scomponendo listruzione Inizializza le variabili si ottiene: Inizializza il contatore delle promozioni a zero Inizializza il contatore delle bocciature a zero Inizializza il contatore degli studenti a uno Strutture di controllo annidate (2/5)

26 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved. Raffinamento della fase di elaborazione –Scomponendo listruzione Acquisisci in input le dieci valutazioni dellesame e conta il numero di promossi e di bocciati si ottiene: Finché il contatore degli studenti è minore o uguale a dieci Acquisisci in input il prossimo risultato desame Se lo studente è stato promosso Aggiungi uno al contatore dei promossi altrimenti Aggiungi uno al contatore dei bocciati Aggiungi uno al contatore degli studenti Raffinamento della fase di terminazione –Scomponendo listruzione Visualizza un riassunto dei risultati desame e decidi se aumentare o meno le tasse scolastiche si ottiene: Visualizza il numero dei promossi Visualizza il numero dei bocciati Se più di otto studenti sono stati promossi Visualizza Si devono aumentare le tasse! Strutture di controllo annidate (3/5)

27 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Strutture di controllo annidate (4/5) 1/* Fig. 3.10: fig03_10.c 2 Analisi dei risultati dellesame */ 3#include 4 5int main(){ 6 /* inizializza le variabili nelle dichiarazioni */ 7 int promossi = 0, bocciati = 0, studente = 1, risultato; 8 9 /* elabora 10 studenti; ciclo controllato da un contatore */ 10 while ( studente <= 10 ) { 11 printf( Inserisci il risultato ( 1=promosso,2=bocciato ):" ); 12 scanf( "%d", &risultato ); 13 if ( risultato == 1 ) /* if/else annidato nel while */ 14 promossi = promossi + 1; 15 else 16 bocciati = bocciati + 1; 17 studente = studente + 1; 18 } printf( Promossi %d\n", promossi ); /* stampa dei risultati */ 21 printf( Bocciati %d\n", bocciati ); 22 if ( promossi > 8 ) 23 printf( Si devono aumentare le tasse\n" ); 24 return 0; /* il programma termina con successo */ 35} 1. Inizializzazione delle variabili 2. Inserimento dati e conteggio del numero di promossi e bocciati 3. Output dei risultati

28 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Strutture di controllo annidate (5/5) Visualizzazione del programma Inserisci il risultato (1=promosso,2=bocciato): 1 Inserisci il risultato (1=promosso,2=bocciato): 2 Inserisci il risultato (1=promosso,2=bocciato): 1 Inserisci il risultato (1=promosso,2=bocciato): 2 Inserisci il risultato (1=promosso,2=bocciato): 1 Inserisci il risultato (1=promosso,2=bocciato): 2 Promossi 6 Bocciati 4

29 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Gli operatori di assegnamento Sono operatori che permettono di abbreviare la scrittura delle espressioni di assegnamento –Esempio: c = c + 3; può essere abbreviato con c += 3; usando loperatore di assegnamento per la somma Più in generale, ogni istruzione nella forma variabile = variabile operatore espressione; può essere riscritta con gli operatori di assegnamento come variabile operatore= espressione; Gli operatori aritmetici di assegnamento sono: c += 3 equivalente a (c = c + 3) d -= 4 equivalente a (d = d - 4) e *= 5 equivalente a (e = e * 5) f /= 3 equivalente a (f = f / 3) g %= 9 equivalente a (g = g % 9)

30 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Gli operatori di incremento e decremento (1/2) Operatore di incremento ( ++) –Esempio: c+=1; può essere abbreviato con c++; ma solo per incrementi unitari Operatore di decremento ( --) –Esempio: c-=1; può essere abbreviato con c--; ma solo per decrementi unitari Pre-incremento –Loperatore è anteposto alla variabile ( ++c o --c ) –Prima di tutto si incrementa la variabile su cui agisce loperatore –Poi si esegue lintera espressione contenente loperatore, utilizzando quindi il nuovo valore della variabile, già incrementato/decrementato Post-incremento –Loperatore è messo dopo la variabile ( c++ o c-- ) –Prima si esegue lintera espressione contenente loperatore, utilizzando il valore corrente della variabile –Solo successivamente la variabile viene incrementata/decrementata

31 2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved Gli operatori di incremento e decremento (2/2) La differenza sta nel valore assunto dalla variabile allinterno dellespressione in cui compare loperatore –Assume lo stesso valore che aveva prima (post) –Oppure assume il valore già aggiornato (pre) –Esempio: se si assume che, prima delle seguenti istruzioni, c = 5, allora printf( "%d", ++c); Visualizza 6 printf( "%d", c++); Visualizza 5 –In entrambi i casi, dallistruzione successiva a quella contenente loperatore, si userà sempre e comunque il valore incrementato Nellesempio, dopo la printf c vale 6 in entrambi i casi Quando la variabile pre/post-incrementa non è allinterno di una espressione, pre/post-incremento hanno lo stesso effetto –Le due coppie di istruzioni seguenti sono hanno lo stesso effetto: ++c; c++; printf( "%d", c);


Scaricare ppt "2000 Prentice Hall, Inc. All rights reserved. Capitolo 3 (Deitel) Lo sviluppo di programmi strutturati Indice degli argomenti 3.1 - Introduzione 3.2 -"

Presentazioni simili


Annunci Google