La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lesercizio della professione giornalistica Fra normativa, giurisprudenza e deontologia Maria Romana Allegri - a. a. 2009-2010 Lezioni di diritto dellinformazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lesercizio della professione giornalistica Fra normativa, giurisprudenza e deontologia Maria Romana Allegri - a. a. 2009-2010 Lezioni di diritto dellinformazione."— Transcript della presentazione:

1 Lesercizio della professione giornalistica Fra normativa, giurisprudenza e deontologia Maria Romana Allegri - a. a Lezioni di diritto dellinformazione

2 LOrdine e lAlbo dei giornalisti

3 (legge 2307/1925 e r. d. 384/1928) LAlbo dei giornalisti fu istituito affinché il regime fascista potesse meglio esercitare il controllo sullattività giornalistica. LOrdine dei giornalisti, anche se previsto dalla legge del 1925, non fu mai istituito. La legge prevedeva che lesercizio della professione fosse consentito solo agli iscritti in appositi albi. Gli albi originariamente dovevano essere depositati presso le corti dAppello. Invece, con la l. 563/1926 istitutiva del sindacato unico per ogni categoria di professionisti, la loro tenuta venne affidata al sindacato regionale fascista. A questa previsione si adeguò il r. d. del 1928.

4 Il r. d. 384/1928 LAlbo dei giornalisti si componeva di tre elenchi: - Professionisti (esercizio esclusivo da almeno 18 mesi) - Praticanti (esercizio esclusivo per meno di 18 mesi o minori di 21 anni) - Pubblicisti (esercizio non esclusivo) Divieto di iscrizione per chi avesse riportato condanne a pena detentiva superiore a 5 anni o a chi avesse svolto attività antinazionale. Occorreva attestazione del Prefetto di buona condotta politica. LOrdine, che avrebbe dovuto tenere lAlbo ed esercitare i provvedimenti disciplinari) non fu mai istituito. Le sue funzioni furono esercitate dal sindacato nazionale fascista dei giornalisti, articolato in un direttorio nazionale e in 11 sindacati regionali, al cui interno il governo nominava un comitato di 5 membri di nomina ministeriale, incaricato della tenuta dellAlbo e dei provvedimenti disciplinari. Contro le decisioni del comitato non era ammesso ricorso giurisdizionale, ma solo un ricorso alla commissione superiore per la stampa.

5 Il d. l. lgt. n. 302/1944 Nellimmediato dopoguerra, gli albi e la disciplina degli iscritti venne affidata ad una apposita commissione con sede a Roma, i cui membri erano nominati dal ministro di grazia e giustizia previo parere del sottosegretariato per la stampa e della federazione nazionale per la stampa. Questa disciplina restò invariata per diciotto anni.

6 La riforma dellOrdine e dellAlbo dei giornalisti (Legge n. 69/1963: Ordinamento della professione di giornalista) La tenuta dellAlbo è affidata allOrdine dei giornalisti. LAlbo si compone di due soli elenchi (professionisti e pubblicisti), mentre i praticanti sono iscritti in un apposito registro. Per liscrizione allAlbo o al registro dei praticanti occorre essere cittadini italiani o comunitari. In particolare, i professionisti devono avere almeno 21 anni, aver esercitato la professione per almeno 18 mesi, aver superato una prova di idoneità professionale. I pubblicisti devono aver esercitato al professione per almeno 2 anni, in modo non esclusivo, ma retribuito. No prova di idoneità professionale. (segue...)

7 Segue dalla slide precedente I praticanti non fanno parte dellOrdine, pur essendo tenuti al rispetto delle regole deontologiche. Essi svolgono pratica giornalistica presso un quotidiano, o presso il servizio giornalistico della radio o della televisione, o presso un'agenzia quotidiana di stampa a diffusione nazionale e con almeno 4 giornalisti professionisti redattori ordinari, o presso un periodico a diffusione nazionale e con almeno 6 giornalisti professionisti redattori ordinari. Non possono iscriversi allAlbo coloro che hanno riportato condanna penale con interdizione dai pubblici uffici. Per condanne penali di altro tipo, la valutazione è rimessa allOrdine. Esercitano attività giornalistica iscritti in apposito elenco anche: - i giornalisti di nazionalità straniera con almeno 21 anni di età; - i direttori responsabili di periodi a carattere tecnico, professionale o scientifico. Dal 1976 (d.P.R. 649) anche i telecinefotoperatori possono iscriversi allOrdine come professionisti o pubblicisti.

8 LOrdine dei giornalisti: organizzazione e funzioni Ente pubblico a struttura associativa, con iscrizione obbligatoria per esercizio della professione. E articolato in un consiglio nazionale (presso il Ministro della giustizia) e in consigli regionali/interregionali. Presso ogni consiglio è istituito lAlbo e gli elenchi speciali. LOrdine si occupa delliscrizione e della cancellazione dallAlbo e delle sanzioni disciplinari nei confronti degli iscritti per violazione delle norme e della deontologia professionale. Il procedimento disciplinare può essere avviato sia dal consiglio (nazionale o regionale) dellordine (anche sulla base di ricorsi individuali) sia dal procuratore generale presso la corte dappello. Sanzioni: avvertimento, censura, sospensione, radiazione (si può chiedere la reiscrizione dopo 5 anni). Contro le decisioni del consiglio regionale è ammesso ricorso al consiglio nazionale e poi al giudice (tribunale e corte dappello).

9 Il commento Nella disciplina del 1963 scompare ogni criterio selettivo di natura politica. Tuttavia il sistema non è esente da critiche. Infatti, se tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero, la necessaria iscrizione allAlbo per esercitare la professione potrebbe essere incostituzionale. In varie sentenze, la Corte costituzionale ha respinto le censure: lOrdine e lAlbo rappresenterebbero invece una garanzia della libertà del giornalista rispetto ai rapporti con il datore di lavoro; inoltre, anche soggetti non iscritti allAlbo possono esprimere il proprio pensiero attraverso la stampa periodica. La posizione della Corte non è però condivisa da tutti.

10 La giurisprudenza della Corte costituzionale Estratti dalla sentenza n. 11/1968: Non spetta alla Corte valutare l'opportunità della creazione dell'Ordine, perché l'apprezzamento delle ragioni di pubblico interesse che possano giustificarlo appartiene alla sfera di discrezionalità riservata al legislatore. Compete invece alla Corte accertare se la riserva della professione giornalistica ai soli iscritti all'Ordine ed il modo in cui la legge ha disciplinato il regime dell'albo comportino la violazione del principio costituzionale - art che a tutti riconosce il "diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione la legge impugnata [...] disciplina l'esercizio professionale giornalistico e non l'uso del giornale come mezzo della libera manifestazione del pensiero l'appartenenza all'Ordine non è condizione necessaria per lo svolgimento di un'attività giornalistica che non abbia la rigorosa caratteristica della professionalità. Chi tenga presente il complesso mondo della stampa nel quale il giornalista si trova ad operare o consideri che il carattere privato delle imprese editoriali ne condiziona le possibilità di lavoro, non può sottovalutare il rischio al quale è esposta la sua libertà né può negare la necessità di misure e di strumenti a salvaguardarla.

11 (segue)... l'opportunità che i giornalisti vengano associati in un organismo che, nei confronti del contrapposto potere economico del datori di lavoro, possa contribuire a garantire il rispetto della loro personalità e, quindi, della loro libertà: compito, questo, che supera di gran lunga la tutela sindacale del diritti della categoria e che perciò può essere assolto solo da un Ordine a struttura democratica che con i suoi poteri di ente pubblico vigili, nei confronti di tutti e nell'interesse della collettività, sulla rigorosa osservanza di quella dignità professionale che si traduce, anzitutto e soprattutto, nel non abdicare mai alla libertà di informazione e di critica e nel non cedere a sollecitazioni che possano comprometterla. Non si vede, infine, in che modo il Consiglio dell'Ordine possa esercitare poteri arbitrari in ordine all'iscrizione nell'albo: chiamato a verificare la sussistenza di elementi tassativamente indicati dalla legge ed a prendere atto del giudizio positivo delle prove di esame predisposte per un accertamento tecnico... La Corte ritiene, del pari, che i poteri disciplinari conferiti ai Consigli non siano tali da compromettere la libertà degli iscritti. Due elementi fondamentali vanno tenuti ben presenti: la struttura democratica del Consiglio [... ] e la possibilità del ricorso al Consiglio nazionale ed il successivo esperimento dell'azione giudiziaria nei vari gradi di giurisdizione.

12 Estratti dalla sentenza della Corte costituzionale n. 98/ la Corte deve ora portare il suo esame, al fine di accertare in primo luogo se - a parte le sue ulteriori specificazioni che saranno più innanzi valutate - l'obbligo dell'iscrizione nell'albo giornalistico del direttore e del vicedirettore responsabile dei giornali quotidiani, dei periodici e delle agenzie di stampa violi il principio costituzionale secondo il quale "tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione" (art. 21 della Costituzione).... l'obbligo imposto dall'art. 46 della legge - nei limiti in cui viene prescritto che direttore e vicedirettore responsabili siano iscritti nell'albo - risulta legittimo in entrambi gli aspetti sotto i quali, come si è detto, esso va valutato. Ed infatti la funzione dell'Ordine - funzione, giova ripeterlo, che dà giustificazione costituzionale alla sua istituzione e disciplina -, risulterebbe frustrata ove proprio i poteri direttivi di un quotidiano, di un periodico o di un'agenzia potessero essere assunti da un soggetto (non importa che si tratti dello stesso proprietario o di altri) che per il fatto di non essere iscritto nell'albo non possa essere chiamato a rispondere di fronte all'Ordine per eventuali comportamenti lesivi della dignità sua e dei giornalisti che da lui dipendono... Se queste sono le ragioni che rendono costituzionalmente valido l'obbligo di cui si discorre, si deve riconoscere che esse appaiono soddisfatte dalliscrizione del direttore e del vicedirettore nell'albo, indipendentemente dal fatto che si tratti di professionisti o di pubblicisti...

13 Estratti dalla sentenza n. 113/1974 Il primo comma dell'art. 34 della legge 3 febbraio 1963, n. 69, sull'ordinamento della professione di giornalista, dispone che la pratica giornalistica deve svolgersi presso un quotidiano o presso il servizio giornalistico della radio e della televisione, o presso un'agenzia quotidiana di stampa a diffusione nazionale e con almeno 4 giornalisti professionisti redattori ordinari, o presso un periodico a diffusione nazionale e con almeno 6 giornalisti professionisti redattori ordinari.... si censura in concreto, affermando che sia arbitrario, pretestuoso, artificioso, comunque irrazionale, il criterio adottato dal legislatore, con la norma denunziata, per determinare i requisiti necessari perché un giornale o una agenzia giornalistica possano essere ritenuti idonei per un utile tirocinio. Al riguardo si rileva che la determinazione dei requisiti necessari o meramente sufficienti perché un giornale o una agenzia giornalistica possano essere ritenuti idonei ad assicurare un tirocinio utile per la preparazione all'esercizio di una professione delicata ed importante, anche sotto il profilo dell'interesse pubblico, quale quella giornalistica, implica apprezzamenti e valutazioni che sicuramente rientrano nella potestà di scelta appartenente al legislatore, non sindacabile se non sotto il profilo dell'assoluta irragionevolezza. La questione è dichiarata infondata.

14 Diritti e doveri del giornalista Normativa e deontologia

15 Diritti e doveri del giornalista (art. 2 della legge 69/1963) È' diritto insopprimibile dei giornalisti la libertà d'informazione e di critica, limitata dall'osservanza delle norme di legge dettate a tutela della personalità altrui ed è loro obbligo inderogabile il rispetto della verità sostanziale dei fatti, osservati sempre i doveri imposti dalla lealtà e dalla buona fede. Devono essere rettificate le notizie che risultino inesatte, e riparati gli eventuali errori. Giornalisti e editori sono tenuti a rispettare il segreto professionale sulla fonte delle notizie, quando ciò sia richiesto dal carattere fiduciario di esse, e a promuovere lo spirito di collaborazione tra colleghi, la cooperazione fra giornalisti e editori, e la fiducia tra la stampa e i lettori.

16 Le clausole di coscienza La necessità di protezione del giornalista dai condizionamenti derivanti dallimpresa editoriale è alla base delle rivendicazioni della contrattazione collettiva, che ha inserito nel contratto di lavoro giornalistico (CNLG) le c. d. clausole di coscienza: il giornalista che non condivide più la linea editoriale della testata può sciogliere unilateralmente il rapporto di lavoro senza perdere lindennità di fine rapporto.

17 Il dovere di rettifica Art. 8 della l. 47/1948, mod. dallart. 42 della l. 416/1981: chi è fatto oggetto di notizie false o inesatte può chiederne la rettifica allorgano di stampa. La rettifica deve essere obbligatoriamente pubblicata con lo stesso rilievo tipografico della notizia inesatta. Linteressato può fare ricorso al giudice per ottenere la pubblicazione obbligatoria della rettifica. Il giudice può comminare anche una sanzione amministrativa. Art. 13 della l. 675/1996: linteressato ha diritto di chiedere la rettificazione o lintegrazione dei dati personali.

18 Ciascuno dei concetti enunciati nellart. 2 della legge 69/1963 va interpretato alla luce delle sentenze della Corte costituzionale e della Corte di cassazione, come pure delle norme deontologiche sulla professione giornalistica.

19 I codici deontologici 1988: Carta informazione e pubblicità 1990: Carta di Treviso per la tutela dei minori nellattività giornalistica, intitolata Per una cultura dellinfanzia 1993: Carta dei doveri del giornalista 1995: Carta informazione e sondaggi 1998: Codice deontologico relativo al trattamento dei dati personali nellattività giornalistica 2007: Carta dei doveri dellinformazione economica

20 Carta informazione e pubblicità – 1988 Il cittadino ha diritto ad una corretta informazione. Lautore del messaggio pubblicitario deve essere sempre riconoscibile. Deve essere riconoscibile anche lidentità dellemittente in favore del quale viene trasmesso il messaggio pubblicitario. Idem per lidentità del committente. Il giornalista non deve offrire/accettare compensi di alcun genere che possono portare alla confusione dei ruoli. Il giornalista deve controllare la verità e la correttezza della notizia e deve rettificare le informazioni inesatte.

21 Carta di Treviso (protezione dei minori) – 1990 Si ribadisce limpegno della Repubblica a proteggere linfanzia e la gioventù, come previsto dalla Costituzione italiana. Si ribadisce il rispetto dei principi della Convenzione ONU del 1989 sui diritti del fanciullo e delle altre Convenzioni europee sullargomento. Si precisa che linteresse dei minori ad una crescita sana, alla tutela della loro privacy e al benessere psico-fisico deve prevalere su ogni altro interesse. Si deve garantire lanonimato e la non identificabilità del minore coinvolto in fatti di cronaca. Il minore non deve esser intervistato o impegnato in trasmissioni televisive o radiofoniche che possono turbarlo. Nel narrare fatti di cronaca non bisogna indulgere su quei particolari che possono portare il minore allemulazione. Non bisogna indulgere nella diffusione di immagini di minori malati, feriti, svantaggiati, in difficoltà. Se il minore è coinvolto in un rapimento, i dati relativi alla sua identificazione saranno diffusi solo con il consenso dei genitori. Occorre prestare attenzione alle possibili strumentalizzazioni del minore per interessi di adulti.

22 Carta dei doveri del giornalista – 1993 Il giornalista ha il dovere di diffondere notizie di pubblico interesse, superando ogni ostacolo, perché la responsabilità dinanzi ai cittadini –che hanno diritto allinformazione – prevale sempre su ogni altra. E responsabile dinanzi ai cittadini del proprio lavoro. Non deve aderire ad associazioni vietate ex art. 18 Cost. Non deve accettare incarichi che compromettano la sua indipendenza ed autonomia. Accetta direttive solo dalle gerarchie redazionali della sua testata. Deve osservare il segreto professionale e le relative disposizioni del c. p. p. Deve rispettare la riservatezza e la dignità della persona, non deve compiere arbitrarie discriminazioni, deve essere pronto a rettificare. Non deve pubblicare immagini e particolari eccessivamente raccapriccianti.

23 (... segue) Ha pieno diritto di cronaca e di critica, rispettando sempre la dignità personale (no alloffesa e alla diffamazioni) Pubblica informazioni della vita privata solo se di rilevante interesse pubblico. Deve rispettare la presunzione di innocenza. Non pubblica nomi di congiunti di persone coinvolte in casi di cronaca. Non deve rendere identificabili vittime di reati sessuali. Pubblica con grande cautela informazioni che possono portare allidentificazione dei collaboratori di giustizia.

24 Carta informazione e sondaggi – 1995 Il diritto del cittadino ad una corretta informazione riguarda anche la conoscenza dei dati provenienti dai sondaggi. Il giornalista deve però fornire tutte le informazioni per capire la provenienza del sondaggio, la sua rilevanza, completezza e attendibilità.

25 Codice deontologico sul trattamento dei dati personali – 1998 Poiché la professione di giornalista deve svolgersi senza autorizzazioni o censure, il trattamento dei dati nellesercizio della professione si differenza nettamente da altre forme di trattamento. Il giornalista che accede a banche-dati di uso redazionale deve rendere nota la sua identità, a meno che questo non pregiudichi la sua incolumità. Ha il dovere di rettifica. Deve rispettare linviolabilità del domicilio ed altri luoghi di privata dimora. Tratta i c. d. dati sensibili limitandosi allessenzialità dellinformazione. Le notizie di interesse pubblico vanno trattate con riguardo allessenzialità dellinformazione e alla sfera privata dei soggetti coinvolti.

26 (... segue) Rispetta il diritto alla riservatezza dei minori secondo i principi della carta di Treviso e non pubblica dati che possono rendere identificabili i minori coinvolti in fatti di cronaca. Non fornisce notizie o pubblica immagini lesive della dignità della persona e non pubblica immagini di violenza se non necessario ai fini di una corretta informazione. Non pubblica immagini di persone in stato di detenzione se non con il loro consenso. Tutela il diritto alla riservatezza delle persone malate e della sfera sessuale. E ammesso il trattamento di dati relativi a processi penali nellesercizio del diritto di cronaca. Queste norme si applicano a chiunque pratichi attività giornalistica, anche occasionalmente. Però solo agli iscritti allalbo si applicano le sanzioni disciplinari.

27 Carta dei doveri dellinformazione economica – 2007 Il giornalista riferisce correttamente le informazioni in proprio possesso. Non subordina la diffusioni di tali notizie al profitto personali o di terzi. Non accetta incarichi o compensi che pregiudicano la sua indipendenza e autonomia. Non può scrivere articoli su fatti rispetto ai quali ha un interesse economico o finanziario personale. Occorre assicurare la trasparenza degli assetti proprietari, azionari e finanziari del giornale e degli interessi di cui possono essere portatori i singoli giornalisti. In caso di articoli che contengono raccomandazioni di investimento, bisogna che sia chiaramente identificabile lautore della raccomandazione e lopinione del giornalista deve essere chiaramente distinta da essa. La presentazione di studi di analisti deve essere fatta con trasparenza circa lidentità dellanalista e chiarezza sul contenuto dellinformazione.

28 Il diritto di cronaca, di critica, di satira

29 Il diritto di cronaca e di critica Lart. 21 della Costituzione comprende anche la «libertà di dare e divulgare notizie, opinioni e commenti» (Corte costituzionale, sentenza n. 105/1972). Lonore e la reputazione costituiscono beni costituzionalmente rilevanti. Altrettanto lo è il diritto alla riservatezza. Come si possono contemperare queste diverse esigenze? Infatti, la libertà di cronaca potrebbe scadere nella diffamazione, oppure nella violazione della privacy. Su questi problemi si sono espresse la Corte di Cassazione e la Corte Costituzionale, come si vedrà nelle slides successive.

30 Prima di definire i limiti del diritto di cronaca e di critica, occorre definire il reato di diffamazione: Art. 595 c. p. : Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito [...] Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è (aumentata) [...] Art. 596 c. p., comma 1: Il colpevole dei delitti preveduti dai due articoli precedenti non è ammesso a provare, a sua discolpa, la verità o la notorietà del fatto attribuito alla persona offesa. Art. 596 bis c.p.: Se il delitto di diffamazione è commesso col mezzo della stampa le disposizioni dell'articolo precedente si applicano anche al direttore o vice-direttore responsabile, all'editore e allo stampatore [...] Art. 597 c. p., comma 1: I delitti preveduti dagli articoli 594 e 595 sono punibili a querela della persona offesa.

31 La diffamazione a mezzo stampa: circostanze esimenti Sentenza della Corte Costituzionale n. 175/1971: Nonostante la non invocabilità dellexceptio veritatis (art. 596 c. p.), il colpevole può invocare l'esimente, prevista dall'art. 51 c.p., che esclude la punibilità in quanto il fatto imputato costituisca esercizio di un diritto. «E non appar dubbio che tale sia il caso del giornalista che, nell'esplicazione del compito di informazione ad esso garantito dall'art. 21 Cost., divulghi col mezzo della stampa notizie, fatti o circostanze che siano ritenute lesive dell'onore o della reputazione altrui, sempreché la divulgazione rimanga contenuta nel rispetto dei limiti che circoscrivono l'esplicazione dell'attività informativa derivabili dalla tutela di altri interessi costituzionali protetti».

32 La responsabilità per il reato di diffamazione (e per gli altri reati a mezzo stampa) si estende anche al direttore della testata: Art. 57 c. p.: Salva la responsabilità dell'autore della pubblicazione e fuori dei casi di concorso, il direttore o il vice-direttore responsabile, il quale omette di esercitare sul contenuto del periodico da lui diretto il controllo necessario ad impedire che col mezzo dalla pubblicazione siano commessi reati, è punito, a titolo di colpa, Art. 57 bis c. p.: Nel caso di stampa non periodica, le disposizioni di cui al precedente articolo si applicano all'editore, se l'autore della pubblicazione è ignoto o non imputabile, ovvero allo stampatore, se l'editore non è indicato o non è imputabile. Art. 58 c. p.: Le disposizioni dell'articolo precedente si applicano anche se non sono state osservate le prescrizioni di legge sulla pubblicazione e diffusione della stampa periodica e non periodica. (stampa clandestina).

33 La responsabilità del direttore della testata (segue) In concreto, è difficile per il direttore di un periodico di tiratura nazionale (data lampiezza della redazione) controllare effettivamente il contenuto dei singoli articoli. Lart. 57 c. p. è stato quindi sospettato di illegittimità per violazione del principio di uguaglianza. Corte costituzionale, sentenza n. 198/1982: «L'identificazione del responsabile nel direttore, che per tale sua funzione è posto più degli altri in grado di seguire tutta l'attività del periodico, risponde a sufficienti criteri di razionalità. [...] Tale conclusione, d'altra parte, non può essere respinta neppure in relazione al caso, indubbiamente caratterizzato da aspetti propri, dell'unicità del direttore di un grande periodico. [...] Una volta ammessa, come si è detto, la necessità della previsione di soggetti responsabili dei periodici di fronte alla legge, ciò che del resto non contestano le ordinanze di rinvio, le modalità di attuazione della relativa regolamentazione rientrano, in relazione alla scelta tra le possibili soluzioni, nella discrezionalità del legislatore, ovviamente nei limiti della ragionevolezza, che nella specie, come si è detto, non possono certo ritenersi violati. [...] Il che consente, d'altra parte, di ritenere che la responsabilità del direttore venga meno tutte le volte in cui il caso fortuito, la forza maggiore, il costringimento fisico o l'errore invincibile (artt. 45, 46, 48 c.p.) vietino di affermare che l'omissione sia cosciente e volontaria (art. 42 c.p.)... »

34 La giurisprudenza della Corte di cassazione sul diritto di cronaca Cass. civ. n. 5259/1984 (c. d. sentenza-decalogo) Chi si ritiene diffamato può adire direttamente il giudice civile per il risarcimento dei danni, senza necessariamente aver presentato querela in sede penale. Il diritto di diffondere attraverso la stampa notizie e commenti è legittimo a tre condizioni: 1) utilità sociale dellinformazione; 2) verità dei fatti esposti (anche soltanto putativa, purché frutto di serio lavoro di ricerca); la verità incompleta (fatti dolosamente o colposamente taciuti) è da equipararsi alla notizia falsa. 3) forma civile dellesposizione (cioè obiettiva, non con intenti denigratori, rispettosa della dignità delle persone e dei sentimenti umani).

35 (.... segue...) La forma della critica non è civile quando: - è eccedente rispetto allo scopo informativo; - difetta di serenità e/o di obiettività; - calpesta la dignità umana; - non è improntata (intenzionalmente) a leale chiarezza, cioè si serve di subdoli espedienti quali: a) il sottinteso sapiente; b) gli accostamenti suggestionanti; c) il tono sproporzionatamente scandalizzato/sdegnato; d) vere e proprie insinuazioni più o meno velate.

36 Cass. pen. n. 1473/1997 (sul requisito dellutilità sociale) Il diritto di cronaca non esime di per sé dal rispetto dellaltrui reputazione e riservatezza, ma giustifica intromissioni nella sfera privata dei cittadini solo quando possano contribuire alla formazione di una pubblica opinione su fatti oggettivamente rilevanti per la collettività. Anche le vicende private di persone impegnate nella vita politica o sociale possono risultare di interesse pubblico, quando da esse possono desumersi elementi di valutazione sulla personalità o sulla moralità di chi debba godere della fiducia dei cittadini. Ma non è certo la semplice curiosità del pubblico a poter giustificare la diffusione di notizie sulla vita privata altrui, perché è necessario che tali notizie rivestano oggettivamente interesse per la collettività.

37 Cass. civ. n. 3679/1998 (sempre sul requisito dellutilità sociale) E riconosciuto un diritto alloblio, cioè il diritto a non restare indeterminatamente esposti ai danni ulteriori che la reiterata pubblicazione di una notizia può arrecare allonore e alla reputazione, salvo che, per eventi sopravvenuti, il fatto precedente ritorni di attualità e rinasca un nuovo interesse pubblico allinformazione.

38 La giurisprudenza della Corte di cassazione sul diritto di critica Cass. pen. n /2002 La cronaca è essenzialmente narrazione (mero resoconto) di fatti e accadimenti, mentre la critica è espressione di opinioni e valutazioni. Quindi, il limite della verità deve essere rispettato rigorosamente relativamente alla cronaca, mentre la critica, in quanto espressione di convincimenti personali, non è vincolata allo stesso modo al rispetto di tale limite. Ciò non significa che la critica può essere svincolata dalla verità, ma solo che essa è attività di interpretazione di determinati fatti e quindi elaborazione della realtà attraverso il filtro del giudizio di valore. Quindi la critica deve avere un fondamento di verità – nel senso che deve riferirsi ad un fatto storicamente vero o ad un evento realmente accaduto – ma non può essere rigorosamente vera (obiettiva). La critica svincolata dal fondamento di verità è mera astrazione e può essere lesiva della dignità personale.

39 La giurisprudenza della Corte di cassazione sul diritto di critica Cass. pen. n /1992 e 935/1998 Nella critica politica il criterio della continenza formale assume maggiore elasticità, per cui manifestare dissenso rispetto all'operato altrui, anche con toni aspri ed espressioni che in altro contesto apparirebbero offensive, non può considerarsi diffamazione. Cass. pen. n. 7990/1998 Tuttavia non bisogna scadere nell'uso di espressioni offensive gratuite, senza alcuna finalità di pubblico interesse, screditando l'avversario solo sulla base di una sua pretesa indegnità morale, anziché criticarne i programmi e le azioni.

40 La giurisprudenza sul diritto di satira Pretura di Roma, ordinanza 4 marzo 1989: La satira ha utilità sociale poiché svolge funzione di controllo sociale del potere politico ed economico attraverso lumorismo. Pur essendo espressione di umorismo, essa può trovarsi in qualsiasi contesto, anche serio. Essa quindi deve essere accettata con bonaria indulgenza agli interessati. Tuttavia, la satira non deve ledere i diritti inviolabili della persona (dignità, decoro, reputazione). Cassazione civile n /2000: Nel caso di specie, la sentenza impugnata ha ritenuto superato il limite della continenza della critica politica per la concorrente presenza di due elementi: la estraneità della frase ritenuta diffamatoria alla restante parte dellarticolo e lo sprezzante dileggio insito nella stessa frase.

41 Circa il diritto di satira, gli orientamenti della giurisprudenza non sono univoci e anche in dottrina si riscontrano diverse posizioni, non tutte condivisibili. Eccone alcune: La satira, essendo inverosimile, non può mai essere offensiva né integrare il reato di diffamazione. Occorre comunque rispettare sempre i valori fondamentali della persona (requisito di difficile accertamento). La satira non può comunque travalicare il limite della correttezza delle espressioni. I soggetti devono essere personaggi famosi e/o potenti: la notorietà della persona è una specie di consenso tacito (e allora le persone non note devono prestare consenso espresso?). La satira si fonda sullattualità più che sulla veridicità: di per sé lespressione comica è inverosimile. Data la sua maggiore risonanza e diffusione, la satira a mezzo stampa deve essere più contenuta rispetto a quella verbale o quella televisiva (la carta resta, la TV passa).

42 Diritto di cronaca e intervista diffamatoria Viene e pubblicata unintervista in cui il soggetto interessato pronuncia frasi diffamatorie nei confronti di terzi. Il giornalista è responsabile (civilmente o penalmente)? Sentenza della Cassazione penale, sezioni unite, n /2001: Se lintervistato è un homo publicus, lespressione del suo pensiero è di rilevante interesse sociale e quindi il giornalista, tenuto alla narrazione veritiera dei fatti, deve riportarlo così comè e non è responsabile per diffamazione (purché si sia attenuto scrupolosamente alla verità). Tuttavia, esiste una scala di valori relativa alla notorietà del personaggio e, conseguentemente, varia lintensità dellinteresse pubblico alla conoscenza del suo pensiero. Quindi occorre accertare in concreto, di volta in volta, se si tratti di personaggio noto e affidabile, le cui dichiarazioni meritano di essere riportate, e se il giornalista si sia attenuto scrupolosamente alla verità e allobiettività.

43 (... segue) La posizione della Corte di cassazione apre però notevoli problemi: 1.Chi è un homo publicus? 2.Occorre distinguere fra persona nota e persona di potere? 3.Come stabilire la scala di valori? 4.Il giornalista ha lobbligo di riportare lintervista diffamatoria integralmente o ha un certo potere discrezionale di decidere se, quando, come pubblicare lintervista? 5.Per non essere ritenuto responsabile di diffamazione, il giornalista deve tenere una posizione rigorosamente passiva oppure può esercitare una certa dose di esagerazione e/o di provocazione?

44 Libertà di cronaca e vicende giudiziarie: quale bilanciamento? Lesercizio del diritto di cronaca da parte del giornalista si scontra con vari tipi di esigenze: 1) quella del soggetto coinvolto nella vicenda giudiziaria alla tutela dellonore, della reputazione, della riservatezza; 2) quella dellopinione pubblica ad essere informata di fatti di rilevante interesse sociale; 3) quella degli organi inquirenti e giudicanti alla corretta amministrazione della giustizia. Le norme di legge (art. 114 c. p. p. e c. p.) vietano la pubblicazione, in certi casi, degli atti processuali e puniscono (troppo lievemente?) chi non rispetta tale divieto. Lart. 147 c. p. p. dispone che il giudice può autorizzare la ripresa del dibattimento solo con il consenso delle parti. Tuttavia, può prescindere da esso quando sussiste un interesse sociale particolarmente rilevante.

45 Il segreto professionale

46 Segreto professionale e testimonianza nel processo penale Lart. 2 della l. 69/1963 prevede lobbligo di rispettare il segreto professionale sulla fonte delle notizie di carattere fiduciario. Tuttavia, talvolta il giornalista potrebbe venire a conoscenza di informazioni utili o addirittura indispensabili per lo svolgimento di indagini processuali. Se chiamato a deporre come teste in un processo penale, il giornalista deve rivelare la fonte di informazione, in deroga alla norma citata? In effetti, originariamente lart. 351 c. p. p. non menzionava i giornalisti fra le altre figure (avvocati, medici, ministri di culto) cui era concesso di opporre il segreto professionale in sede processuale. Quindi, i giornalisti che si rifiutavano di rendere nota lidentità dei loro informatori potevano essere incriminati per falsa testimonianza (art. 372 c. p.).

47 (... segue...) La Corte costituzionale (sentenza n. 1/1981) ha affrontato la questione: «... il segreto giornalistico si differenzia dai segreti elencati nell'art. 351 cod. proc. pen., in quanto protegge la sola fonte e non anche la notizia: che anzi viene confidata al giornalista proprio perché egli la divulghi. [...] Si avrebbe piuttosto una assimilazione alla disciplina processuale del c.d. segreto di polizia di cui all'art. 349, ultimo comma, cod. proc. pen. [...] Sta di fatto, però, che l'interesse protetto dall'art. 21 della Costituzione non è in astratto superiore a quello parimenti fondamentale della giustizia: [...] Di talché, nel conflitto tra tali due istanze (conflitto non certo denegabile nel momento in cui l'accertamento della verità di dati fatti è suscettibile di essere ostacolato se non impedito dal segreto che potesse essere mantenuto dal giornalista sulla fonte di notizie in suo possesso in ordine ai fatti stessi), deve essere appunto il legislatore nella sua discrezionalità a realizzare la ragionevole ed equilibrata composizione degli opposti interessi».

48 (... segue...) Lart. 200 dellattuale codice di procedura penale del 1988 prevede che: ai soli giornalisti professionisti iscritti allalbo è concesso, in sede processuale, di non rivelare lidentità delle persone da cui hanno ricevuto notizie confidenziali. Tuttavia il giudice può ordinare al giornalista di farlo in due casi: 1) quando la dichiarazione del giornalista per rifiutarsi di deporre sia infondata; 2) quando le notizie sono indispensabili ai fini della prova del reato per cui si procede e la loro veridicità può essere accertata solo attraverso lindicazione della fonte.

49 (... segue...) Problemi: La norma non considera la posizione dei giornalisti pubblicisti. La norma non consente alcuna forma di opposizione allordine del giudice, la cui valutazione è quindi insindacabile. La protezione offerta al giornalista è inferiore a quella offerta alle altre forme di segreto professionale (medici, avvocati, ministri di culto) perché: a) per queste categorie il segreto si estende a tutti i fatti conosciuti in ragione del proprio ufficio; b) il giudice può ordinare loro di testimoniare nel solo caso in cui la dichiarazione da essi resa per astenersi dal testimoniare sia infondata.

50 La tutela della riservatezza

51 Libertà di cronaca e tutela della riservatezza La giurisprudenza ha individuato il fondamento costituzionale del diritto alla riservatezza negli artt. 2, 3, 13, 14, 15, 29 Cost. e lo ha qualificato come «diritto erga omnes alla libertà di autodeterminazione nello svolgimento della libertà delluomo come singolo» (es. Cass. Civ. 2129/1975, caso Soraya). Questo diritto «è violato se si divulgano notizie della vita privata, le quali, per loro tale natura, debbono ritenersi riservate, a meno che non sussista un consenso anche implicito della persona, desunto dallattività in concreto svolta, o, data la natura dellattività medesima e del fatto divulgato, non sussista un prevalente interesse pubblico di conoscenza che va considerato con riguardo ai doveri di solidarietà politica, economica e sociale inerente alla posizione del soggetto». Il concetto di vita privata si riferisce «ad una certa sfera della vita individuale e familiare, alla illesa intimità personale in certe manifestazioni della vita di relazione, a tutte quelle vicende, cioè, il cui carattere intimo è dato dal fatto che esse si svolgono in un domicilio ideale, non materialmente legato ai tradizionali rifugi della persona (le mura domestiche o la corrispondenza)».

52 (... segue...) Talvolta la lesione del diritto alla riservatezza potrebbe coincidere con una lesione dellonore e della reputazione, poiché «il diritto allimmagine, al nome, allonore, alla reputazione, alla riservatezza non sono che singoli aspetti della rilevanza costituzionale che la persona, nella sua unitarietà, ha acquistato nel sistema della Costituzione» (Cass. civ. 978/1996). Tuttavia tali diritti, pur avendo un fondamento omogeneo, non sono perfettamente coincidenti. Infatti «il diritto alla riservatezza ha una estensione maggiore del diritto alla reputazione, ben configurandosi ipotesi di fatti di vita intima che, pur non influendo sulla reputazione, devono restare riservati» (Cass. civ. 5658/1998) Il bilanciamento di opposti valori costituzionali, quali il diritto di cronaca e il diritto alla riservatezza, si risolve a favore del primo quando siano soddisfatte le tre condizioni enunciate della citata sentenza-decalogo del 1984: utilità sociale della notizia, verità dei fatti divulgati, forma civile dellesposizione (idem).

53 Trattamento dei dati personali ed attività giornalistica Legge 675/1996 e d.lgs. 196/2003 (c. d codice privacy) Trattamento = qualunque operazione o complesso di operazioni, svolti con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati. Dati personali = qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione, identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale. Dai dati personali si distinguono i dati sensibili = i dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto dell'interessato e previa autorizzazione del Garante.

54 Trattamento dei dati personali: le deroghe per i giornalisti Il titolare del trattamento dei dati è soggetto a vari obblighi (notificazione al Garante, trattamento corretto, informativa allinteressato, garantire allinteressato il diritto di accesso e la rettifica). Tuttavia ai giornalisti (professionisti, pubblicisti e praticanti) sono concesse deroghe ex art del d. lgs. 196/2003: 1) possono trattare i dati sensibili senza consenso scritto dellinteressato e senza previa autorizzazione del Garante; 2) possono trattare i dati giudiziari (che si riferiscono alle qualità di imputato/indagato o allesistenza di precedenti penali) senza previa autorizzazione del Garante; 3) possono effettuare più liberamente il trasferimento di dati allestero. Questo a condizione del rispetto delle norme del codice di deontologia professionale del 1998 (già esaminato in precedenza). Il Garante può ordinare, anche su ricorso degli interessati, la correzione o la cancellazione dei dati trattati illegittimamente.

55 Fine Grazie per lattenzione!


Scaricare ppt "Lesercizio della professione giornalistica Fra normativa, giurisprudenza e deontologia Maria Romana Allegri - a. a. 2009-2010 Lezioni di diritto dellinformazione."

Presentazioni simili


Annunci Google