La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

4° I. C. F. DAmico Piano dellOfferta Formativa a. s. 2012 – 2013 Fine ultimo del processo di insegnamento- apprendimento è lAlunno con suoi bisogni formativi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "4° I. C. F. DAmico Piano dellOfferta Formativa a. s. 2012 – 2013 Fine ultimo del processo di insegnamento- apprendimento è lAlunno con suoi bisogni formativi."— Transcript della presentazione:

1 4° I. C. F. DAmico Piano dellOfferta Formativa a. s – 2013 Fine ultimo del processo di insegnamento- apprendimento è lAlunno con suoi bisogni formativi

2 La carta didentità della scuola Consente a questultima di: evidenziare la propria specificità rispetto alle altre scuole dello stesso ordine e grado presenti sul territorio; rendere trasparenti le finalità educative; autovalutare il processo di insegnamento- apprendimento al fine di migliorarlo; fornire agli studenti criteri di valutazione omogenei; assumere impegni nei confronti dellutenza.

3 LIstituzione scolastica Dirigente scolastico Staff e FF. SS. Docenti Collaboratori Docenti responsabili di plesso Docenti Infanzia Docenti Primaria Docenti Secondaria Docenti Indirizzo Musicale Docenti coordinatori Comitato di valutazione Personale ATA Consiglio dIstituto Giunta Esecutiva RSU, RLS, RSPP, ASPP

4 ALUNNI Scuola Secondaria 1° grado Totale alunni iscritti: n. 167 Classi funzionanti n. 9 ( 3 prime, 3 seconde, 3 terze) Classi Prime n. 56 Classi Seconde n. 59 Classi Terze n. 52 Diversamente abili regolarmente segnalati: n. 6 La classe 3 A è a tempo prolungato (36 ore settimanali con due rientri pomeridiani e servizio di mensa); le classi Prime A, B, C 30 ore settimanali (seconda lingua spagnolo o francese); le classi Seconde A, B, C 30 ore settimanali (seconda lingua spagnolo o francese); le classi Terze B e C 30 ore settimanali (seconda lingua spagnolo o francese).

5 ALUNNI Scuola Primaria Totale alunni iscritti: n° 259 Classi funzionanti: 12 ( 3 prime, 2 seconde, 2 terze, 3 quarte e 2 quinte) Classi Prime n.61 Classi Seconde n.50 Classi Terze n.47 Classi Quarte n.63 Classi Quinte n.38 Diversamente abili regolarmente segnalati: n°9 La classe Prima A è a Tempo Pieno, si effettuano 40 ore settimanali, dal Lunedì al Venerdì. Nelle classi Prima A e B si effettuano 29 ore settimanali dal Lunedì al Sabato. Nelle classi Seconde, Terze, Quarte e Quinte si effettuano 30 ore settimanali

6 ALUNNI Scuola dellInfanzia Vincenzo Bellini Totale alunni iscritti: n. 50 Sezioni funzionanti n. 3 ( 1 prima, 1 seconda, 1 terza) Prima Sezione n. 15 Seconda Sezione n. 16 Terza Sezione n. 19 Diversamente abili regolarmente segnalati: n. 1 In tutte le classi si effettuano 40 ore settimanali di lezione con servizio mensa

7 ALUNNI Scuola dellInfanzia Madre Teresa di Calcutta Totale alunni iscritti: n. 203 Sezioni funzionanti n. 8 ( 3 prime, 2 seconde, 3 terze) Prime Sezioni n. 65 Seconde Sezioni n. 58 Terze Sezioni n. 80 In tutte le sezioni si effettuano 40 ore settimanali di lezione con servizi

8 ALUNNI FemmineMaschiTotalen. Classin. Classid. a.d. a.INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA ISTITUTO

9 Principi della Scuola Promuovere un accordo sinergico fra i tre ordini di scuola Valorizzare le diversità come risorse Potenziare le capacità di stabilire rapporti interpersonali Puntare al conseguimento delle capacità critiche di giudizio Adeguare lofferta formativo-didattica ai bisogni Perseguire il successo formativo

10 Finalità della Scuola Scuola dellinfanzia Maturazione dellidentità Conquista dellautonomia Sviluppo delle competenze Scuola primaria Educare alla convivenza democratica e alla progressiva conquista dellautonomia di giudizio e dellassunzione di impegno Promuovere lalfabetizzazione culturale Utilizzare la creatività dellalunno come potenziale educativo in un ambiente educativo di apprendimento Scuola secondaria di primo grado Elevare il livello di istruzione ed educazione Rendere consapevoli gli alunni e le famiglie delle trasformazioni della società in direzione multietnica e della opportunità di confronto/scambio proficuo per lo sviluppo ulteriore della propria personalità Potenziare la capacità di partecipare ai valori della cultura e della convivenza sociale, favorendo una consapevolezza rispetto ai propri stati emotivi Abituare ad operare scelte consapevoli, possibili e realistiche.

11 POLITICA della QUALITA La scuola è un sistema autonomo in grado di gestire sia al suo interno che nei riguardi dellambiente esterno un sistema di relazioni tra alunni, genitori, docenti, personale ATA, agenzie territoriali. La Dirigenza intende perseguire i seguenti obiettivi: Riduzione della dispersione scolastica e promozione del successo formativo; Incremento delle attività di accoglienza e di orientamento; Promozione della formazione del personale docente per favorire il processo di crescita professionale. Al fine di erogare servizi rispondenti a standard qualitativi elevati la Dirigenza tende a finalizzare lo sforzo di tutto il personale nella flessibilità dellofferta formativa nel controllo dei processi e dei risultati nel miglioramento continuo

12 Dei diritti e dei doveri Contribuire a creare un ambiente sereno nella rete delle relazioni che si crea nella comunità scolastica. Conferire alla scuola laccezione di una comunità educante. Fondare i rapporti interpersonali sui valori, sul rispetto reciproco e delle cose che costituiscono il patrimonio della scuola. Le norme di comportamento non devono essere vissute come imposizione ma interiorizzate e viste come condizioni necessarie ed indispensabili per la piena realizzazione della personalità di tutti. Avviare gli alunni alla democrazia facendola sperimentare realmente. Aiutare gli alunni più deboli e che presentano difficoltà ad inserirsi nella comunità di classe e dIstituto. Le componenti della scuola (alunni, genitori e docenti, ATA) non detengono diritti e doveri differenti contrapposti ma concorrono verso lobiettivo comune della educazione dei giovani. Le norme contenute nel Regolamento, pur nel rispetto della forma, devono sempre essere interpretate secondo lo spirito che le ha prodotte.

13 AMPLIAMENTO Offerta Formativa La scuola è impegnata nella realizzazione di progetti curriculari ed extracurriculari al fine di arricchire il percorso formativo degli alunni: P.O.N. – Programmi Operativi Nazionali Accoglienza - Continuità – Orientamento A piccoli passi … (Sezione primavera) Attività alternative alla religione cattolica PROGETTI subordinati al fondo distituto

14 P.O.N. Programmi Operativi Nazionali ALUNNI: La scuola in giallo (Scuola Primaria) Informatica (Scuola Primaria e Secondaria) Inglese – Certificazione CAMBRIDGE (Scuola Primaria e Secondaria) DOCENTI: Informatica - ECDL

15 Tempo Pieno Scuola Primaria Il Progetto Tempo Pieno nasce dall'esigenza di offrire ai bambini un luogo di aggregazione in cui imparare a stare bene insieme. MOTIVAZIONI:. Impegno di entrambi i genitori al lavoro. Maggiore consapevolezza da parte della scuola del suo ruolo di ambiente formativo che educa e promuove. Si ritiene dunque che la permanenza degli alunni a scuola per un tempo così lungo favorisca la progettazione e il potenziamento di percorsi che permettano agli alunni di rendersi protagonisti della loro formazione.


Scaricare ppt "4° I. C. F. DAmico Piano dellOfferta Formativa a. s. 2012 – 2013 Fine ultimo del processo di insegnamento- apprendimento è lAlunno con suoi bisogni formativi."

Presentazioni simili


Annunci Google