La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cioccolato… che bonta ! CLASSI TERZE di Bagnaria Arsa Raccolta di notizie, informazioni e piccole ricette. Uscita didattica Sweet S.p.a. Anno scolastico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cioccolato… che bonta ! CLASSI TERZE di Bagnaria Arsa Raccolta di notizie, informazioni e piccole ricette. Uscita didattica Sweet S.p.a. Anno scolastico."— Transcript della presentazione:

1 Cioccolato… che bonta ! CLASSI TERZE di Bagnaria Arsa Raccolta di notizie, informazioni e piccole ricette. Uscita didattica Sweet S.p.a. Anno scolastico 2008-2009.

2 Nei tempi antichi Gli Aztechi furono i primi ad utilizzare il cioccolato chiamandolo cibo degli dei. Lo usavano ad esempio come bevanda: i semi, abbrustoliti e poi schiacciati, venivano mescolati con farina di mais, pepe, vaniglia, acqua. I semi secchi duravano a lungo e servivano come moneta. Gli spagnoli, per rendere più dolce la bevanda, ebbero una bellissima idea: sostituirono il pepe con lo zucchero. Una vera bontà! In poco tempo la ricetta si diffuse in tutto il mondo e i medici consigliavano il cioccolato agli ammalati come vero rinforzante, cibo super energetico!

3 PER FARE IL CIOCCOLATO CI VUOLE IL CACAO 1- LA RACCOLTA Il cacao viene da un albero che fiorisce tutto lanno e si chiama albero del cacao. Il frutto della pianta (CABOSSA) si raccoglie un paio di volte allanno, e ogni frutto contiene circa una trentina di semi avvolti in una polpa bianca. Lalbero del cacao cresce nei paesi caldi e umidi, vive da trenta a quaranta anni, ma può anche vivere fino a sessanta anni!. I procioni, le scimmie, i pappagalli e i topi sono ghiotti di cacao. CURIOSITA

4 2- LA FERMENTAZIONE La fermentazione di polpa e di semi avviene per cinque o sei giorni. Durante questo periodo la polpa diventa liquida e viene eliminata. Durante la fermentazione, il seme smette di germogliare e si avvia un processo di addolcimento del cacao. I semi si scuriscono e vengono poi esposti al sole. 3- LESSICAZIONE I semi vengono essiccati al sole per una o due settimane. Una volta seccati, si conservano bene e non ammuffiscono. CURIOSITA I semi di cacao rovinati vengono utilizzati per il burro di cacao.

5 IL VIAGGIO DEL CACAO Se i semi crocchiano quando vengono stretti nella mano, vuol dire che sono seccati bene. A questo punto, vengono messi nei sacchi e trasportati verso i paesi dEuropa e dellAmerica del Nord dove ci sono le fabbriche di cioccolato. DAL CACAO ALLA CIOCCOLATA 1- SPIETRATURA E STOCCAGGIO Dalle fave si tolgono le bucce e si fanno maturare in sacchi di juta. 2-TOSTATURA Le fave vengono tostate. Con la tostatura sviluppano tutto il loro aroma. 3- MACINAZIONE Le fave vengono triturate, macinate e polverizzate ottenendo così una pasta amara: la pasta di cacao.

6 4-SPREMITURA La pasta di cacao viene spremuta per estrarne il grasso: il burro di cacao. Per fare il cioccolato ci vuole pasta di cacao, burro di cacao e zucchero, mescolati per alcuni giorni.

7

8 IL CIOCCOLATO E ENERGIA - GLI ZUCCHERI SONO SEMPLICI E ASSIMILABILI - I GRASSI SONO PREVALENTEMENTE VEGETALI - IL CIOCCOLATO APPORTA CALCIO E SFOSFORO - IL CACAO CONTIENE QUANTITA NON TRASCURABILI DI FERRO E POTASSIO

9 BENEFICI Il cacao ha potere antiossidante Il cacao aumenta i livelli di colesterolo buono Porta allegria

10 LO SAPEVATE CHE… Il cioccolato, il tè e il caffè contengono un eccitante che toglie la stanchezza.

11 IL CIOCCOLATO NON CAUSA : Brufoli Acne Herpes Dipendenza

12 ATTENZIONE… TROPPO CIOCCOLATO PUO CAUSARE: Carie (contiene zucchero); Sovrappeso (alto contenuto energetico)

13 RICETTE DELLA NONNA TORTA AL CIOCCOLATO INGREDIENTI 400 gr.di farina,200 gr. di zucchero,150 gr. di burro, 150 gr. di cioccolato, 3 uova, 1 lievito, latte quanto basta, sale. Mescolare con amore lo zucchero con i tuorli duovo e aggiungere gradualmente il burro ammorbidito a temperatura ambiente. Sempre con passione aggiungere il cioccolato, il latte, la farina e un pizzico di sale. Montare le chiare duovo a neve versando con cura il lievito. BRAVI, ECCO LA NOSTRA TORTA!

14 PALLINE DI CIOCCOLATA INGREDIENTI 180 gr. di zucchero a velo,1 tuorlo, 160 gr.di margarina, 100 gr.di cioccolata fondente, 100 gr. di biscotti secchi sbriciolati, 100 gr.amaretti sbriciolati, 1 bustina di vaniglia, 2 cucchiai di acqua. Lavorare con tutta la forza che avete lo zucchero. Aggiungere il tuorlo e la vaniglia. Far sciogliere il cioccolato con l acqua a bagnomaria, raffreddartelo ed incorporatelo alla crema di burro. Aggiungere i biscotti e gli amaretti al composto. A questo punto formate delle palline e passatele delicatamente nella farina di cacao. PERFETTO!

15 FRITTELLE AL CIOCCOLATO INGREDIENTI 7 cucchiai di farina, 1 uovo, 6 cucchiai di zucchero, 3 cucchiai di cacao, aroma al limone, latte quanto basta. Mettere sempre con tanto amore gli ingredienti in una terrina e mescolare ben, bene. In una pentola antiaderente versare un po dolio e quando sarà ben caldo fare colare la crema fino a formare dei dischi. Adagiare delicatamente le prelibate frittelle e spolverarle con lo zucchero a velo o granella al cioccolato. CHE BONTA!

16 TORTA DI RICOTTA E CIOCCOLATA INGREDIENTI 3 uova, 300 gr.zucchero, 100 gr. burro fuso, 300 gr. ricotta, 1 bustina di vanillina, 250 gr.di farina, lievito, sale, 100 gr. cioccolato fondente. Sbattere uova e zucchero assieme, amalgamando tutto per bene. Aggiungere vanillina, sale e ricotta. Versare il burro fuso con la farina e il lievito. Infine aggiungo il cioccolato a scaglie. Infornare a 180 gradi per 80/85 minuti. ATTENTI AL FORNO: SCOTTA!

17 TORTA SACHER INGREDIENTI 160 grammi farina bianca, 100 grammi zucchero, 80 grammi cioccolato amaro, 6 uova 120 grammi burro, 3 cucchiai di marmellata. BUON LAVORO! Insegnante Benedetti Silvia


Scaricare ppt "Cioccolato… che bonta ! CLASSI TERZE di Bagnaria Arsa Raccolta di notizie, informazioni e piccole ricette. Uscita didattica Sweet S.p.a. Anno scolastico."

Presentazioni simili


Annunci Google