La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Avete notato? Tra poco l'anno liturgico sta per concludersi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Avete notato? Tra poco l'anno liturgico sta per concludersi."— Transcript della presentazione:

1

2

3

4 Avete notato? Tra poco l'anno liturgico sta per concludersi.

5 + Dal Vangelo secondo Luca 21, Mentre alcuni parlavano del tempio e delle belle pietre e dei doni votivi che lo adornavano, disse: 6 «Verranno giorni in cui, di tutto quello che ammirate, non resterà pietra su pietra che non venga distrutta». 7 Gli domandarono: «Maestro, quando accadrà questo e quale sarà il segno che ciò sta per compiersi?». 8 Rispose: «Guardate di non lasciarvi ingannare. Molti verranno sotto il mio nome dicendo: "Sono io" e: "Il tempo è prossimo"; non seguiteli. 9 Quando sentirete parlare di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate. Devono infatti accadere prima queste cose, ma non sarà subito la fine». 10 Poi disse loro: «Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno, 11 e vi saranno di luogo in luogo terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandi dal cielo.

6 12 Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e a governatori, a causa del mio nome. 13 Questo vi darà occasione di render testimonianza. 14 Mettetevi bene in mente di non preparare prima la vostra difesa; 15 io vi darò lingua e sapienza, a cui tutti i vostri avversari non potranno resistere, né controbattere. 16 Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e metteranno a morte alcuni di voi; 17 sarete odiati da tutti per causa del mio nome. 18 Ma nemmeno un capello del vostro capo perirà. 19 Con la vostra perseveranza salverete le vostre anime.

7 AVETE SENTITO? Perché Gesù fa questi discorsi disfattisti e catastrofici? Dov'è la buona notizia in questo discorso? Questo vangelo è popolato di simboli che esaltano l'attesa non tanto della fine quanto piuttosto di un nuovo inizio. Siamo così proiettati in avanti. Il passato va consegnato a Dio, il futuro è nelle mani di Dio, il presente è la vita.

8 Siamo a Gerusalemme dove Gesù sperimenterà ancora una volta il rifiuto, quello stesso che aveva segnato l'inizio del suo ministero a Nazareth. Eppure, nonostante l'incomprensione dei suoi, Gesù porterà a compimento il senso della sua vita, lo scopo della sua incarnazione. Continuerà sempre e comunque a tendere la mano senza mai arrendersi, anche di fronte all'angoscia e alla paura, alle percosse ed alla morte.

9 Gesù parla del tempio, luogo della presenza di Dio e dell'alleanza con il suo popolo Israele, costruito distrutto e ricostruito, demolito e ancora riedificato grandiosamente.

10 Probabilmente Gesù si trova negli atri del tempio, luogo dei doni votivi. Il tempio, al cui abbellimento e decorazione si lavorava ancora al tempo di Gesù, era considerato come una delle sette meraviglie del mondo antico. Rappresentava quanto di più sacro ci potesse essere, tanto per i giudei, che per i primi cristiani, nati tutti essi in Palestina. Ricostruito dal re Erode, era grandioso. I giudei ne erano orgogliosi, anche se mantenevano la loro antipatia verso quel re e i suoi successori.

11 Luca non dice chi sono gli uditori; il discorso è rivolto a tutti. La sua comunità conosceva bene la distruzione di Gerusalemme e del tempio, avvenuta nell´anno 70. I discepoli, che erano rimasti indifferenti di fronte a gesti piccoli, ma significativi, come quello della vedova, si lasciano affascinare dalle cose risplendenti e vogliono che Gesù metta la sua attenzione nello splendore del tempio.

12 Ed invece Gesù annuncia la rovina totale, ricordando le parole dei profeti. Sarà distrutta la meravigliosa architettura del tempio e, con essa, la credenza che Dio era il re di Israele, la liturgia sacrificale, i sommi sacerdoti, i gruppi direttivi e coloro che vivevano sulle spalle degli altri… La distruzione del santuario è, per Gesù, la conseguenza dell´ostinazione e dell´infedeltà del popolo.

13 Quando il tempio sarà distrutto, è segno che è finita l´Alleanza di Dio con il suo popolo. Così affermavano gli antichi profeti. E questo succede, secondo le parole di Gesù, perché il popolo non lo ha voluto ricevere, come colui che è stato mandato per realizzare la nuova alleanza tra Dio e gli uomini.

14 Ci saranno dei segni illusori, che alcuni della comunità prendevano come se fossero gli ultimi. Ma Luca dice di no, che la fine non arriverà immediatamente. Nessuno mai avrebbe immaginato che pochi decenni dopo il passaggio di Gesù, della casa di Dio sarebbero rimaste solo rovine.

15 Oggetto di meraviglia, diventerà luogo di desolazione e muro del pianto. Leggendo questo brano del Vangelo di Luca è facile pensare esclusivamente, o quasi, agli avvenimento della fine del mondo che chiuderanno la storia umana e la vittoria e il giudizio del Signore.

16 Sugli avvenimenti finali ai quali pure si allude, c'è poco da dire. Molto invece c'è da dire sugli avvenimenti che accadono prima, avvenimenti di sempre, già accaduti, che continuano ad accadere e che accadranno ancora: come affrontarli? È QUESTO È IL PUNTO DI VISTA CENTRALE DEL NOSTRO DISCORSO.

17 LE NOTIZIE: ci saranno guerre e rivoluzioni; popolo contro popolo e regno contro regno; terremoti e carestie; ci saranno persecuzioni. i falsi profeti pretenderanno parlare in nome del Signore e assicurare che la fine è vicina ; In quanto alle guerre e alle paure che spesso angosciano gli uomini, il vero discepolo non fa illusioni e non cade in facili ottimismi, tuttavia è fondamentalmente sereno e fiducioso. Perché per orientarsi al vero discepolo bastano le parole di Gesù.

18 GLI AVVENIMENTI: eresie, persecuzioni Gesù considera come situazioni tipiche ricorrenti, situazioni che il discepolo deve essere pronto ad affrontare. In quanto alle persecuzioni non si preoccupa della propria difesa, perché sa che a difenderlo sarà lo Spirito di Dio. E così trasforma la persecuzione in una occasione di testimonianza, in un luogo cioè dove può manifestarsi la forza di Gesù.

19 Ed ecco in proposito gli AVVERTIMENTI: non lasciatevi ingannare, non seguiteli, non vi terrorizzate, mettetevi bene in mente di non preparare prima la vostra difesa. Questi avvertimenti invitano il vero discepolo a rimanere ancorato alla parole del suo Maestro.

20 La persecuzione, le divisioni, l'odio del mondo non sono i segnali di una immediata fine del mondo, bensì occasioni di testimonianza e di perseveranza. Si attende il Signore perseverando e testimoniando, non fantasticando sulla vicinanza della fine del mondo.

21 Ma il nostro futuro non è forse nelle mani di Dio, nel senso che ogni cosa che vive di lui avrà una eredità, una discendenza, la promessa della vita che non finisce? Queste catastrofi naturali, se hanno un senso teologico, è proprio quello di essere un richiamo forte alla nostra precarietà di uomini.

22 Dinanzi alle notizie di guerre e persecuzioni, alle violenze ed ai soprusi, solo una promessa: nessun capello del vostro capo perirà!

23 DIO CI AMA e NOI?

24 Gesù si è compromesso fino in fondo: ci chiede tutto perché ha dato tutto. Ha accolto ciascuno di noi quello per quelli che siamo… con pregi e difetti… Dio ci chiede di ricordarci del Suo amore, di non dimenticarci di quanto valiamo per Lui. Siamo chiamati a qualcosa di grande!


Scaricare ppt "Avete notato? Tra poco l'anno liturgico sta per concludersi."

Presentazioni simili


Annunci Google