La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA PROTEZIONE CIVILE Dal 1° Protocollo Aggiuntivo del 1977 della Convenzione di Ginevra del 1949 Art. 66... segno internazionale della Protezione Civile.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA PROTEZIONE CIVILE Dal 1° Protocollo Aggiuntivo del 1977 della Convenzione di Ginevra del 1949 Art. 66... segno internazionale della Protezione Civile."— Transcript della presentazione:

1

2 LA PROTEZIONE CIVILE

3 Dal 1° Protocollo Aggiuntivo del 1977 della Convenzione di Ginevra del 1949 Art segno internazionale della Protezione Civile ( un triangolo blu su fondo arancio )... Distintivo/logo P.C. Nazionale Distintivo/logo P.C. Provincia Autonoma di Trento Autonoma di Trento

4 1) Che cosè la Protezione Civile 2) Che cosa fa la Protezione Civile 3) Chi fa parte della Protezione Civile

5 Chi partecipa alla protezione civile deve essere disponibile a fare qualsiasi attività, anche in situazioni disagiate senza curarsi della propria cultura o della propria responsabilità o posizione nella vita civile. Spirito di adattamento e massima disponibilità

6 E UN INSIEME DI FORZE : uomini uomini attrezzature attrezzature mezzi mezzi LA PROTEZIONE CIVILE E…

7 FORZE COLLABORANO COLLABORANO in MAXIEMERGENZA LA PROTEZIONE CIVILE E…

8 Attività di previsione prevenzione delle varie ipotesi di rischio LA PROTEZIONE CIVILE E…

9 attività di SOCCORSO attività di SOCCORSO delle popolazioni coinvolte ogni attività ogni attività diretta a SUPERARE UNEMERGENZA SUPERARE UNEMERGENZA

10 LA PROTEZIONE CIVILE E… La PC viene ALLERTATA in situazioni di ECCEZIONALE EMERGENZA (elevato numero di coinvolti) Calamità - Catastrofi

11 … definizione di CATASTROFE Situazione di crisi causata da un fenomeno distruttivo che colpisce il territorio e le persone, ponendo in grave rischio le loro attività, le strutture e le loro stesse vite!

12 NATURALI CONFLITTUALI SOCIOLOGICHE TECNOLOGICHE

13 La PC è … COLLABORAZIONE … si tratta di SITUAZIONI CATASTROFICHE tali, da richiedere il CONCORSO DI PIU FORZE

14 CONCETTI FONDAMENTALI INSIEME DI FORZE INTERVENTO SOCCORSO SUPERAMENTO DELLEMERGENZA

15 Compiti della C.R.I.

16 PRIMO SOCCORSO SGOMBERO FERITI TRASPORTO INFERMI

17 GESTIONE OSPEDALI DA CAMPO E TRENI OSPEDALE ALLESTIMENTO E GESTIONE DI POSTI DI PRIMO SOCCORSO

18 ALLESTIMENTO TENDOPOLI E ROULOTTOPOLI CONCORSO ALLEVACUAZIONE DELLA POPOLAZIONE SINISTRATA

19 RACCOLTA E DISTRIBUZIONE DEI SOCCORSI ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA

20 INVIO DI MATERIALE E MEZZI DI ASSISTENZA IMMEDIATA

21 Mezzi della Croce Rossa Italiana

22 CENSIMENTO DELLE VITTIME RICERCA E RICONGIUNGIMENTO DEI DISPERSI ASSISTENZA PSICOLOGICA ALLE VITTIME E AI SOCCORRITORI

23 Compiti della C.R.I. Nel momento dellintervento e nellambito dellorganizzazione di protezione civile Compiti della C.R.I. Nel momento dellintervento e nellambito dellorganizzazione di protezione civile Soccorso sanitario di massa Interventi socio-assistenziali Logistica

24 DUE PARTI PARTE SANITARIA PARTE SANITARIA PARTE NON SANITARIA PARTE NON SANITARIA 1 Step 1 Step - Soccorso Sanitario - Ambulanza - Logistica - Assistenza - Distribuzione raccolta beni di prima necessità

25 Foligno – Campo CRI

26 Aprile – Luglio 1999

27 Specializzazioni …

28 Croce Rossa Italiana

29 Intervento terremoto in Turchia

30 La P.C. in Provincia di Trento Legge provinciale 10 gennaio 1992 nr 2: Legge provinciale 10 gennaio 1992 nr 2: Organizzazione degli interventi della Provincia in materia di P.C. art. 4 bis lettera bOrganizzazione degli interventi della Provincia in materia di P.C. art. 4 bis lettera bdefinisce le partenze della colonna mobile (tempi, mezzi, personale)

31 Professionisti Volontari Volontari Serv. Antincendi e Protezione Civile Serv. Prevenzione Calamità Pubbliche Serv. Geologico Serv. Geologico Corpi Comunali VVF Volontari Croce Rossa Italiana Scuola Prov.le cani da ricerca Corpo Naz.le Soccorso Alpino Nu.Vol.A Psicologi delle emergenze PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Lavori Pubblici e Protezione Civile

32 CROCE ROSSA ITALIANA 22 POSTAZIONI SUL TERRITORIO PROVINCIALE SUL TERRITORIO PROVINCIALE Attività di Protezione civile Attività sanitaria Collaborazione in ogni settore operativo Collaborazione allestimento e gestione campi profughi - sfollati Volontari Esercitazione presso Base Nato PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Lavori Pubblici e Protezione Civile

33 INTERVENTI DI COLONNA MOBILE TIPO A TIPO B SOCCORSO IMMEDIATO FUNZIONI E TEMPI PIU AMPI - Partenza entro 3 h. - Partenza entro 12 h Alluvione in Valle dAosta PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Lavori Pubblici e Protezione Civile

34 Nel caso di intervento di PREVALENTE SOCCORSO IMMEDIATO parte entro 3 h. un contingente di circa 50 uomini composto da : - Vigili del fuoco volontari; - Vigili del fuoco permanenti; - Addetti sanitari (C.R.I.); - Unità cinofile, qualora necessario. - Altro personale specializzato, qualora necessario Tipo A Colonna Mobile Kukes PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Lavori Pubblici e Protezione Civile

35 Nel caso di intervento con FUNZIONI E TEMPI PIU AMPI, parte entro 12 h. un contingente di circa 100 uomini che comprende: - Vigili del fuoco permanenti; - Servizio Prevenzione Calamità Pubbliche: - Azienda provinciale per i Servizi Sanitari; - Vigili del fuoco volontari - Nu.Vol.A.; - Croce Rossa Italiana; - Altri Servizi tecnici provinciali eventualmente necessari; - Altre Associazioni di volontariato eventualmente necessarie. Tipo B Colonna Mobile Kukes PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Lavori Pubblici e Protezione Civile

36 Come viene allertato un Volontario della Croce Rossa ?

37 ATTENZIONE PRE-ALLARME ALLARME SEGNALAZIONE UFFICIALE DI EMERGENZA: Al Delegato PC o allispettore di gruppo Allertamento del gruppo attraverso telefono RICHIESTA DISPONIBILITA ALLA PARTENZA RICHIESTA DI PARTENZA IMMEDIATA SISTEMA DI ALLERTAMENTO

38 D.P.R settembre Regolamento – recante norme concernenti la partecipazione delle Associazioni di Volontariato nelle attività di Protezione Civile Art. 10 – Disciplina relativa allimpiego delle associazioni di volontariato nelle attività di soccorso, simulazione, emergenza e formazione teorico-pratica a.1.Ai volontari aderenti ad associazioni di volontariato inserite nell'elenco di cui all'articolo 1, comma 2, impiegati in attività di soccorso ed assistenza in occasione di pubbliche calamità, autorizzate dal Dipartimento della protezione civile, o dalla competente prefettura vengono garantiti, entro i limiti delle disponibilità di bilancio esistenti, relativamente al periodo di effettivo impiego che il datore di lavoro tenuto a consentire, per un periodo non superiore a 30 giorni continuativi e fino a 90 giorni nell'anno: b.a) il mantenimento del posto di lavoro pubblico o privato; c.b) il mantenimento del trattamento economico e previdenziale da parte del datore di lavoro pubblico o privato; d.c)la copertura assicurativa secondo le modalità previste dall'articolo 4 della legge 11 agosto 1991, n. 266, e successivi decreti ministeriali di attuazione. e.2. Per le attività di simulazione di emergenza e di formazione teorico-pratica, autorizzate preventivamente dal Dipartimento della protezione civile, sulla base della segnalazione della competente prefettura, i benefici di cui al comma 1 si applicano per un periodo non superiore a 10 giorni continuativi e fino ad un massimo di 30 giorni nell'anno. f.3. Ai datori di lavoro pubblici o privati dei volontari di cui al precedente comma, che ne facciano richiesta, viene rimborsato l'equivalente degli emolumenti versati al lavoratore

39 D.P.R. 194 – 08 febbraio Regolamento recante nuova disciplina della partecipazione delle organizzazioni di Volontariato nelle attività di Protezione Civile Art. 9 – Disciplina relativa allimpiego delle associazioni di volontariato nelle attività di soccorso, simulazione, emergenza e formazione teorico-pratica Modificati i giorni massimi di impiego a 180 nellarco dell anno e 60 gg. continuativi Applicazioni dei benefici economici anche ai lavoratori autonomi, viene corrisposto un rimborso per mancato guadagno calcolato sul reddito dichiarato nell anno precedente (limite max. £ lorde giornaliere)

40


Scaricare ppt "LA PROTEZIONE CIVILE Dal 1° Protocollo Aggiuntivo del 1977 della Convenzione di Ginevra del 1949 Art. 66... segno internazionale della Protezione Civile."

Presentazioni simili


Annunci Google