La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AUDIZIONE FIPER-FINCO X COMMISSIONE ATTIVITA PRODUTTIVE,COMMERCIO E TURISMO DELLA CAMERA DEI DEPUTATI Roma 22 ottobre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AUDIZIONE FIPER-FINCO X COMMISSIONE ATTIVITA PRODUTTIVE,COMMERCIO E TURISMO DELLA CAMERA DEI DEPUTATI Roma 22 ottobre 2013."— Transcript della presentazione:

1 AUDIZIONE FIPER-FINCO X COMMISSIONE ATTIVITA PRODUTTIVE,COMMERCIO E TURISMO DELLA CAMERA DEI DEPUTATI Roma 22 ottobre 2013

2 86 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti a biogas agricolo e gassificazione 425 MW potenza termica presso le centrali 1150 MW installati presso le utenze finali 25 MW elettrici in co-generazione 19,97 MW elettrici da biogas agricolo 910 km rete di trasmissione calore t biomassa legnosa impiegata 65 milioni di Euro fatturati di energia termica 480 Dipendenti aziende e indotto Utenze allacciate al teleriscaldamento t di CO2 risparmiata nella produzione di energia termica ed elettrica in cogenerazione con impianti di teleriscaldamento t di CO2 risparmiata nella produzione di energia elettrica con impianti di biogas FIPER in numeri

3 Obiettivi indicativi del PAN al 2020 nei tre macro-settori applicativi delle fonti rinnovabili, Mtep finali Mtep 2020 % su totale FER 2020 Elettrico8,536,1% Termico10,544,4% Trasporti (*)3,414,6% Trasferimenti Stati1,14,8% Totale23,5100,0% (*) Include elettricità per i trasporti da fonti rinnovabili e anche i premi previsti Limpiego delle biomasse legnose pellet, cippato, legna da ardere costituisce circa il 60% dellobiettivo delle FER termiche Il settore delle biomasse legnose

4 Perché puntare sulle FER termiche e teleriscaldamento?

5 Secondo il parere dellAUTORITÀ PER LENERGIA ELETTRICA (allegato A Delibera 182/2012/I/FER), i costi di sistema per la produzione di 1 TEP/annuo corrispondono a: - Energia elettrica da FER Energia elettrica da fotovoltaico Energia Termica da FER Interventi di efficienza energetica kWh risparmiato o prodotto da FER termica è più conveniente per il PAESE rispetto a 1 kWh elettrico FER Risparmio per il Sistema Paese per il raggiungimento del 17% di energia da FER

6 Proposte FIPER – SEN: 1° Puntare sulla promozione di energia termica da FER La Strategia Energetica Nazionale- SEN ha definito lobiettivo entro il 2020 di produzione di energia da FER sugli usi finali, attribuendo: 20% energia termica 35-38% energia elettrica FIPER proporrà al Nuovo Governo di rivedere i target come segue: dal 20% al 25% produzione di energia termica dal 35-38% al 33-35%, produzione di energia elettrica

7 Potenziale del teleriscaldamento in Italia Teleriscaldamento: Sistema energetico integrato che consente di utilizzare tutte le fonti di energia localmente disponibili sul territorio Presenza di 216 reti sul territorio nazionale, di cui 86 alimentate a biomasse legnose vergini. Rappresenta il 4% del mercato del riscaldamento civile ( 1,4 Mtep di cui 0,2 a biomasse). Obiettivo FIPER: 20% penetrazione di mercato ( 5 Mtep) di cui 2,9 da fonti rinnovabili

8 Teleriscaldamento Alimentato a biomasse legnose

9 3 mercati di riferimento per approvvigionamento biomassa legnosa da impiegare a fini energetici, che riguardano biomasse residuali. LItalia potrebbe essere autosufficiente per la produzione di legna da ardere, per il legname strutturale,per il cippato e il pellet. Attualmente invece la bilancia commerciale premia limportazione di questi materiali. -Sottoprodotti di origine agro-forestale 1. Manutenzione boschi 2. Manutenzione Territorio (alvei, argini fluviali..) 3. Potature agricole 4. Potature verde urbano (in stand by) 5. Vinacce -Sottoprodotti industriali 1. Avanzi segheria - Coltivazioni Dedicate 1. Medium rotation forestry (pioppeti a 5 anni) Mercato nazionale per approvvigionamento biomassa legnosa

10 Fonte: ISTAT - Tavola F01A UTILIZZAZIONI LEGNOSE, Anno IFNI 2005 Potenziale di approvvigionamento forestale nazionale per fini produttivi Passaggio dal non fare allincentivo vincolato del fare bene. A tal fine rendere operativo il tavolo di filiera legno- bioenergie, basato sulla valorizzazione del patrimonio boschivo nazionale, è una priorità per creare sul territorio sinergia e complementarietà delle filiere di impiego del legno e dei suoi cascami. Il potenziale forestale nazionale è in netta crescita Unazione programmata e concertata tra il Ministero dellAgricoltura, dello Sviluppo Economico e dellAmbiente permetterebbe di favorire e organizzare tra i diversi utilizzatori un piano di tagli funzionale alle esigenze delle diverse filiere. « Favorire la coltivazione del bosco» significa a livello normativo investire in una politica forestale che promuova investimenti e la concertazione tra i diversi utilizzatori finali.

11 La diversificazione nellapprovvigionamento da parte delle centrali di teleriscaldamento a biomassa, ha permesso di mettere a punto forme contrattualistiche di medio lungo periodo per la coltivazione delle Medium Rotation Forestry (MRF). Potenziale di approvvigionamento da coltivazioni dedicate per fini produttivi

12 Zona climatica E : gradi-giorno > 2100 e < 3000 Zona climatica F: gradi-giorno > 3000 Studio FIPER 2011: potenziale di penetrazione tele a biomassa in comuni non metanizzati Studio FIPER 2011: potenziale di penetrazione tele a biomassa in comuni non metanizzati A partire dalla biomassa disponibile sul territorio, in 801 Comuni italiani è possibile avviare centrali di teleriscaldamento, rendendo le comunità locali autonome nella produzione di energia termica ed elettrica e creando un indotto sul territorio dato dalla filiera biomassa-energia per i prossimi anni.

13 Se in Italia si dovessero realizzare n°400 impianti di teleriscaldamento a biomassa (co - generativi) si potrebbe ottenere: MW termici di potenza installata MW elettrici di potenza installata 2,5 - 4 Miliardi di investimenti realizzati sul territorio - Avvio filiera corta di approvvigionamento biomassa legnosa e indotto Milioni di Ton. anno di impiego biomassa locale per un valore di 5-10 Miliardi di Euro di biomassa garantito nel corso dei prossimi 30 anni -Posti di lavoro «sicuri» per anni perché correlati al funzionamento dellimpianto -Autonomia energetica di 400 comuni rurali e montani 2. Sviluppare reti di teleriscaldamento a biomassa legnosa

14 Priorità FIPER vs MISE: teleriscaldamento + rimodulazione incentivi termico /elettrico Per favorire la realizzazione reti menzionate, risulta prioritario: 1.Emanare il Decreto attuativo sulle modalità di gestione del fondo di garanzia per la realizzazione di reti di teleriscaldamento e raffrescamento (Art. 22 d.lgl. N.28/2011); al momento è accantonato presso la Cassa Depositi e Prestiti un gettito di circa 80 milioni di Euro derivante dal corrispettivo applicato al consumo di gas metano pari a 0,05 cent Euro/Sm3. 2.Chiarire la definizione di servizio di teleriscaldamento 3. Recepire la Direttiva sullefficienza che promuove tra le azioni prioritarie per la riduzione dei consumi sugli usi finali, la realizzazione di reti di teleriscaldamento abbinate a fonti rinnovabili o al recupero di calore. (art. 13) 4. Provvedere alla segnalazione dellAutorità Antitrust per rimodulare gli incentivi riconosciuti sulla produzione esclusiva di energia elettrica e non termica da biomasse legnose, perché distorsivi del mercato di approvvigionamento

15 Urge il decreto attuativo del Ministero dellAmbiente per limpiego dei sottoprodotti a fini energetici definiti nella Tabella 1° del DM 6 luglio Favorire la gestione del territorio attraverso la filiera energetica Potature del verde pubblico – urbano attualmente annoverato tra i rifiuti non pericolosi. Quantitativo stimato : 3-4 milioni di Ton/annue con un costo di smaltimento di circa milioni di Euro a fronte di un possibile ricavo in caso di utilizzo energetico di milioni/annui Pulizia alvei/argini fluviali attualmente annoverati tra i rifiuti non pericolosi, rappresentano un costo per la collettività e se non gestiti accuratamente sono a rischio idrogeologico Avanzi di lavorazione del legno attualmente annoverati tra i rifiuti non pericolosi rappresentano un ulteriore bacino di approvvigionamento nazionale di sottoprodotti di origine legnosa Quantitativo: assenza di dati aggregati

16 Conclusioni Alle NUOVE TRIVELLAZIONI proposte dalla SEN proponiamo al Governo di RICOMINCIARE A GESTIRE CORRETTAMENTE I BOSCHI I boschi non servono per alimentare le centrali di teleriscaldamento … Le centrali servono per una opportuna, corretta ed economica gestione dei BOSCHI


Scaricare ppt "AUDIZIONE FIPER-FINCO X COMMISSIONE ATTIVITA PRODUTTIVE,COMMERCIO E TURISMO DELLA CAMERA DEI DEPUTATI Roma 22 ottobre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google